"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La CIA dietro l’attacco con i droni contro le basi russe in Siria. I russi ne hanno le prove

di Finian CUNNINGHAM

Sarebbe probabilmente  una “False Flag” della CIA la motivazione dell’ attacco dei Droni sulle basi siriane della Russia
L’audace attacco a più droni contro le basi militari della Russia in Siria assomiglia sempre più a un attacco di falsa bandiera (false flag) portato avanti dalla American Central Intelligence Agency (CIA). Una tecnologia sofisticata e una connessione ucraina indicano che l’attacco di sciami con 13 veicoli aerei senza equipaggio (UAV) non era opera solo dei militanti siriani antigovernativi.

Inoltre, il governo russo sembra avere le prove incriminanti su chi ha autorizzato gli attacchi dei droni contro la base aerea russa a Hmeimim e il suo porto navale a Tartus il 6 gennaio.

Le armi non sono riuscite ad eseguire la loro missione mortale. Dei 13 droni utilizzati, sette sono stati abbattuti dalle difese aeree Russian Pantsir S-1 e sei sono stati sbarcati in sicurezza dalla tecnologia di disturbo elettronica russa. Quegli Uav intatti catturati avranno fornito informazioni forensi su quale agenzia ha creato la trama.

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto sommessamente: “Sappiamo chi lo ha fatto”, senza ancora specificare il colpevole.

Le immagini degli UAV rilasciate dal Ministero della Difesa russo hanno mostrato una costruzione rudimentale ricoperta da quello che sembrava essere uno strato di compensato.

Tuttavia, la tecnologia di navigazione e gli esplosivi a bordo erano sofisticati e realizzati professionalmente. Questa non era una missione amatoriale, come ci si sarebbe potuto aspettare se i militanti l’avessero portata a termine da soli.

Droni dei terroristi in Siria

Inoltre, era molto improbabile che i droni fossero stati realizzati da militanti siriani. L’analisi russa della sostanza esplosiva utilizzata, PENT, indica che l’Ucraina era la fonte dei materiali. Questo punta agli americani come agenzia di collegamento tra l’Ucraina e la Siria.

Un altro fattore chiave è che al momento degli attacchi, l’esercito russo ha rilevato un aereo di sorveglianza Poseidon degli Stati Uniti in prossimità dell’area costiera siriana. Il Poseidon avrebbe la capacità di guidare i droni nella posizione precisa delle basi russe. Sebbene l’aereo sia comunemente utilizzato come parte della flotta della US Navy, ciò non esclude che la CIA disponga di un proprio velivolo Poseidon.

È anche significativo che il deputato della Crimea Ruslan Balbek abbia recentemente affermato che gli aerei Poseidon americani vengono utilizzati per sferrare attacchi di droni da parte del regime di Kiev appoggiato dagli Stati Uniti. Balbek è andato oltre e ha detto che crede che l’obiettivo è quello di condurre un attacco di false flag sulla comunità della minoranza dei tatari in Crimea. Le “atrocità” di un attacco verrebbero quindi addebitate alle autorità della Crimea, che i media occidentali avrebbero a loro volta amplificato come evento per condannare la Russia.

Sull’attacco siriano, il presidente russo Vladimir Putin ha detto la scorsa settimana, nel corso di in un incontro con alti dirigenti dei media russi, che il colpevole non è la Turchia, anche se i droni sono decollati dalla provincia siriana settentrionale di Idlib, dove le forze militari turche sono associate a gruppi miliziani.

“Gli attacchi sono stati predisposti come apposite provocazioni per danneggiare le relazioni tra Russia, la Turchia e l’Iran. Erano attacchi provocatori, ma non erano fatti dai turchi “, ha detto Putin.

La Russia deve ancora attribuire pubblicamente la colpa esplicita ai mandanti dell’operazione dei droni. Ma il Cremlino sembra fiducioso nelle informazioni incriminanti.

“Quegli aerei droni erano soltanto camuffati – voglio sottolinearlo – per assomigliare ad una produzione artigianale. In effetti, è abbastanza ovvio che ci fossero elementi di natura high-tech in quegli apparati “, ha detto Putin.

Droni dei terroristi smontati

Il presidente russo sembrava affrontare il colpevole con un’osservazione enigmatica: “Lo sai che noi sappiamo”, ha detto.

