"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La CEI si schiera con Alfano nell’ accettare l’invasione africana ed attacca i “fascio leghisti

di Luciano Lago

Il segretario generale dei vescovi (CEI), Nunzio Galantino, in un comunicato di ieri Mercoledì 10 Giugno, ha duramente condannato l’atteggiamento di rifiuto dell’invasione africana e dell’accoglienza dei migranti nelle regioni del nord espresso dai governatori regionali  Zaia,  Maroni da  Toti e da Matteo Salvini. In questo comunicato ufficiale della CEI, si fanno espressamente i nomi di Luca Zaia, Roberto Maroni e Giovanni Toti, si condanna l’atteggiamento di questi esponenti politici e si mettono all’indice i tre presidenti di Regione che hanno detto basta al buonismo dell’accoglienza.  Il comunicato, molto duro nei  contenuti,  afferma:  “Le parole dei governatori di alcune regioni italiani in tema di immigrazione – secondo l’opinione del vescovo Nunzio Galantino – danneggiano l’Italia”.

“Ora ci si è messo anche il presidente della Liguria, pare”, ha detto Galantino a margine di un incontro sui beni culturali al quale ha partecipato a Expo, commentando le posizioni di Toti, Maroni e Zaia, che si sono apposti al diktat del ministro dell’Interno Angelino Alfano che vuole riversare nel Nord Italia altri 5mila disperati da ospitare in edifici pubblici e con soldi pubblici. “Noi non pensiamo, noi facciamo – ha tuonato Galantino – mi sembra sia sotto gli occhi di tutti il tipo di lavoro che si sta facendo nelle periferie per accogliere gli immigrati, perchè molto spesso è con troppa superficialità che si mettono insieme immigrati con delinquenti, immigrati con clandestini”. Il segretario generale della Cei ha invitato i tre governatori a “chiamare le cose e le persone per nome”. “Bisogna cominciare anche a capire come da questi comportamenti esca fuori un’immagine dell’Italia che non è bella – ha, poi, concluso – penso che quello dei numeri degli immigrati sia un problema secondario, bisogna invece trovare un accordo sull’atteggiamento di fondo. Quando si comincia a dare i numeri, in tutti i sensi, vuol dire che c’è altro dietro”.  Vedi: Askanews

Non ci si deve meravigliare più di tanto di questa nuova uscita degli alti rappresentanti del clero in Italia: siamo già abituati alle loro  predicazioni etiche con gli sconfinamenti in politica e nelle problematiche attuali.  Conosciamo  a quale morale si attengono i Vescovi della CEI: la morale della Chiesa post conciliare. La morale conciliare è la solita che già ben conosciamo : per questa neo-Chiesa del “liberi-tutti”, tanto indulgente e dialogante con eretici, islamici, massoni e pagani di ogni risma, diventa intollerante  e bacchettatrice verso chi professa la fede cattolica integrale ed allo stesso modo verso coloro i quali vogliono opporsi all’invasione  africana dell’Italia in nome della salvaguardia dei diritti dei cittadini italiani.

I Vescovi , prima di proferire la loro condanna, avrebbero potuto almeno rispettare le prerogative dello Stato, quelle della difesa dei propri cittadini, del territorio e dell’interesse nazionale, che sono tipiche di uno Stato sovrano ma che diventano obsolete per uno Stato, come quello italiano, che ha ceduto ad altri la sua sovranità.

Questa assemblea dei Vescovi si era già fatta conoscere per le sue posizioni  critiche  verso quelle persone  che    vorrebbero  salvaguardare l’identità della Nazione  di fronte all’ondata globalista che tutto sommerge, identità e culture dei popoli incluse,  rifiutando l’idea della società cosmopolita e multiculturale imposta dalla sinistra mondialista ed accettata e predicata anche dal Vaticano.

Coloro che esprimono questi concetti di difesa dell’identità e sovranità della Nazione, di difesa dei diritti dei cittadini da considerare prioritari rispetto  alle masse dei migranti clandestini in arrivo con l’attuale ondata migratoria, vengono decisamente condannati ed emarginati come razzisti, “fascio leghisti” e comunque  estranei al nuovo corso del “pensiero unico” relativista e massonico a cui anche la Chiesa si è adeguata.  Da notare che i  sostenitori del relativismo etico e del  matrimonio omosessuale vengono invece accolti dall’alto vertice della Chiesa conciliare con il candido “chi sono io per giudicare?”

Nella sua “grande misericordia” la Chiesa post conciliare accetta tutti gli altri: dai massoni agli eretici pagani, dai sionisti ai mussulmani, ai clandestini  in arrivo in massa,  purchè siano in linea con il nuovo pensiero unico, universalista e relativista . Si tratta della nuova teologia in voga oggi nel Vaticano che consiste nell’ideologia del “progressismo storicistico”, quello che fa della modernità un pensiero unico ed omogeneo in una visione denominata anche come “neo modernismo”.

Non per niente il capo dei Vescovi, il Papa Francesco, ha dimostrato di intrattenere  un rapporto privilegiato con esponenti del relativismo laico come Eugenio Scalfari, il patron di Repubblica/ L’Espresso (fiduciario dell’ing. de Benedetti, rappresentante della grande finanza sovranazionale). Allo stesso modo  il  Papa Francesco, nella sua” infinita comprensione” ha accettato il dialogo anche  con l’ideologa radicale Emma Bonino, nota promotrice di aborti. Il medesimo  Papa che ha compianto i clandestini affogati nell’ultimo naufragio affermando che queste persone  “cercavano la felicità”, stabilendo quindi il principio del “diritto alla felicità” per tutti, come un diritto naturale, un concetto alquanto diverso (presente nella costituzione americana e di origine massonica?!) rispetto ai precetti evangelici tradizionali.

Non è neppure un caso che  il Papa Francesco, nel suo viaggio in Israele,  si sia inginocchiato sulla tomba di Theodor Hertzl, fondatore del sionismo,  che, nel suo viaggio in Turchia,  abbia voluto omaggiare  il Corano, pregare rivolto verso la Mecca ed abbracciato i fratelli islamici, nonostante questi abbiano  le mani macchiate del sangue dei cristiani d’Oriente.

La nuova teologia papale si astiene dal  giudicare  i teorici del relativismo e quelli che sostengono  la validità del matrimonio omosessuale ma procede senza esitazione al commissariamento dei tradizionalisti, come nel caso dei “Francescani dell’Immacolata”, sanzionati  con punizione e riduzione a domicilio coatto del Fondatore padre Manelli (considerato non in linea con la nuova teologia vaticana).  Il medesimo Papa che non giudica ma  ha compiuto una purga sistematica di prelati e teologi sgraditi a lui e alla sua scuola, da don Antonio Livi a padre Cavalcoli; ha agito d’autorità  rimuovendo brutalmente  ministri vaticani come monsignor Piacenza; Francesco ha rimosso vescovi che in Argentina detestava. Il Papa non giudica ma sanziona chi non condivide la sua linea post conciliare ed universalista, proiettata verso un nuovo ordine mondiale.

Sicuro quindi  che i Vescovi non gradiscono le posizioni anti immigrazione clandestina  espresse da esponenti politici italiani,  troppo in contrasto con le aperture mondialiste della Chiesa post conciliare.  Salvini e Maroni potrebbero aspettarsi anche un scomunica papale e sarebbe quindi una nuova pesante intromissione nella politica italiana, tanto per cambiare.

Se qualcuno ancora  aveva dei dubbi  su quanto influisca la presenza del Vaticano a Roma sull’assetto politico dell’Italia, questo episodio potrebbe essere rivelatore.

*

code

  1. flores 3 anni fa

    Da due mile anni questi buoni agenti del demonio stanno perseguitando con le loro falsità la civiltà europea. Hanno creato fanatismi, torturato le donne bruciandole vive, hanno distrutto il Rinascimento con l’Indice dei libri proibiti, hanno fatto guerre di religione durate più di 30 anni che hanno dimezzato la popolazione europea. E ancora insistono.
    Io credo in Dio, ma odio il loro dio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Piero61 3 anni fa

      …le “streghe” le bruciavano i protestanti, è bene ricordarlo…è la Chiesa del Vaticano II che ha stravolto il messaggio di Cristo che non era mondialista; da Giovanni XXIII in poi, lo sfacelo totale, Francesco è arrivato per finire e completare la distruzione del cattolicesimo (quello puro di San Paolo) iniziata dal cosidetto “Papa buono”…
      saluti
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. giannetto 3 anni fa

    Farla finita una volta per tutte, d’emblée : 1) con i Preti, 2) con l’Italia Sabaudo-Borbonica, 3) con l’Europa Krukko-Tognina. Questo sarebbe il sogno capace di resuscitare dalla tomba Carlo Cattaneo. Ma è un’utopia apocalittica, lo so bene. – Che i pretastri facciano petting con ebrei, massoni, atei, agnostici assortiti, gays etc..non mi sorprende più, a quest’altura della mia vita. Gli unici con cui non faranno mai petting sono i tardi epigoni di chi ha una nozione, comunque viva, di “patria”, di tradizione, di origine. Loro infatti sono ecumenici, universali!… non amano la persona, ma il “prossimo”!… e per tale amore non riconoscono più nemmeno mamma e fratelli! Dalle mie parti, tramite le loro lagnose parrocchie, inventano operazioni “Mato Grosso” per soccorrere gli sfigati dei quarti mondi. Ma chi di casa in casa fa la colletta è per solito gente che, si fa per dire, ascolterebbe il suo vicin di casa in un cantone. come voleva fare il Tramaglino con Don Rodrigo. Vedi un po’ quali poliedriche facce ha la “carità cristiana”! Del resto è mia esperienza consolidata che la carità “ecumenica” convive perfettamente con l’odio “domestico”. – Quel che non capisco è che mai ci sperano, sti preti, a promuovere l’editto di tolleranza per l’Islam? Han fatto bene i loro calcoli? o c’è sotto qualcosa di molto occulto? Vi immaginate che, quasi duemila anni fa, non fosse Costantino, ma lo stesso pontefice massimo dei pagani, a promuovere l’editto di tolleranza per il cristianesimo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Werner 3 anni fa

    Sono cattolico, semplice credente (ma non praticante in quanto avverso a questa Chiesa uscita dal concilio del 1962) ma poiché lo stato é laico la CEI non ha alcun diritto di imporre la sua visione del fenomeno migratorio ad esso. E poi da questo Vaticano post-conciliare che ha affossato la vera tradizione cristiana, é meglio non prenderne consiglI, anzi semmai é meglio non dargli proprio ascolto.

    Da notare come quegli anti-Cristo dei radicali e quei feticisti dell’immigrazione e islamofili della sinistra radicalchic, non dicono nulla su questa grave ed evidente ingerenza del Vaticano negli affari interni di uno stato laico. Se la CEI avesse chiesto l’abrogazione della 194 – ufficialmente legge sull’interruzione volontaria della gravidanza, in realtà legge per la limitazione delle nascite – gli stessi come minimo avrebbero fatto scoppiare il finimondo. Ma siccome qui si tratta di imporre al popolo italiano l’invasione africana del paese, ecco che sono tutti d’accordo, tutti in armonia, visto e considerato soprattutto che Vaticano e coop rosse legate al PD si dividono il business dei clandestini, lucrando non sulla pelle di questi ultimi, come si sente dire, ma sulla pelle degli italiani che economicamente stanno sempre peggio e vedono buttare così i soldi che loro pagano allo stato sotto forma di imposte.

    Il segretario generale della CEI ha invitato i tre governatori a “chiamare le cose e le persone per nome”? Sono d’accordo: chiamare clandestini gli africani che sbarcano nelle nostre coste, visto che non fuggono da nessuna guerra e sono semplicemente parassiti in cerca di assistenzialismo, e chiamare questo fenomeno invasione e mon immigrazione, visto che non é per nulla spontaneo per le ragioni poc’anzi espresse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giannetto 3 anni fa

      In tale desolante situazione il luridaio politico italiota non poteva non farci la tristissima cresta, spartendo mazzette. Eppure pensa che sti italiotelli infingardi votano ancora PD, e magari vanno anche a messa! Ecco Peppone- DonCamillo nel vertice infimo del loro più corrotto folklore!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Er-nesto 3 anni fa

      Purtroppo hai colto nel segno e chi pensa che lo scandalo di Roma capitale si limiti al PD, senza peraltro accorgersi che in Roma c’è ben altra “cupola” più potente di quella che si tenta di abbattere, ha fallito in partenza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. giannetto 3 anni fa

    rettifica (dannati correttori automatici!!!): Non “ascolterebbe” ma “accoltellerebbe”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Er-nesto 3 anni fa

    La prova definitiva: più sono per-denti e più aprono la bocca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ares 3 anni fa

    Migranti ??? Cazzone li andate a prendere a domicilio e li chiamate ancora profughi ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Fantapolitik 3 anni fa

    Se il vestito rispecchia l’animo di chi lo indossa,siamo si al fascismo di vecchia maniera!

    Rispondi Mi piace Non mi piace