La Cina invia in Iran voli cargo di medicinali e attrezzature sanitarie

Due aerei di aiuti cinesi sono arrivati in Iran per aiutare il paese a superare l’epidemia di coronavirus
BEIRUT, LIBANO (14:25) – L’ambasciatore iraniano in Cina Mohammad Kashwarzadeh ha annunciato sabato che i primi due aerei di soccorso cinesi sono arrivati stasera a Teheran.

I due aerei cinesi contenevano forniture mediche come maschere e guanti, insieme a medicinali e altri materiali sanitari per aiutare l’Iran a superare l’epidemia di coronavirus che ha ucciso oltre 3.000 persone nella Repubblica islamica.
Finora il governo cinese ha fastto partire 28 voli cargo da Pechino, Shanghai e Guangzhou diretti verso l’Iran, ha affermato l’ambasciatore iraniano.

Il ministero della sanità iraniano ha annunciato oggi che ci sono 2.560 nuove infezioni e 158 morti a causa dell’epidemia di coronavirus nel paese. L’Iran ha registrato un totale di 55.743 casi di coronavirus e 3.452 decessi per malattia.

Aiuti cinesi all’Iran per il coronavirus

Gli USA hanno rifiutato di adottare una sospensione delle sanzioni verso l’Iran, il Venezuela ed altri paesi, in occasione della pandemia del coronavirus, come era stato richiesto in sede ONU dal segretario generale Antonio Guterres.

Sembra chiaro che gli Stati Uniti, con la complicità dei paesi europei, stanno cercando di piegare la resistenza dell’Iran mediante la diffusione della pandemia fra la popolazione iraniana con un sempre maggiore numero di vittime e di infettati. Questo metodo, che è già stato qualificato come cinico e inumano da vari osservatori internazionali, dimostra quale sia il livello di inciviltà e di indifferenza ai valori etici dell’Amministrazione di Washington.

https://www.almasdarnews.com/article/two-chinese-aid-planes-arrive-in-iran-to-help-country-overcome-coronavirus-outbreak/

Fonte: AL Masdar News

Traduzione e nota: Luciano Lago

15 Commenti

  • Teoclimeno
    6 Aprile 2020

    Nihil novi sub Sole: gli ameri-cani non si fecero scrupoli a distribuire agli indiani coperte infettate col vaiolo. Come non si fecero scrupoli ad irrorare i cieli del Vietnam con tonnellate di Agente Arancio. Causa di morti e deformazioni fra la popolazione. Persistenti anche ai giorni nostri. Ma senza andare in Indocina, tutti possiamo vedere i cieli del Bel Paese trattati con l’aerosol terapia militare. Meglio note come scie chimiche. Non mi stupirei, se anche dietro questa epidemia del Corona Virus, ci fosse lo zampone del porco americ-ano.

  • Teoclimeno
    6 Aprile 2020

    Scusate il lapsus calami: stavo dimenticando le due bombe nucleari sganciate il 6 Agosto del 1945, sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, a guerra ormai finita e con un Giappone già di fatto arresosi.

    • Arditi, a difesa del confine
      6 Aprile 2020

      le bombe furono sganciate
      1 – per dimostrare a stalin di aver raggiunto l’obiettivo
      2- per chiudere la partita in Giappone visto che appunto i sovietici stavano avanzando da nord e non volevano che il paese cadesse sotto il giogo comunista

      il Giappone aveva fatto gia’ diverse volte richiesta di arrendersi, sempre rifiutate dagli americani, con aviazione e marina distrutta e la popolazione che viveva in carestia, giustificare le bombe come aver velocizzato il termine del conflitto e’ una balla che gareggia con le stronzate dette da Powell riguardo alle armi di Saddam

      ps : Hiroshima 6 Agosto, Nagasaki 8 Agosto, se non si fossero arresi la successiva sarebbe caduta su Tokyo

  • Alvise
    6 Aprile 2020

    La Cina e la Russia aiutano materialmente il loro popolo e persino i popoli amici. L’Italia invece che fa? Invece di distribuire gratuitamente presidi medici e potenziare le strutture ospedaliere per dare un aiuto concreto ai suoi cittadini, se ne esce con una serie di decreti del dittatorello narciso che incarcera 60 milioni di persone, dispiega l’esercito (laido, complice e senza palle) CC e PS (cacasotto col negro spacciatore ma leoni col pensionato che si reca a fare la spesa) e come se non bastasse, un beccamorto lombardo, che dovrebbe stare all’opposizione, da manforte al narciso con
    le sue ordinanze completamente idiote e se la faccenda andrà avanti così, obbligherà i fieri padani a calzarsi in capo un cappello con le orecchie d’asino e andare in giro col ciuccio in bocca. Segnamoceli, perché la dovranno pagare cara e senza sconti.

  • Alvise
    6 Aprile 2020

    A conferma del mio commento precedente, secondo una mia ricerca: a) Per neutralizzare uno spacciatore gambiano incazzato servono 8 CC oppure 12 PS. (con fratture multiple e ferite lacero-contuse tra le FDO) b) per fermare e rendere momentaneamente inoffensivo uno stupratore seriale nigeriano servono 2 plotoni dei GIS o similari italioti, con 2/3 morti e almeno 8 feriti gravi tra le fila dei corpi speciali italopiteche. Per arrestare, invece, una casalinga o un pensionato 80enne che se ne sta su una panchina al parco sono sufficienti una pattuglia di PS due solerti vigili urbani maschi e tre pisciasotto femmine dello stesso corpo di intervento rapido.

  • Sandro
    6 Aprile 2020

    TROPPA POLITICA, DISTRAIAMOCI UN POCHINO CON…………..
    UN VIRUS FORTUNATO?
    (analogie)

    covid-19, prodotto naturale. No, prodotto artificiale. Quale la verità? Boh.!?

    Pero…………..vi sono analogie inquietanti in merito alla reazioni da parte di non poche autorità circa il nuovo – fortunato – virus, riguardanti la sua non difficile diffusione.
    1) Iniziamo con la Cina. Risulta che il medico che per primo, sembra nel novembre 2019, ha allarmato le autorità in medicina del pericolo incombente, sia stato aspramente redarguito dando così, al virus, il tempo necessario per esercitare la sua forza devastante.
    2) Stesso atteggiamento di sottovalutazione è stato esercitato in Italia con le conseguenze note a tutti.
    3) In Inghilterra, poi, (gli inglesi si distinguo in tutto) gli è stato dato il benvenuto. Infatti è stato considerato un alleato dal primo ministro. Un alleato che avrebbe spazzato via con “l’immunità di gregge” i cagionevoli, lasciando spazio ai più resistenti che avrebbero avuto il diritto di continuare a far parte del grande popolo inglese. Quando, poi, costui si è visto egli stesso non facente parte dei “migliori”, allora ha deciso di prendere quei provvedimenti ormai non più utili per salvare migliaia di persone da morte certa. E, anche in questo caso, il “corona” ha avuto vita facile.
    4) La Svezia l’ha seguita a ruota. (hanno sempre dimostrato di essere all’avanguardia)
    5) Giunto in America – il “corona”- ha avuto l’ulteriore fortuna di poter agire senza ostacoli; quella di sentirsi snobbato. Infatti non solo Trump non l’ha degnato di uno “sguardo”, ma, addirittura, quando l’ormai raggiunta forza virulenta dell’ospite si palesò, lo invitò ad accomodasi presso i suoi connazionali rifiutandosi di imbracciare l’unica arma immediatamente disponibile per impedirne l’esercizio; la mascherina.
    6) In Spagna, il “corona” ,ancora una volta, è stato baciato dalla fortuna al conseguimento del suo “dovere”. Sembra che lì, in Spagna, si erano proprio dimenticato che esistesse. La prova sta nel fatto che le femministe (quelle che capiscono sempre tutto) provvederono con una ampia adunanza itinerante (dunque maggiormente divulgativa per il contagio), che non parve vero al virus, per affermare la loro……..non continuo per pietas.
    7) Ancora una fortuna facciata l’ha incontrata in Italia dove ha potuto spadroneggiare tra le “case di riposo” dove albergano agglomerati di vecchietti “accuditi” da sprovveduti – per essere gentili -.

    Di norma, in natura, i virus sono vili. Preferiscono “attaccare” i più deboli, bimbi e vecchi. Questo, invece, ama i bimbi, infatti li risparmia. Risparmiare, però, non vuol dire solo salvare, ma anche metter da parte per servirsene all’occorrenza. Ora, come si fa a non supporre che i bimbi siano stati risparmiati dal “corona”,come farebbe una entità intelligente, non per amore ma per servirsene “attaccando” con più facilità i più deboli, e cioè i vecchi, che, di norma, spesso, li accudiscono in maggior tempo dei genitori occupati per ragioni lavorative?

    Beh, per essere naturale, questo nuovo virus, ha un grado di discernimento che farebbe paura a molti uomini in nero, che del discernimento hanno fatto un punto cardine della propria esistenza.

    • Niko
      6 Aprile 2020

      Per vagare un po nella fantasia…Quando ho studiato immunologia al liceo…parliamo di “studiare” 35 anni addietro, ed era prevista per l’esame una discussione finale di un argoeto universitario…IO scelsi il sistema immunitario e mi avvalevo di testi universatari. Libbroni di 5 kili..
      Appena arrivai ai virus ricordo che erano descritti come “.bi..bip..bipp” …che pensandoci oggi, la definizione migliore che si potrebbe dare e’ quella di ”
      “intelligenza artificiale.”.

      • Sandro
        6 Aprile 2020

        Spiegati meglio. Di certo, per quanto ne so, vi è nei virus comuni una “intelligenza” innata per sopravvivere. La strategia, infatti, di non dare sintomi prima di alcuni giorni a chi li ospita, proprio quando sono particolarmente virulenti, serve loro per meglio propagarsi. Chiunque eviterebbe un malato sintomatico di malattia impedendo ai “colonizzatori” di aggiungere “terra” da colonizzare. Ma tu hai aggiunto “artificiale” (?) Al di la di questo aspetto, il “corona” è anche vergognosamente fortunato. E non mi pare che esista una fortuna artificiale, sempreché la “fortuna” non sia truccata. Per quanto riguarda le problematiche “esplose” nelle case di riposo per anziani, anticipando una scenetta, propongo una domanda: “Un allegro gruppo di famigliole, composto anche da adolescenti e bimbi, decide di passare una bella giornata andando in gita. Raggiungono un luogo incantevole ma, per apprezzarne interamente il panorama sottostante, devono necessariamente avvicinarsi ad un dirupo privo di protezione a valle.
        Qui la domanda: chi, in tal caso, del gruppo, va controllato assiduamente a vista, o meglio, tenendolo per mano strettamente ?

    • Mardunolbo
      7 Aprile 2020

      E’ una sintesi egregia e in un certo senso con risvolti umoristici . Mi complimento !

  • eusebio
    6 Aprile 2020

    Anche in Venezuela la Cina ha inviato materiale sanitario per combattere la pandemia, e altro ne dovrebbe arrivare.
    La Cina non abbandona Iran e Venezuela, sue primarie fonti di approvvigionamento petrolifero, la Cina ha investito miliardi di dollari in Venezuela per estrarre il petrolio pesante locale, come pure in Iran sia nel settore petrolifero che infrastrutturale e industriale.
    Se gli anglo-sionisti sperano di fare cambi di regime in questi paesi se lo possono scordare, ormai la Cina oltre che superpotenza industriale lo è anche militare e non si farà pestare i piedi da yankee e sionisti, i quali devono pensare ai circa 200000 contagiati negli USA e 10000 nella Palestina occupata, non per molto.

  • MDA
    6 Aprile 2020

    60500 iraniani infetttati + 3739 morti + 24236 ospedalizzati
    QUESTO il contributo della cina alleata del DEEP STATE all’IRAN LIBERO.
    dati fonte GISANDDATA MAPS ARGIS COVID19

    • MDA,
      6 Aprile 2020

      7° PAESE AL MONDO X INFETTI
      5° X MORTI
      4° X OSPEDALIZZATI.
      SOLIDARIETÀ ALL’IRAN MARTIRIZZATO DALLA CINA ALLEATA DEL DEEP STATE USA-

  • MDA
    6 Aprile 2020

    paesi + colpiti: usa di trump italia spagna germania iran francia uk.
    salvi cina e israel chissà come mai.

    • atlas
      6 Aprile 2020

      tu però continui a scrivere. Vuol dire che tanto bene non stai

      • MDA
        7 Aprile 2020

        senti chi parla…. anzi chi raglia.

Inserisci un Commento

*

code