La Cina comunica di voler sviluppare una partnership strategica con l’Iran come stabilito in precedenza. Pompeo furibondo


Nonostante le sanzioni di Washington e le minacce proferite dall’Amministrazione Trump contro l’Iran, nell’incontro con il presidente del parlamento iraniano, Ali Larijani, avvenuto a Pechino, il presidente cinese, Xi Jimping, ha detto che i due paesi hanno avuto una lunga amicizia e condiviso la reciproca fiducia , secondo una dichiarazione ufficiale del ministero degli esteri cinese rilasciata giovedì.

“A prescindere da come cambi la situazione internazionale e regionale, la decisione della Cina di sviluppare una partnership strategica globale con l’Iran rimarrà invariata”, ha ribadito il cancelliere cinese, secondo la Reuters.

La Cina e l’Iran dovrebbero approfondire ulteriormente la fiducia reciproca e la collaborazione strategica nel continuare a sostenersi a vicenda su interessi fondamentali e preoccupazioni comuni, ha aggiunto Xi.

La Cina sostiene la cooperazione tra le parti internazionali e regionali per mettere rapidamente il Medio Oriente sulla strada della stabilità e dello sviluppo, ha affermato.

“Sosteniamo l’Iran nello svolgere un ruolo costruttivo nel mantenimento della pace e della stabilità regionale e siamo disposti a comunicare e coordinare strettamente con Teheran le questioni regionali”, ha aggiunto Xi.

A Pechino, Larijani è stato accompagnato dal ministro del Petrolio Bijan Zanganeh e dal ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif, che ha incontrato il suo omologo cinese martedì.
Negli incontro avuti fra la delegazione iraniana e le massime autorità cinesi sono stati discussi i programmi di cooperazione economica fra i due paesi che includono un maggior impulso alla vendita del petrolio iraniano alla Cina, lo scambio di tecnologia fra i due paesi e l’incremento della cooperazione economica.
In un successivo incontro del ministro degli esteri iraniano Zarif con il suo omologo cinese, è stato anche trattato lo sviluppo della collaborazione fra i due paesi nell’ambito militare con in primo piano la lotta al terrorismo. A tale proposito, i responsabili iraniano e cinese si sono accordati per un maggiore scambio di informazioni e di intelligence su tale questione.
Le indiscrezioni parlano della possibilità che Teheran si sia accordata con Pechino per l’acquisto di nuovi aerei militari di fabbricazione cinese, come il caccia avanzato J-10 A, e di attrezzature per l’aviazione e sistemi radar avanzati.

Pompeo contrariato per gli acciordi Iran-Cina


A Washington le autorità dell’Amministrazione USA si sono rifiutate di commentare quanto emerso dal vertice sino-iraniano ma alcuni funzionari, a condizione di anonimato, hanno riferito che il segretario di Sato Mike Pompeo è apparso molto contrariato per questo accordo che la Cina ha fatto con la repubblica islamica dell’Iran, senza tenere in conto delle sanzioni USA contro quel paese.
Pochi giorni prima a Varsavia, il 14 e 15 di Febbraio, gli USA e Israele avevano convocato una confrenza che aveva il preciso obiettivo di concordare con un certo numero di paesi una linea di azione anti Iran, ma questa conferenza si è conclusa con un nulla di fatto e con l’assenza dei rappresentanti ufficiali di alcuni dei paesi invitati.

Fonte: en.mehrnews.com

Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • Mardunolbo
    23 Febbraio 2019

    Pompeo furibondo impreca a tutto il mondo…

Inserisci un Commento

*

code