Kiev rafforza la censura mentre aumentano le perdite in prima linea: The Intercept

placeholder

The Intercept fa luce sul crescente soffocamento dei giornalisti che lavorano in Ucraina mentre Kiev non riesce a segnare alcun risultato sostanziale nella sua controffensiva.
Il governo ucraino ha aumentato i suoi sforzi per controllare l’accesso ai media e limitare la copertura del conflitto in corso con la Russia, soprattutto in prima linea, poiché le forze ucraine subiscono pesanti perdite nella loro controffensiva.

Un rapporto di The Intercept evidenzia l’intensificazione del monitoraggio e della censura di cui soffrono i giornalisti veterani mentre svolgono il loro lavoro nei territori controllati dall’Ucraina.

Quando le forze ucraine hanno preso il controllo della città portuale di Kherson, i giornalisti sono entrati in città senza un permesso formale e hanno documentato le scene di giubilo. In risposta, i funzionari ucraini hanno revocato le credenziali di stampa dei giornalisti, sostenendo che questi avevano ignorato le restrizioni esistenti.
Dall’inizio del conflitto lo scorso anno, secondo il rapporto, le autorità ucraine hanno minacciato, revocato o negato le credenziali di stampa ai giornalisti di 6 testate giornalistiche che si occupavano della guerra.

Ad Anton Skyba, un fotografo ucraino, è stato revocato il lasciapassare dopo aver rivelato che le autorità ucraine lo avevano sottoposto a interrogatorio e test della macchina della verità perché lo accusavano di lavorare contro gli interessi nazionali del paese.

“È assurdo quanto poco di ciò che sta accadendo venga raccontato. E la ragione principale, anche se non l’unica, è che il governo ucraino ha reso praticamente impossibile per i giornalisti fare veri reportage in prima linea”, Luke Mugelson, uno scrittore collaboratore. per il New York Times, ha detto a The Intercept .

Skyba ha rivelato di essere spesso incaricato da ufficiali militari ucrani di distorcere le dichiarazioni e le testimonianze dei soldati ucraini.

“Se un soldato mi dice: ‘Odio così tanto questa guerra’, l’addetto stampa gli chiede di rispondere: ‘Sì, la guerra è dura, ma stiamo mantenendo alto il morale”.

Il giornalista italiano Andrea Sceresini, che ha lavorato a lungo in Ucraina, ha riassunto la situazione attuale dicendo: “Stanno controllando tutti i giornalisti. E uno per uno quelli che non sono perfettamente rispettosi delle direttive e della linea politica di Kiev sono fuori.”

Altre fonti: la controffensiva ucraina non sta andando molto bene, afferma il WSJ.

I maggiori sforzi di Kiev per alterare i fatti e censurare i giornalisti in prima linea coincidono con le successive sconfitte sul campo di battaglia.

Martedì il ministero della Difesa russo ha dichiarato martedì che l’Ucraina ha perso quasi 500 soldati a seguito di tentativi offensivi nelle direzioni sud di Donetsk, Zaporozhye e Donetsk in un giorno.

Mosca ha anche rivelato che le truppe russe hanno respinto quattro attacchi dell’Ucraina vicino alla sporgenza di Vremivka e in direzione di Orikhiv.

“Le perdite totali del nemico nelle direzioni South Donetsk e Zaporizhzhia nell’ultimo giorno ammontavano a 260 soldati ucraini, nove carri armati, un veicolo da combattimento di fanteria Bradley, 12 veicoli corazzati da combattimento, tre veicoli, due obici D-20, due Msta- B, oltre a un sistema di artiglieria M777 prodotto negli Stati Uniti”, ha affermato il ministero.

Le pesanti perdite di equipaggiamento militare sono seguite da mesi di raduni e tour completati da Zelenskyj nelle capitali occidentali, per assicurarsi armi e armamenti di prima qualità, che devono ancora produrre una vittoria significativa per Kiev.

Fonte: Al Mayadeen English The Intercept

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM