La “Bibbia” strategica di Mackinder riconsiderata

È passato così tanto tempo da quando Brzezinski formulò originariamente il concetto di Mackinder, che la diplomazia classica è diventata eziolata (senza ossigeno).

Nel 1997, Zbig Brzezinski, l’originale “motore” dietro la trasformazione dell’Afghanistan in un pantano di “fango” in cui la Russia doveva essere trascinata, scrisse il suo celebre libro, “La Grande Scacchiera” . Si è trattato di un’opera che ha incorporato “per sempre” la dottrina Mackinder secondo cui “colui che controlla il cuore dell’Asia controlla il mondo” nello zeitgeist statunitense.

Significativamente, il sottotitolo era “American Primacy and Its Geostrategic Imperatives”. Brzezinski aveva già scritto nel suo libro che senza l’Ucraina, la Russia non sarebbe mai diventata il cuore della potenza; ma con l’Ucraina, la Russia avrebbe potuto e lo sarebbe diventata . Pertanto, la dottrina di Mackinder, “Colui che controlla il cuore del paese” , è stata codificata nella “legge canonica” degli Stati Uniti – per non consentire mai un cuore euroasiatico unito. E l’Ucraina venne vista come il cardine attorno al quale ruotava il potere geostrategico del paese (Russia).

Brzezinski stabilì inoltre che questo ‘Grande Gioco degli Scacchi’ dovesse essere un puro primato americano: “No, nessun altro gioca”, insisteva; è un gioco puramente per uno soltanto. Una volta spostato un pezzo degli scacchi; “noi” (gli Stati Uniti) giriamo semplicemente la scacchiera dall’altra parte e andiamo a muovere i pezzi degli scacchi dell’altro lato (contro “loro”). Non c’è nessun altro in questa partita”, ha avvertito Brzezinski.

Questo è il dilemma di oggi: è passato così tanto tempo da quando Brzezinski formulò originariamente il concetto di Mackinder, che la diplomazia classica è diventata eziolata (senza ossigeno).

Fu Henry Kissinger, tuttavia, a dare a Mackinder la sua celebre svolta: “ Chi controlla il denaro controlla il mondo ” sarebbe diventato il dollaro e l’egemonia bancaria finanziarizzata.

Ma Kissinger, in questo, ha sbagliato fin dall’inizio. Lo è sempre stato: “Chi ha capacità manifatturiera, materie prime, cibo, energia (umana e fossile) e una moneta solida può cambiare il mondo”. Ma Kissinger ha semplicemente ignorato quelle condizioni aggiuntive, e ha invece basato gli Stati Uniti sulla creazione di una “ragnatela” globale di dollari armati (toccalo, e la ragnatela delle sanzioni ti avvelena). Inoltre, questo sistema è stato moltiplicato attraverso Wall Street, analizzando l’accesso a trilioni di denaro appena creato solo ai soggetti conformi.

Kissinger, tuttavia, ha sviluppato la dottrina della “triangolazione” in un cenno a Mackinder: gli Stati Uniti dovrebbero cercare di allearsi con la Russia contro la Cina, oppure stare con la Cina, in opposizione alla Russia. Ma non lasciare mai che Cina e Russia si uniscano contro l’Occidente. Il cuore (euroasiatico) deve essere sempre fratturato.

Queste “regole” sono impresse nei circuiti mentali di Washington. Eppure le nozioni su cui si fondano oggi hanno poca validità. La massa terrestre, gli stati militarizzati (il cuore dell’Asia) e le potenze navali (gli atlantisti) difficilmente riflettono gli strumenti di potere più astratti di oggi.

La sfera del dollaro, per esempio, è stata senza dubbio una fonte di potere statunitense (imponendo agli stati l’obbligo di acquistare e detenere dollari) sin dall’accordo di Bretton Woods e dagli accordi sul petrodollaro. Ha creato una massiccia domanda sintetica del dollaro, che inizialmente ha funzionato bene per Washington. Ma ora, non così tanto.

Era troppo bello per essere vero: stampalo e sarai dannato con le conseguenze. Debito? Non importa; stampare un po’ di più. Washington ha esagerato (l’attrazione politica era troppo grande).

E così, l’egemonia del dollaro si è trasformata da strumento di proiezione di potere a principale fonte di vulnerabilità degli Stati Uniti. In parole povere, il massiccio eccesso di offerta di dollari e di debito in dollari da parte di Washington ha trasformato il “dollaro” in un’arma a doppio taglio; Adesso si riflette contro l’Occidente. Finanziariamente pesante, la base manifatturiera occidentale si è atrofizzata e ridotta, innescando una società americana a due livelli caratterizzata da enormi disuguaglianze.

L’attuale conflitto in Ucraina ha sottolineato le carenze del potere egemonico che derivano specificamente da una base manifatturiera trascurata.

Mackinder, se fosse qui oggi, potrebbe quindi aver bisogno di modificare il suo modello, distinguendo tra il territorio che è “fuori” dall’unico insieme di politiche economiche (il blocco asiatico, africano e globale del Sud guidato dai BRICS), e quello che è “dentro”. ‘: cioè all’interno di un paradigma consumistico e trainato dal debito.

Collegati a quanto sopra sono i costi specifici associati a questa eccessiva militarizzazione (vale a dire la “guerra” finanziaria “a tutto campo”). Il Tesoro americano ha utilizzato molteplici varianti: debito (per far crollare prima la posizione globale della Gran Bretagna nel dopoguerra); ha utilizzato i tassi di interesse come un’arma per “ridimensionare” il miracolo economico giapponese dei primi anni ’80. La Francia e l’Occidente hanno scatenato una guerra per porre fine alle aspirazioni di Gheddafi per una sfera panafricana utilizzando il dinaro d’oro, piuttosto che il franco o il dollaro. E poi ci sono state le sanzioni senza precedenti contro la Russia che paradossalmente hanno dato luogo ad una rinnovata forza economica russa, piuttosto che al collasso finanziario (come ci si aspettava).

Eppure, anche in questo caso, vediamo l’incongruenza del doppio taglio della “spada delle sanzioni”: il Wall Street Journal ha notato che gli europei stanno diventando più poveri – a causa dei blocchi, ma più precisamente unendosi al “progetto” di Biden di misure finanziarie, guerra, assedio e sanzioni (destinato a mettere in ginocchio la Russia).

Nel 2008, l’Eurozona e gli Stati Uniti avevano un prodotto interno lordo (PIL) equivalente, ora il divario tra il PIL è pari all’80%. L’European Center for International Political Economy, think tank con sede a Bruxelles, ha pubblicato una classifica del Pil pro capite degli stati americani e dei paesi europei: l’Italia è appena davanti al Mississippi, il più povero dei 50 stati, mentre la Francia è tra l’Idaho e il Arkansas, rispettivamente 48° e 49°. La Germania non salva la faccia: si trova tra Oklahoma e Maine (38° e 39°). Lo stipendio medio americano è oggi una volta e mezza superiore a quello francese.

Valeva la pena che i leader europei ipotecassero il futuro dell’Europa per amore della solidarietà con gli interessi della Casa Bianca? Lo stratagemma delle sanzioni, comunque, non ha funzionato.

Ebbene… gli Stati Uniti e l’UE si trovano nel mezzo di una nuova svolta nella “storia” geostrategica di Mackinder su come impedire l’emergere di un cuore unificato: si tratta di una variante del progetto di “ridimensionamento” dell’abilità tecnologica giapponese: chiaramente il Lo strumento “Plaza Accord” (1985) di manipolazione dei tassi di interesse contro un Giappone “sconfitto” e compiacente non funzionerà per la Cina.

