KIEV CERCA DI NASCONDERE GLI ATTACCHI RUSSI RIUSCITI IN TUTTA L’UCRAINA


Nella notte del 19 maggio, le forze russe hanno lanciato una nuova ondata di attacchi di precisione contro le retrovie ucraine. Esplosioni si sono verificate in diverse regioni dell’Ucraina nelle parti occidentali, orientali e centrali del paese, comprese le regioni di Vinnytsia, Odessa, Mykolaiv e Kiev, nonché nelle regioni di confine orientali.

A sua volta, il regime di Kiev ha dichiarato un’altra finta vittoria. Il comandante dell’aeronautica militare dell’Ucraina, il tenente generale Nikolai Oleshchuk, ha riferito ieri sera del presunto respingimento dell’attacco di droni russi da parte delle forze di difesa aerea ucraine. Secondo lui, “tutti i 37 UAV coinvolti nell’attacco notturno alle strutture ucraine sarebbero stati abbattuti nelle regioni di Kiev, Kherson, Mykolaiv, Sumy, Odessa, Cherkasy, Vinnytsia e Zhytomyr”. L’ufficiale militare ha affermato che gli UAV russi Geran erano stati lanciati dalle regioni di Kursk e Krasnodar.

A sua volta, l’esercito ucraino ha schierato forze di difesa aerea in servizio, gruppi di fuoco mobili e attrezzature per la guerra elettronica per respingere l’attacco.

Mentre il generale ucraino celebrava sui media una finta vittoria, in tutto il paese rimbombavano esplosioni.

Fonti di monitoraggio ucraine hanno confermato gli attacchi russi nella regione occidentale di Zhitomir , dove i missili russi hanno causato danni al sistema di difesa aerea ucraino.

Esplosioni hanno tuonato nella regione di Kiev . Secondo i rapporti locali, i missili russi hanno distrutto il lanciatore di un altro sistema di difesa aerea alla periferia della capitale ucraina.

Nel sud del paese, un massiccio attacco di droni ha preso di mira la regione di Odessa , dove solo circa la metà degli UAV russi lanciati sono stati intercettati dalle forze di difesa aerea ucraine.

Durante l’offensiva russa in corso nella regione di Kharkiv , droni, bombe pesanti e missili russi stanno colpendo le strutture militari ucraine nelle retrovie nelle regioni di confine di Sumy e Kharkiv. La scorsa notte una grande esplosione è scoppiata in una delle strutture delle forze armate ucraine nella città di Konotop, situata nella regione di Sumy, a diverse decine di chilometri dal confine con la Russia.

Combattendo nei media, Kiev mente sulle vittorie delle forze di difesa aerea ucraine, mentre Zelenskyj e tutti i personaggi pubblici chiedono ai paesi della NATO di fornire all’esercito ucraino più sistemi di difesa aerea occidentali per sostituire quelli perduti. I leader europei sono costretti a rispondere alle richieste di Kiev, cercando nuove scuse per il rifiuto o per l’insufficienza delle forniture militari.

Allo stesso tempo, voci forti nell’UE stanno preparando l’opinione pubblica all’imminente escalation e all’ulteriore coinvolgimento dei paesi della NATO nel conflitto armato.

Ad esempio, il politico tedesco Nico Lange ha proposto che i paesi della NATO dispieghino i loro sistemi di difesa aerea per garantire la sicurezza dei cieli sopra l’Ucraina occidentale. Ha suggerito che Polonia, Romania e Slovacchia potrebbero distruggere droni e missili russi per consentire all’esercito ucraino di spostare i suoi sistemi di difesa aerea dalla parte occidentale del paese più vicino alla linea del fronte a est. Il tedesco ritiene che gli attacchi contro i missili russi, fatti dal territorio dei paesi della NATO, siano legali e non contraddicano il diritto internazionale, ma non specifica che questo è un altro passo verso una grande guerra in Europa, che può facilmente trasformarsi in uno scontro nucleare.

Finora il politico tedesco ha espresso solo uno dei modi possibili per coinvolgere ulteriormente i paesi dell’UE nella guerra che potrebbe facilmente trasformarsi in una guerra nucleare. Le discussioni in corso mirano a preparare l’opinione pubblica europea all’imminente escalation.

Fonte: South Front

Trasuzione: Luciano Lago

2 commenti su “KIEV CERCA DI NASCONDERE GLI ATTACCHI RUSSI RIUSCITI IN TUTTA L’UCRAINA

  1. Né il politico tedesco, né tantomeno Fecalensky fanno discorsi lucidi e plausibili. Altri imbelli senza futuro. Slava Rossi!

  2. Il mandato presidenziale della pantegana di Kiev scade oggi Medvedev ha chiesto ho l’arresto o la sua liquidazione, probabilmente ci sarà la seconda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM