La caccia alle aziende che restano in Russia da Yale o Stanford

di Ulrike Reisner

Con il pretesto della “scientificità”, università americane d’élite come Yale o Stanford stanno preparando saccheggi in Europa e in Russia. Sono volentieri supportati dai leader ucraini. Quasi ogni mezzo è abbastanza buono per danneggiare le aziende europee.

La banca austriaca Raiffeisen Bank International è sotto pressione, meno economicamente che moralmente. È vero, ha rallentato i nuovi affari con i clienti nella Federazione Russa dall’inizio della guerra. Ma la banca non si è ritirata dal mercato russo. Il forte corso del rublo e un buon livello dei tassi di interesse hanno consentito a Raiffeisen di realizzare utili per 1,4 miliardi di euro tra gennaio e settembre 2022, ovvero la metà degli utili del gruppo. Tuttavia, Raiffeisen non può attualmente accedere a questo denaro a causa delle contro-sanzioni russe.

La pressione ora sta crescendo, poiché il presidente del consiglio di amministrazione, Johann Strobl, e l’amministratore delegato, Andreas Gschwenter [1] , si trovano sul sito ucraino “War & Sanctions” [2] alla voce “in attesa di sanzioni”. I principali sponsor del sito, il Ministero degli Affari Esteri ucraino e l’Agenzia nazionale anticorruzione ucraina (NAZK) raccomandano quindi chiaramente che i due uomini vengano puniti. [3] , [4] Ufficiosamente, apprendiamo dagli interessati che stanno aumentando le pressioni sui clienti russi e ucraini di Raiffeisen Bank International affinché ritirino i loro fondi.
Apparentemente, la guerra economica infuria anche sui social media. Screenshot come questo[5] dovrebbero dimostrare che Raiffeisen concede condizioni di credito particolarmente vantaggiose ai soldati russi. Tutte le banche russe sono tenute dalla legge russa a concedere una moratoria sui prestiti ai soldati di leva, ha spiegato a questo proposito Raiffeisen Bank International.

Scatena i cani sull’economia

Torniamo all’Ucraina: “War & Sanctions” è una miniera d’oro per il sistematico attacco pubblico alle aziende e alle persone che lavorano per loro. Lo scopo di questo sito è “ informare i governi stranieri e il pubblico in generale delle sanzioni già imposte alla Russia e richiedere un’estensione delle sanzioni contro coloro che sostengono la guerra. Ciò consentirà di esercitare la massima pressione sui complici della guerra e di avvicinare la vittoria all’Ucraina ”.

In questo contesto, il pubblico è chiamato a partecipare attivamente alla caccia: “Il portale consente anche agli utenti di dichiarare i patrimoni dei destinatari delle sanzioni. I beni congelati possono contribuire alla futura ricostruzione dell’Ucraina. Gli utenti possono inoltre segnalare qualsiasi informazione disponibile sull’elusione delle sanzioni”.

Ufficialmente, gli operatori della piattaforma si impegnano a cooperare con la task force internazionale sulle sanzioni russe del Freeman Spogli Institute for International Studies della Stanford University, e in particolare con il gruppo di esperti Yermak-McFaul. [6] Il gruppo di esperti è stato creato su iniziativa del presidente Volodymyr Zelensky. È guidato dal capo dell’ufficio presidenziale ucraino Andrii Yermak e dal direttore del Freeman Spogli Institute for International Studies (FSI), Michael McFaul.

Standford University

Oltre a Michael McFaul, è soprattutto Jeffrey Sonnenfeld ad essere attivo negli Stati Uniti quando si tratta di rintracciare un possibile sostegno della Russia nell’economia internazionale. Il fondatore del Chief Executive Leadership Institute della Yale School of Management ha osservato dal febbraio 2022, secondo le sue stesse indicazioni, ben oltre 1.200 aziende. [7]

Sonnenfeld si vanta di aver così dato un contributo non trascurabile alla guerra economica contro la Russia: “ La nostra lista è già stata oggetto di ampia copertura mediatica, perché ha contribuito ad accelerare l’esodo di massa delle imprese dalla Russia ”. Sonnenfeld ha ospitato un collegamento in diretta sull’argomento con il presidente Volodymyr Zelensky al vertice dei CEO di Yale nel giugno 2022. [8]Il suo database è costantemente aggiornato e costituisce – come “War & Sanctions” – una “Hall of Shame” di tutte le aziende e le persone che non vogliono sottostare alla logica delle sanzioni statunitensi. Inutile dire che Sonnenfeld spera anche che il suo database abbia il supporto attivo di decine di migliaia di informatori. Il suo obiettivo: far crollare l’economia russa una volta per tutte. [9]

Delle attuali 226 compagnie internazionali che – secondo le osservazioni di Sonnenfeld – si rifiutano ostinatamente di lasciare la Russia, ci sono solo 25 compagnie americane. Allo stesso modo, 25 società sono francesi, 12 austriache, 19 tedesche, 12 italiane, 5 spagnole, 4 svizzere e 41 cinesi.

Gli Stati Uniti stanno conducendo una guerra economica contro la Russia e l’Europa, con il pretesto di difendere i “valori occidentali” come la democrazia o lo stato di diritto. Per fare ciò, la tecnostruttura ricorre ad università come Stanford o Yale che, con il pretesto della “scientificità”, preparano il saccheggio in Europa e in Russia. Sono volentieri supportati dai leader ucraini.

Ricordiamo che le élite dell’UE hanno concesso all’Ucraina lo status di candidato all’adesione.

Ricordiamo che il Consiglio americano per le relazioni estere chiede pubblicamente che l’Ucraina abbia accesso immediato al mercato interno dell’UE per sostenere l’economia del paese.

Ricordiamo anche il motto ufficiale della Yale School of Management: “Novus Ordo Seclorum”. È anche uno dei due motti latini che compaiono sul retro del sigillo degli Stati Uniti e adornano il retro della banconota da $ 1.

Il cerchio si chiude così: si tratta del potere egemonico e degli interessi economici della tecnostruttura americana.

Fonte: lecourrierdesstrateges.fr

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM