La Cina aumenta le importazioni di petrolio dall’Iran e dal Venezuela


Secondo gli esperti, la Cina sta cercando di aiutare i suoi partner energetici a cui si applicano le sanzioni economiche unilaterali degli Stati Uniti. Secondo gli osservatori, Pechino sta anche agendo per proteggersi dalle pressioni degli americani, scrive il sito del canale RT.

A gennaio e marzo 2019, la Cina ha aumentato le importazioni di petrolio dall’Iran e dal Venezuela rispettivamente del 78% e del 192%.

Come ha detto Alexei Maslov, direttore del Dipartimento di studi orientali della Scuola di economia di Mosca, Pechino è attualmente il maggiore creditore di Caracas. In questo modo, nel contesto della crisi politica ed economica in Venezuela, la Cina sta cercando di proteggere i suoi investimenti finanziari con grandi acquisti di petrolio.

Secondo il sito web di informazioni Tanker Trackers, durante il periodo da gennaio a marzo, le importazioni cinesi di petrolio iraniano attraverso il mare sono aumentate del 78%, da 431.000 a 767.000 barili al giorno. Nello stesso periodo, quelli del Venezuela sono aumentati del 192%, da 84.200 a 226.800 barili al giorno.

“Teheran rimane uno dei principali fornitori di petrolio della Cina. Inoltre, le compagnie cinesi vogliono lavorare nei giacimenti di petrolio e gas iraniani. Pechino sta investendo in alcuni progetti relativi allo sviluppo delle infrastrutture della Repubblica islamica. Di conseguenza, la Cina sta effettivamente cercando di fornire un sostegno economico ai suoi partner per compensare le sanzioni statunitensi contro questi paesi “, ha detto Natalia Miltchakova, vice direttore del Centro di analisi Alpari.

Secondo Alexei Maslov, questa partnership di energia attiva con Iran e Venezuela è anche direttamente collegata alle tensioni nelle relazioni sino-americane. Secondo l’esperto, anche se fosse firmato un accordo commerciale e la fine della guerra commerciale tra i due paesi, Washington continuerà a fare pressione su Pechino. Pertanto, la Cina sta cercando di rafforzare la cooperazione con altri partner.

“La Cina importa principalmente petrolio e gas dalla Russia, dai paesi del Golfo Persico e dagli Stati Uniti. Ma si scopre che gli Stati Uniti possono bloccare il flusso dei propri idrocarburi in Cina e spingere i paesi arabi del Golfo Persico, come l’Arabia Saudita o gli Emirati Arabi Uniti, a fare lo stesso. Per questo motivo, Pechino è alla ricerca di fonti di approvvigionamento alternative e affidabili “, ha affermato Alexei Maslov.

Il Dipartimento di Stato USA è molto contrariato e funzionari USA, rimasti anonimi, hanno affermato che la Cina agisce senza tenere in alcun conto le direttive USA per le sanzioni e l’embargo contro i paesi ostili a Washington. Questo costringerà Washington a riconsiderare i suoi rapporti con la Repubblica Popolare Cinese.

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti

  • Albert Nextein
    7 Aprile 2019

    Libero commercio.
    Avanti tutta.
    Non mi fido dei governi cinesi, degli americani, dei russi, dei francesi, dei tedeschi, etc.
    Ma mi stanno bene la totale libertà nei commerci mondiali e l’abolizione di dazi e contingentamenti.

    • atlas
      7 Aprile 2019

      einstein. Quindi tu sei un liberista multinazionale. Sei un genio.

      • Albert Nextein
        7 Aprile 2019

        Lo dici tu.
        A me piace la libertà.
        E non sono un patriota, tantomeno un nazionalista.
        Forse non sono un genio.
        Tu di certo non lo sei.
        Goditi stato, socialismo, dazi, tariffe, contingentamenti e barriere commerciali.
        E poi lamentati quando le merci ti costano di più ed hai meno scelta.

        • atlas
          8 Aprile 2019

          quelli come te sono i nemici dell’umanità perché TROPPO intelligenti

          cmq mi sa che hai sbagliato sito

          genio

  • eusebio
    7 Aprile 2019

    Se la stanno facendo addosso.
    Veramente, i cinesi sono terrorizzati da USA, UE e NATO.

    • Nicola
      10 Aprile 2019

      Un’altro farneticatore!

  • Orazio
    7 Aprile 2019

    Come non dargli torto ai cinesi… Come dice il detto : i nemici dei miei nemici, sono miei amici. Comunque la Cina, fa anche lì i propri interessi.

    • Nicola
      10 Aprile 2019

      Invece Gli abominevoli Usa fanno gli interessi dell’umanità!

Inserisci un Commento

*

code