La Cina e l’Iran criticano il razzismo negli Stati Uniti e la brutale repressione poliziesca

La Cina ha denunciato la “malattia cronica” del razzismo negli Stati Uniti lunedì dopo la morte di George Floyd, che ha suscitato proteste in tutto il paese.

Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha affermato che “i disordini in diverse città americane sono un segno della gravità del problema del razzismo e della violenza della polizia negli Stati Uniti”.
L’Iran ha invitato gli Stati Uniti a “fermare la violenza” contro il proprio popolo dopo la morte di George Floyd.
Abbas Moussavi, portavoce del ministero degli Esteri iraniano, ha dichiarato in una conferenza stampa a Teheran: ” Solidarietà con il popolo americano, il mondo ha ascoltato il tuo grido sullo stato di oppressione. Il mondo è al tuo fianco ”; “E ha lanciato un appello ai funzionari americani e alla polizia: fermate la violenza contro il vostro popolo e lasciateli respirare.”

Manifestazioni davanti alla Casa Bianca

Zhao Lijian, in reazione all’influenza di Pechino nell’ex colonia britannica, ha paragonato la violenza negli Stati Uniti a quella che si è verificata a Hong Kong dichiarando che la violenza della polizia sul suo territorio è “un doppio standard – due misure di fama mondiale “perché” mai gli Stati Uniti trattano i partigiani della violenza e della presunta indipendenza di Hong Kong come eroi, mentre qualificano coloro che denunciano il razzismo in America come ‘rivoltosi?’

Inoltre, la Cina ha promesso questa mattina alcune “contromisure” negli Stati Uniti a seguito delle dichiarazioni di Donald Trump che vuole limitare l’ingresso di cittadini cinesi negli Stati Uniti e imporre sanzioni commerciali a Hong Kong. In una dichiarazione, Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti stanno bloccando l’ingresso di cittadini cinesi che rappresentano “un potenziale rischio per la sicurezza del paese”.

Questa è la seconda reazione di Pechino da quando le misure annunciate venerdì dall’inquilino della Casa Bianca. Queste sorgono in un contesto di forti tensioni attorno al Covid-19 e al commercio bilaterale. Pechino venerdì scorso ha accusato Washington di “aver preso in ostaggio il Consiglio di sicurezza dell’ONU”.

Il 28 maggio, l’Iran ha dimostrato la sua sfida agli Stati Uniti presentando le sue nuove navi da guerra, che secondo le autorità iraniane, potrebbero intervenire nel Golfo e nell’Oceano Atlantico.

fonte: Observateur Continetal

Traduzione: Gerard Trousson

6 Commenti

  • Monk
    2 Giugno 2020

    È troppo facile, e terribilmente vile, fare gli antifascisti senza fascismo.

  • Eugenio Orso
    2 Giugno 2020

    L’Iran si sta divertendo (e anch’io, ma con qualche dubbio) per quanto sta accadendo negli usa …
    Dopo anni di accuse contro gli stati resistenti di “violazione dei diritti civili” nei confronti della loro popolazione – accuse in larga parte false o speciose – ecco, sotto gli occhi di tutti, cosa sono veramente gli usa, “campioni della democrazia” e del mercato.
    La Russia mi pare che abbia una posizione prudente in merito, come il solito, anche se potrebbe sparare a zero contro gli usa democratici, “terra della libertà”!
    E’ possibile che Mosca, dopo trump, veda solo peggioramenti, in futuro, nelle cosiddette relazioni internazionali. Se i rischi di guerra suscitati dagli usa ci sono già oggi, in molte parti del mondo, cosa sarà con il fedelissimo lacché dell’élite finanz-giudaica biden?
    Anche se l’élite tiene per le palle trump, ridotto a un buffone, con un’amministrazione federale stravolta e decisa dall’esterno, è chiaro che vuole il controllo assoluto. essendo trump bizzoso e inaffidabile, meglio un servo che batte i tacchi e non esce dal seminato. I democratici, in tal senso, sono affidabilissimi.
    Per quanto mi riguarda, continuo a sospettare che l’élite, accantonati l’impeachment e la deposizione di trump, segua un’altra strada, molto pericolosa, suscitando le “proteste” con il pretesto della morte di floyd …
    Probabilmente si crede di poter comunque contenere la protesta, senza che si trasformi in un riot gigantesco e generale e senza che altri conflitti interni si sovrappongano ad essa. Sarà così.
    In ogni caso, l’obbiettivo e danneggiare trump nelle presidenziali di novembre e fra eleggere biden, ex vice presidente con il serprente obama (una garanzia!), per mantenere il controllo in preparazione di altri eventi terribili, pianificati dall’élite stessa, fuori dagli usa (guerra nucleare?) e anche all’interno (future rivolte).

    Cari saluti

  • Teoclimeno
    2 Giugno 2020

    Pechino venerdì scorso ha accusato Washington di “aver preso in ostaggio il Consiglio di sicurezza dell’ONU”. Non solo diverse organizzazioni internazionali, ma anche molti paesi sono costretti a eseguire le direttive degli anglo-sionisti. L’Italia è uno di questi.

  • Kaius
    3 Giugno 2020

    Io quei negri ce li vedo incatenati…
    Ah già lo sono e vengono scagliati contro i bianchi

    • Monk
      3 Giugno 2020

      eh ma qui adesso sono tutti solidali con i cioccolatini fondenti e le merde dei media

  • Werner
    4 Giugno 2020

    La Cina non può dare nessuna lezione in merito, visto che da sempre attua una politica di snazionalizzazione del Tibet con l’immigrazione pilotata di cinesi etnici, e di forte repressione nell’area. Nessuno è immacolato a questo mondo.

    Certamente la questione razziale negli Stati Uniti sarebbe prima o poi esplosa, e la colpa è solo del fatto che fu abolita la segregazione mezzo secolo fa.

Inserisci un Commento

*

code