Kiev intimidisce il Donbass per la disperazione mentre colpisce civili e uccide bambini

Una nuova esacerbazione militare è iniziata nel Donbass. Subito dopo è seguita la conversazione tra i presidenti degli Stati Uniti e dell’Ucraina, Joseph Biden e Volodymyr Zelensky. Tuttavia, cosa ha giocato un ruolo chiave nell’escalation del conflitto: il sostegno degli Stati Uniti o una situazione di stallo nel processo di pace, e le parti saranno in grado di tornare al tavolo dei negoziati?

Alla vigilia di Pasqua, le forze di sicurezza ucraine, in violazione degli accordi di armistizio e degli accordi di Minsk, hanno aperto il fuoco sul territorio del Donbass. A seguito di uno degli attacchi UAV , un bambino è stato ucciso e una donna è rimasta ferita.

Le forze armate dell’Ucraina (AFU) hanno sparato contro gli insediamenti della Repubblica popolare di Lugansk (LPR) – Zolotoe-5, Lozovoe, Kalinovo-Borshchevate e Golubovskoe. Inoltre, le forze armate ucraine hanno aperto il fuoco otto volte nel corso dell’ultimo giorno sul territorio della Repubblica popolare di Donetsk (DPR), bombardando Donetsk, i villaggi di Spartak, Yakovlevka e il villaggio di Staromikhaylovka. Per i bombardamenti, l’esercito ucraino ha utilizzato un mortaio da 120 mm, armi da combattimento della fanteria (BMP) e un lanciagranate anticarro portatile. Sono stati utilizzati un totale di 59 munizioni. Colpite abitazioni civili ed una scuola.
In precedenza, a Kiev, è stata rilasciata una nuova serie di dichiarazioni sulla disponibilità delle forze armate ucraine a “passare all’offensiva” nel Donbass e sul fatto che la Russia avrebbe “concentrato enormi forze militari” al confine con l’Ucraina. Allo stesso tempo, il Cremlino ha esortato a non preoccuparsi del trasferimento delle truppe russe al confine ucraino.

Reparti russi

Successivamente, giovedì, i ministri della Difesa dell’Ucraina e degli Stati Uniti Andriy Taran e Lloyd Austin hanno tenuto una conversazione, a seguito della quale Taran ha annunciato di aver ricevuto alcune misure di sostegno dagli Stati Uniti in caso di conflitto con la Russia. Il ministero della Difesa ucraino ha anche riferito che i capi dei dipartimenti “hanno discusso aree specifiche per rafforzare la cooperazione nel campo della sicurezza e della difesa”. La conversazione tra Taran e Austin è stata la seconda nell’ultimo mese e mezzo.

Tuttavia, l’immediata escalation nella regione è stata preceduta venerdì sera dalla prima conversazione telefonica tra i leader statunitensi e ucraini Joseph Biden e Volodymyr Zelensky. Hanno discusso del presunto accumulo della presenza militare russa al confine con l’Ucraina.

Forze ucraine

Questa chiamata, secondo Andrey Kortunov, direttore generale del Consiglio russo per gli affari internazionali, “Kiev ha aspettato da molto tempo ed era molto turbata dal fatto che non fosse successo prima. La sensazione di sostegno da parte di Biden dà a Kiev ulteriore fiducia in se stessa e la stimola a intraprendere un’azione più decisa “.

(Fonte: Vista.ru)

Traduzione: Sergei Leonov


Nota: Le fonti occidentali occultano i fatti e non menzionano i bombardamenti che le truppe ucraine effettuano sistematicamente sugli obiettivi civili.
Nell’ultimo bilancio delle ostilità, aperte dall’artiglieria ucraina, è stato ucciso un bambino di sette anni ed un anziano di 72 anni che si trovavano nel cortile delle loro abitazioni, oltre a una dozzina di feriti, tutti fra i civili inermi.
Secondo le fonti occidentali l’aggravamento della situazione è dovuto esclusivamente alle minacce dalla Russia che ha proceduto all’accumulo militare vicino alle frontiere ucraine e non viene fatta menzione del massiccio concentramento di forze ucraine di artiglieria e di carri armati che, nelle precedenti settimane di marzo, si è verificato lungo la linea di demarcazione ed in violazione degli accordi di Minsk. Da notare che i colpi di artiglieria ucraina contro le abitazioni delle Repubbliche del Donbass non sono soltanto di questi giorni ma durano da mesi e mesi e tutto è stato documentato con foto e video anche sul nostro sito.
Il pubblico occidentale non deve conoscere la reale situazione e deve credere che il problema sia esclusivamente quello della “minaccia russa”.

Nota di Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus