La Bielorussia non è ancora stata sottoposta al lavaggio del cervello dalla propaganda mondialista

In Bielorussia 52.000 cristiani firmano una petizione per vietare la difesa della LGBT e la propaganda omosessuale.
I credenti in Bielorussia chiedono al loro presidente di adottare una legge che vieti la promozione e la dimostrazione pubblica dell’omosessualità e di altre perversioni sessuali ai minori.

I credenti in Bielorussia hanno richiesto al loro presidente di adottare una legge che vieti la promozione e la dimostrazione pubblica dell’omosessualità e di altre perversioni sessuali ai minori.

Una raccolta di firme con un appello al presidente Alexander Lukashenko è stata avviata dalla fondazione di beneficenza “Open Hearts” con il sostegno della Chiesa bielorussa ortodossa e della Chiesa cattolica della Bielorussia. 52.600 firme sono state raccolte dallo scorso autunno, che presto saranno trasferite all’amministrazione presidenziale, hanno riferito i promotori della raccolta lunedì ai giornalisti, riferisce Interfax .

“Le oltre 52.000 firme provenienti da tutte le regioni della Bielorussia risultanti da questa iniziativa ci consentono di parlare della scala unica dell’espressione della volontà della gente su questo tema”, ha detto Vladislav Volokhovich, capo di Open Hearts.

I rappresentanti di Open Hearts hanno sottolineato che non solo cercano misure proibitive, ma chiedono anche la creazione di un programma nazionale extra-dipartimentale per aiutare a preservare i valori tradizionali e identitari, “cosa che è una garanzia per l’esistenza della Bielorussia come nazione unica e sovrana. ”

“Non ci opponiamo a nessuno. Stiamo proteggendo i nostri figli e segnando linee rosse che non possono essere attraversate “, ha spiegato Volokhovich, sottolineando che questa non è un’iniziativa per mettere fuorilegge l’omosessualità, ma solo per proteggere i bambini dalla corruzione.

Ragazze della Bielorussia

Ha anche sottolineato che le firme sono state raccolte nelle chiese ortodosse e cattoliche e anche da cittadini preoccupati per strada. “Dalla raccolta delle firme, è diventato chiaro che la maggior parte dei bielorussi condividono questa iniziativa”, ha commentato il responsabile della beneficenza.

L’arciprete Andrew Lemeshonok, il padre spirituale del Convento di Santa Elisabetta a Minsk, ha spiegato che le tendenze malsane e patologiche sono apparse nell’uomo a seguito della caduta morale di questa epoca e non possono in alcun modo essere considerate la norma. Ha anche spiegato che ha avuto esperienza con persone con un orientamento non tradizionale che sono state in grado di tornare alla vita normale e iniziare famiglie normali.

“Il compito della Chiesa è così aiutare le persone a non perdersi e non finire in un vicolo cieco dove non c’è futuro”, così ha detto padre Andrew.

Da parte sua, l’arcivescovo Tadeusz Kondrusevich, della Chiesa cattolica bielorussa, ha sottolineato che tutte le persone di qualsiasi orientamento devono essere trattate con rispetto e amore, ma che il peccato rimane il problema.

È stata quindi pubblicata una risposta alla conferenza stampa in cui rappresentanti della comunità LGBT chiedono la fine delle “mura” che dividono le persone.

“Ci viene detto:” I bielorussi condividono la nostra iniziativa “. Siamo anche bielorussi, paghiamo le tasse, studiamo e lavoriamo in questo paese. Siamo figlie e figli, vicini e colleghi ”, si legge nella risposta.

“Ci viene detto che le firme provengono da ortodossi e cattolici. Siamo anche credenti. Andiamo in chiesa. Smettiamo di fingere che i parrocchiani LGBT non esistano ”, continua, chiedendo al governo di adottare una legge antidiscriminazione che protegga i diritti di tutti i cittadini senza eccezioni.

Nel 2013 , la Russia ha approvato un emendamento alla legge sulla protezione dell’infanzia del paese contro la “propaganda dei rapporti sessuali non tradizionali con i minori”.


Nota: La normativa russa mette al primo posto la protezione della famiglia tradizionale, costoituita da uomo e donna e dai figli. In tale normativa viene proibita l’ostentazione e la propaganda della omosessualità, così come viene da sempre proibita la pedofilia, l’utero in affitto, l’eugenetica e tutte le forme di degenerazione che sono diffuse in molti paesi occidentali.

https://russia-insider.com/en/belarus-not-yet-brainwashed-jewish-propaganda-52000-christians-sign-petition-ban-advocacy-lgbt

Fonte: Fort Russ

Traduzione e nota: Sergei Leonov


7 Commenti

  • Teoclimeno
    15 Aprile 2020

    La degradazione morale, è una costante tipica delle società in decadenza.

    • atlas
      15 Aprile 2020

      non sto scherzando, spero vivamente che Putin metta mano ai bottoni per la guerra nucleare contro giudei e usa, primi responsabili di questa disgrazia che stiamo vivendo. Vivere così daltronde non ha senso

  • Kaius
    15 Aprile 2020

    Tutta la feccia parafiliaca,in tutte le sue varianti deve essere messa a morte insieme a chi la sostiene.

  • eusebio
    15 Aprile 2020

    La propaganda globalista è promossa dalla speculazione apolide per destabilizzare la società corrompendola e frammentandola, in modo da poterne controllare le istituzioni per poi gestirne la finanza e le le banche centrali.
    L’immigrazionismo, il meticciamento e la confusione sessuale sono gli strumenti principe della destabilizzazione delle società occidentali.
    Negli USA un ispanico per aver bruciato una bandiera LGBT si è beccato vent’anni.
    La Bielorussia è un paese dove la minoranza “apolide” è molto scarsa, e quindi poco influente.
    Pure in Italia la stessa minoranza è limitata a massimo 30000 persone, però sembra che lavorino tutti nella finanza o nei media.
    Comunque questa situazione è legata all’esistenza dello staterello affine in Palestina, il quale è circondato da popolosi, potenti e feroci nemici, quindi destinato con la sostituzione dell’egemonia globale russo-cinese a quella occidentale a fare una bruttissima fine.

  • Mardunolbo
    15 Aprile 2020

    Lukashenko già si è tirato via dall’alleanza con la Russia (chissà quanti soldi ha ricevuto e quanti promessi per la Bielorussia !). Con questa petizione può chiedere altri dollaroni ai “benefattori” per ricattarli di più….
    Non ho molta fiducia che questa petizione ottenga un effetto perchè l’orientamento filo-europoide si è già fatto sentire.

  • Fabiana
    15 Aprile 2020

    Bella notizia.

    I problemi nel mondo sono partiti dall’inversione dei ruoli uomo donna.
    Dallo sgretolamento della famiglia e dal declassamento dei sentimenti quali amore pietà compassione etc .

    a sostegno di questa tesi ricordo, ad esempio, che negli anni passati erano più importanti i gay che i sordomuti, categoria disabile da sempre sottovalutata o ancora erano più importanti i gay che non la problematica delle persone anziane sole.

    Questi, sentendosi spalleggiati da una forte
    Propaganda a loro favore, addirittura nelle fiction c era e c è sempre la situazione gay incastonata a forza nella trama che guarda caso non sono mai colpevoli di nulla ma sempre vittime indiscusse degli etero.
    Non ho nulla contro ma credo che anche loro stessi, se sapessero quanto sono stati strumentalizzati dal sistema globalistico per distruggere la famiglia tradizionale,.. penso si incazzerebbero a morte.

    Bene così!!

  • kaius
    16 Aprile 2020

    Sono solo omofili,mostri contro natura psico sessualmente malati come i pedofili,zoofili ecc..
    L omofilia e’ una parafilia come tutte le altre se non peggiore e come tale va perseguitata.
    Non vedo l ora di vedere anche gli altri parafiliaci indicati come ”vittime”,magari mentre stuprano un bambino o chissa’ cos altro.
    Abominevoli mostri,pervertiti e malati di mente da mettere sui roghi.

Inserisci un Commento

*

code