La Cina intensifica la diplomazia

di MK Bhadrakumar

Nonostante tutto il rumore di Washington, sempre più paesi stanno integrando le loro catene di approvvigionamento con la Cina. Il ministro degli Esteri britannico fa aperture alla Cina , mentre Zelensky ha avuto una telefonata “lunga e significativa” con Xi Jinping mercoledì.

La posizione di Washington, sanzioni e tutto il resto, viene minata.
È troppo presto per prevedere cosa verrà fuori dal discorso di martedì a Mansion House del ministro degli Esteri britannico James Cleverly che delinea la posizione del governo sulla Cina.
Il Global Times ha dato un’accoglienza cauta .

Chiaramente, la Gran Bretagna sente l’urgenza di combattere per uscire dall’abisso in cui si è trovata dopo il fallimento del tentativo dei Five Eyes di innescare le proteste di Hong Kong.

La Gran Bretagna non può essere troppo indietro quando i paesi europei con legami economici profondi e reciprocamente vantaggiosi con la seconda economia più grande del mondo si dimostrano riluttanti a diventare un’avanguardia dell’aggressione contro la Cina.1

Detto questo, il tempismo è interessante. Il discorso di Cleverly è arrivato alla vigilia della conversazione telefonica del presidente cinese Xi Jinping con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky (su richiesta di quest’ultimo).
La Gran Bretagna si sta posizionando.
I contenuti delle conversazioni della leadership di alto livello non vengono mai divulgati pubblicamente, ma la lettura cinese della conversazione Xi-Zelensky di martedì ha un tono positivo.

Xi ha salutato le relazioni sino-ucraine come ” una partnership strategica che guida lo sviluppo e la rivitalizzazione di entrambi i paesi ” e ha continuato a fare un lusinghiero riferimento al ruolo personale di Zelensky.

Xi ha anche ribadito la posizione coerente della Cina secondo cui ” il rispetto reciproco per la sovranità e l’integrità territoriale è il fondamento politico delle relazioni Cina-Ucraina “.
Xi ha espresso la disponibilità a portare avanti il ​​partenariato strategico dei due paesi con una prospettiva a lungo termine.

Sulla questione dell’Ucraina, Xi ha sottolineato tre punti chiave:

La “posizione centrale della Cina è quella di facilitare i colloqui di pace”, come affermato nel suo documento del 24 febbraio;
Pechino intende essere proattiva; E, il dialogo e la negoziazione sono l’unica via da seguire.
Il significato sta nell’acuto riferimento di Xi al ” pensiero razionale e alle voci che si alzano ” ultimamente e che Kiev dovrebbe ” cogliere l’attimo e creare condizioni favorevoli per una soluzione politica ” .
Xi potrebbe aver lasciato intendere a Zelensky che può ancora vincere se solo l’idea rischiosa e sciocca di una “controffensiva”, i cui semi rilevanti sono stati seminati nella sua mente da Washington e Londra, viene messa a tacere.
Forse intuendo la ricettività di Zelenskyj, Xi ha proposto che la Cina ” faccia i suoi sforzi per un cessate il fuoco anticipato e il ripristino della pace “.
Nello specifico, “ la Cina invierà il rappresentante speciale del governo cinese per gli affari eurasiatici in Ucraina e in altri paesi per avere una comunicazione approfondita con tutte le parti sulla soluzione politica della crisi ucraina . »

Ma non è stato menzionato alcun orario.
Tuttavia, Xi ha adottato misure proattive.
Quale potrebbe essere il calcolo?

A livello ovvio, Xi ha appena avuto una serie di interazioni con i leader europei che hanno visitato Pechino, che lo hanno convinto che ” la crisi ucraina si sta evolvendo in modi complessi con impatti importanti sul panorama internazionale “, come ha detto a Zelensky.

Nel frattempo, i documenti del Pentagono trapelati hanno rivelato che la disunione, la sfiducia e le differenze tra Stati Uniti, Europa e Ucraina sono gravi e crescenti. D’altra parte, Washington non è solo il più grande ostacolo al cessate il fuoco e ai colloqui di pace, ma spinge gli alleati occidentali a unirsi alla sua strategia indo-pacifica per contenere la Cina.

È qui che lo straordinario sfogo del presidente francese Emmanuel Macron nella sua intervista a Politico , a bordo di Cotam Unite (l’Air Force One francese) di ritorno dalla Cina dopo aver trascorso circa sei ore con Xi, diventa un momento determinante.
A dire il vero, il commovente appello di Macron che l’Europa dovrebbe evitare di “entrare in una logica blocco contro blocco” ha risuonato a Zhongnanhai – vale a dire, l’aspirazione dell’Europa all’autonomia strategica; i dubbi ostinati dell’Europa e la stanchezza di essere “vassallo”; e le molteplici sfide dell’Europa alla governance sociale e la sua attenzione allo sviluppo e alla prosperità alla fine non le lasciano altra scelta che abbracciare l’Eurasia con una maggiore connettività, sviluppare relazioni economiche e commerciali relazioni bilaterali con la Cina e ricostruire i legami con la Russia. Una valanga di commenti cinesi ha seguito le osservazioni di Macron.

Elemento decisivo, però, sarebbe stata la recente fuga di documenti riservati da Stati Uniti e Nato sull’esercito ucraino e la tanto attesa “controffensiva di primavera” da Kiev.
I documenti hanno messo in luce molte carenze e deficienze dell’esercito ucraino e hanno lasciato il posto alla valutazione top secret di Washington secondo cui l’esercito ucraino è in gravi difficoltà dopo le recenti battute d’arresto. Un velo di dubbio , infatti, è calato su Kiev, sempre più incerta sulla fermezza e l’affidabilità del sostegno occidentale.

Questi complessi sono stati aggravati da rapporti di intelligence trapelati secondo cui gli Stati Uniti “stanno anche spiando i massimi leader militari e politici dell’Ucraina, riflettendo la lotta di Washington per avere una visione chiara delle strategie di combattimento dell’Ucraina”. ( New York Times ) Sfumature di Edward Snowden: ecco come gli Stati Uniti mantengono la loro egemonia!

Tuttavia, un editoriale del Global Times ha scritto: “ Nel corso del tempo, la comunità internazionale si è impegnata a pensare in modo più freddo a questo conflitto infuocato. Soprattutto, sta crescendo la volontà di negoziare tra tutte le parti e stanno emergendo voci più razionali in vari paesi europei. In un certo senso, si è aperta la finestra di opportunità per promuovere una soluzione politica alla crisi ucraina. »

Xi ha continuato rapidamente la sua conversazione con Zelenskyj nominando Li Hui, vicedirettore generale del dipartimento Eurasia presso il ministero degli Esteri, a capo della delegazione cinese per la risoluzione della crisi in Ucraina. È una decisione intelligente.

Li Hui, una delle mani più abili della Cina in Eurasia, aveva precedentemente servito come inviato del Cremlino per un periodo straordinariamente lungo di dieci anni (2009-2019). Conosce molto bene la situazione ucraina e russa, comprende la psicologia dei popoli slavi e, ovviamente, parla russo.

La nomina di un rappresentante speciale significa un serio tentativo di attivare le funzioni di mediazione per costruire ponti. Ma ci sono sfide formidabili.

La Russia accoglie con favore tutto ciò che potrebbe avvicinare la fine del conflitto ucraino, ma la conclusione è che deve ancora raggiungere gli obiettivi della sua operazione militare speciale in Ucraina.
Inoltre, la Russia non vede emergere da parte dell’Occidente la volontà di una soluzione pacifica. C’è un solido ostacolo lì, perché Washington conta interamente su una soluzione militare e su una vittoria totale.
I negoziati auspicati dalla Cina saranno un duro colpo per la strategia statunitense in Ucraina e, se guadagneranno terreno, metteranno in difficoltà anche gli Stati Uniti nella regione indo-pacifica.

Nel breve periodo, quindi, la pressione non può che aumentare su Zelensky affinché lanci la “controffensiva”.

MK Bhadrakumar

fonte: Indian Punchline

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM