APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

La carta che si gioca il Pentagono per attaccare le forze di Hezbollah e Iran in Siria

Le informazioni diffuse dal network televisivo Fox News, secondo cui l’Iran potrebbe essere coinvolto in un contrabbando di armi verso il Libano, rappresentano il tipo di carta che il Pentagono USA vuole giocarsi per giustificare un possibile attacco missilistico contro le forze siriane e di Hezbollah in Siria, è l’opinione dell’analista iraniano Seyed Hadi Afghahi.

Il network Fox news ha comunicato che i servizi di intelligence occidentali sospettano che l’Iran potrebbe essere coinvolto nel contrabbando di armi al Libano . Il media ha citato fonti anonime secondo le quali si sarebbero rilevati voli inusuali della compagnia aerea iraniana Fars Air Qeshm da Teheran a Beirut.
La tesi è quella che gli iraniani stiano cercando nuove rotte per contrabbandare armi ai loro alleati in Medio Oriente e questo mette alla prova la possibilità per l’Occidente di seguire le tracce di questi invii, come ha detto la fonte di Fox News.

Immediata è arrivata la smentita per voce del funzionario dell’ambasciata iraniana in Libano, Seyed Hadi Afghah, il quale ha qualificato questa come una fake news diffusa ad arte dalle fonti USA, visto che la presenza delle forze di Hezbollah in Siria viene vista a Washington come una minaccia indiretta alle forze USA presenti in Siria, così come per le forze israeliane dioslocate vicino la frontiera del Golan occupato.
“Questa informativa serve agli USA per giocarsi il pretesto che serve a dare il via agli attacchi missilistici cotro le forze siriane, iraniane ed Hezbollah che operano in Siria. Fox news è notoriamente il portavoce mediatico dell’Amministrazione USA e sta aiutando a ottenere questo obiettivo con la diffusione di notizie false senza conferma”, ha dichiarato l’esperto in una intervista con Sputnik.

Idlib Terroristi in azione

Il politologo ha ricordato che “Fox News è uno dei media finanziati dal Pentagono mentre i suoi posti chiave sono occupati da gruppi di pressione sionista”, secondo lui questi gruppi sono fortemente ostili contro l’Iran.
“Se fosse poco, le dichiarazioni false costituiscono la maggior parte dei programmi e contenuti di questo network”, ha aggiunto.

L’interlocutore ha criticato Fox news per citare servizi di intelligence occidentali in forma anonima senza conferma dei dati e senza chiamare con i loro nome questi servizi e specificarne la nazionalità.
“Questo significa che il network diffonde dati imprecisi senza nominare il servizio che potrebbe confermare o smentire l’informativa. Questo modo di proporre l’informazione parla da solo. Non forniscono documenti e non nominano fonti che possano confermare quanto detto”, ha ribadito l’analista aggiungendo che non è la prima volta che Fox News diffonde notizie false ma che questo è il modo di operare abituale di tale TV come megafono di propaganda del Pentagono. Non si possono quindi considerare seriamente le affermazioni che fanno.

Quali obiettivi rincorre la Fox News?

Secondo Afghah, la cosa importante è capire quali obiettivi persegue la tv nel momento in cui diffonde informazioni false sull’Iran e su Hezbollah. Afghah è sicuro che queste notizie sono in realzione alla situazione siu Idlib, “L’Iran e Hezbollah stanno aiutando l’Esercito siriano a debellare i terroristi patrocinati dall’estero, questo costituisce una spina nella gola degli USA e di Israele, per questo il Pentagono cerca di prefabbricare una giustificazione per poter attaccare con i missili il territorio siriano”.

Us special forces in Idlib

“Attualmente la situazione nella regione è molto delicata. Si avvicina il momento dell’offensiva e questo accresce il disagio di alcune delle parti coinvolte nel conflitto che operano come patrocinatori dei terroristi. Queste parti vogliono impedire l’offensiva e di conseguenza stanno utilizzando le loro risorse mediatiche, strategiche, militari e politiche per organizzare un sabotaggio”, ha ribadito l’analista.

A parte questo gli USA hanno minacciato ufficialmente che, se l’Esercito siriano continua a collaborare con Hezbollah e l’Iran, la tensione nella regione si andrà ad accrescere. Inoltre gli USA hanno avvertito di un loro intervento se le forze di Assad utilizzeranno le armi chimiche, quando la Russia ha dimostrato che era in atto una provocazione prefabbiricata con il gas da parte del gruppo degli “Elmetti Bianchi” in collaborazone con l’intelligence Britannica. Un pretesto per dare il via all’intervento statunitense.

Mappa delle forze in campo

 

Gli USA non vogliono permettere ad Assad di prendersi il credito della vittoria sul terrorismo in Siria assieme ai suoi alleati, Iran ed Hezbollah. Per questo mettono in moto ogni sistema per impedire che questo accada e mobilitano le loro risorse di propaganda e di notizie false per diffamare l’Asse della Resistenza.

Nota: L’analista omette di aggiungere un elemento importante per comprendere la situazione: ad Idlib ci sono reparti delle US. special forces e britannici, mescolati fra i terroristi. Sono quelli che danno gli ordini e che forniscono le coordinate GPS per colpire gli obiettivi delle forze governative con l’artiglieria ed i missili. Tutte armi fornite da USA ed alleati ai terroristi. Per questo l’Amministrazione USA ha urgenza di proteggere i suoi uomini e metterli in salvo prima che possano essere uccisi o fatti prigionieri dalla prossima offensiva dell’Esercito siriano e dei suoi alleati. Questo spiega gli appelli e le minacce di Mike Pompeo contro il Governo di Damasco nel tentativo di fermare l’offensiva.

Fonte: Sputnik Mundo

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. Mardunolbo 2 settimane fa

    Spiaccicare i ratti di fogna mercenari ed i loro addestratori, ad Idlib !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mosca tze tze 2 settimane fa

    Forza assad, fai saltare gli elmetti dei comandanti us e soci e rispediscili in comodi sacchi di plastica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace