APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

John Steppling: Israele, Pugno di Ferro degli interessi degli Stati Uniti in Medio Oriente

L’analista politico americano John Steppling afferma che gli Stati Uniti, da quarant’anni, hanno sovvenzionato, armato e protetto Israele, che funge da pugno di ferro degli interessi statunitensi in Medio Oriente.
Parlando in un’intervista esclusiva con FNA, John Steppling ritiene che Israele sia “un colono dell’apartheid e uno stato neo-coloniale fondato dai sionisti”, afferma che il regime israeliano si vanta dei suoi crimini contro i palestinesi senza preoccuparsi dell’opinione pubblica mondiale perché è protetto.

L’analista ha anche aggiunto che la propaganda sionista ha controllato la principale narrativa del flusso di notizie nel conflitto israelo-palestinese che presenta Israele sempre come vittima.

John Steppling è un analista politico e autore americano che è stato intervistato da agenzie di stampa internazionali come Press TV, RT, ABC per i suoi commenti sulla politica estera americana.

La FNA ha condotto un’intervista con John Steppling sul trasferimento dell’ambasciata americana a Gerusalemme Al-Quds da parte di Trump e sui possibili motivi dietro tale mossa ed anche sulle recenti uccisioni di manifestanti palestinesi da parte dell’esercito israeliano.

Di seguito troverai il testo completo dell’intervista.

D: Portando avanti la sua campagna elettorale e sfidando tutti gli avvertimenti globali, Donald Trump ha trasferito l’ambasciata americana a Gerusalemme (al-Quds). Molti credono che questa mossa di Trump abbia effettivamente ucciso la fantasia che Washington fosse un partito neutrale nel conflitto israelo-palestinese. Come pensi che questa azione possa giocare negli sviluppi attuali e futuri che circondano la questione?

A: Penso che poche persone abbiano davvero illusioni sul fatto che Washington sia un partner neutrale. Gli Stati Uniti hanno sovvenzionato, armato e protetto Israele per quarant’anni o forse più a lungo. Israele è come il pugno di ferro degli interessi degli Stati Uniti nella regione. È importante capire che Israele non controlla gli Stati Uniti, ma piuttosto che gli Stati Uniti controllano Israele. Israele non potrebbe sopravvivere da solo. La sua base imponibile è troppo piccola e, a questo punto, ha troppi nemici.

Quando la gente afferma che Israele controlla segretamente gli Stati Uniti, questa è solo la mitologia antisemita vecchio stile. Non c’è una trama ebraica globale, c’è solo un partito ultrasionista che gestisce i coloni dell’apartheid e uno stato neo-coloniale fondato dai sionisti. E’ stato uno dei trionfi della propaganda israeliana quello di controllare la narrativa che presenta Israele come vittima. Come anche trae grande beneficio dall’attuale aumento dell’antisemitismo nell’occidente liberale. Israele rivendica in modo consapevole e ripetuto che l’antisionismo è sinonimo di antisemitismo, contribuendo così a creare questo ribaltamento della verità dell’antisemitismo.

Bambini palestinesi arrestati dagli Israeliani

Il fatto è che molte persone sono consapevoli dei crimini israeliani e odiano giustamente il sionismo e Israele, ma poi accadono due cose; primo è che gli anti sionisti sono etichettati come anti-semiti, e secondo, molti già intolleranti o iper nazionalisti (lo vedete in Europa con questi nuovi partiti di destra) prontamente acquistano voce nella vecchia mitologia antiebraica motivata dai nazisti. E questo è qualcosa che discuto sempre con le persone. L’antisemitismo aiuta Israele. Aiuta la narrazione che costantemente loro ribadiscono. Intendo dire che la narrativa ha confuso la stampa occidentale e il pubblico per decenni – e ha anche influenzato in modo piuttosto coercitivo gli ebrei americani in una certa misura.

La vecchia sinistra era composta da molti ebrei e combattevano con i leader dei diritti civili, erano tra i più impegnati socialisti … molti comunque. Ciò è meno vero a causa della massiccia propaganda che si ottiene dal governo degli Stati Uniti, da Hollywood e anche dall’estrema destra americana. Ora questa narrativa sta andando a pezzi. I crimini di Israele sono troppo grandi, e stranamente, forse, Israele ha smesso di prendersi la briga di persino giusticare i loro crimini.
Loro, i sionisti, quasi si vantano, e questo è in parte il risultato dell’ascesa del Partito Likud. Dopo il massacro di Jenin la narrazione cambiò. E naturalmente questo antisemitismo propagandistico corre accanto a un’islamofobia ugualmente propagandata.

Netanyahu premier israele

Ora Trump è una figura strana in tutto questo. Ha nominato molti fanatici evangelici cristiani, i cosiddetti dominionisti, nel suo gabinetto. Rick Perry e Mike Pence e Pompeo e Kudlow et altri. La destra cristiana è una parte importante del suo sostegno. Detto questo, ha anche nominato gli stessi neo-cons pro-sionisti che Cheney, Bush e Rumsfeld avevano portato al governo. Ma il punto è che Trump è solo la voce della sua classe. L’estrema classe dirigente ricca che sempre, finalmente, fa politica. Ma la mossa dell’ambasciata è stata concepita per creare il caos in un certo senso e per giustificare ulteriori repressioni e interventi draconiani in Medio Oriente e in patria.

La retorica anti iraniana di Pompeo e Bolton serve a giustificare ogni aumento che vogliono nella spesa per la difesa. Voglio dire, i soldi spesi per la difesa sono ora oltre ogni limite che chiunque abbia mai immaginato possibile. E guardi all’Arabia Saudita, la cui unica ragione di esistenza, francamente, è come di essere un acquirente di armi. Quindi l’assalto allo Yemen è giustificato incolpando l’Iran. Gli Stati Uniti, non credo, vogliono la guerra … non direttamente. Vogliono destabilizzare le cose e temono anche, penso, Assad in Siria. Perché  questi può potenzialmente diventare un simbolo di resistenza al capitale occidentale. Non importa se è vero o no. Ciò che conta è la percezione. Ma il popolo siriano è stato eroico e gli Stati Uniti hanno trovato tutto molto frustrante. Quindi la situazione palestinese è quella in cui vogliono esattamente quello che Israele vuole. Vogliono che se ne vada e non gli importa se questo significa genocidio incrementale. Per quello è ciò che sta accadendo. Un Israele più forte e più finanziato serve gli interessi degli Stati Uniti.

D: Dall’inizio delle proteste soprannominate la “Grande Marcia di Ritorno”, le forze israeliane hanno ucciso e ferito molti civili palestinesi, inclusi i manifestanti, i membri della stampa e gli operatori sanitari. Sembra che il regime di Tel Aviv percepisca un’atmosfera di impunità in cui possa agire al di là di tutte le leggi e le convenzioni internazionali. Da dove viene questa sensazione di immunità?

A: Bene, l’impunità è la stessa impunità delle forze di polizia statunitensi quando sparano uomini e donne di colore in città di tutta l’America. La sparatoria dei palestinesi nelle recenti proteste è semplicemente scioccante. Israele essenzialmente ride di questo. Non si preoccupano dell’opinione pubblica perché sono protetti. Ora … questo potrebbe tornare a perseguitarli, però. Non si può sempre ostentare i propri crimini e pensare che il resto del pianeta lo accetterà. Ma gli estremisti sionisti credono davvero di essere più intelligenti di chiunque altro. E credono di avere il diritto di fare qualunque cosa vogliano. Sarà il loro tallone d’Achille, sospetto. Questa sorta di arroganza verrà sempre punita. Quando? Non posso dirlo, ma un sadismo e una crudeltà così grotteschi finiranno per costare loro. E costerà agli Stati Uniti. Gli Stati Uniti oggi sono un governo disperato. Trump è, in un certo senso, un riflesso di quella disperazione. È la faccia senza vernice del capitale occidentale.

Ora, mi chiedo spesso ad alcuni dei commenti dei funzionari israeliani. Cose oltraggiose come le donne gentili vanno bene allo stupro (detto da un rabbino per l’esercito israeliano), o gli arabi sono bestie da abbattere, ecc. Mi chiedo se sia solo Israele a trollare tutti. Diventa un’altra forma di distrazione. Dì cose pazze e poi riprendila come se la voce ragionevole fosse la vera voce del sionismo. Ed è così che gli israeliani lavorano nei media. Ed è molto efficace. L’oscuramento della realtà è parte di ciò che consente a Israele di ridurre al minimo il contraccolpo da parte di amici e nemici. Ma Netanyahu è, credo, davvero, forse, instabile. Appare sempre più febbrile e isterico. Le accuse di corruzione sono sospese sulla sua testa. E desidera disperatamente di mantenere il potere.

Esercito di Israele

L’intero meme del Grande Israele è stato fatto. Quello era il sogno della prima generazione di sionisti che arrivò e terrorizzò la popolazione palestinese, e in seguito scacciò persino gli inglesi. Non hanno mai voluto condividere la terra con arabi o musulmani. E hanno ampliato. Ma stanno anche, strategicamente, prendendo la prospettiva lunga. L’unica cosa su cui puoi contare è che il governo israeliano mentirà. Mentono anche quando non devono. Stanno mentendo per abitudine. E mentono perché per lo più trattengono tutti i non israeliani con disprezzo.

D: L’ambasciatore degli Stati Uniti all’ONU ha detto che “nessun paese agirà con maggiore moderazione di Israele”, poiché il mondo stava assistendo all’aumento del numero di civili palestinesi uccisi e feriti dal fuoco israeliano. Come valuti le sue parole?

A: è assurdo. È l’esatto opposto della realtà e penso che la maggior parte del mondo lo sappia.

D: Il principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammad bin Salman, ha recentemente affermato che gli israeliani “hanno il diritto di avere la propria terra” e che i rapporti formali tra Tel Aviv e Riyad potrebbero essere reciprocamente vantaggiosi. Il regime saudita, una volta, almeno apparentemente, si oppose al diritto di Israele di esistere. Cosa pensi sia cambiato a Riyadh per venire fuori come un apologeta del regime sionista e tradire la causa palestinese? Come pensi che le altre nazioni arabe e musulmane pensano al Regno?

A: Questo è molto interessante. MBS ha consolidato il potere come mai prima nel Regno. Chi era veramente dietro a questo? Non lo so, ma è molto curioso. Penso che i sauditi sappiano che il cambio di regime a Riyadh non è fuori questione. Ma improvvisamente questo giovane principe ereditario orchestra questo colpo di stato e poi fa baldoria con le industrie della difesa del Regno Unito e degli Stati Uniti, oltre a raccogliere scontri con il Qatar e poi lo Yemen. Perché? Chi lo sta consigliando? Non lo so onestamente, ma è molto sospetto e ad un certo punto l’altra scarpa sta per cadere.

Fonte: Fars News

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Jack 3 mesi fa

    “Quando la gente afferma che Israele controlla gli Stai Uniti, questa è solo mitologia antisemita vecchio stile.”
    O’ Ignorante..ma chi cazzo sei? Va’ a lavorare.

    http://www.avventismoprofetico.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=490#sthash.k1Hc91m4.dpbs

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Geometrio 3 mesi fa

    Manipolatore , falso e opportunista. Alla frase” non c’è una trama ebraica totale”, fatta seguire da” È importante capire che Israele non controlla gli Stati Uniti, ma piuttosto che gli Stati Uniti controllano Israele. Israele non potrebbe sopravvivere da solo. La sua base imponibile è troppo piccola ”, sono scoppiato a ridere. Lega il concetto di potere nazionale ,alle tasse riscosse , quando la trama ebraica sta cercando in tutti i modi di svincolare il potere economico nazionale dalla propria base imponibile attraverso il debito che lo stato contrae con, ma guarda un po’, le banche controllate dalla trama ebraica. la bugia come disinformazione a tutela degli interessi del ebreo, che erroneamente viene diviso in sionista e non. Gli ebrei si definiscono ebrei sionisti e no. A Roma gli ebrei mica sidefiniscono italiani, ma judeo romani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. tania 3 mesi fa

    Più ne so sugli ebrei, più leggo, più mi documento, più mi fanno orrore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tania 3 mesi fa

      Avere fede è un conto, credere in una divinità e pregarla va benissimo, altro è affermare che si crede ad una divinità che ha fatto tutto e tutti, ma guarda tu il caso ha promesso solo agli ebrei non la libertà da soprusi dei fratelli, visto che siamo tutti figli dello stesso padre, bensì udite udite, TERRE DEI FRATELLI…. E DOMINIO SU TUTTI QUELLI CHE NON SONO EBREI…
      I casi sono 2.
      Il primo : gli ebrei pensano che i “gentili” sono scemi.
      Il secondo : adesso o viene di persona la loro divinità a metterci tutti a tappeto, e quindi dimostrarsi non il Dio che ha fatto tutto e tutti (che allora è meglio di lui perfino mio padre che ci ha abbandonate da piccole ma almeno non ci ha messe una contro l’altra), ma è solo una meschinetta divinità AD-PERSONAM, o meglio, AD-POPULUM… Se poi non si presenta nessun Dio, gli ebrei vadano a farsi fottere, e bisognerebbe anche obbligarli per legge a curarsi la psiche…
      E per recuperare i danni che gli ebrei hanno fatto alla collettività mondiale si potrebbe condannarli a lavori socialmente utili.
      e sono buona…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Geometrio 3 mesi fa

        Digitate http://www.infopal.it/la-hasbara-sionista-sta-vincendo-italia/. E ora salvini dovrà capire anche questo e risolverlo. Siamo tutti n Italia , qui nn c’è ne frega di alla di yavhel , non ci interessano le teocrazie e non le vogliamo come espressione minoritarie. La nostra meravigliosa libertà va difesa con unghie denti e la vita

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. tania 3 mesi fa

          Gli ebrei sono spregevoli, incapaci di convivere con chi non è ebreo, e anche tra ebrei ci sono le caste, gli ebrei ricchi sfruttano gli ebrei poveri, non sono meglio dei “gentili” nemmeno in questo…
          Vedasi gli ebrei sacrificati nei campi di concentramento dalla ricchissima cupola ebrea americana. CHE SCHIFO!

          Rispondi Mi piace Non mi piace