La Capovolta


di Luciano Lago

La capovolta è una figura ginnica che viene fatta normalmente in palestra, dove si pratica la ginnastica atletica o negli addestramenti militari, ad esempio nel corpo dei paracadutisti, per simulare una caduta dall’alto.
Questa figura è stata invece adottata in modo singolare dalla classe politica e in particolare dal premier Giuseppe Conte il quale ultimamente ha dimostrato una abilità tutta sua nel capovolgere le sue posizioni politiche manifestate nel periodo della coalizione giallo verde, da lui presieduta, con posizioni opposte con il nuovo governo, sempre da lui medesimo presieduto, in coalizione del PD con il partito 5 Stelle.
Se una volta Conte si manifestava leader di una coalizione sovranista che contestava le regole della UE, oggi lo stesso Conte si proclama leader di una coalizione ossequiosa verso l’Unione Europea e pronta a osservarne regole e diktat senza alcun imbarazzo. Idem sull’immigrazione dove, Conte e i suoi soci grillini, da rigidi sostenitori della chiusura dei porti, gli stessi adesso proclamano l’ondata migratoria africana come “una opportunità e una risorsa” (dichiarazione di Di Maio).
Sarebbe poi lungo citare i discorsi fatti dai 5 Stelle quando si presentavano come rinnovatori e nemici del Palazzo, con quelli che adesso fanno nel momento in cui sono alleati con il partito della restaurazione neoliberista e con le vestali del capitalismo finanziario, come la Ursula von der Leyen.
Lo stupore dei cittadini che avevano pensato ingenuamente che il loro voto contasse qualcosa è molto alto e la gente non riesce a spiegarsi ed a capire i giochi di palazzo che blindano una classe politica screditata e lontana dai problemi della vita reale.


La realtà è quella che sempre noi abbiamo sostenuto, ovvero che la classe politica in Italia, sia di sinistra che di destra, è costituita da comparse, ovvero da personaggi che fanno da reggicoda a quelli che dirigono i giochi dall’esterno.
L’errore in malafede fatto dai movimenti populisti e pseudo sovranisti (come i 5 Stelle) è stato quello di scambiare la classe politica al governo, quella del PD o del centro destra Berlusconiano in particolare, come il potere politico.
Uno sbaglio madornale in quanto non si è voluto capire che i politici italiani sono soltanto i maggiordomi del potere che si trova fuori dell’Italia, a Bruxelles, a Berlino o a Washington e Wall Street. In quei luoghi si decidono le questioni fondamentali dell’economia e di conseguenza della politica che determinano gli equilibri e le tendenze del sistema sociale, dalle politiche fiscali a quelle economiche ed alle scelte di politica estera.
Si spiega così la disinvoltura con cui i partiti tessono e poi sfaldano le loro coalizioni per attuare programmi opposti a quelli manifestati pubblicamente. Tutto avviene nella consapevolezza che le decisioni che contano comunque verranno da fuori e che il Parlamento italiano è destinato quasi sempre a ratificare le norme che vengono emanate da Bruxelles.

Conte si presenta alla Camera


L’insediamento del nuovo governo “Conte Bis” è stato favorito dalle centrali di potere che contano per due buoni motivi: in primis per sbarazzarsi del fastidioso partito di Salvini che, con tutte le sue contraddizioni e la sua venatura pseudo sovranista, non era considerato affidabile; in secondo luogo per avere personaggi fidati in un governo che deve durare fino al momento di procedere alla nomina del Presidente della Repubblica e dei circa 400 manager delle imprese pubbliche italiane, molte delle quali saranno privatizzate per consentire i profitti degli organismi finanziari esteri.
Il popolo può aspettare nella eterna attesa del “panem et circensis”, gli daranno molte distrazioni e programmi ludici in TV.

22 Commenti

  • Sed Vaste
    10 Settembre 2019

    Ma conte fa Bene quando gli ricapita piu un occasione simile e poi conte risponde alla sua loggia di appartenenza digitate” conte Scrive a Barbara empler ” gran maesto della massoneria italiana , e’ tutta una sceneggiata attori massoni che calato il Sipario se LA ridono sulla vostra coglioneria , Salvini vi ha Abbandonato nella mer… Piu completa ,adesso potete star certi che entreranno tutti avrete tutto il tempo di spendere I’ll resto Della vita a lamentarvi che nessuno vi difende piu neanche di striscio siete su di un Titanic guidato da schettino

    • atlas
      10 Settembre 2019

      sarà anche come scrivi tu, però io negli usa a vivere non ci andrò mai; e nemmeno da turista

  • atlas
    10 Settembre 2019

    … e il 15 c.m. (tra una settimana) ci saranno le prime elezioni presidenziali suinocratiche in Tunisia (meno male che io ci devo andare una settimana dopo), a 40km dalla Sicilia

    la giovane ‘democrazia’ tunisina … (è diventata una fogna a cielo aperto)

    una Nazione che funzionava come un’orologio diventato un paesello schiavo dei guerriglieri wahhabiti e fratelli salafiti di usa e ue

    saranno pure nella merda però lì il Presidente è IL PRESIDENTE, non come quì

    ma almeno loro sono VIVI (l’unica mia speranza è che prenda tutto in mano l’Esercito, come in Egitto, c’è una concreta possibilità)

  • giuseppe sartori
    10 Settembre 2019

    un certo vladimir, 100 anni fa, si chiedeva:” CHE FARE?”

  • Eugenio Orso
    10 Settembre 2019

    Da parte mia, oramai da tempo mi rifaccio al “tanto peggio, tanto meglio”.
    L’encefalogramma di buona parte della popolazione italiana, impaurita, idiotizzata sociopoloticamente e ricattata è indubbiamente piatto.
    Non ci sono élite alternative che inziano a lottare, con qualche speranza di successo, per la sovranità nazionale e monetaria, contro neoliberismo e globalizzazione finanziaria.
    Nulla si muove e anche il ritorno degli infami collaborazionisti troika piddì, senza elezioni politiche, sembra che non abbia alcun effetto, del tipo “risvegliare le coscienze”, “provocare una reazione popolare”, innescare, dopo tanto tempo, “la lotta di classe” …
    Spero che intorno al “sistema democratico” si crei il vuoto, togliendo, in qualche modo, l’acqua al pesce demo liberalliberista europoide.
    1) Salvini collassa come immagine mediatica, perde attrattativa e la lega si ridimensiona.
    2) il 5S si avvicina rapidamente all’estinzione.
    3) Forza Italia si riduce la lumicino, ormai in decadenza.
    4) L’élite non riesce a proporre rapidamente un’altra “sola” colossale agli italiani, debilitati e passivi, come ha fatto a suo tempo con il treccartaro di Firenze Matteo Renzi, oppure lasciando governare – sotto tutela! – i cosiddetti giallo-verdi per circa 14 mesi, conscia della loro inoffensività.
    In una situazione in cui i governicchi collaborazionisti spadroneggeranno, la povertà di massa aumenterà esponenzialmente, la disoccupazione anche e l’età pensionabile salirà (se non si distruggerà la previdenza pubblica a favore del privato …), forse nascerà una nuova speranza e nuove forze politiche di vera opposizione, magari fuori dalla palude parlamentare.
    Credetemi, questa potrebbe essere l’unica, per quanto debole, speranza per l’Italia, se i Russi non riusciranno a vincere – si spera politicamente! – contro l’asse del ma le a guida usa.

    Cari saluti

    P.S.: mi aspetto che il simpatico Atlas inneggi all’indipendenza dei popoli e un redivivio Regno delle Due Sicilie …

    • atlas
      10 Settembre 2019

      no caro Eugenio, ti ringrazio per il simpatico, probabilmente lo sarò solo a te, ma sulle Due Sicilie ho già scritto tutto quanto c’era da scrivere e mostrato tutto quanto c’era da mostrare (ringrazio la redazione, che magari la vede diversamente, per la non-censura)

      analisi sagge, come sempre, le tue, anche se sulla lotta di classe non mi trovi d’accordo, hai ancora un tanto di marxista. Concordo su tutto il resto, naturalmente

      il pluralismo ideologico/culturale (e religioso anche) può fare solo bene

      continui a chiamarla ‘popolazione italiana’ ? Va bene, ma non ci crede nessuno … Regno ? Sono aperto anche ai massoni guarda, pur di riavere i confini per i quali mi sono fatto quasi 7 anni d’inferno: qualsiasi soluzione, dal ritorno del Principe Carlo di Borbone alla macroregione (che vuol dire che poco dopo noi vi salutiamo)

      caro Eugenio, io ora STO BENE, grazie a Dio sto bene. Chi meglio di me, non mi faccio, nelle mie possibilità, mancare nulla (3 sono i possidenti, il re, il principe e chi non tiene ‘nienti’). Io da proletario mi sono relazionato e mi relaziono sentimentalmente con belle e giovani donne che Berlusconi nella sua posizione non può fare. Mangerà meglio di me ? Cucine ne ho provate tante, oggigiorno all’estero si mangia accessibilmente abbastanza bene anche a livelli popolari e dove sono io al mare il pesce è sempre fresco e pregiato

      io se scrivo, cerco di essere attivo in politica, come alla fine ho sempre fatto, dalla scuola ai carabinieri, è solo per coscienza, una coscienza morale che prescinde da valori religiosi. Potrei strasbattermene i coglioni di tutti, invece no, a me piace la Verità e vado avanti. Certo con attenzione, ma vado avanti. Per noi Mediterranei in genere l’Onore è importante. Io NON POSSO essere accomunato a uno come Renzi senza re.agire

      dove tu sei in contraddizione con me, da vecchio saggio, non idealmente, perchè ognuno è libero di avere le sue, è proprio sulla classe sociale; se riconosciamo, tu dal retaggio marxista, io da Socialista Nazionale, che le Patrie sono ostaggio dei giudei eletti democratici, non possiamo non convenire che un’alternativa riformista può essere solo Popolare

      e quì è sempre lo stesso discorso: se per te un cittadino di Ragusa ha le stesse necessità, esigenze, storia, razza, civiltà e cultura di un cittadino di Vittorio Veneto tali da sentirsi vincolati e saldamente uniti in una reazione che, scriviamoci chiaro, non può essere che combattiva a vari livelli, tali da consolidare un cameratismo compagnesco di mutuo e sodale soccorso oltrechè di ferma comunanza di pianificazione politica e intenti … bingo. Io sono sicuro che non potrà essere mai così, quindi la prima cosa da fare, la conosciamo tutti

      un caro saluto, io sono magari più assiduo e comunico da quì anche esperienze personali (ne ho combinate veramente tante), che non interessano un cazzo a nessuno, ma sempre finalizzate a circolazione di idee costruttive. Mi farebbe piacere fossi più presente o l’alternativa sono i sed/max, che è vero sì, mi conciliano il sonno e mi fanno sorridere, ma a volte sono pesanti da digerire. Largo ai vecchietti

  • Vindelp
    10 Settembre 2019

    È vero quello che scrive Luciano Lago e cioè che i politici italiani sono zerbini dei poteri esterni all’Italia ma andiamoci piano col dare la colpa ai 5 stelle, è marcio tutto il sistema politico-finanziario italiano. Tutti i governi che abbiamo avuto dal dopoguerra hanno pregiudicato enormemente l’Italia. Sono stati anche tentati vari colpi di Stato, tra cui ultimo quello di Renzi con la riforma costituzionale bocciata fortunatamente dal referendum del 2014. I motivi di tutto ciò risalgono alla disfatta dell’Italia nella seconda guerra mondiale e alla successiva entrata degli americani, che alleandosi con le mafie e i massoni, hanno creato un sistema mediatico-politico per perpetuare questa nostra sudditanza. Dobbiamo ringraziare Mussolini per questa schiavitù a cui ci ha condannato e tanti italiani ancora oggi lo ammirano e lo invocano. Questa è l’Italia e questa resterà

    • atlas
      10 Settembre 2019

      a me dell’italia non frega proprio nulla, prima si disfà meglio è, ma Benito Mussolini lo ringrazio a vita

      è stato l’unico Social Nazionale ad attuare politiche interne positive pur con i limiti umani dello Stato che aveva. Errori in politica estera, guerre in Africa e Grecia e per ultimo la marcia su Mosca sono stati fatali, ma è il tradimento di popoli BASTARDI ad essere inaccettabile. Ora ci si merita Renzi e Berlusconi. Affogheremo nella merda vindelp

  • Max Dewa
    10 Settembre 2019

    Si Vladimir Lenin era meglio che non facesse niente quell’ebreo infame lui e suoi tirapiedi luciferini ebrei Trotsky Radek ,Bela Khun ecc e poi Ha Ragione Vindelp ,ma quale Mussolini un vero pezzo di pane troppo buono fin scoglionante ci vogliono I Nazisti con Hitler a fare pulizia di Ebrei Massoni e sinistrati che con I Centri sociali andrebbero Gassati subito tacci loro !

  • giuseppe sartori
    10 Settembre 2019

    max deva, penso che tu del nazismo hai capito poco.

    • atlas
      10 Settembre 2019

      sono mesi che ho tentato di spigarglielo, ma preferisco scrivergli di femmine thailandesi perchè le sue risposte sono che odia i giudei, però gli usa hanno la ‘grana’, andate con l’america !

      Hai capito ora ?

  • Max Dewa
    10 Settembre 2019

    Bersani e’ un farabutto emiliano pro invasion che se l’ e’ sfangata per un pelo che lo colga qualcosa di nuovo , sto vecchiaccio traditore vuole lo ius soli tira sempre Fuori’ll Suo paese LA Bettola paesino di Piacenza che solo per aver dato I Natali ad un demente arteriosclerotico DeL genere si meriteterebbe di essere spianata

    • atlas
      11 Settembre 2019

      concordo. Non aggiungo altro

  • Max Dewa
    10 Settembre 2019

    Giuseppe Sartori mi dispiace e me ne dispiaccio tutti I giorni ma ho let to talmente tanto sull’argomento che in una prossima vita Sartori le consiglio Proprio di rinascere all tempo del buon Vladimir e Trotsky e Pure Stalin per vedere le loro opere mirabolanti vedi l’holodomor ” Vadi Vadi ” a mettere I’ll becco nella Russia comunista di quel tempo

    • atlas
      11 Settembre 2019

      sempre meglio degli usa di tutti i tempi

  • Eugenio Orso
    10 Settembre 2019

    “L’errore in malafede fatto dai movimenti populisti e pseudo sovranisti (come i 5 Stelle) è stato quello di scambiare la classe politica al governo, quella del PD o del centro destra Berlusconiano in particolare, come il potere politico.”

    Questo passaggio dell’articolo di Luciano Lago lo faccio mio interamente, perché è proprio così.
    I cosiddetti populisti, qui, da noi, sono in malafede e hanno finto, pur di rastrellare consensi, seggi e posti di “potere” che basti andare la governo, a qualsiasi prezzo (sotto il controllo di Mattarella, con ministri chiave pro troika e nato come Tria e Milanesi), per “cambiare le cose”, naturalmente stando all’interno della nato e dell’euro …

    Pietra tombale, quindi, su questi “populisti” vorrei ma non posso, che altro non hanno fatto se non il gioco dell’élite finanz-globalista-anglogiudaica, spingendo un’eventuale protesta sociopolitica di massa (pur molto difficile in italia, oggi) su un binario morto.
    Salvini, in particolare, all’inizio considerato l'”uomo forte” (la madonna! e la madonna mi perdoni) del governicchio giallo-verde già defunto, non ha fatto altro che perdere tempo, a favore dell’élite di cui sopra, con incartamento finale dello stesso, per riportare al governo – senza elezioni politiche! – proprio il piddì, che ora gongola e propone niente di meno che Renzi come suo presidente.
    Ultima notazione: se guardate le facce dei neo ministri piddì, astraendo per un attimo dal fatto che sono di merda, vi accorgerete che son sempre quelle … i barba al rinnovamento promesso, dopo la batosta elettorale dello scorso anno!
    Piddì foverver?
    Siamo fottuti ..

    Cari saluti … fottuti.

  • Eugenio Orso
    10 Settembre 2019

    Mi fa ridere Salvini che in parlamento dice che il nuovo governo “Ursula” dovrà abituarsi alla piazza …
    Ma quale piazza!
    Chi muoverà le masse incazzate, prive di sovranità, di reddtiti adeguati e di lavoro, pronte a far cadere il governo piddì-grullini?
    Salvini stesso? Magari con la Meloni e il pacioccone Toti?
    “Ma mi faccia il piacere!” come disse Totò.

    Cari saluti

    • atlas
      10 Settembre 2019

      sono tutti buoni nemmeno per concime

  • Mardunolbo
    11 Settembre 2019

    In Italia ci vogliono politici con coraggio. Se Fu la Meloni ha muovere la piazza ,lunedì , davanti al Parlamento ! Se nemmeno un uomo ha il coraggio che una donna politica ha!, infatti Salvini dopo aver nicchiato, s’è accodato,(senza smuovere la massa dei leghisti che avrebbe dovuto arrivare a Roma già, domenica), cosa pensate si possa più fare ? Nulla ! Mancano politici con le palle che sappiano veramente smuovere il popolo sovrano (a parole…). Un Salvini che dichiara le sue invettive su facciadibuco e non smuove mari e monti con il suo potere di ministro dell’Interno…uno che dichiara che Hezbollah è movimento terrorista (guardando il Libano da territorio occupato da Israele) cosa pensate abbia il coraggio di fare ? Opposizione “democratica” quindi ZERO ! E’ tutto chiaro e definito…

    • atlas
      11 Settembre 2019

      allora, finchè si sta tutti nell’unione ‘italiana’, si potranno vedere manifestazioni unitarie da marcia su Roma con treni, corriere da ogni regione, DI CATEGORIA DI SCHIAVI (categorie di lavoratori mobilitate da quel che resta dei sindacati

      ma manifestazioni politiche popolari unitarie SCORDATELE

      le differenze ci sono sempre state, dal referendum tra monarchia e repubblica, all’msi che prendeva il 9% dei voti a Roma mentre a Piacenza Almirante non poteva nemmeno entrare in un caffè pubblico, a Milano dove la DC era all’opposizione mentre in Sicilia aveva il 51%. Persino nelle br massoni Prospero Gallinari da Reggio Emilia era a disagio con un Bruno Seghetti da Roma

      finchè non si capirà e vorrà accettare che Mediterranei e alpini non hanno alcuna voglia di combattere assieme il giudeo imperatore democratico ce lo metterà sempre nel culo: a volte con l’uso di vasellina a volte senza, ma il risultato finale non cambia

      • nicholas
        11 Settembre 2019

        La disuguglianza tra Nord e Sud viene mantenuta alta per evitare che il popolo Italiano si unisca e possa ribaltare il potere. Ci vorranno decenni prima che si capisca ciò..

        • atlas
          11 Settembre 2019

          la disuguaglianza c’è perchè non siamo mai stati uguali e uniti; e non avremmo mai dovuto esserlo. I Popoli Napolitano e Siciliano hanno sempre avuto il loro Stato dal 1130. Persino una forte ideologia come quella del PCI di allora vedeva Placido Rizzotto combattere e morire per un qualcosa di diverso da quello per cui si combatteva a Milano o Genova o Torino

Inserisci un Commento

*

code