Piuttosto, la Cina è sottoposta a un assedio tecnologico accompagnato da una campagna di stigmatizzazione, in cui il suo leader viene denigrato, mentre l’economia cinese è schiacciata da una tecnologia sempre più vietata per l’esportazione o la cooperazione. Ogni giorno, i media occidentali celebrano le conseguenti difficoltà economiche che la Cina deve affrontare:
“La crescita fulminea [della Cina] è rallentata, la breve impennata post-pandemia si è esaurita e gli analisti sottolineano profondi problemi strutturali che minano le prospettive future della Cina. Xi e la cricca dominante (sic) stanno lottando per affrontare le nuove sfide poste dalla maturazione dell’economia cinese… L’economia cinese una volta sembrava il nuovo motore del mondo [come una volta faceva il Giappone]… ma un senso di stagnazione si sta insinuando”.

È vero. Il prolungato logoramento americano dell’economia cinese ha ostacolato la crescita. Le esportazioni cinesi sia verso gli Stati Uniti che verso l’Europa stanno diminuendo e la disoccupazione giovanile è infatti una preoccupazione attiva per la leadership cinese.

Ma la Cina sa bene che questa è una guerra: la “Guerra strategica di Mackinder”. In un recente viaggio a Pechino, il segretario americano al Commercio Gina Raimondo ha avvertito che l’incertezza prevalente, alimentata anche dalle dure azioni intraprese dal governo cinese contro le imprese straniere, sta rendendo la Cina “non investibile” agli occhi degli investitori statunitensi.

Fermare! Fermatevi un momento per assimilare ciò che ha detto il segretario al Commercio: Adottate il nostro modello economico, o vi eviteremo!
Anche il Segretario Yellen ha recentemente tenuto un discorso sulle relazioni USA-Cina, lasciando intendere che la Cina aveva ampiamente prosperato grazie all’ordine di mercato del “libero lavoro” anglo statunitense, ma ora si sta orientando verso un atteggiamento di economia guidata dallo Stato – che “è conflittuale”. verso gli Stati Uniti e i suoi alleati”. Gli Stati Uniti vogliono cooperare con la Cina, ma interamente ed esclusivamente alle loro condizioni , ha affermato.

Gli Stati Uniti cercano un “impegno costruttivo”, ma che deve essere subordinato alla garanzia da parte degli Stati Uniti dei propri interessi e valori di sicurezza: “Comunicaremo chiaramente alla RPC le nostre preoccupazioni riguardo al suo comportamento… mentre ci impegneremo con il mondo per portare avanti la nostra visione per un un ordine economico globale aperto, giusto e basato su regole”. Yellen ha concluso dicendo che la Cina deve “giocare secondo le regole internazionali odierne” .
Non sorprende che la Cina non ne farà nulla.

Si tratta di un esatto parallelo di quanto accaduto nel 2007 al Forum sulla sicurezza di Monaco . L’Occidente insisteva affinché la Russia accettasse il paradigma di sicurezza globale della NATO. Il presidente Putin ha sfidato l’Occidente: “Voi lo state facendo: attaccate continuamente la Russia, ma noi non ci piegheremo”. L’Ucraina oggi è il banco di prova per quella sfida del 2007.

In parole povere, il discorso di Yellen mostra un completo fallimento nel riconoscere che la “rivoluzione” sino-russa non si limita alla politica, ma si estende anche alla sfera economica. Ciò dimostra quanto sia importante “l’altra guerra” – la guerra per uscire dalla morsa dell’“Ordine” globale guidato dall’occidente – sia per Putin che per Xi.

Già nel 2013, in un discorso sulle lezioni apprese dalla disintegrazione dell’Unione Sovietica, Xi ha individuato la causa di questa implosione negli “strati dominanti” (con il perno sull’ideologia del mercato liberale occidentale dell’era Gorbaciov-Eltsin), che aveva portato l’Unione Sovietica al nichilismo.

Il punto di Xi era che la Cina non aveva mai fatto questa disastrosa deviazione nel sistema liberale occidentale .

Putin ha risposto: “[La Cina] è riuscita nel miglior modo possibile, secondo me, a utilizzare le leve dell’amministrazione centrale (per) lo sviluppo di un’economia di mercato… L’Unione Sovietica non ha fatto nulla del genere, e i risultati di una politica economica inefficace – hanno avuto un impatto sulla sfera politica”.

Washington e Bruxelles semplicemente non capiscono. In parole povere, la valutazione di Xi e Putin è che il disastro sovietico è stato il risultato di una svolta improvvida verso il liberalismo occidentale; mentre, al contrario, l’“Occidente collettivo” vede l’“errore” della Cina – per la quale viene perseguita la guerra tecnologica finanziarizzata – essere il suo allontanamento dal sistema mondiale “liberale”.

Questa discrepanza analitica è semplicemente impressa nei circuiti mentali di Washington. Ciò spiega in qualche modo anche l’assoluta convinzione dell’Occidente che la Russia sia così debole e fragile dal punto di vista finanziario, a causa dell’errore primordiale di evitare il sistema “anglo”.

Il culmine: Washington sta violando la (sua) Regola numero uno di Brzezinski: l’”imperativo” di garantire che Russia e Cina non si uniscano, contro l’Occidente.

La grande domanda oggi è se la tecnologia usata come arma come “imperativo geo-strategico” per dividere il cuore del paese sarà più efficace nel raggiungere tale scopo rispetto al dollaro usato come arma.

Tecnologia cinese

La scorsa settimana Huawei ha lanciato il suo nuovo smartphone dotato del processore 9000 interno di Huawei, prodotto dall’azienda cinese di semiconduttori SMIC, utilizzando un processo di fabbricazione di classe 7 nm. Meno di un anno fa, quando gli Stati Uniti introdussero una vasta serie di sanzioni contro l’industria cinese dei semiconduttori, gli “esperti” giurarono che avrebbero ucciso l’industria, o almeno congelato il suo processo tecnologico allo standard di 28 nm. La Cina ora può evidentemente produrre in serie chip da 7 nm in modo interamente interno. L’iPhone 14 Pro ha chip da 4 nm, quindi la Cina è quasi alla pari, o forse 1 o 2 anni indietro.

Con una sola mossa, osserva Arnaud Bertrand , la Cina ha dimostrato che gli sforzi degli Stati Uniti per ostacolare Huawei e l’industria cinese dei semiconduttori sono stati inefficaci. Che risultati hanno ottenuto le sanzioni? Hanno contribuito a costruire un ecosistema locale di semiconduttori che non esisteva prima delle sanzioni. Altri stati “capiscono”: acquistate i vostri semiconduttori da aziende occidentali, e gli Stati Uniti non esiteranno a trasformare il settore in un’arma per fini geopolitici. Compra cinese, dice Bertrand.

Questa settimana, la Cina ha lanciato un fondo di investimento da 40 miliardi di dollari per sostenere la sua industria dei semiconduttori.
Alastair CROOKE
Ex diplomatico britannico, fondatore e direttore del Conflicts Forum con sede a Beirut.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

15 commenti su “La “Bibbia” strategica di Mackinder riconsiderata

  1. Energia, materie prime, manifattura e commercio diretti dalla politica devono prevalere sull’economia della moneta e delle armi dirette da pochi privati, che se ne infischiano dell’equilibrio sociale

  2. Le parole di Brezinski sull’Ucraina non sono casuali, l’importanza del paese nell’URSS è stata costruita deliberatamente dai due segretari generali ucraini del PCUS, tante industrie chiave sono state concentrate lì, acciaierie, cantieri navali, industrie aeronautiche e di armi, per non parlare della cessione della Crimea da parte di Kruscev.
    La Federazione Russa nonostante la sua enorme estensione e risorse era stata ridotta a fornitrice di energia e materie prime a questa specie di Germania sovietica.
    Il governo sovietico ad esempio non ha fatto praticamente niente per sviluppare l’Estremo Oriente russo, niente porti, strade, ferrovie, cantieri navali, raffinerie, industrie, tanto che oggi Mosca concentra il grosso dei suoi investimenti in quell’area, anche perchè i mercati asiatici sono i più promettenti.
    La spiegazione più logica è che il PCUS era ancora controllato in gran parte dalla piccola minoranza ebraica, un milione scarso di persone su circa 300 nel 1991, e questa viveva soprattutto in Ucraina, quindi per aumentare il suo potere nell’Unione aveva aumentato il peso specifico della repubblica piccolo-russa nell’URSS.
    Poi questa minoranza si è trasferita in Israele e Nord America e ha cercato di riprendere il controllo delle risorse russe attraverso l’espansione della NATO, le due guerre cecene, la guerra georgiana del 2008 e dopo Maydan preparando la guerra contro la Russia in corso.
    Per fortuna Cina e Iran sono corsi in soccorso della Russia e ora il fronte anglo-sion se la sta vedendo bruta.

  3. L ” Italia è un paese povero e alla fame come lo Stato USA del Mississippi ?
    Qui in Italia si danno soldi ai negri Africani e li si traghetta in Italia a spese dei cittadini italiani poveri ed idioti che pagano le tasse !
    Qui in Italia lo Stato Italiano fa di tutto perché i cittadini italiani restino disoccupati a vita e senza avere sussidi di disoccupazione e i posti di lavoro ben pagati vanno dati ai criminali stranieri immigrati clandestini che hanno la precedenza sui Nativi Italiani che sono diventati cittadini di classe ZERO !
    Non credo che nello Stato del Mississippi Traghettino nuovi immigrati criminali clandestini stranieri e che gli diano ad ogni costo un lavoro ben retribuito lasciando disoccupati i residenti indigeni !

    1. Ancora con questa storia degli immigrati africani…
      Un lavoro ben retribuito? Perchè non va lei a raccogliere i pomodori a 2€/ora in Puglia? Pensa che non se ne starebbero volentieri a casa loro in Africa? Ma per piacere…lei è il classico elettore di Lega o Fratelli d’Italia con la storia trita e ritrita dell’africano che ruba il lavoro “ben retribuito” all’italiano…insomma in poche parole la lotta tra i poveri. Che tristezza.

      1. Sparviero dal nome che ti sei scelto si capisce molto bene che sei borioso ignorante senza un cervello funzionate !
        Ti informo Sparviero : che la schiavitù e il lavoro in nero sarebbero fuorilegge in tutta la UE perciò non si possono raccogliere in Italia pomodori in nero a 2 euro al” ora !
        Chi lo fa commette un reato fiscale anche ecologico anche se è un tuo amico clandestino Africano !
        In Italia e in tutta la UE dal 2016 ai cittadini italiani e europei perfino disoccupati è vietato perfino riciclare carta-cartone-metalli -elettrodomestici-batterie esauste per poi rivenderle e guadagnarsi qualche euro !
        Perciò se non possono guadagnare da privato cittadino italiano “artigiano” soldi raccogliendo metalli nelle immondizie per poi rivenderli perché dovrei accettare un lavoro da schiavo raccoglitore di pomodori con un caporale che mi da ordini ?
        Un libero professionista disoccupato italiano che si arrangia da se non gradisce il lavoro in schiavitù per giunta sottopagato !
        La storiella criminale che tutti gli immigrati stranieri clandestini che entrano in Italia vengono a fare i lavori di merda che gli italiani si rifiutano di fare è stata messa in giro nel 1975 dai tuoi amici criminali schiavisti e lazzaroni Democristiani -Socialisti Rinnegasti e Comunisti rinnegati !
        La immigrazione straniera clandestina criminale e selvaggia fa comodo al regime italiano e fa comodo a tutti gli imprenditori lazzaroni-farabutti e criminali !
        P.S.
        Più immigrazione selvaggia = più disoccupazione in Italia !
        Più disoccupazione = più miseria ed inciviltà !
        Più immigrazione selvaggia in Italia con annesse vessazioni dei cittadini italiani = chi se né fotte del ” Italia !
        Dubito molto che nel caso di una terza guerra mondiale che un milione e mezzo di uomini italiani siano cosi fessi da morire per la Patria di merda chiamata Italia che non gli dato MAI nulla nemmeno un lavoro o un sussidio di disoccupazione !
        Occhio state tirando troppo la corda voi schiavisti scafisti europeisti ecologisti dei miei stivali !

      2. Salvatore ha ragione da vendere. I negri sono delle truppe barbariche di invasione. Con la complicità delle ONG e delle quinte colonne interne, finanziate dai soliti noti, in primis Soros, ne sbarcano migliaia ogni giorno e non stanno scappando da nessuna guerra. Gli diamo la casa, un lavoro, l’istruzione, l’assistenza sanitaria gratuita, un reddito, e poi non ci sono i soldi per i nostri giovani. Lasci perdere la vecchia storiella dei pomodori, è fuori tempo massimo.

    2. Ma poi. Salvatore , lei con questo nome è sicuramente un meridionale , uno di quelli che 40 anni fa’ sbarcava nelle stazioni del nord con le galline , i salami e il colera nella valigia di cartone . All epoca vi trattavamo come oggi si fa con quelli che lei chiama negri ,e i risulta sono chiari . Vada a vedre le case popolari del nord infestate dai terroni , il degrado , i crmiminali , il cattivo,odore delle vostre pietanze …. Voi terroni siete peggio dei negri,bisognava fermarvi 50 anni fa ‘ ….

      1. Terrons, lei sta facendo della stupidità una scienza esatta. La nostra civiltà è nata al Sud. Forse non ha mai sentito parlare del “divide et impera”. L’invasione dei negri, è il “Piano Kalergi”, programma per la sostituzione etnica della popolazione italiana. Lo stesso modus operandi lo abbiamo già notato 80 anni fa in Palestina. Gli ebrei iniziarono a sbarcare alla spicciolata in Palestina. Poi quando furono in un numero sufficiente vennero armati, e con la “Nakba”, sterminarono ottocentomila palestinesi. Sterminio che continua anche ai giorni nostri. I suoi amici negri sono brutti e puzzano.

  4. manca terribilmente una analisi psichiatrica sul motivo della ricercas del dominio sul mondo a tutti i costi.
    io mi immagino le basi di questa sindrome ma è una analisi banale e scontata uindi caoisco la necessità di approfondire questo tema nell’ambito della sanità mentale….soprattutto guardando i risultati ottenuti da certe politiche menzionate in questo utile articolo

  5. Ho come il sospetto che gli europei siano divenuti gli utili idioti .
    D’altronde, x es. L’Italia, è un paese a sovranità limitata ( basta vedere chi impone i cont,e quante basi u.s.a./nato ci sono in Italia.
    Sulla egemonia marittima in contrapposizione con la terrestre( faccio notare che la cine non fa parte dell’heartland, ) si vuole impedire la saldatura fra Germania e Russia e tra Russia e cina( oramai potenza marittima oltre che terrestre).
    A ta le scopo si utilizza anche il panturanesimo come arma per scardinare heartland.
    Il bello di tutto ciò è che la geopolitica anglosassone non tiene quasi mai conto della dimensione spirituale che informa nazioni e popoli.
    Sul manuale di geopolitica di dugin si capisce meglio. Fanno le pentole ma non i coperchi.

  6. brezinski….kissinger….tutti formati dalla geortown universiti….cioè dai fottuti gesuiti che l’hanno fondata…..vivono la vita dentro le pagine di un fumetto….che è cosa morta…..poracci veramente e si inventano storie per giustificare il genocidio che le loro idee hanno procurato…..porcodddiooooo bastaaaaaaa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM