La Bielorussia di fronte all’odio occidentale


Alexander Loukachenko è accusato di essere un dittatore da venticinque anni, cioè da quando ha mandato a pascolare il FMI e la Banca mondiale “. Per Marcel Gerber, buon conoscitore della Bielorussia, il piccolo Paese europeo è condannato dalle gemme occidentali perché è l’unico Stato dell’ex URSS a ” non essere stato” democratizzato “da una brutale transizione al capitalismo “.


” Lo sviluppo della Bielorussia è stato lungi dal compiacere le potenze occidentali come gli Stati Uniti o l’Unione Europea, che sperano ancora di mettere le mani sulla ricchezza del Paese “ ~ Marcel Gerber

*
di Marcel Gerber.

La notte dell’8 dicembre 1991, tre persone si sono radunate in una dacia sperduta nella foresta bielorussa. Sono Boris Eltsin, presidente della Repubblica socialista federativa sovietica russa, Stanislaw Shushkievich, presidente della Repubblica socialista sovietica bielorussa e Leonid Kravchuk, presidente della Repubblica socialista sovietica ucraina. Al termine di una serata ubriaca, i tre protagonisti decidono democraticamente, con tre voti incontrastati, di porre fine all’esistenza dell’URSS, nonostante il recente voto della popolazione sovietica del 17 marzo 1991, che votò al 78% il mantenimento del URSS con l’80% di partecipazione.
La Bielorussia, una delle quindici repubbliche che formano l’URSS, diventa per la prima volta nella sua storia un paese veramente indipendente. Già agricolo, il paese era diventato la parte più sviluppata dell’URSS in termini di agroalimentare, metallurgia, chimica, produzione di macchinari e veicoli commerciali, con un alto livello di istruzione. Paese pianeggiante, ricoperto di foreste e senza grandi risorse naturali, era anche largamente dipendente dal commercio con le altre repubbliche sovietiche.

Il resto è noto. La corrotta “nomenklatura” delle altre ex repubbliche sovietiche, delle organizzazioni mafiose e dei predatori occidentali ha condiviso la maggior parte della ricchezza creata da tutti i cittadini, portando a un forte calo della produzione e del tenore di vita. Questo spiega perché la nostalgia per l’URSS è ampiamente presente in questi paesi.

Itinerario di un “dittatore”
L’attuale presidente bielorusso Alexander Lukashenko è nato il 30 agosto 1954. Dopo gli studi, ha studiato presso la facoltà di storia dell’Istituto pedagogico Mogilev, da cui si è laureato nel 1975. Si è unito al Partito comunista nel 1979. Si è laureato in agricoltura presso l’Accademia della Bielorussia nel 1985. Nel 1987 ha assunto la gestione di una fattoria collettiva fino al giugno 1993. Nel 1990, Alexander Lukashenko è entrato in politica ed è stato eletto deputato al Parlamento della Repubblica Sovietica Bielorussa. Al suo interno, ha creato un gruppo chiamato “Comunisti per la democrazia”, ​​proponendo un decentramento del potere e una maggiore autonomia per la Bielorussia nei confronti dei leader di Mosca.
Dopo la fine dell’URSS, Alexander Lukashenko si oppose pubblicamente allo sviluppo capitalista del paese. Nel 1993 è stato eletto presidente del Comitato anticorruzione del parlamento bielorusso, un lavoro a tempo pieno. La sua lotta alla corruzione e ai privilegi dei leader “storici” accusati di appropriazione indebita gli hanno assicurato una grande popolarità.

Nel 1994 si svolsero le prime elezioni presidenziali del nuovo stato, con sei candidati, compresi quelli al potere dall’epoca sovietica. Alexander Lukashenko è un candidato con un programma per la conservazione dei principali risultati del potere sovietico: salute, istruzione, piena occupazione, servizi sociali, proprietà statale di grandi aziende e terreni. Guida il primo turno con il 45% dei voti e vince il secondo turno con oltre l’80%. A 40 anni è il primo presidente eletto democraticamente del nuovo stato bielorusso.

Lukashenko con Putin

Presidente con poteri limitati di fronte al vecchio apparato statale ostile al programma per il quale è stato eletto, Alexandre Loukachenko ha proposto nel 1996 una nuova Costituzione che rafforzasse i poteri presidenziali. È approvato dal 70% dei votanti con una partecipazione superiore all’80%. Il paese è ora chiamato Repubblica di Bielorussia e ha una nuova bandiera rossa e verde. Alexander Lukashenko applica quindi con autorità e determinazione il programma per il quale è stato eletto, ovvero la realizzazione di un “socialismo di mercato” che permetta l’esistenza di un’economia privata, con tuttavia limitazioni che impediscono la creazione di uno strato di grandi capitalisti.

Con questa politica la nuova Repubblica di Bielorussia è stata tirata fuori dalla stasi in pochi anni ed è diventata rapidamente un paese sviluppato sotto tutti i punti di vista – industriale, agricolo, nuove tecnologie – migliorando i servizi pubblici, l’istruzione e la salute in via prioritaria. Secondo la Banca Mondiale, la Bielorussia ha il tasso di povertà più basso d’Europa. Come nell’ex URSS, il lavoro è garantito a tutti i cittadini. La Banca Mondiale stima il tasso di disoccupazione in Bielorussia allo 0,5% nel 2015.

L’offensiva occidentale
Lo sviluppo della Bielorussia, unica continuità riuscita dell’URSS, è stato lungi dall’appellarsi a potenze occidentali come gli Stati Uniti o l’Unione Europea, che sperano ancora di mettere le mani sulla ricchezza del Paese o che, come la NATO, vogliono controllare avvicinarsi militarmente a Mosca. Queste sono le ragioni principali dell’odio contro la Bielorussia. Le azioni per “democratizzarla” non sono cadute nel merletto. È stato persino dichiarato parte dell'”asse del male” dall’amministrazione Bush.
Questa offensiva esiste su base permanente e sono state messe in atto strutture di intervento, anche attraverso la creazione di pseudo organizzazioni non governative. Il Congresso degli Stati Uniti ha persino votato, il 20 ottobre 2004, una legge specifica volta a “stabilire la democrazia in Bielorussia” (la legge sulla democrazia bielorussa del 2004). Questa legge stanzia decine di milioni di dollari all’anno per creare e sostenere un’opposizione (come V colonna degli USA), in grado di prendere il potere a Minsk.

Russia Bielorussia esercitazioni militari congiunte

Allo stesso modo, il denaro scorre liberamente per la V colonna da parte di varie agenzie statali: USAID (Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale), NED (National Endowment for Democracy [definita come un’organizzazione “privata non governativa” ma quasi interamente finanziata da Washington]), l’Unione europea , ecc. – o da privato – come le reti di George Soros o i due partiti americani. Questi “aiuti” vengono pubblicati anche su Internet con il pretesto di “azioni per la democrazia”.

Far credere alla gente che i bielorussi vivono sotto il terrore è un altro asse di disinformazione. Queste persone hanno grandi doti di accoglienza e conoscono molto bene la situazione dei paesi circostanti, con uno sviluppato insegnamento delle lingue straniere. Il tenore di vita è relativamente alto, senza apparente miseria come nelle nostre società occidentali. Una società “pacifica”, gente rilassata e sorridente. Senza soffermarci su ciò che possiamo sentire lì, siamo molto lontani dall’immagine che viene data di questo paese, di cui non mostriamo quasi nulla a parte i manifestanti filo-occidentali 1 che non osano presentare apertamente il loro programma generale di privatizzazione con l’adesione all’UE e alla NATO.

Eppure i predatori occidentali pronti a spartirsi la Bielorussia sanno di cosa c’è da impadronirsi di questo Paese, come sottolinea un rapporto privilegiato di Anders Aslund, uno degli autori di questa “terapia d’urto” che ha devastato altri paesi dell’ex blocco sovietico. :
“ I turisti che visitano la Bielorussia sono sorpresi. È l’ultima economia sovietica che funziona davvero. […] Questa economia industrializzata è dominata da una quarantina di imprese pubbliche, in particolare nell’industria pesante. Fanno ancora […] prodotti sovietici, ma questi sono i migliori prodotti sovietici che tu abbia mai visto. […] I problemi macroeconomici sono minimi. L’inflazione è sotto controllo e si aggira intorno al 5%. Il deficit di bilancio ufficiale è minimo e il debito pubblico totale è limitato al 35% del PIL. […] Nel complesso, la struttura della pubblica amministrazione è in buone condizioni, forse la migliore di tutta l’ex URSS. […] Non ci sono grandi uomini d’affari o oligarchi privati ​​in Bielorussia. La corruzione è ancora sorprendentemente rara… ”2

Mappa Bielorussia

L’unico timore per i predatori occidentali è la concorrenza degli oligarchi russi, altrettanto rapaci ma in una posizione migliore se l’attuale sistema fosse sostituito. La Bielorussia sta quindi attraversando una guerra sotterranea che potrebbe un giorno trasformarsi in una vera guerra, visto che i paesi vicini, Lituania, Polonia o Ucraina, sono sempre più armati per questa , con il pretesto della “minaccia russa”.

Perché la popolazione sostiene in modo schiacciante Alexander Lukashenko in ogni elezione? Ci sono diverse ragioni per questo. Prima di tutto, i bielorussi hanno per la prima volta nella storia una nazione indipendente. Poi, avendo vissuto una vita difficile in passato, sanno a chi devono la loro situazione attuale. Infine, vivono in una società senza problemi sociali significativi.

Come caratterizzare il sistema in vigore in Bielorussia? Alexander Loukachenko agisce secondo i diritti conferitigli da una Costituzione adottata a larga maggioranza e dalle sue successive rielezioni. Fa rispettare la politica per la quale è eletto controllando strettamente la sua applicazione, che dettaglia molto spesso sui canali statali – troppo, per alcuni. È possibile caratterizzare il sistema bielorusso come “social-populista”, sociale conservando gli aspetti positivi dell’ex URSS e populista perché il presidente si comporta come “il padre della nazione”. Ma la Bielorussia non è uno Stato socialista nel senso stretto del termine, basato sulla democrazia diretta come quella praticata dalla Comune di Parigi.

Come nell’ex URSS, esiste in Bielorussia un apparato statale che ha i propri interessi e che potrebbe opporsi a rivendicazioni che vanno in una direzione veramente socialista, con il potere nelle mani dei lavoratori nel quadro di “uno stato basato sull’ecosocialismo”. . La pratica di Alexandre Loukachenko è autoritaria nel senso che impone la sua concezione dello sviluppo del Paese, come per le agri-città create per ridurre il divario città-campagna.

Il futuro della Bielorussia
Sapendo che non è eterno, Alexander Lukashenko ha proposto lo scorso autunno di discutere e sottoporre a votazione una nuova Costituzione che sostituisca il regime presidenziale con un regime basato sul predominio dell’Assemblea nazionale. Riuscirà la Bielorussia a continuare a svilupparsi resistendo alle offensive ostili, quando la base del sostegno maggioritario al presidente, cioè la generazione che ha conosciuto i problemi degli ultimi decenni del secolo scorso, sarà gradualmente sostituita da una gioventù che potrebbe essere meno insensibile alle sirene occidentali? Il futuro della Bielorussia è quindi incerto.

Fonte: https://nouveau-monde.ca
Rara eccezione, un piccolo reportage bretone (settembre 2019) prodotto al di fuori dei media mainstream: tebeo.bzh/587-bretons-dailleurs-en-bielorussie
A. Aslund, M. Haring, JE Herbst, A. Vershbow, ” Biden and Belarus: A strategy for the new administration “, Consiglio Atlantico, 27 gennaio 2021

Traduzione: Gerard Trousson

14 Commenti
  • luther
    Inserito alle 16:59h, 11 Luglio Rispondi

    Ora capisco l’arrapamento occidentale contro questo paese. È sempre la solita vecchia ripugnante storia: niente di nuovo, niente di buono. bell ‘articolo, mi è molto piacciuto.

    • atlas
      Inserito alle 19:17h, 11 Luglio Rispondi

      il termine democrazia dovrebbe essere bandito da ogni lessico. In Bielorussia sovrana certamente omofili, pederasti e pedofili non ci vivono bene, segno di civiltà e prosperità di quella Nazione e delle sue Leggi naturali

      • cherubbo
        Inserito alle 10:19h, 13 Luglio Rispondi

        AL Tabari, uno dei più grandi commentatori delle biografie è gli Hadith (racconti) di Maometto, disse che niente, Niente, contraddice il fatto che aisha fu sposata a 6 anni e stuprata a 6 anni.
        Aisha era una bambina, è lei stessa a dirlo in Ṣaḥīḥ al-Bukhārī Libro 58 Hadith 234.
        In Ṣaḥīḥ al-Bukhārī Volume 8, Libro 73, Numero 151 è scritto che Aisha voleva giocare con le bambole in presenza di Maometto.
        A me fanno piu’ schifo i pedofili.
        E cio’ non si puo’ negare perche’ significherebbe bestemmiare Il Ṣaḥīḥ di al-Bukhārī,e quindi dire che questa raccolta di hadith contiene falsità. Attenzione che Allah si arrabbia, poi va a finire che non ti da’ nessuna vergine in paradiso.
        Sisi sono proprio i democratici e quindi il 99% DELLA POPOLAZIONE ITALIANA I PEDOFILI.

        • atlas
          Inserito alle 11:25h, 13 Luglio Rispondi

          cambiamo strategia. Non diamo da mangiare ai troll democratici (non rispondiamogli nel merito dei loro commenti contrari all’orientamento sovranista del sito). E’ Luciano Lago che li deve definitivamente cancellare tutti, il sito è il suo. Finchè non lo fa è uno che dimostra solo di scrivere chiacchiere (democrazia)

          • cherubbo
            Inserito alle 15:52h, 13 Luglio

            1 Da quando questo sito e’ di stampo fascista/dittatoriale?
            2 Chi l ha deciso?
            3 Perche’ Luciano Lago dovrebbe cancellare i democratici e non i troll prezzolati come te?
            4 Come ti permetti di insultare gli altri utenti?
            5 Chi sei?
            6 Redazione ma cosa aspettate a cancellarlo visto che a quanto pare lancia frecciate anche a voi?
            hannibal e’ giorgio sono la stessa persona,scrivono gli stessi commenti copia/incolla.

  • Robert J.
    Inserito alle 17:20h, 11 Luglio Rispondi
    • Hannibal7
      Inserito alle 11:09h, 12 Luglio Rispondi

      ROBERTO J grazie per il link
      Ho guardato il servizio sulla Bielorussia
      Fichissimo…peccato che non capisco una mazza di francese
      Comunque….
      Da quel che ho visto non mi sembra affatto un posto dove la gente vive male,anzi….
      Mi ha trasmesso serenità…mi piacerebbe andarci
      Dasvidania egregio

    • Hannibal7
      Inserito alle 11:11h, 12 Luglio Rispondi

      Ops…mi correggo
      ROBERT….non Roberto
      Chiedo scusa

  • Mario
    Inserito alle 19:18h, 11 Luglio Rispondi

    EBREI SIONISTI AMERICANI FECCIA DELL UMANITÀ BISOGNA CANCELLARE QUESTA RAZZA MALEFICA E ASSASSINA W RUSSIA W CINA

  • antonio
    Inserito alle 19:43h, 11 Luglio Rispondi

    molti europei amano di più Russia Bielorussia ed Iran di quanto i loro governi prostituiti lascino trasparire, la censura di regime impera alla grande in USA, GB, Francia, Italia etc
    i media ed i politici sono comprati da Vaticano FED BCE e B.Inghlterra, dollaro sterlina ed euro sono in mano ai sionisti vaticani gesuiti e Rockfy-Rotschy

  • Giorgio
    Inserito alle 20:11h, 11 Luglio Rispondi

    W Lukashenko .e la Bielorussia ……… un altro bastione contro l’imperialismo anglo americano …….

  • Claudio
    Inserito alle 23:42h, 11 Luglio Rispondi

    GRANDE MR. LUKASHENKO RESISTI CONTRO QUESTI CAPITALISTI OCCIDENTALOIDI PUTRESCENTI

  • Hannibal7
    Inserito alle 10:40h, 12 Luglio Rispondi

    Bellissimo articolo,davvero
    Che dire,il presidente Loukashenko ha un curriculum da fare invidia
    È per questo gli occidentali lo vogliono deporre…a favore di un idiota filo occidentale e magari pure sionista (vedi il comico ucraino)
    Spero che l’alleanza con Mosca si faccia ancora più forte
    Da quel che ho letto,sarebbe un peccato per un paese così bello finire nella trappola satanica UE
    Complimenti ancora per l’articolo ben dettagliato
    E un augurio di cuore alla Bielorussia che possa continuare a prosperare in pace
    Dasvidania amici

  • Giorgio
    Inserito alle 19:16h, 13 Luglio Rispondi

    REDAZIONE ………..
    Questo Cherubbo dice ……… hannibal e giorgio sono la stessa persona, scrivono gli stessi commenti copia/incolla …….
    E’ possibile smentire le menzogne e le insinuazioni di questa persona ?
    La Redazione può contattare me e Hannibal ……. e avendo la certezza che non è così …….. può prendere i dovuti provvedimenti …….

Inserisci un Commento