La campagna di propaganda contro il governo di Mosca sta aumentando

,

di Brian Cloughley.

In un’epoca in cui le persone ragionevoli credono che le nazioni dovrebbero cooperare nel fare tutto il possibile per contrastare l’orrenda piaga che ci ha assalito, rimangono molti zeloti devoti nei paesi occidentali che credono che il confronto sia più importante degli sforzi per salvare vite umane. Questi attivisti detestano la Russia e la Cina e cercano di distruggere gli sforzi dei loro governi per prosperare economicamente proteggendo i loro confini.

Sebbene la Cina rappresenti la maggiore minaccia commerciale per gli Stati Uniti, l’establishment a Washington, aiutato dal Regno Unito, il suo vassallo adeguatamente servile sotto la vacillante amministrazione di Boris Johnson, ha recentemente intensificato la sua attenzione sulla Russia, di cui desidera rovesciare il leader. Le ragioni principali di questa energica campagna sono economiche piuttosto che ideologiche, e strettamente legate alla crescente produzione statunitense di armi costose con cui combattere la presunta minaccia dall’est.


I giorni felici della Guerra Fredda sono di nuovo con noi.
La campagna di propaganda contro il governo di Mosca sta aumentando, ei media mainstream occidentali collaborano adeguatamente con la pletora di “fonti ufficiali” che forniscono loro frammenti anti-russi privi di sostanza e prove ma abbastanza allettanti da attirare un pubblico acritico. Attenzione. Le azioni aperte dei governi di Washington e Londra, di solito militari ma anche economiche, sono presentate con un taglio nazionalistico progettato per guidare i loro obiettivi nella fede totale. La campagna è un discreto esempio di guerra psicologica, alla quale il Regno Unito, ad esempio, sta dedicando più tempo e denaro.

L’alleanza militare USA-Nato non è un club fanatico dei notiziari di pesca e la sua descrizione delle “intercettazioni” di aerei russi il 29 marzo ne è un buon esempio . È un’illustrazione relativamente minore, ma dimostra come il team Washington-Bruxelles si occupi di riportare gli affari internazionali. Il comunicato stampa della Nato ha dichiarato che “In tutto, gli aerei della NATO hanno intercettato sei diversi gruppi di aerei militari russi vicino allo spazio aereo dell’Alleanza in meno di sei ore”.

Gli aerei russi stavano volando nello spazio aereo internazionale e ovviamente non avrebbero intrapreso alcuna azione contro nessun paese della Nato o nessun altro, del resto. Ma il generale di brigata Andrew Hansen, vice capo delle operazioni presso il Comando aereo della Nato situato a Ramstein in Germania, ha dichiarato che “l’intercettazione di più gruppi di aerei russi dimostra la prontezza e la capacità delle forze NATO di proteggere i cieli alleati 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, 365 giorni all’anno. “
Cieli alleati”?
Questi aerei russi erano basati in Russia e volavano, come riconosciuto anche da USA-Nato, nello spazio aereo internazionale. Questo non ha niente a che fare con i “cieli alleati”.
Come non è insolito, c’è stata una dimostrazione della verità nella dichiarazione USA-Nato che affermava che c’erano “sei diversi gruppi” di aerei russi. Infatti il ​​comunicato stampa diceva che c’erano “due gruppi vicino alla costa norvegese”, poi un gruppo sul Mar Nero e un aereo di pattuglia marittimo sul Baltico.
Questa ammissione fa quattro “gruppi” dei sei dichiarati. Ma non era del tutto falso (che è ciò di cui parla psyops), perché ci sono state effettivamente sei intercettazioni da parte di caccia intercettatori provenienti da Norvegia, Gran Bretagna, Belgio, Turchia, Romania, Bulgaria e Italia. (Era, assurdamente, un audace jet da combattimento italiano che “ha intercettato” l’aereo di pattugliamento marittimo Il-38 disarmato sul Baltico.) L’intera pantomima aerea èstata eseguita per i titoli dei media sulla “minaccia russa”.

Aerei della NATO

D’altra parte, non ci sono stati molti titoli riguardo allo sviluppo da parte della Russia del vaccino anti-Covid Sputnik V, perché questo è stato un successo, e i media mainstream dell’Occidente non riportano i successi russi. Il sito “Spaceflight Now” contiene dettagli riguardanti i lanci della navicella spaziale russa Soyuz verso la Stazione Spaziale Internazionale, ma solo raramente si fa menzione di questo vitale servizio navetta in punti vendita come il Washington Post , che preferisce dare risalto alla compagnia privata statunitense SpaceX che, sebbene sia riuscita a condurre gli attracchi delle stazioni spaziali, sta vivendo una serie di fallimenti. Come riportato da un quotidiano britannico il disastro più recente, “SpaceX ha detto che il [razzo] SN11 ha subito un rapido smontaggio non programmato”. In altre parole, è esploso. ” Se fosse stato un razzo russo, la pubblicità sarebbe stata piuttosto diversa.

C’è stata una cooperazione spaziale USA-Russia per circa 25 anni, e Reuters ha riferito il 3 aprile che “il governo russo ha approvato l’estensione di un accordo di cooperazione nello spazio con gli Stati Uniti fino a dicembre 2030”, che è un’iniziativa ammirevole e importante che lo farà ma non attirano consensi e nemmeno l’attenzione nelle sale del Campidoglio o nei fili dei media mainstream. E per essere onesti, non c’è alcun tentativo da parte dell’amministrazione dello zio Joe a Washington di mascherare il suo disgusto per Mosca.
Il suo Segretario alla Difesa, il generale Lloyd Austin, il 1 aprile “ha ribadito il fermo sostegno degli Stati Uniti alla sovranità dell’Ucraina, all’integrità territoriale e alle aspirazioni euro-atlantiche. Ha condannato le recenti escalation di azioni aggressive e provocatorie russe nell’Ucraina orientale e ha offerto le condoglianze al ministro per la morte di quattro soldati ucraini il 26 marzo “.

Il portavoce del Pentagono è stato ben lungi dall’essere conciso e illuminante quando gli è stata posta una domanda su questa censura. In particolare gli è stato chiesto “hai detto che il Segretario ha condannato le recenti azioni russe … puoi essere un po ‘più specifico ancora una volta su ciò che sta condannando?” La risposta ha divagato, ma ha avuto il merito di pubblicizzare il sostegno incondizionato del Pentagono al governo corrotto di Kiev. La sua risposta si contraddiceva, “Come ho detto ieri, voglio dire, stiamo monitorando la situazione per quanto riguarda i rapporti militari ucraini dei posizionamenti e delle forze militari russe lungo il confine. Siamo … questi sono rapporti militari ucraini. Lo stiamo monitorando molto, molto da vicino e certamente chiediamo ai russi di essere più trasparenti su di cosa si tratta, ma abbiamo imparato dalla storia amara a non prendere solo per valore le affermazioni russe delle loro intenzioni “.

Truppe USA in Ucraina

L’entusiasta accettazione da parte del Pentagono dei “rapporti militari ucraini” è un indicatore fondamentale della politica nazionale degli Stati Uniti, e non ci si può aspettare che questo cambierà, non più delle opinioni anti-russe degli ultranazionalisti in Inghilterra, uno dei quali, nello stesso giorno delle dichiarazioni di tamburi di guerra del generale Austin, aveva scritto che “Bruxelles non può definirsi una forza del bene quando i suoi membri sono pronti a trattare con Putin sui vaccini. I massimi leader dell’UE si stanno entusiasmando verso il jab di fabbricazione russa, in un colpo di propaganda per Vladimir Putin “.
È a malapena credibile che un importante quotidiano come il Daily Telegraph approvi la pubblicazione di tale palese malevolenza, ma nonostante il fatto che il vaccino Sputnik V sia stato approvato da 58 paesi (sebbene ancora in attesa dell’approvazione formale da parte dell’Agenzia europea per i medicinali), i bigotti prostituiti dei media sono determinati a intensificare la loro campagna di odio. A loro non importa che tali crociate causino la morte.

Anche se a molti europei non piacciono le politiche del cancelliere austriaco Sebastian Kurz, è difficile non essere d’accordo con la sua dichiarazione sullo Sputnik V secondo cui “Non devono esserci paraocchi geopolitici riguardo ai vaccini. L’unica cosa che deve contare è se il vaccino è efficace e sicuro “.

Assolutamente giusto. Ma prova a dirlo ai confronti e ai propagandisti il ​​cui scopo è incoraggiare il rovesciamento dei leader che non sono d’accordo con le loro politiche. I loro stupidi “fandangos” nell’aria hanno lo scopo di aumentare la tensione con la Russia – e la Cina – e la campagna contro il vaccino russo ha raggiunto un nuovo minimo nelle relazioni internazionali. L’amministrazione Biden brandisce i randelli dello scontro e il mondo è un posto più pericoloso per questo.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • La soluzione
    Inserito alle 21:25h, 07 Aprile Rispondi

    I bambini vanno accontentati, poi dopo vari scappellotti capiscono che stanno rompendo i coglioni. Gli si da un lecca lecca e vanno a nanna.

  • atlas
    Inserito alle 00:20h, 08 Aprile Rispondi

    intanto una brutta notizia, Navalny sta male (e ti credo, è in galera), pare che abbia il ‘covid’, o addirittura tubercolosi

    umanamente dispiace, perchè è una persona umana (cmq se proprio dovessi scegliere tra lui e un gatto salverei il gatto, ma sarebbe una decisione sofferta e dettata da gusti personali). Allo stesso tempo rilevo come Il Creatore abbia deciso di schierarsi apertamente con la Russia

  • giorgio
    Inserito alle 08:39h, 08 Aprile Rispondi

    Che terribile notizia ……. Atlas ……
    da amante dei gatti, non ho dubbi, uno dei miei gatti vale più di mille Navalny …… anzi faccio torto ai felini nel fare simili paragoni ……
    Naturalmente per i media occidentali ogni malessere vero o presunto di Navalny e Zaki sono tutto oro che cola ….. per rilanciare le loro campagne “umanitarie” ……. e dimenticare Assange e Snowden …… e tutti i poveri cristi, di cui ignoriamo l’esistenza, che languono nelle carceri sioniste e usa …….

    • atlas
      Inserito alle 09:41h, 08 Aprile Rispondi

      in Russia come in Tunisia l’omofilia è vietata per Legge. Questo vuol dire un non ‘mettersi a 90 gradi’ di fronte alle politiche occidentali

      ma le propagande diaboliche democratiche contro le Nazioni Sovrane (o ciò che resta del Sovranismo…) continuano imperterrite e organizzate nel tentare l’effemminazione delle società. Ma non avranno presa se non su chi (perverso d’animo), è destinato che abbia presa: e maledizione del Creatore a destino. Guardare il video (per la gioia di kaius)

      W la Tunisia, W l’Islam, W le Leggi tunisine. Io per gli omofili metterei la pena di sevizie finchè non si correggono, e poi la pena di morte

      in Tunisia l’omofilia è punita con 3 anni di carcere

      https://www.youtube.com/watch?v=00I51ab6qNk

      • Kaius
        Inserito alle 18:33h, 08 Aprile Rispondi

        L omofilia coke tutte le altre parafilie va sempre e solo punita con la morte.
        Soprattutto l omofilia che è la più schifosa,perversa e disumana tra le parafilie,ancor più della pedofilia.
        Infatti nella pedofilia gli organi sessuali sono sottosviluppari,mentre nell omofilia sono completamente assenti.
        Per questo sono perversioni,malattie e mostruosità contro natura che vanno eliminate.
        Comunque non sono solo gli omofili che metterei sui roghi ma anche gli adulteri,infanticidi e altra feccia.
        Piccolo accorgimento:a Napoli fino a poco tempo fa,quando c erano le femmine(non le puttane),chi metteva una mano addosso a una donna finiva in una fossa comune.

Inserisci un Commento