LA BREXIT POTREBBE ESSERE IL PIÙ GRANDE DISASTRO DELLA GRAN BRETAGNA


Theresa May si è guadagnata la sua sconfitta in Parlamento e deve incolpare solo se stessa . La Brexit ha sviluppato un enorme potere distruttivo. Non importa come finirà questo dramma britannico, il danno rimarrà, afferma Barbara Wesel di DW.

Theresa May ha subito una schiacciante sconfitta nel voto sull’accordo di ritiro del Regno Unito con l’UE. Il primo ministro britannico dovrebbe effettivamente dimettersi dopo questa storica sconfitta, ma May ha stroncato la questione delle dimissioni sul nascere. Ha detto di aver assunto il ruolo di Primo Ministro al fine di implementare la Brexit e adempiere a questo compito. E questo è tutto.

May sopravviverà anche al voto di sfiducia dell’opposizione, nella sua ostinata determinazione di rimanere a galla. Questo perché i conservatori chiuderanno di nuovo i ranghi non appena si tratta di mantenere il potere. Ma per la politica britannica, la persistenza della May, che ha a lungo rasentato la testardaggine, è un vero disastro.Potrebbe meritare questa sconfitta in Parlamento, perché lei stessa ne ha la colpa. Il fatto che la Brexit abbia portato il suo governo, il Parlamento e la politica britannica in generale a essere così divisa e bloccata è anche dovuto alla particolare incapacità politica di questa allampanata signora. Sin dall’inizio, come capo del governo, aveva solo in vista i suoi colleghi conservatori. La May ha parlato solo con i propri intransigenti membri del partito, cercando di mantenere la festa insieme a tutti i costi. In tal modo, non è riuscita a costruire alleanze, a raggiungere l’opposizione e ad emettere dei compromessi.

La sua ostile retorica contro i lavoratori dell’UE, ad esempio, e contro l’Europa stessa, ha solo approfondito le divisioni tra i campi. E lei non ha fatto amicizia con i suoi colleghi europei, da cui dipenderà a seconda di quando arriverà il Regno Unito a trattare, e anche dopo. Theresa May manca della statura di un capo di stato. Non sta mostrando alcuna responsabilità per il futuro o per il benessere della Gran Bretagna. Come politico, è troppo piccola e troppo stretta, troppo rigida e poco immaginativa per i tempi difficili che la Brexit ha prodotto.
Impegnata nella sua campagna di diffamazione della Russia e nelle macchinazioni, come il caso Skripal, per indicare Putin come il nemico dell’Occidente, non si accorgeva che il terreno le stava franando sotto i piedi.

Corbyn leader laburista

Gli inglesi avrebbero avuto bisogno di un capo di stato diverso, ma il leader dell’opposizione Jeremy Corbyn non è nemmeno lui considerato adatto da parte dei suoi stessi ranghi. E finora, non c’è nessun altro in vista che possa assumere il ruolo. Sembra che il buon senso, il compromesso e qualsiasi intuizione storica sul ruolo e le possibilità internazionali del paese siano scomparsi dalla politica britannica durante la notte.

Ma il vero incubo è che la disputa sulla Brexit è tutt’altro che finita. Le istituzioni politiche britanniche hanno dimostrato di non essere all’altezza delle sfide. Il governo è ai ferri corti e fallisce. E fino ad oggi, il Parlamento non è stato in grado di prendere decisioni contro le proposte esistenti e non è in grado di trovare una via d’uscita dalla crisi.

La Camera dei Comuni è l’unica possibilità della Gran Bretagna di sfuggire allo spettacolo dell’orrore della Brexit. I membri del Parlamento dovranno trovare la maggioranza attraverso le linee del partito. Questo potrebbe significare una Brexit più morbida, come rimanere nel mercato interno. Oppure potrebbe significare un secondo referendum, quando la leadership laburista finalmente si allontana dalle sue illusioni socialiste.

Nessuna di queste soluzioni sarà facile da raggiungere o garantire un buon risultato. Ma questo mostra il potere distruttivo senza precedenti della Brexit, che non sta lacerando l’UE come previsto, ma piuttosto sta facendo a pezzi la Gran Bretagna. La Brexit è probabilmente il più grande disastro del paese e i politici come la May se lo meritano tutto.

Sergei Leonov

7 Commenti

  • Gianfranco Ciavattella
    17 Gennaio 2019

    Non ci sarà nessuna Brexit ne Italexit o altro. Questo branco di mediocri provocheranno solo un crollo generale della UE. Speriamo solo che ciò non si ripercuota sulle popolazioni con conseguenze indicibili.

    • atlas
      18 Gennaio 2019

      infatti. Non è l’Unione Europea in quanto tale, che Berlusconi e gli ameri cani non hanno mai voluto, ma chi vi si è infiltrato dandole un’orientamento democratico (che forse non poteva essere altrimenti, l’alternativa è il pensiero di Hitler). Se poi finisce l’€ finiamo tutti nella miseria più buia. Anche in Bangladesh ci orinano in faccia

  • nicholas
    17 Gennaio 2019

    Speriamo che crolli il più presto possibile ste europa.
    Qualcuno ha un idea, quando ciò potrà avvenire? Grazie

  • amadeus
    17 Gennaio 2019

    è stato uno dei più grandi disastri della storia di un paese, un terremoto nazionale di 6°non ci sarebbe costato tanto quanto ci é costato aderire, chi é stato la causa di questo deve pagare!

  • amadeus
    18 Gennaio 2019

    Certo disastro se resta, su questo non ce dubbio, già stanno applicando il terrorismo politico/economico perché i buoi stanno cercando di scappare dalla stalla e loro stanno facendo di tutto perché ciò non avvenga, anche perché sarebbe un effetto domino per la altre stalle in cui i buoi già scalpitano che vogliono uscire.

  • Max
    18 Gennaio 2019

    Dopo 18 anni di euro, analisi:
    Classe media sparita,pi ola e medio piccola impresa decimata.Potere acquisto annullato.
    Consumi ridotti al minimo indispensabile.!

    • atlas
      19 Gennaio 2019

      guarda che nella Milano che ti hanno fatto bere negli anni ’80 ( ” stavamo tutti bene ” ) Berlusconi c’era già. E la P2 pure. Con tutti i suoi artifizi. E l’artifizio è un elemento costitutivo del reato di truffa. Che cominciò già nel 1978, con la violenza delle squadre della nato e la morte di Moro. Con le lire non con l’€ quindi

Inserisci un Commento

*

code