Il futuro della Russia e dell’Ucraina dipende dalla penisola di Crimea, scrive Declan Hayes.

placeholder



Sebbene il destino dell’avventura russa de La Grande Armée di Napoleone sia notoriamente rappresentato dal grafico di Minard , la chiave della loro distruzione risiede nel coraggio quasi spericolato dell’esercito di Wittgenstein contro le forze francesi superiori a San Pietroburgo, insieme all’attuazione della morte di Barclay de Tolly nel 1810 da parte di una Strategia dai mille tagli dell’inganno militare. Stiamo vedendo quella stessa combinazione di maskirovka russa per raggiungere gli stessi risultati oggi in Ucraina, dove il gruppo Wagner e i ceceni hanno combattuto ferocemente come l’esercito di Wittgenstein e i loro nemici sono caduti diligentemente nelle trappole tritacarne che l’Alto Comando russo aveva preparato per loro sulla loro strada per la Crimea. I russi hanno preso il colpo migliore dell’Ucraina e ora tocca sempre a loro sferrare un colpo di martello.

Cioè nel mondo reale, il mondo degli adulti. Nel mondo virtuale, il principe pagliaccio Zelensky può essere visto qui inveire che i suoi compari devono ricevere miliardi di dollari in più dalla NATO per rovesciare Putin il quale, come ci ha assicurato Zelensky, mentre l’ingannevole kabuki del gruppo Wagner si svolgeva a Rostov-sul-Don, lui era rannicchiato in qualche rifugio antiaereo moscovita o altro, troppo spaventato per affrontare la luce del giorno e troppo timoroso del destino che lo attendeva per mano del Prester Johns del Gruppo Wagner .

A parte il fatto che Zelensky ha mentito dicendo che l’ucraino e non il russo era la sua lingua madre, l’intervista è stata bizzarra, anche per gli standard surreali di Zelensky. Come tutti i suoi precedenti, utilizzava uno schermo verde , il che significa che era Zelenskyj, quello che era rannicchiato in un bunker, che è esattamente il luogo dove si rifugiano i bambini troppo cresciuti come lui, quando gli adulti li affrontano.

Le espressioni facciali di Zelensky non hanno fatto altro che sminuire ulteriormente il suo messaggio in quanto erano chiaramente quelle di un bambino dispettoso che parla in grande, un punto non irrilevante su cui torneremo quando discuteremo della sua scadenza a Vilnius e dei fratelli Klitschko che, data la loro precedente abilità nel pugilato , devono essere uomini infinitamente più pratici di Zelenskyj, ubriaco e dei suoi sogni infantili di una marcia su Mosca.

Napoleone, contrariamente alla saggezza ricevuta, sapeva che quanto più si fosse addentrato nella Russia, tanto minori sarebbero state le sue possibilità di vittoria. Ma anche l’esperto stratega militare russo, il principe Michael Barclay de Tolly, colui che, in linea con la maskirovka, la dottrina russa dell’inganno militare, non solo riuscì a indurre Napoleone a marciare su Mosca, ma che in precedenza, nel 1810, aveva presentato un piano in tal senso. allo zar Alessandro “Sulla protezione dei confini occidentali della Russia”, in cui sosteneva di evitare una battaglia decisiva ma di attirare invece La Grande Armée nell’infinita massa continentale della Russia e poi dissanguare i francesi con il dispiegamento di piccole formazioni militari, guerriglia e bande di contadini schiumanti che ululano per il sangue francese. Il grafico di Minardha rappresentato per tutta l’eternità quanto successo ebbe la maskirovka, la dottrina russa dell’inganno militare, contro il grande Napoleone.

Sebbene Zhukov e molti altri alti generali dell’Armata Rossa sapessero che l’operazione Barbarossa era inevitabile, rimasero tutti sbalorditi dalla sua rapidità e dalle masse senza precedenti di soldati schierati contro di loro in quella che fu la più grande forza d’invasione nella storia militare. Per la vastità del Barbarossa, a cui solo un fermaporta come And Quiet Flows, “The Don di Sholokhov” poteva rendere giustizia, era quasi inevitabile che la logistica e l’intelligence, insieme alla grinta sovietica e all’inganno russo, avrebbero distrutto il Barbarossa, che coinvolgeva gli eserciti combinati di Germania, Romania, Finlandia, Italia, Ungheria, Spagna e Slovacchia, con Francia, Paesi del Benelux, Svezia e Norvegia che fornirono consistenti contingenti di volontari.

La campagna di Russia di Napoleone è anche conosciuta come l’Esercito delle Venti Nazioni poiché Polonia, Italia, Napoli, Confederazione del Reno, Svizzera, Spagna, Austria, Prussia e Danimarca inviarono truppe. E, come Hitler ei suoi finlandesi in tempi più recenti, furono tutti sonoramente sconfitti.

Anche se Zhukov e i suoi amici molto probabilmente presero in considerazione tutto ciò nei loro calcoli molto prima che iniziassero effettivamente le ostilità, tutte le lezioni da raccogliere da quei capitoli della storia russa sarebbero state note a Putin, Surovikin, Gerasimov, Putin, Shoigu e Lukashenko, e senza dubbio le lezioni apprese in quelle campagne vengono insegnate nelle classi Maskirovka 101 delle accademie militari russe. Per quanto riguarda le accuse di favoritismi mosse dai Wagner, le esperienze siriane di Surovikin non lo rendono estraneo al favoritismo logistico in cui le forze della tigre di Suheil al-Hassan e la 4a divisione corazzata di Maher Assad sono le forze meglio equipaggiate della Siria e, come tali, sono spesso incaricate di condurre i combattimenti più pesanti contro i delegati della NATO. Non solo le esperienze siriane di Surovikin gli avrebbero fatto conoscere le sfide di far lavorare gruppi come Wagner e i loro equivalenti arabi sotto un comando unificato, ma avrebbe informato Putin, Gerasimov, Shoigu e Lukashenko su tutto ciò. Proprio come Napoleone e Barbarossa sarebbero stati presi in considerazione nei calcoli russi, così la Siria e un centinaio di altre campagne mentre Russia e Bielorussia avrebbero affrontato ancora una volta un altro esercito di venti nazioni, sotto forma delle satrapie americane della NATO, sui loro fianchi occidentali.

E, come con l’Esercito delle Venti Nazioni di Napoleone e l’esercito di circa sette nazioni del Barbarossa, l’Alto Comando russo avrà un’idea eccellente di chi sono i tiratori, chi di loro può essere ingannato, chi di loro può essere evirato e a chi di loro non si può mostrare pietà.

L’attore porno Zelensky non è uno sparo. È un avido imbarazzo, la cui durata è scaduta da tempo poiché non ha uno scopo utile. Sebbene i fratelli Klitschko , data la loro precedente abilità nel pugilato, farebbero sostituzioni più fotogeniche , non sono nella classe di Surovikin; militarmente, li avrebbe mangiati entrambi a colazione. In parole povere, i migliori soldati ucraini sono o morti o dismessi, in altre parole permanentemente inabili, e non hanno politici o diplomatici degni di questo nome. Le forze armate ucraine sono una forza esaurita che è stata arbitrariamente sacrificata per l’avidità di Zelensky e dei suoi sostenitori della NATO. Prima o poi, i suoi resti dovranno avere un senso e spezzare il pane con la Russia.

Poi abbiamo le donne dittatrici di nazioni brufolose come la Moldavia, la Danimarca e l’Estonia. Sebbene l’Estonia sia un paese relativamente irrilevante, Kaja Kallas , il suo primo ministro, è stato di gran lunga il russofobo più bellicoso della NATO, una cosa facile quando tu e il tuo paese siete totalmente irrilevanti per qualsiasi pianificazione militare. Anche il primo ministro danese, Mette Frederiksen , ha sparato a bocca aperta nella speranza di poter sostituire il norvegese Quisling Jens Stoltenberg come uomo di punta della NATO dello zio Sam. Dovrebbe continuare a giocare con i set Lego della sua nazione.

Più in alto sul totem della NATO, il britannico Ben Wallace è rimasto scioccato dal fatto che il veto dell’America lo abbia escluso dalla corsa per il lavoro più pagato della NATO e il dittatore francese Macron stia correndo qua e là per evitare disordini interni e per far credere alla Russia che la Francia, che ha tradito l’Accordo di Minsk e che arma i nazisti di Azov, è in qualche modo rilevante per il futuro della Russia e della Cina.

Non è e non lo è nemmeno Perfidious Albion, i cui segni di zampa di James Bond/Austin Powers/ Sidney Reilly sono dappertutto nel kabuki del Wagner Group. C’è, nella Green And Pleasant Land inglese , un gruppo di idioti istruiti nelle scuole pubbliche, che pensano di poter interpretare Reilly, Ace Of Spies nella BBC dell’MI5 o in qualche altro gruppo di facciata senza conseguenze. La Russia dovrebbe, anche in questa fase avanzata, chiarire a tutti questi agenti che interpretare Sidney Reilly comporta gli stessi rischi a cui Reilly alla fine ha ceduto.

Vilnius è solo una distrazione. Non importa chi gli Stati Uniti nominano per fronteggiare la NATO e per degradare ulteriormente l’asse franco-tedesco e non importa quanti altri miliardi Zelensky e i suoi compagni criminali riescono a far sparire di conseguenza.

Più o meno lo stesso vale per l’MI5 che finge che la Russia stia per implodere a causa di una colonna Wagner che fa una gita di un giorno su un’autostrada della Russia meridionale. Sebbene l’MI5, aiutato da generali americani in pensione come William McRaven e David Patraeus , sia stato un maestro nel far impazzire i media della NATO, alla fine della giornata la sua aria calda non può competere con l’inganno russo, l’acciaio russo e la determinazione russa.

Difese russe in Crimea

Il futuro della Russia e dell’Ucraina dipende dalla penisola di Crimea che i veri tiratori del Pentagono e della CIA devono annettere in modo da poter mettere a nudo entrambi i paesi. I tiratori che si oppongono a loro, Putin, Gerasimov, Shoigu e Lukashenko, hanno la loro misura in quanto i loro antenati hanno dovuto affrontare questa stessa assurdità contro Napoleone, contro Hitler e contro le cinque o più nazioni di Sardegna, Gran Bretagna, Francia , Austria e Impero Ottomano durante la guerra di Crimea del 1853-1856, che aveva le sue radici nella Perfida Albione che giocava i suoi soliti giochi machiavellici in Siria e Palestina. In Crimea, la Russia non solo ha il vantaggio della squadra di casa, ma non può permettersi di perdere e, visto quanto i suoi avversari si sono dimostrati infidi sia storicamente che contemporaneamente, non può accontentarsi di niente di meno che una vittoria assoluta della Crimea e di Rostov sul Don. La strada verso ovest rimane aperta fino ai confini rumeno e polacco, ovunque possano trovarsi quelle linee di demarcazione.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

.

6 commenti su “Il futuro della Russia e dell’Ucraina dipende dalla penisola di Crimea, scrive Declan Hayes.

  1. Bene la storia oggi è un altro tempo e devi scrivere il libro della storia quando vinci? Il resto sono parole vuote.

      1. come si dice nella città Vesuviana della ex felix Campania “Tu non sta’ buon co’ a’ capa” !!! Claro , no?

  2. La storia si ripete sempre uguale da millenni !
    Solamente un cittadino Occidentale idiota ed ignorante che non conosce la storia può credere che gli USA vinceranno in Ucraina contro la Russia !
    La Russia si batte per riconquistare i suoi territori Russi oggi occupati dagli Ucraini Nazisti Filo-.USA e si batte per restare indipendente e per spezzare l” accerchiamento militare USA e dei paesi satelliti NATO !
    La Russia gode anche del” aiuto della Cina !
    La vittoria Russa è inevitabile !

  3. Barclay de Tolly è morto nel 1818 – forse si intendeva la attuazione della ” terra bruciata ” nel 1812 contro la Grande Armee
    per il resto bellissimo ricordo di storia – i generali russi Witgenstein e de Tolly sono poco ricordati in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM