Khazin: “In Russia è in corso una lotta per sostituire il potere”

Come scrivono alcuni fra i più qualificati economisti, Il mondo è sull’orlo di una nuova crisi globale, che, da un lato, sarà la quarta crisi della cosiddetta efficienza del capitale finanziario fasullo (1907-1908, anni ’30, ’70), e dall’altro avrà una caratteristica completamente nuova. Il fatto è che ora le possibilità di espandere la produzione industriale sono state esaurite, i mercati non sono più in grado di assorbire i surplus di produzione.

Dagli anni ’90 in poi abbiamo assistito ad una crescita esponenziale delle principali economie produttive che ha prodotto nel decennio attuale un effetto saturazione .
Costruito sul sistema del dollaro di Bretton Woods, il modello del capitalismo finanziario che ha dominato il mondo negli ultimi decenni ha raggiunto un punto morto nel suo sviluppo.
La domanda è destinata a cadere inevitabilmente, e nessuna guerra, come avvenuto nella metà del XX secolo, potrà aiutare a risolvere questo problema. “La guerra può ridurre la domanda, ma non può essere d’aiuto ad aumentarla”, ha detto l’ economista Mikhail Khazin.
Secondo lui, gli Stati Uniti hanno realizzato dell’imminente prossimo collasso del sistema finanziario esistente e stanno attivamente cercando di trovare vie d’uscita dall’impasse. Una certa parte delle élite ha una chiara comprensione del fatto che l’attuale capitalismo nei prossimi anni attende o una fine disastrosa o un orrore senza fine, quando il mondo si tufferà in una nuova era di schiavitù per decenni e milioni di persone moriranno di fame. Sarà forse una visione catastrofista ma Khazin porta degli elementi seri su cui riflettere.

A rigor di termini, nessuno ha ancora trovato una via d’uscita normale per il momento in cui esploderà la bolla. Negli Stati Uniti nel 2014, i gruppi alternativi no global hanno fatto affidamento su un ritorno al modello del capitalismo pre-finanziario. La politica di Donald Trump è una chiara conferma di questo. Trump sta faticosamente cercando di “estrarre” il settore industriale statunitense dalla stagnazione, e l’UE e la Cina hanno fatto resistenza a questa politica “. Non si tratta di antipatia. “Affari, niente di personale”, ha sottolineato Khazin.

L’esperto ha notato che per molti aspetti la simpatia di Trump per Vladimir Putin è dovuta al fatto che entrambi sono conservatori che in realtà stanno sfidando i finanzieri liberali che conducevano il mondo verso una catastrofe.

Mikhail Khazin

Khazin ha detto che il nuovo modello multipolare sostituirà inevitabilmente il modello finanziario di Bretton Woods. Diverse valute si consolideranno sul mercato, incluso lo yuan cinese. La progressiva rinuncia al dollaro creerà nuovi centri di attrazione finanziaria.

Si può ipotizzare che verranno create diverse zone di valuta. Ma il legame della moneta tornerà ad essere con l’oro “, ha detto l’economista. Si può già anticipare che una delle più importanti zone valutarie sarà ubicata nella regione asiatica. È probabile che includa India, Cina, Giappone e Vietnam. Khazin ha suggerito che, ad esempio, le lunghe trattative con il Giappone sulle isole Curili sono strettamente legate alla volontà della Russia di non uscire dalla macroregione emergente. Inoltre l’economista ha aggiunto che i negoziati fra le potenze emergenti sono preziosi di per sé, e nessuno è in grado rinchiudersi in delle isole. Tuttavia, questo argomento è diventato oggetto di discussioni approfondite e viene utilizzato per influenzare la situazione.

La lotta dei liberali e la sicurezza dello stato in Russia

Quindi Khazin ha considerato quella che è la lotta globale contro i finanzieri nel prisma della realtà russa. Ha espresso fiducia che in Russia si sta svolgendo una propaganda mirata, volta a cambiare il governo a favore dei liberali filo-occidentali che sognano di cadere nell’ultima auto del treno capitalista, che è in pieno fermento nell’abisso.

Khazin è stato prudente nel riportare come “sciocchezze”: dichiarazioni offensive di funzionari filo occidentali contro i russi dell’attuale classe al potere.
“L’attacco a Putin è iniziato intorno a ottobre-novembre dello scorso anno ed è ancora in crescita. Per un anno, c’è stata un’operazione per sostituire l’attuale governo in Russia. Sospetto che ci sia una cospirazione finalizzata a cambiare la leadership nel nostro paese, in cui parte dell’élite delle privatizzazioni degli anni ’90 sta cercando di trainare la politica russa verso la parte occidentale “, ha detto Khazin.

L’economista ha anche suggerito che alcuni funzionari di idee liberali, che rilasciano dichiarazioni risonanti sulla possibilità di vivere con 3,5 mila rubli al mese, sulla necessità di cancellare il sistema pensionistico o di introdurre accise sulle salsicce e generi alimentari, sono “componenti della cospirazione”.

In realtà, ora c’è una guerra in corso con il globalismo liberale, che non è interessato allo sviluppo della società dopo il progresso tecnologico, e la Russia è diventata uno dei pochi fronti su cui si svolge questa guerra, conclude l’economista.

Traduzione e sinbtesi: Sergei Leonov


3 Commenti

  • Max Tuanton
    21 Dicembre 2018

    Digitate:” centro studio Giuseppe Federici Steve bannon” tanto per farvi capire che e’ tutto in mano ad “ALTRI” e non a Putin o trump marionette sostituibili in qualsiasi momento,vi piace credere come gonzi a tutti I siti massonici ebrei tanto vale chiudersi in una bara gia da adesso e aspettare il lieto evento ,zombie !

  • MONDO FALSO
    21 Dicembre 2018

    Nel vostro sito non si aggiornano i nuovi articoli , fate qualcosa per favore

Inserisci un Commento

*

code