KCNA: Gli Stati Uniti stanno provocando l’inizio di una guerra su vasta scala in Medio Oriente

Le politiche americane, compreso il sostegno a Israele, hanno portato la situazione nella regione del Medio Oriente sull’orlo di una guerra su vasta scala.
Come affermato in un commento pubblicato dalla Central News Agency della RPDC (KCNA), attualmente la situazione in Medio Oriente continua a peggiorare e quindi l’inizio di una guerra su vasta scala nella regione si avvicina costantemente.

Il rapporto della KCNA afferma che all’esercito israeliano è stato ordinato di prepararsi per un’invasione di terra della Striscia di Gaza e che gli attacchi contro l’enclave palestinese si stanno intensificando. Le autorità statunitensi hanno promesso di fornire sostegno e armi a Israele e hanno anche inviato nella regione due delle loro portaerei. Nel paese arrivano uno dopo l’altro i funzionari americani, tra cui il capo del Dipartimento di Stato, il presidente e il segretario alla Difesa, che hanno assicurato a Tel Aviv il loro pieno appoggio.

Inoltre, gli Stati Uniti hanno distrutto anche la minima possibilità di prevenire un conflitto armato su larga scala nella regione, usando il loro potere di veto per respingere un progetto di risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che avrebbe dovuto facilitare un cessate il fuoco e risolvere la crisi umanitaria. La leadership dell’Unione Europea, a sua volta, sostiene gli Stati Uniti in tutto.

Come sottolinea KCNA, Washington scarica la colpa della situazione nella regione del Medio Oriente sulla Palestina e la accusa di aggressione. Allo stesso tempo, a causa della politica estera unilaterale e dei doppi standard di Washington, la sicurezza e la stabilità globale sono in pericolo.

Nota: Le cause della crisi vanno ricercate ben prima dell’attacco del 7/Ottobre. Il problema dell’occupazione israeliana delle terre palestinesi non è stato mai risolto, nonostante le risoluzione del CSU della Nazioni Unite sulla questione. Le questioni dell’assedio di Gaza (che dura da 16 anni) e delle condizioni umanitarie sempre più drammatiche in cui si trovano gli abitanti della Striscia non sono mai state risolte, nell’indifferenza dei paesi europei.
Piuttosto i governi dei paesi europei preferiscono, per comodità e servilismo, allinearsi sulle posizioni di Washington e di Tel Aviv, ignorando i crimini contro la popolazione civile che vengono commessi da Israele. L’occidente applica il doppio standard sulle vittime delle violenze: quelle israeliane sono di serie A, quelle palestinesi (10 volte di più) sono di serie C, quindi contano 0.

Fonte: Top War

Traduzione e nota: Luciano Lago

11 commenti su “KCNA: Gli Stati Uniti stanno provocando l’inizio di una guerra su vasta scala in Medio Oriente

  1. basterebbe attaccare gli uk-statunitoidi a casa loro e finirebbero subito le guerre.
    bisogna denunciare anche la mer-loni per avallare tutti i genocidi degli occidentaloidi.

    bisogna denunciare alla corte dell’Aia tutti sti criminali. .ebasta

    1. La corte dell’Aia e’ organizzata e gestita dagli stessi che si vorrebbe condannare per crimini all’umanita’.
      Inutile sperare in quello che non puo’ avvenire.
      Occorre unire i popoli in una rivoluzione planetaria contro gli imperialisti e colonizzatori.

  2. Uhm…facciamo i conti della serva. Poniamo 10.000.000 di operai cinesi (l’ 1% della forza lavoro in Cina) e li dividiamo in 3 gruppi per lavorare in fabbriche moderne. Il primo a costruire aerei e missili, il secondo carri armati, il terzo navi e sottomarini. Il tutto usando risorse primarie (gas e acciaio) russe…Uhm…Voi dite che l’ Occidente potrà competere?

  3. Continua ‘la guerra infinita’ degli USA con i loro complici , in primis inglesi e israeliani,per affermare e continuare il loro dominio sul mondo ; guerra iniziata con l’attentato alle Torri Gemelle compiuto da ?
    La guerra dei ricchissimi contro classi medie, poveri e poverissimi, la guerra della finanza agli Stati che non si vogliono fare rapinare, che non vogliono sottomettersi ai privati.
    Confidiamo nei BRICS e nella de-dollarizzazione.

  4. I crimini contro l’umanità commessi dai governi Usa-Uk-sionisti, nella persona dei loro presidenti e leader negli ultimi decenni, sono passibili di pena di morte !
    USA – Bush, Clinton, Obama, Biden, Kissinger, Albright, Condoleza Rice, Wolfowitz, Hillary Clinton, Pompeo, Nuland, Blinken !
    UK – Tatcher, Major, Tony Blair, Cameron, May, Johnson, Liz Truss, Sunak !
    Sionisti – Rabin, Begin, Peres, Shamir, Sharon, Olmert, Bennet, Lapid, Netanyahu !
    E a questa lista ne mancano tanti altri, per esempio i leader dei governi europei complici e asserviti !

  5. Non capisco perché la Russia non blocca l’esportazione del gas e petrolio per due mesi questo porterebbe ad un aumento dei prezzi che metterebbe in difficoltà l’economia dei paesi occidentali

  6. La guerra nella Palestina occupata comincia a coinvolgere sempre più potenze esterne, dopo la ripetuta distruzione degli aeroporti siriani di Damasco ed Aleppo da parte dei criminali sionisti gli aerei iraniani trasportanti armi, rifornimenti e uomini per le milizie iraniane e filoiraniane di Siria e Libano sbarcano nell’iperprotetto aeroporto russo di Kmeimimm, per cui ora i russi sono logisticamente responsabili del rafforzamento delle milizie che da un momento all’altro possono entrare in Galilea per ripulirla della minoranza ebraica che la infesta.
    La Cina schiera nel Golfo Persico 6 fregate lanciamissili ipersonici antinave, mentre i principali paesi NATO hanno concentrato a Cipro reparti di forze speciali che potrebbero dare la caccia ai miliziani di Hamas nei sotterranei di Gaza, ma probabilmente finiranno massacrati.
    Il totale controllo dell’aleatoria e transitoria entità sionista sull’occidente sta spingendo il mondo verso la guerra atomica, il vecchio premier pazzo sionista, che forse si crede una specie di re ebraico del mondo, non sparirà dalla scena senza cercare di ammazzare il maggior numero possibile di persone, com’è nella sua sanguinaria mentalità genocida.

  7. Potrebbe essere che gl Usa frustrati dagli insuccessi militari della nato in Ucraina contro la Russia ora appoggino militarmente Israele in questo conflitto contro i palestinesi di Gaza sperando di provocare un allargamento del conflitto con i paesi vicini cioè Libano Siria convinta di vincere in modo di accerchiare la Russia e avvicinarsi al suo nemico e competitor economicodi sempre la Cina

  8. Passo dopo passo ci stiamo dirigendo inevitabilmente verso la terza guerra mondiale. I nostri capi di governo ebrei che, senza se e senza ma, sostengono Israele e USA sono pronti al tutto per tutto. E ancora una volta ci troviamo dalla parte sbagliata della Storia.

  9. I politici che stanno nelle istituzioni iquando sentono gli nterlocutori parlare di contesto storico di ciò che sta avvenendo in Ucraina e nel conflitto Israele Striscia di Gaza viene lapelle d’oca e vanno in tilt: come osiamo esaminare le cause di quanto stava venendo e non ci accontentiamo invece della versione. più apparente che ci vogliono propinare? Cioe che siste un aggressore e un aggredito per tutte e due gli scenari di guerra e che la storia è cominciata dal 24 febbraio 2022 per quanto riguarda il conflitto Russia e Ucraina e il 7 ottobre u. s. Per il conflitto Israele Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM