La Cina avverte gli Stati Uniti di “conseguenze letali” su Taiwan

I timori della Terza Guerra Mondiale esplodono quando la Cina avverte gli Stati Uniti di una “tempesta imminente con conseguenze mortali” su Taiwan.

La Cina ha avvertito gli Stati Uniti di aver questi oltrepassato la linea rossa dopo che il presidente Joe Biden ha annunciato maggiori aiuti militari per Taiwan da un fondo normalmente utilizzato per gli stati sovrani.

Il fondo è solitamente riservato a stati sovrani e indipendenti: la Cina vede Taiwan come una provincia rinnegata e promette di riconquistare l’isola governata democraticamente.

Il Global Times , un giornale statale comunista considerato in gran parte come portavoce di Pechino, è passato all’offensiva, lanciando un severo avvertimento dopo l’annuncio.
La forte insoddisfazione e la ferma opposizione della Cina sono evidenti, ma la risposta della Cina alle continue provocazioni degli Stati Uniti sulla questione di Taiwan non si limiterà a semplici dichiarazioni”, ha scritto il giornale in un articolo d’opinione.

Ha aggiunto che, con il numero crescente e l’intensità dei metodi di intervento degli Stati Uniti negli affari interni della Cina, “l’imminente tempesta di conseguenze letali per Taiwan non può essere ignorata”.
Il Dipartimento di Stato americano ha affermato che il trasferimento di fondi “sarà utilizzato per rafforzare le capacità di autodifesa di Taiwan”, migliorando allo stesso tempo la consapevolezza e le capacità marittime.

Cina, missile ipersonico e caccia intercettatori

Nota: Washington continua ad ignorare gli avvertimenti della Cina circa la non interferenza degli Stati Uniti nelle questioni interne della Cina, dove Taiwan, secondo le norme internazionali, è considerata a tutti gli effetti una provincia della Cina. Di conseguenza quella di Taiwan è una questione interna della Cina e non può essere tollerata l’istigazione al conflitto contro Pechino mediante l’invio di armi e le continue visite a Taiwan di funzionari del Pentagono USA.
Tuttavia l’istigazione ai conflitti è una pratica costante degli Stati Uniti ed in special modo adesso, quando la potenza americana vede il declino della sua influenza nel mondo. I gruppi di potere di Washington sospingono verso una guerra contro la Cina per riprendere il controllo dell’Asia meridionale che sembra ormai sfuggito di mano agli USA. A Washington pensano di poter piegare facilmente la Cina con la potenza delle armi americane. In questo caso i neocon della Casa Bianca e del Pentagono potrebbero aver sbagliato i loro calcoli.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

8 commenti su “La Cina avverte gli Stati Uniti di “conseguenze letali” su Taiwan

  1. Evocare “linee rosse” insuperabili è controproducente se non addirittura dannoso se, una volta superate, non si dà luogo alla minacciata rappresaglia. Finora le “linee rosse” insuperabili sono state utilizzate come armi di dissuasione ma non hanno mai impedito una più o meno escalation nei conflitti, sia in Ucraina che ora per Taiwan, alle controparti in guerra, direttamente o per procura, e c’è da credere che sarà sempre peggio. Meglio sarebbe limitarsi ai fermi avvertimenti e solo qualora fossero inefficaci valutare attentamente l’evocazione di “linee rosse” a cui però, in caso di superamento, devono seguire immediate e durissime azioni di rappresaglia. L’impressione attualmente è che tutto sia consentito e le linee rosse superate tanto non ci sarà alcuna reazione. La coerenza è importante in guerra perchè il nemico deve percepire chiaramente la credibilità della controparte e fin dove può spingersi. Diversamente tutto diventa estremamente pericoloso. Ecco perchè sostengo che noi non abbiamo idea di cosa saranno capaci di fare i satanisti al potere in occidente se si darà ad essi la convinzione che possono arrivare a tutto.

    1. Sei sicuro è certo che l” altra volta Biden sia stato veramente eletto ?
      Tutti i democratici-fascisti sia negli USA sia nei paesi UK e UE vanno al potere senza fare un Referendum oppure Taroccano le elezioni !
      In qualche caso con l” aiuto dei numerosi media corrotti e controllati dai partiti democratici-fascisti pilotano l” opinione pubblica cioè le elezioni !

  2. La Cina……, l ‘ America….., l’ America…,, la Cina…… Ora, sia l’ una che l’ altra si svegliano, ma dall’ articolo si capisce molto chiaramente che sono d ‘ accordo. Inutile raccontarla lunga, vogliono la stessa cosa, quindi, la possibilita’ per tutti e due e compari compresi, è quella di poter usare un buon coltello per ritagliarsi ognuno una bella fetta… Basta articoli su articoli,lavorate meno di mente e di tastiera..

  3. Si gioca col fuoco: NELL’ERA NUCLEARE IL NEMICO È LA GUERRA STESSA!
    Soprattutto se la risposta al superamento della “linea rossa” fosse una base militare cinese a Cuba o Venezuela o Messico.

  4. Basterebbe che la Cina portasse i missili e le armi convenzionali a Cuba e in Nicaragua e allora vedremmo il comportamento degli Usa .Occhi x occhio etc.

  5. E’ molto probabile che la Cina non sia ancora intervenuta per riprendesi Taiwan per un problema di sicurezza mondiale, in accordo con la Russia perché è evidente che a governare negli Usa c’è un demente totale, manovrato in tutto e per tutto dai leader delle lobby del gtande reset globalista, evidentemente non escludono che questi pazzi fanatici, possano decidere di chiudersi nei colossali rifugi antiatomici di cui dispongono e scatenare un conflitto nucleare che risulterebbe catastrofico per l’intera umanità. L’eventuale intervento cinese, se non cambierà l’atteggiamento statunitense sulla questione Taiwan sarà solo rimandato al dopo elezioni Usa, a prescindere dal risultato perché il vaso è ulta colmo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM