Kushner (il genero di Trump) si ritira dal fronte del Medio Oriente nel mezzo della crisi di Khashoggi

Il genero del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman stanno comunicando attraverso Whatsapp nel pieno della crisi scaturita dalla misteriosa soppressione di un giornalista dissidente nel consolato saudita in Turchia.

Jared Kushner, che è stato nominato da suo suocero per gestire il Medio Oriente, si è quindi ritirato dal fronte, secondo quanto riferito dalla CNN mercoledì citando fonti anonime.

La potente figura ultra sionista dell’amministrazione Trump sta “sfruttando tranquillamente la sua stretta relazione” con bin Salman mentre i due stati si impegnano nella gestione delle crisi e “si ritirano ai margini quando necessario”.
In parte, il marito di Ivanka Trump sta facendo attenzione a non oltrepassare le competenze del Segretario di Stato Mike Pompeo, un ex capo della CIA che ha appena visitato alti funzionari sauditi e presumibilmente ha ricevuto $ 100 milioni per tacitare lo scandalo .

“Funzionari dell’amministrazione senior hanno detto che la stretta relazione di Kushner con bin Salman è stata una delle prime cause di preoccupazione tra gli addetti alla sicurezza nazionale, per il timore che le conversazioni fuori dal comune con il giovane principe potrebbero portare a malintesi o peggio”, ha letto il rapporto .

Trump ha minimizzato gli stretti legami di Kushner con il principe che la settimana scorsa ha dichiarato: “Abbiamo molti rapporti e molto stretti con molti paesi”.

Le intercettazioni dell’intelligence mostrano che Jamal Khashoggi, che è stato visto per l’ultima volta ad entrare nella missione saudita a Istanbul il 2 ottobre, è stato assassinato su ordine diretto di bin Salman.

I media turchi hanno precedentemente rilasciato le identità degli agenti sauditi, che a quanto pare hanno viaggiato da Riyadh a Istanbul con due jet privati ​​e sono entrati nella missione saudita. Fra questi vi erano almeno 4 persone che risultano a stretto contatto con il principe.

Risulta quindi molto poco credibile la tesi che attribuisce le responsabilità dell’omicidio a “servizi deviati” o a “cani sciolti”. Il tutto per togliere dall’imnbarazzo il Principe Bin Salman e per non creare problemi ai rapporti strettissimi di affari e di alleanza dell’Arabia Saudita con l’Amministrazione Trump.

Quest’ultimo sta cercando di minimizzare l’episodio scagionando il principe e salvaguardando i contratti miliardari di forniture di armi.
“Cose da ragazzi”, pare abbia mormorato Trump riferendosi all’omicidio macabro con squartamento praticato dagli agenti sauditi. ” I diritti umani non c’entrano per nulla”, secondo Trump che ha risposto alle critiche e il principe è un “sincero democratico” e “riformatore”.

Lui non è paragonabile ai “cattivi” dell’Iran e ad Assad della Siria, quelli si che sono davvero i nemici degli USA.

Khashoggi era stato al Consolato per ottenere un documento che certificava di aver divorziato dalla sua ex moglie.

Fonti:  Press Tv   CNN

1 commento

  • Fabio Franceschini
    18 ottobre 2018

    Che faccia di bronzo!

Inserisci un Commento

*

code