L PRESIDENTE BASHAR AL ASSAD CRITICA L’ “INVASIONE” FRANCESE DELLA SIRIA

“RIESCI A IMMAGINARE CHE LE NOSTRE TRUPPE ARRIVINO IN FRANCIA SENZA INVITO?”

Non c’è alcuna grande differenza tra sostenere il terrorismo nel territorio siriano e inviare truppe lì senza l’approvazione ufficiale del governo, ha detto Bashar Assad mentre criticava il ruolo della Francia nella guerra civile siriana.
La Siria ha “fatto molta strada” per sconfiggere gran parte dell’insurrezione terroristica sul suo territorio, ma ci sono ancora sacche di resistenza, poiché i jihadisti ricevono sostegno dalla Turchia e dai paesi occidentali, ha detto Bashar Assad nel corso di una intervista alla rivista “Paris Match” , indicando gli Stati Uniti e il Regno Unito. e “soprattutto la Francia”.

La Francia ha aderito alla coalizione di stato anti-islamico (ISIS) guidata dagli Stati Uniti, fornendo supporto aereo e dispiegando forze speciali in Siria. Tuttavia per Assad, l’intervento francese equivaleva a una “occupazione”, poiché Parigi, come il suo principale alleato della NATO, Washington, non è riuscito a ottenere l’autorizzazione di Damasco per la missione.

“Credete sinceramente che noi siriani potremmo inviare forze siriane per combattere il terrorismo in Francia, senza essere invitati dal governo francese? Il diritto internazionale regola il comportamento degli Stati nel mondo, non le [loro] intenzioni”, ha detto Assad.

Ora, quando le forze straniere sono arrivate in Siria senza essere invitate dal governo legittimo “, questa si chiama [occupazione]”, ha insistito il presidente siriano, aggiungendo: “Non vi è alcuna grande differenza tra sostenere il terrorismo e schierare i militari per occupare. un paese ». .

Truppe francesi in Siria

Soprannominata “Operazione Chammal”, lo schieramento francese doveva ufficialmente effettuare voli di ricognizione e aiutare i combattenti curdi e arabi in Siria. Nel periodo di punta, le attività della Francia in Medio Oriente includevano un gruppo di attacco della portaerei Charles de Gaulle, una squadra di caccia e diverse unità marine terrestri.

L’intervista è nata seguendo i progressi dell’esercito siriano nella provincia settentrionale di Idlib. Le truppe stanno ora cercando di raggiungere le ultime località nel nord del paese controllate dai miliziani lungo la strategica autostrada Damasco-Aleppo.

Mentre la lotta continua, Assad ha affermato che la Siria può gestire la guerra senza il sostegno dell’Occidente. “Siamo in grado di gestire i nostri affari … Ma vogliamo tornare a un ordine mondiale che non è più rispettato, perché regna il caos”, ha concluso.

Fonte: Al Manar

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti

  • vlado cremisi
    29 Novembre 2019

    Allora rivolgesse lo sguardo ad Israele che continua indisturbato a bombardare Damasco addirittura attraverso il suolo libanese

  • amadeus
    29 Novembre 2019

    Questo é un segno tangibile dell’inutilità dell’Onu, é diventata un entità astratta, qualunque soldato armato può varcare il confine della Syria con un pretesto qualsiasi, le N.U si rendono conto della tragica ridicolaggine nella quale stanno precipitando, allo stato delle cose contano meno del 2 di briscola. Tra non molto ci sarà la fila ogni uno con le sue taniche per rifornirsi del petrolio Syriano !

    • atlas
      29 Novembre 2019

      i caschi blu sono stati sostituiti dagli elmetti bianchi

    • SEPP
      29 Novembre 2019

      Basta vedere dove e’ la sede l’onu, a new york la capitale di zion.

  • giuseppe sartori
    29 Novembre 2019

    noi, in quanto italiani, possiamo creare un movimento nazionale che si prefigga di uscire dalla nato dalla ue e dall’onu.
    ci sarebbe un risparmio stratosferico che potrbbe essere investito nel paese.

    • atlas
      29 Novembre 2019

      fatti avanti, ma attenzione: ne hanno perseguiti tanti proprio ieri (volevano fare un partito nazionale dei lavoratori, ma alle procure siciliane che si lavori non piace, non ci sono abituati)

      • atlas
        29 Novembre 2019

        è evidente invece che al P D, (P eggiore D isgrazia che ci potesse capitare) piace il partito nazionale dei vagabondi (meglio se negri)

Inserisci un Commento

*

code