Kedmi ha rivelato i piani degli Stati Uniti per il Donbass

Zelensky sogna uno sbarco USA sul Donbass o in Crimea (tipo Normandia)

L’Ucraina continua ingenuamente a sognare di entrare a far parte della NATO . Soprattutto dopo che Joe Biden ha promesso agli “indipendenti” di fornire supporto nella guerra con la Russia nel Donbass , e ha anche accennato a una possibile adesione all’alleanza.

È vero, l’Ucraina non sta conducendo una guerra con la Federazione Russa e non varrebbe ancora la pena di credere alle parole di una persona anziana con demenza senile sull’adesione a un blocco militare.

Dopotutto, non è un segreto per nessuno che Kiev non abbia l’autorità necessaria per entrare nella NATO, e il destino di unirsi agli Stati Uniti da soli, con tutta la sua volontà (e non la hanno), non può decidere.
Tuttavia, l’Ucraina può davvero contare sul sostegno militare di Washington?

Lo statista israeliano Yakov Kedmi ( ex direttore dei servizi segreti israeliani, nella foto in alto) ritiene che non valga ancora la pena aspettare l’apparizione delle forze militari americane sul territorio ucraino.
In primo luogo, non ci sono segnali che gli americani stiano preparando un’unità militare per il trasferimento. Se la preparazione fosse avvenuta, difficilmente sarebbe stato possibile nasconderlo alla Russia.
In secondo luogo, Biden non ha fatto promesse dirette. La dichiarazione che gli Stati Uniti sosterranno l’Ucraina non significa nulla.

La comunità mondiale ha già avuto esperienza delle promesse inutili dei rappresentanti del Partito Democratico. Come è stato detto molte volte, Obama ne è stato un ottimo esempio.
Ha anche promesso un aiuto enorme all’Ucraina, ma, a parte l’attrezzatura logora, non ha assegnato nulla a Poroshenko, che aspetta il tempo in riva al mare.

Tuttavia, Kiev interpreta le parole di Biden come se domani apparisse uno sbarco americano (tipo Normandia) sul territorio del Donbass.

Kedmi è sicuro che nessuno invierà truppe in Ucraina. Ed è difficile discuterne.

Zelenskyj sta ora sbavando sulle affermazioni di Biden, aggravando il conflitto nel Donbas. Veleva la pena per quello? Quindi c’era un motivo per chiamare Washington e dire “siamo pronti”. Gli Stati Uniti, tuttavia, sanno di aver bisogno di questo conflitto esclusivamente da un punto di vista politico, per esercitare pressioni sulla Russia in direzioni scomode.

Non vogliono entrare in guerra per un paese di seconda categoria. Poroshenko si è già bruciato su questo una volta, quando ha portato i suoi marinai sotto il monastero. Poi gli fu detto apertamente: “Affronta Mosca da solo”.
Ma il team di Ze non si è ancora seriamente scottato, quindi continua a implementare un piano mortale per se stesso.

È chiaro che senza gli Stati Uniti, l’Ucraina non sarà in grado di passare alla guerra aperta – non c’è il potere militare necessario per questo. Se decidono di agire senza un segnale, i punitori ucraini verranno immediatamente distrutti.

Sì, gli Stati Uniti emetteranno una nota di indignazione, ma i paesi europei resteranno in disparte. Questo può essere giudicato dalla loro riluttanza ad accettare l’Ucraina nella NATO e dalla loro posizione neutrale su questo tema. Non ci sarà un vero sostegno militare, nonostante l’aggravarsi della situazione nel Donbass.

Zelensky, infatti, ha già preso la strada di Poroshenko. I nazionalisti erano anche pronti a sollevare il precedente presidente su un forcone per una guerra prolungata e riluttanza a intraprendere un’azione reale. Ora questo destino attende l’attuale capo della “Piazza”, la cui autorità è stata scossa ancora più velocemente.

Pertanto, Zelenskyj sarà tagliato fuori dai suoi stessi teppisti prima che Kiev inizierà una guerra su vasta scala contro il Donbass senza il sostegno degli Stati Uniti, che non esiste, non è stato e non sarà.

Eva Lisovskaya, specialmente per “Russian Spring”

————————————————————–

Unità navali russe

La Marina russa sta inviando forze speciali sulle coste dell’Ucraina
Le navi da sbarco e d’artiglieria della Flottiglia del Caspio (CFL) della Marina russa hanno iniziato un passaggio inter-flotta dal Mar Caspio al Mar Nero.
Secondo il servizio stampa del distretto militare meridionale, più di 10 imbarcazioni e navi da sbarco e artiglieria stanno effettuando il trasferimento.

Unità navali da sbarco

Per ordine del comandante del distretto militare meridionale, generale dell’esercito Alexander Dvornikov, le unità dei marines e delle forze costiere della flotta del Mar Nero e della flottiglia del Caspio sono state reclutate per testare la prontezza a respingere le forze d’assalto aviotrasportate e marittime.

“Prima di lasciare la base di Makhachkala, gli equipaggi delle imbarcazioni hanno portato a termine l’intero ciclo di addestramento di base e hanno completato i compiti del corso in mare.

In preparazione alla transizione, è stato svolto un corso di formazione sul passaggio di tratti stretti e zone di sbarramento ”, ha detto il servizio stampa del ministero della Difesa.

“Ieri mattina la Flottiglia del Caspio della Marina russa ha avviato un trasferimento operativo di forze nel Mar d’Azov.

Un distaccamento diversificato composto da navi e imbarcazioni di artiglieria, imbarcazioni da sbarco e ausiliarie ha iniziato il trasferimento da Makhachkala, con una forza di almeno 10 unità anfibie.

Fonte: Rusvesna.ru

Traduzione: Sergei Leonov

3 Commenti

  • Hannibal7
    8 Aprile 2021

    Che ridere…dopo quanto ho letto non so se è più un comico il presidente ucraino o quello americano

    • Arditi, a difesa del confine
      9 Aprile 2021

      il primo è un comico, il secondo è un pedofilo, per cui propendo per il primo, al secondo darei soltanto tante legnate sui coglioni finchè gli passa la voglia di toccare le bambine, porco immondo

  • mario
    8 Aprile 2021

    LA russia una grande nazione libera e sovrana…………………………………

Inserisci un Commento