La censura di abbatte implacabile sui media non conformi

Attacchi informatici contro media indipendenti, censura e doppi standard
Di Gavin O’Reilly

Il 18 agosto 2023, con un vergognoso atto di censura, l’ICANN – un organismo apparentemente imparziale responsabile dell’amministrazione del sistema di dominio del World Wide Web – ha rimosso il nome di dominio del noto sito web SouthFront, un punto informativo che è stato il precedente obiettivo delle sanzioni statunitensi e della censura sui social media a causa della sua copertura di argomenti come le origini delle guerre in Siria e Ucraina; argomenti ai quali raramente, se non mai, viene data una copertura soddisfacente da parte dei media mainstream, con versioni modificate, vantaggiose solo per gli interessi delle corporation, presentate invece al pubblico occidentale.

In qualità di collaboratore di SouthFront da novembre 2021, posso attestare in prima persona che si tratta di una piattaforma che mi ha offerto l’opportunità di scrivere su argomenti che nessun canale mainstream nel mio paese, l’Irlanda, oserebbe permettere che fossero trattati.

Gli esempi includono la Quarta Rivoluzione Industriale che dovrebbe essere inaugurata dall’iniziativa Great Reset del World Economic Forum, i quasi nove anni di provocazioni orchestrate dall’Occidente che hanno preceduto l’intervento della Russia in Ucraina nel febbraio 2022 e le proteste in corso contro la gestione globalista delle 26 contee statali. dell’immigrazione, con l’establishment politico del sud dell’Irlanda completamente allineato con gli interessi di Davos e dell’egemonia USA-NATO.
Un sito web per il quale avevo scritto in precedenza, l’American Herald Tribune con sede in Canada, ha subito un destino simile nel novembre 2020, quando, sostenendo che era diretto dall’Iran come parte di una campagna di influenza, l’FBI ha sequestrato il server statunitense su cui AHT è stato ospitato. Sebbene sia stato resuscitato su un server canadese poco tempo dopo, l’American Herald Tribune sarebbe stato nuovamente sequestrato dall’FBI nell’aprile 2021, nonostante il suo server host fosse al di fuori della giurisdizione degli Stati Uniti.

Due mesi dopo, il governo americano avrebbe sequestrato il sito web della rete mediatica iraniana Press TV, mentre la testata con sede a Teheran avrebbe dovuto trasferire il suo nome di dominio su un nuovo server per continuare a funzionare.

Nonostante ciò, e i summenzionati sequestri di SouthFront e dell’American Herald Tribune, essendo atti palesi di guerra informatica e censura sui media, hanno ricevuto poche o nessuna critica da parte dei presunti media “liberi” dell’Occidente, gli stessi media che probabilmente avrebbero avrebbe chiesto l’attivazione dell’articolo 5 se la Russia avesse apertamente sequestrato il nome di dominio di un sito web occidentale critico nei confronti delle politiche di Mosca, come Bellingcat.

In effetti, ci sono state poche o nessuna critica da parte della stampa occidentale lo scorso anno quando, nelle settimane successive all’intervento militare russo in Ucraina, RT e Sputnik News sono stati banditi in tutta l’Unione Europea, assicurando che oltre 448 milioni di persone sono state ostacolate nell’ottenere un consumo equilibrato. della copertura mediatica del conflitto.

Ciò che restava era una versione degli eventi attentamente manipolata dai media aziendali per presentare l’operazione russa come “non provocata”, lasciando da parte il fatto fondamentale che il conflitto era effettivamente iniziato nel 2014, quando il governo sostenuto dall’Occidente insediato dall’Euromaidan colpo di stato, ha attaccato le regioni a maggioranza etnica russa di Donetsk e Luhansk, nell’est del paese.

Questa deliberata omissione di fatti chiave da parte dei media mainstream ha permesso che prendesse piede una versione degli eventi in cui Vladmir Putin è una sorta di cattivo, tipo personaggio dei cartoni animati, un pazzo che deve essere fermato ad ogni costo. Ciò, a sua volta, viene utilizzato come giustificazione per censurare ulteriormente i media che forniscono un resoconto fattuale ed equilibrato degli eventi legati alla guerra in Ucraina, perpetuando così il ciclo di propaganda.

Un metodo subdolo, che se fosse stato usato al contrario e se i servizi di sicurezza russi avessero apertamente sequestrato il nome di dominio di un sito web occidentale critico nei confronti della politica del Cremlino, come la BBC o il già citato Bellingcat, avrebbe potuto portare ad uno scontro militare mondiale. .

*Gavin O’Reilly è un attivista di Dublino, Irlanda, con un forte interesse per gli effetti dell’imperialismo britannico e statunitense. Segretario del Comitato anti-internamento di Dublino, un gruppo di campagna istituito per sensibilizzare l’opinione pubblica sui prigionieri politici repubblicani irlandesi nelle carceri britanniche e in 26 carceri della contea. Il suo lavoro è già apparso su American Herald Tribune, The Duran, Al-Masdar e MintPress News. Collabora regolarmente con Global Research. Sostienilo su Patreon.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “La censura di abbatte implacabile sui media non conformi

  1. Redazione buonasera grazie per l’articolo , a me risulta Strategic-Culture , Oriental Review e Southfront non ppiu raggiungibili…sapete come poter arrivare su SouthFront …come ben sapete egregia Redazione la Ue Nato è contro questi siti perchè danno notizie vere sugli eventi .

  2. Evidentemente nell’UE la libertà di informazione, che a parole è sancita dal suo trattato dei diritti fondamentali, vale solo quando dobbiamo sentire quello che gli va che sentiamo.
    Comunque ricevere RT e Sputnik, almeno su Internet, è semplice installando (gratuitamente) psyphon:

    https://psiphon.ca/

  3. South front mi sa che è raggiungibile a soutfront.press , ottimo! Strategic Culture e Oriental Review non più ; le stesse tattiche censorie del covid19 a firma Wef , Oms : il web non è un posto tecnico e/o neutrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM