Kiev sta preparando una provocazione nell’ambito dell’Accordo sul grano

Il Servizio di Sicurezza Ucraino (SBU) si sta preparando ad effettuare una provocazione nell’ambito dell’Accordo sul grano per accusare la Russia, – ha affermato il ministero della Difesa russo. Secondo il dipartimento, Kiev intende far saltare in aria un granaio nella regione di Kharkov.

“Il Servizio di Sicurezza Ucraino si sta preparando per una provocazione su larga scala nei prossimi giorni per screditare le azioni della Russia nel quadro dell’“Accordo sul grano” con le accuse di creare una “carenza di cibo” in Ucraina”, – si legge in una dichiarazione del quartier generale di coordinamento interministeriale russo per la risposta umanitaria in Ucraina, che opera sotto l’egida del ministero della Difesa della Federazione Russa.

In particolare, secondo la parte russa, i servizi speciali ucraini stanno minando un granaio nel villaggio di Karaichnoe, nella regione di Kharkov. Dopo l’esplosione, Kiev accuserà Mosca di “premeditata distruzione delle riserve di grano in Ucraina”, di “provocare una carestia” e in tal modo di “affossare”, l’“l’Accordo sul grano”.

“Sui media occidentali, l’incidente sarà presentato come “l’ennesimo misfatto delle truppe russe”, che richiede una “una dura azione di risposta da parte della comunità internazionale”. Per preparare il sabotaggio, nella città di Volchansk, nella regione di Kharkov, è giunto un gruppo di specialisti in esplosivi ucraini e di agenti della SBU, in tutto 30 persone”, – ha precisato il quartier generale.

L’esercito russo dispone di dati sul capo e sui partecipanti di questo gruppo, che ha sede presso il distretto militare di arruolamento di Volchansk.
Sullo sfondo dei fallimenti militari dell’esercito ucraino e alla vigilia della riunione dei ministri della difesa della NATO a Ramstein (Germania) il 20 gennaio, le autorità di Kiev, con tali clamorose provocazioni, provano ad aumentare la pressione sull’opinione pubblica dei paesi occidentali al fine di ottenere nuove consegne su larga scala di armamenti moderni e di mezzi militari per le Forze Armate Ucraine”, – ha aggiunto il quartier generale.

Nave carica grano ucraino

A Istanbul il 22 luglio sono stati firmati accordi multilaterali sulla revoca delle restrizioni alla fornitura di prodotti russi per l’esportazione, e sul contributo della Russia all’esportazione di grano ucraino.

L’accordo, firmato da rappresentanti di Russia, Turchia, Ucraina e Nazioni Unite, prevede l’esportazione di grano, cibo e fertilizzanti ucraini attraverso il Mar Nero da tre porti, tra cui Odessa. L’accordo scaduto il 18 novembre 2022 richiedeva il rinnovo. Il 17 novembre l’accordo è stato prorogato per altri 120 giorni.

Fonte: https://crimea.ria.ru/20230115/kiev-gotovit-provokatsiyu-v-ramkakh-zernovoy-sdelki–minoborony-1126402729.html?chat_room_id=1126402729

Traduzione di Eliseo Bertolasi

1 Commento
  • Nicholas
    Inserito alle 23:11h, 16 Gennaio Rispondi

    Ecco perché, l’UE si è affrettata a decretare gli insetti come cibo.

Inserisci un Commento