L’85% della popolazione mondiale si rifiuta di cooperare con gli Stati Uniti, qualunque sia l’agenda anti-russa del regime


di ANDREW ANGLIN
Non sono mai stato un bravo ragazzo di matematica, ma penso che l’85% sia una percentuale molto alta.
RT :

L’Occidente non è riuscito a isolare la Russia, con la maggior parte del mondo ancora interessata a mantenere buoni rapporti con Mosca, ha affermato il ministro degli Esteri Sergey Lavrov. Ha anche sostenuto che la tendenza al multipolarismo è irreversibile, che piaccia o meno alle ex potenze coloniali.

Rivolgendosi sabato alla Conferenza mondiale online sul multipolarismo, Lavrov ha affermato che “gli sforzi di Washington e dei suoi satelliti per invertire la storia, per costringere la comunità internazionale a vivere secondo l'”ordine basato su regole” inventate” si stanno rivelando un fiasco, citando il “fallimento totale” dell’Occidente “nell’isolare la Russia”.

Penso che “fiasco” sia la parola corretta. Non conosco il russo, ma complimenti al traduttore di RT. Probabilmente avrei scelto “debacle”, ma mi piace di più “fiasco”.
Ci sono alcune prove che questi pazzi a Washington pensassero che la Cina sarebbe stata d’accordo con questo, e pensavano assolutamente che l’India e gli stati del Golfo lo avrebbero accettato.
Viviamo sotto l’occupazione di pirati idioti.

Hanno dimostrato una capacità assolutamente nulla di ricalibrare la loro strategia, che ha oggettivamente fallito. Invece si sono fissati in modo ritardato sul conflitto militare, che alla fine è totalmente privo di significato. L’intero scopo della guerra in primo luogo era isolare la Russia e forzare il crollo dello stato russo. Non è successo.

È come se andassi da McDonald’s per il gelato e la macchina del gelato fosse rotta, quindi decidessi di vivere da McDonald’s per sempre.
Non appena è diventato chiaro che lo stato russo non sarebbe crollato, hanno dovuto o intensificare con una forza schiacciante – cioè, la NATO che dichiarava guerra alla Russia – o dire a Zelensky di firmare il patto di neutralità.

Viktoria Nuland

Quelle erano le due opzioni, quando lo scopo principale di iniziare la guerra si dimostrò irrealizzabile. Ora, la cosa è spinta dagli appaltatori della difesa! Questo è il ragionamento! Saccheggi da parte di persone che non sono nemmeno al governo e non pretendono di avere una strategia per garantire un futuro all’impero americano! In secondo luogo, ci sono ebrei ultra sionisti (come la Viktoria Nuland, Antony Blinken e Jake Sullivan) che sono semplicemente ossessionati in modo monomaniaco dalla Russia e non hanno la capacità di pensare al di là di “uccidi uccidi uccidi!” (Non credo che siano tutti ebrei, ma è sicuramente Victoria Nuland, che è, tra l’altro, anche una donna, se non fosse chiaro dalle foto.)

Blinken Antony

Ora hai tutti i principali gruppi di riflessione come “uhhhhhhhhhhhh forse dovremmo invece concentrarci sulla Cina ???” e questo apparentemente sta solo cadendo nel vuoto dei pirati idioti che sono impegnati a incassare assegni dai grandi produttori di armi come la Raytheon.

Dirò ancora una volta alle persone ossessionate dai successi percepiti sul campo di battaglia o dalla mancanza di questi: non importa. Quello che conta è il danno arrecato allo status degli Stati Uniti nel mondo.

Per quanto riguarda il campo di battaglia stesso, è mia opinione che l’imperatore Xi si sia già impegnato a ripulire questo pasticcio, se ciò si renderà necessario. Sarebbe imbarazzante per la Russia, forse, ma è anche una garanzia di successo finale (e una negazione della possibilità della guerra decennale che il tossicodipendente ebreo Zelensky sta invocando).

Secondo il ministro degli Esteri Lavrov, un certo numero di paesi, che insieme ospitano l’85% della popolazione mondiale, hanno chiarito che non obbediranno agli ordini delle ex potenze coloniali.
Il diplomatico russo ha affermato che il fatto che i delegati di diverse dozzine di nazioni “provenienti da quasi tutti i continenti” abbiano partecipato al forum online mostra quanta trazione abbia guadagnato l’idea del multipolarismo.

Jake Sullivan

Giusto per essere chiari: tutti in America e in Europa con un QI superiore alla temperatura ambiente che non sono omosessuali, donne lesbiche, ebrei o stupratori di bambini sono d’accordo anche con questo.

Lavrov ha osservato che nuovi centri globali stanno emergendo in Eurasia, regione indo-pacifica, Medio Oriente, Africa e America Latina e che queste nazioni stanno perseguendo politiche indipendenti guidate da interessi nazionali.

Secondo il ministro degli esteri, le nazioni in via di sviluppo hanno costantemente ampliato la loro quota nell’economia globale negli ultimi tre decenni, mentre il ruolo delle nazioni del G7 è andato diminuendo.

Ha anche salutato il fatto che sempre più paesi hanno espresso interesse ad aderire a gruppi internazionali “del nuovo tipo”, come i BRICS e la Shanghai Cooperation Organization (SCO).

La Russia, ha spiegato Lavrov, sostiene un ordine mondiale multipolare basato sul rispetto della Carta delle Nazioni Unite e un “equilibrio di interessi” in contrasto con un “equilibrio della paura”.

Alcuni di destra fanno riferimento alle Nazioni Unite, ma francamente, la carta originale delle Nazioni Unite non è poi così male e consente l’indipendenza delle nazioni.
Ma non difenderò quell’istituzione in senso generale.

La realtà attuale è che se stai costruendo un nuovo ordine, devi avere credibilità dalle istituzioni del vecchio ordine. Quando la Cina è la potenza mondiale dominante e tutte le nazioni hanno un’equa rappresentanza all’ONU, tutto ciò che è progettato per danneggiare l’autonomia nazionale può essere eliminato con un voto e possiamo rimanere con una piattaforma di discussione globale progettata per risolvere i conflitti tra stati autonomi in fine di prevenire la guerra.

Ad esempio: se le nazioni avessero attualmente una rappresentanza equa, l’85% dei voti sarebbe contro la guerra in Ucraina, e quindi l’85% del mondo sarebbe in grado di isolare il mostro globale USA/NATO attraverso sanzioni.

(Ripubblicato da The Daily Stormer con il permesso dell’autore o del rappresentante)

Fonte: .unz.com/aanglin

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM