La Cina afferma che il boicottaggio ufficiale degli Stati Uniti dei Giochi invernali di Pechino 2022 non farà alcuna differenza

La Cina ha minacciato di vendicarsi contro la decisione degli Stati Uniti di boicottare le Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino, avvertendo che la mossa potrebbe mettere a repentaglio i legami bilaterali.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese in una conferenza stampa martedì ha promesso di prendere “determinate contromisure”.

“A causa di pregiudizi ideologici e basati su bugie e voci, gli Stati Uniti stanno cercando di far deragliare le Olimpiadi invernali di Pechino. Questo espone solo il loro intento sinistro e eroderà ulteriormente la loro autorità morale e credibilità “, ha affermato Zhao Lijian.

“La mossa sbagliata degli Stati Uniti ha minato le basi e l’atmosfera per gli scambi sportivi e la cooperazione olimpica tra Cina e Stati Uniti. Gli Usa si sono sparati sui piedi e devono capire le gravi conseguenze della sua decisione”, ha aggiunto.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha annunciato lunedì il boicottaggio, affermando che l’amministrazione Biden non avrebbe contribuito alla “fanfara” delle Olimpiadi.

“La rappresentanza diplomatica o ufficiale degli Stati Uniti non tratterà questi giochi come se fossero eventi di routine di fronte alle violazioni dei diritti umani e alle atrocità commesse dalla Repubblica popolare cinese nello Xinjiang”, ha affermato. “Non possiamo proprio farlo.”

Olimpiadi di Pechino boicottate dagli USA

Ma a quanto pare il governo degli Stati Uniti ha permesso ai suoi atleti di partecipare all’evento sportivo.

Le relazioni tra le due maggiori economie del mondo sono state danneggiate da una serie di problemi, dal commercio alla sicurezza fino alla pandemia di COVID-19.

Sebbene il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo omologo cinese Xi Jinping abbiano tenuto un vertice virtuale il mese scorso, questo non ha prodotto progressi significativi.

I Giochi Olimpici Invernali di Pechino 2022 si svolgeranno dal 4 al 20 febbraio 2022, seguiti dai Giochi Paralimpici dal 4 al 13 marzo.

Anche l’ambasciata cinese a Washington ha criticato il boicottaggio statunitense delle Olimpiadi invernali, definendolo una “grave distorsione dello spirito della Carta olimpica”, aggiungendo che l’assenza degli Stati Uniti non farà alcuna differenza.

“I politici che chiedono il boicottaggio delle Olimpiadi di Pechino 2022 lo fanno per i propri interessi politici. In effetti, a nessuno importerà se queste persone verranno o meno, e questo non avrà alcun impatto sui Giochi di Pechino 2022, che si terranno con successo”, ha twittato Liu Pengyu, portavoce dell’ambasciata cinese negli Stati Uniti.

Hu Xijin, direttore della pubblicazione cinese Global Times, ha affermato che “solo le persone super narcisistiche considereranno la sua assenza come un potente boicottaggio”.

“Perché tutto questo trambusto? Se i funzionari americani non vengono, lasciamo che sia così. La Cina non li ha invitati comunque”. twittato. “Solo le persone super narcisistiche vedranno la tua assenza come un potente boicottaggio. La maggior parte di quei funzionari del governo degli Stati Uniti ha avuto stretti contatti con le persone infette da COVID-19 secondo gli standard cinesi, oltre ad essere schizzinosi e pretenziosi. Siete le persone che i residenti di Pechino meno vogliono vedere”.

“Gli Stati Uniti vogliono solo politicizzare lo sport, creare divisioni e provocare scontri”, afferma una dichiarazione del portavoce della missione cinese all’ONU.

“Il successo dei Giochi non dipende dalla presenza di una manciata di funzionari governativi”, ha osservato.

Fonte: Press TV

Traduzione: Luciano Lago

Nessun commento

Inserisci un Commento