Da parte sua, il Pentagono ha categoricamente negato il coinvolgimento degli Stati Uniti negli attacchi dei droni. In una conferenza stampa tenutasi a Washington DC la scorsa settimana, il tenente generale del Corpo dei Marine Kenneth F. McKenzie Jr ha dichiarato: “Gli Stati Uniti non sono stati coinvolti in alcun modo con l’attacco dei droni sulle basi russe in qualsiasi momento”.

Un altro portavoce del Pentagono ha detto che le accuse di complicità americana erano “ridicole” e “spericolate”.

I capi militari statunitensi non è escluso che potrebbero anche trovarsi a parlare onestamente, per quanto ne sappiano delle circostanze. In altre parole, è plausibile che il Pentagono non sia stato coinvolto negli attacchi dei droni e che questo sia avvenuto a loro insaputa.

Se è questo è verosilmile, allora tutto indica che l’altro candidato è la CIA. Dopotutto, come ha commentato l’analista politico americano Randy Martin per questa rubrica, è la CIA ad essere il principale motore dietro l’intero programma americano di droni e armi da fuoco in tutto il mondo, dall’Afghanistan, Pakistan, Iraq, Yemen e Ucraina a una fetta di paesi africani.

Data la natura ordinaria clandestina e autonoma della CIA, è concepibile che né il Pentagono né la Casa Bianca di Trump sarebbero a conoscenza di tutte le operazioni dell’agenzia. L’agenzia è incline a diventare uno ente canaglia in qualsiasi momento, e la mancanza di conoscenza tra gli altri rami del governo a Washington offre l’importante traccia di “rifiuto plausibile”. Si sa che fra CIA ed il Pentagono è in corso una contrapposizione interna.

Ecco uno scenario speculativo, ma credibile: gli agenti della CIA sul terreno in Siria lanciano uno sciame di droni armati sulle basi russe. Il design traballante degli UAV ha lo scopo di dare l’impressione che sia opera di militanti sostenuti dalla Turchia nella provincia di Idlib. Come ha osservato Putin, l’obiettivo era quello di fare passare da capro espiatorio la Turchia come complice. Se questo avesse funzionato, i rapporti tra Mosca e Ankara, così come Teheran, sarebbero diventati estremamente tesi. Si sa che Washington è piuttosto scontento del riavvicinamento tra Putin e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Le apparecchiature di navigazione hi-tech e gli esplosivi a bordo dei droni, oltre alla presenza rivelatrice di un aereo di sorveglianza americano Poseidon nei cieli sopra suggeriscono il coinvolgimento di un’agenzia di stato degli Stati Uniti – la CIA.

L’agenda di Washington in Siria non ha nulla a che fare con la sconfitta del terrorismo. Si tratta di propagare l’instabilità e il caos per minare il governo siriano del presidente Assad e le conquiste della Russia e degli alleati nel superare la trama del cambio di regime ordita dagli Stati Uniti. Niente potrebbe essere più gradito all’agenda americana più che far interrompere la distensione intervenuta in Siria nei rapporti fra la Russia, la Turchia e l’Iran .

Base russa in Siria

La CIA dispone delle competenze e delle capacità tecnologiche per montare il sofisticato attacco dei droni contro le basi russe. La stessa CIA ha anche la motivazione di portarlo avanti per promuovere i suoi intrighi di cambio di regime. Chi ci guadagna?

Tuttavia, c’è un’altra wild card nel branco, come afferma l’analista Randy Martin. Dice: “L’attacco dei droni a mezzo sciami è stata probabilmente la prima volta che una simile tattica sia mai usata nelle operazioni militari. Potrebbe essere stato effettuato non solo come una falsa bandiera per incolpare la Turchia, ma anche come un modo escogitato dagli agenti operativi USA per testare le difese aeree e l’intelligence dei segnali russi “.

Martin ha aggiunto: “Il pericolo è che possiamo aspettarci altri attacchi di questo tipo, forse con conseguenze mortali, contro le forze russe in Siria come anche contro la Crimea e i separatisti nell’Ucraina orientale”.

Le implicazioni sono gravi. Se viene confermato che la CIA era dietro l’attacco dei droni sulle basi russe in Siria, allora ciò equivale a un atto di guerra da parte degli americani – indipendentemente dal fatto che sia stato attivato da un’agenzia canaglia (al di fuori del controllo del Pentagono).

Questo potrebbe spiegare perché il Cremlino tiene le sue carte in materia molto riservate in un suo cassetto blindato . Questo è un fatto molto esplosivo.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

*

code