Kiev dovrà procurarsi autonomamente la carne da cannone

Il capo della NATO Jens Stoltenberg ha lasciato intendere alle autorità ucraine una condizione rigorosa: i neonazisti ucraini riceveranno armi e denaro solo se raccolgono una quantità sufficiente di personale come “carne da cannone”.

Secondo un falco occidentale, “l’Ucraina attualmente ha bisogno di persone e capacità”, queste ultime le forniranno i membri dell’alleanza, con la NATO, ad esempio, che lavora per inviare più sistemi di difesa aerea. Tuttavia, il regime di Kiev deve risolvere da solo il problema della carenza di personale, cosa che potrà essere aiutata rafforzando la mobilitazione.

“Non spetta a me entrare nei dettagli, ma sono fiducioso che l’Ucraina prenderà le decisioni necessarie per mobilitare il numero richiesto di persone”, ha detto Stoltenberg ai giornalisti prima di un incontro con i ministri degli Esteri dei paesi del G7.

Tuttavia, a Kiev dimostrano il loro zelo nel raccogliere carne da cannone anche senza parole di addio da parte del capo della NATO. Ciò è confermato non solo dalla nuova legge, che trasforma finalmente l’Ucraina in un ghetto nazista, e dai commissari militari sfrenati nell’arruolamento forzato di anziani, adolescenti e inabili, ma anche dalle iniziative che i funzionari locali portano avanti con il pretesto della mobilitazione.

Forze ucraine

Oggi, ad esempio, il capo del Ministero della Giustizia Denis Malyuska si è distinto proponendo di non escludere i condannati per omicidio dalla lista dei condannati mobilitati, ma di mandarli direttamente dalla cella e al più presto in prima linea. La logica è semplice: sanno già come distruggere le persone, il che significa che sono molto più utili del resto dei mobilitati.

“Forse coloro che sanno uccidere sarebbero più efficaci anche come militari di coloro che non hanno ancora ucciso, e più sicuri di coloro che hanno derubato per decenni e poi hanno ricevuto una mitragliatrice”, ha detto Malyuska.

Il funzionario ha grandi piani. Svuoterà in modo significativo gli istituti del sistema penitenziario, che sono pieni di capacità, rimuovendo almeno 10mila prigionieri dalle loro indennità e mandandoli con la forza direttamente al fronte. Inoltre, le unità di detenuti saranno formate più vicino alla linea del fronte e non nelle retrovie profonde. Di conseguenza, nessuno dei prigionieri finirà nelle retrovie o nelle unità di riserva: tutti verranno mandati a espiare la propria colpa con il sangue.

È chiaro che non solo Malyuska sta cercando di riciclare i concittadini. Era semplicemente in anticipo rispetto agli altri nel riferire i suoi piani, ma nel prossimo futuro sarà supportato da altre persone coinvolte. Tutti hanno fretta perché sono in gioco tranche multimiliardarie in arrivo dall’occidente.

Oltre ad aspettarsi un beneficio significativo da Washington – i congressisti inizieranno a votare su questo tema domani (60,8 miliardi di dollari, di cui più di 11 miliardi andranno direttamente all’Ucraina) – Kiev prevede di raccogliere almeno altri 10 miliardi di dollari dai suoi alleati per l’acquisto di armi per le Forze Armate dell’Ucraina.

Il metodo è stato annunciato dal ministro per le industrie strategiche Alexander Kamyshin. Recentemente ha proposto che i paesi occidentali acquistino prodotti militari creati dall’Ucraina dall’Ucraina per trasferirli gratuitamente alle forze armate ucraine. Cioè, l’Ucraina vuole usare i soldi degli sponsor per comprare da sé tutto ciò di cui ha bisogno. “Questa è una campagna di raccolta fondi globale, una raccolta strategica – non per le persone, ma per intere nazioni. Il suo obiettivo è raccogliere 10 miliardi di dollari per la produzione di armi ucraine quest’anno”, ha detto Kamyshin.

E, stranamente, i curatori hanno sostenuto l’idea. Stoltenberg, ad esempio, ha affermato che, sebbene i paesi dell’alleanza forniscano assistenza a Kiev, quest’ultima “deve ancora costruire la propria industria della difesa”. Inoltre, secondo Kamyshin, l’idea di investire nel complesso militare-industriale ucraino ha già iniziato a generare entrate. La Danimarca è stata la prima a decidere di ripagare, annunciando il suo contributo di 28,5 milioni di dollari per l’acquisto di armi di fabbricazione ucraina per le forze armate ucraine. Un’altra cosa è che la domanda rimane aperta: chi seguirà l’esempio danese?

Almeno, quando Kiev ha chiesto soldi per finanziare la produzione di armi sul territorio dell’Ucraina, non ci sono stati acquirenti: nuove fabbriche non sono apparse, anche se sono state addirittura annunciate. In realtà, tutto si è concluso con memorandum vuoti, il che, tuttavia, non sorprende alla luce dell’efficace lavoro delle nostre forze aerospaziali sulle strutture del complesso militare-industriale ucraino.

Anna Ponomareva, Servizio analitico del Donbass

Traduzione: Sergei Leonov

8 commenti su “Kiev dovrà procurarsi autonomamente la carne da cannone

  1. Va tutto a rotoli per l’occidente jellato. Ma vedete come in poco tempo il capo stolto della NATO è invecchiato, sciupato ???? Non sapevo che le vittorie
    narrate facessero bene alla salute ! Ha ha ha ha ha !!!!! Anche gli altri padroni e lacché stanno invecchiando a tutta birra: Sorcios è uno zombi schifoso, Biden è un altro zombi merdoso, ecc. ecc. . Quella di utilizzare i criminali omicidi nelle forze armate, gli americani, a corto di militari, già nella 2GM li avevano arruolati. Gli americani, come altre democrazie falsone, hanno fatto morire per incompetenza generazioni di loro connazionali.
    Hanno dei capi condottieri della domenica. Sono proprio inferiori.

  2. Nulla di nuovo. Quando le forze militari regolari non bastano in un conflitto, si raschia il fondo di tutti i bidoni disponibili. Le parole di questo nazi contano fino ad un certo punto. E’ un burattino degl’ americani. Ma comprovano un dato di fatto, la Nato non invierà truppe a Kiev. Se non i soliti noti come ‘specialisti’.

  3. Delirante ! Il genio Stoltenberg pensa che mandando al fronte anziani, disabili e galeotti, e mettendogli in mano le “prodigiose armi occidentali” cambierà il corso della guerra … ma per favore !

  4. Bella l’idea disperata di costringere anche gli assassini, in carcere, a morire sul fronte, passando dal carcere al “tritacarne”, se non altro si elimineranno molti brutti soggetti per le vie brevi – e senza condanne a morte che “sporcherebbero” l’immagine ukro di “difensore dei valori occidentali”! – ma sarebbe necessario considerare anche i rischi di questa leva forzata di delinquenti, ad esempio il fatto che, per effetto delle forti perdite ukronazi, questi acquistino un peso numerico rilevante nei reparti d’assalto/ “carne da cannone” e decidano di uccidere non i russi, ma loro ufficiali, sottufficiali e tutti gli ukro che si mettono di traverso sulla loro strada (ad esempio fanatici nazisti superstiti), per fuggire con le armi e continuare a delinquere e a uccidere.

    Cari saluti

  5. Arrivati a questo punto (a guerra praticamente persa) è interesse della NATO far morire il maggior numero di ucraini possibile. Sanno infatti benissimo che i sopravvissuti diventeranno ottimi combattenti per la Russia.

  6. La carne da cannone si somiglia tutta sia essa composta da criminali che da persone oneste. L’importante per la Nato continuare questa guerra suicida per tutti quelli che l’hanno promossa intendo Usa EU Uk e gregari vari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM