JOHN PILGER: Siamo Spartacus

Di John Pilger (*)
Spartacus era un film di Hollywood del 1960 basato su un libro scritto segretamente dal romanziere inserito nella lista nera Howard Fast e adattato dallo sceneggiatore Dalton Trumbo, uno dei “10 di Hollywood” che furono banditi per la loro politica “antiamericana”. È una parabola di resistenza ed eroismo che parla senza riserve ai nostri tempi.

Entrambi gli scrittori erano comunisti e vittime del Comitato per le attività antiamericane della Camera del senatore Joseph McCarthy, che, durante la Guerra Fredda, distrusse le carriere e spesso le vite di coloro che avevano abbastanza principi e coraggio da opporsi a un totalitarismo imperante in America.

“Questo è un momento difficile, adesso, un momento preciso…” scrisse Arthur Miller in The Crucible, “Non viviamo più nel buio pomeriggio in cui il male si mescolava al bene e confondeva il mondo”.

Adesso c’è un provocatore “preciso”; è chiaro da vedere per coloro che vogliono vederlo e prevederne le azioni. Si tratta di un gruppo di stati guidati dagli Stati Uniti il ​​cui obiettivo dichiarato è il “dominio a tutto spettro”. La Russia è ancora quella odiata, la Cina rossa quella temuta.

Da Washington e Londra la virulenza non ha limiti. Israele, anacronismo coloniale e cane da attacco scatenato, è armato fino ai denti e gli è garantita l’impunità storica affinché “noi” l’Occidente garantisca che il sangue e le lacrime non si asciughino mai in Palestina.

I parlamentari britannici che osano chiedere un cessate il fuoco a Gaza vengono banditi, la porta di ferro della politica bipartitica viene chiusa loro da un leader laburista che nega acqua e cibo ai bambini.

Ai tempi di McCarthy, c’erano buchi di verità. I non conformisti che allora erano accolti, sono eretici adesso; esiste un giornalismo sotterraneo (come questo sito) in un paesaggio di menzognero conformismo. I giornalisti dissenzienti sono stati defenestrati dal “mainstream” (come scrisse il grande editore David Bowman); il compito dei media è quello di invertire la verità e sostenere le illusioni della democrazia, inclusa una “stampa libera”.

McCarthy al centro con suoi collaboratori ai tempi della caccia ai dissidenti

La socialdemocrazia si è ridotta alla larghezza di una cartina da sigaretta che separa le principali politiche dei principali partiti. La loro unica adesione è al culto capitalista, al neoliberismo e a una povertà imposta descritta da un relatore speciale delle Nazioni Unite come “l’immiserimento di una parte significativa della popolazione britannica”.

La guerra oggi è un’ombra immobile; Le guerre imperiali “per sempre” sono considerate normali. L’Iraq, il modello, venne distrutto al costo di un milione di vite e tre milioni di diseredati. Uno dei distruttori, Tony Blair, si arricchisce personalmente e viene adulato alla conferenza del suo partito come un vincitore elettorale.

Blair e il suo accusatore morale, Julian Assange, vivono a 14 miglia di distanza, uno in una villa Regency, l’altro in una cella in attesa di estradizione all’inferno.
Julian Assange all’interno della dura prigione di massima sicurezza Belmarsh di Londra.

(Preso di nascosto da un compagno di prigionia sconosciuto)

Secondo uno studio della Brown University, dall’11 settembre, quasi sei milioni di uomini, donne e bambini sono stati uccisi dall’America e dai suoi accoliti nella “Guerra globale al terrorismo”. Un monumento sarà costruito a Washington per “celebrare” questo omicidio di massa; il suo comitato è presieduto dall’ex presidente George W. Bush, mentore di Blair. L’Afghanistan, dove tutto ebbe inizio, è stato infine devastato quando il presidente Biden ha rubato le sue riserve bancarie nazionali.

Ci sono stati molti Afghanistan. Il forense William Blum si è dedicato a dare un senso a un terrorismo di stato che raramente pronuncia il suo nome e quindi richiede una ripetizione: Nella mia vita, gli Stati Uniti hanno rovesciato o tentato di rovesciare più di 50 governi, la maggior parte delle democrazie. Ha interferito nelle elezioni democratiche in 30 paesi. Ha sganciato bombe sulle popolazioni di 30 paesi, la maggior parte dei quali poveri e indifesi. Ha combattuto per reprimere i movimenti di liberazione in 20 paesi. Ha tentato di uccidere innumerevoli leader.

Forse sento qualcuno di voi dire: basta. Mentre la Soluzione Finale di Gaza viene trasmessa in diretta a milioni di persone, i piccoli volti delle sue vittime impressi nelle macerie bombardate, incorniciati tra spot televisivi di automobili e pizza, sì, questo è sicuramente sufficiente. Quanto è profana la parola “abbastanza”?

L’Afghanistan era il luogo in cui l’Occidente mandava giovani uomini oppressi dal rituale dei “guerrieri” per uccidere la gente e divertirsi. Sappiamo che ad alcuni di loro è piaciuto grazie alle testimonianze dei sociopatici australiani della SAS, inclusa una fotografia di loro che bevono dalla protesi di un uomo afghano.

Nessun sociopatico è stato accusato di questo e di crimini come buttare un uomo giù da un dirupo, sparare a bruciapelo a bambini, tagliare gole: niente di tutto questo era “in battaglia”. David McBride, un ex avvocato militare australiano che ha prestato servizio due volte in Afghanistan, era un “vero sostenitore” del sistema come morale e onorevole. Ha anche una fede costante nella verità e nella lealtà. Li può definire come pochi sanno fare. La prossima settimana sarà in tribunale a Canberra come presunto criminale.

Un informatore australiano”, riferisce Kieran Pender, un avvocato senior presso l’Australian Human Rights Law Centre, [affronterà] un processo per aver denunciato atti orrendi. È profondamente ingiusto che la prima persona sotto processo per crimini di guerra in Afghanistan sia l’informatore e non un presunto criminale di guerra”.

David McBride (avvocati penalisti di Sydney)

McBride rischia una pena fino a 100 anni per aver rivelato l’insabbiamento del grande crimine dell’Afghanistan. Ha cercato di esercitare il suo diritto legale di informatore ai sensi del Public Interest Disclosure Act, che secondo l’attuale procuratore generale, Mark Dreyfus, “mantiene la nostra promessa di rafforzare la protezione degli informatori del settore pubblico”.

Eppure è stato Dreyfus, ministro laburista, ad approvare il processo McBride dopo un’attesa punitiva di quattro anni e otto mesi dal suo arresto all’aeroporto di Sydney: un’attesa che ha distrutto la sua salute e la sua famiglia.

Coloro che conoscono David e sanno dell’orrenda ingiustizia che gli è stata fatta riempiono la sua strada a Bondi, vicino alla spiaggia di Sydney, per incoraggiare quest’uomo buono e rispettabile. Per loro, e per me, è un eroe.

McBride è rimasto offeso da ciò che ha trovato nei file che gli era stato ordinato di ispezionare. Qui c’erano le prove dei crimini e del loro insabbiamento. Passò centinaia di documenti segreti all’Australian Broadcasting Corporation e al Sydney Morning Herald . La polizia ha fatto irruzione negli uffici della ABC a Sydney mentre reporter e produttori guardavano, scioccati, mentre i loro computer venivano confiscati dalla Polizia Federale.

Il procuratore generale Dreyfus, autodichiaratosi riformatore liberale e amico degli informatori, ha il potere unico di fermare il processo McBride. Uno sguardo libero alle sue azioni in questa direzione rivela, al massimo, poca indifferenza.

Non è possibile gestire una democrazia a tutti gli effetti e, nel contempo, una guerra coloniale; una aspira alla decenza, l’altra è una forma di fascismo, indipendentemente dalle sue pretese.
Segnatevi i campi di sterminio di Gaza, ridotta in polvere dall’apartheid israeliano. Non è un caso che nella ricca ma impoverita Gran Bretagna sia attualmente in corso una “inchiesta” sull’uccisione da parte dei soldati britannici della SAS di 80 afgani, tutti civili, compresa una coppia a letto.

La grottesca ingiustizia inflitta a David McBride deriva dall’ingiustizia che divora il suo connazionale, Julian Assange. Entrambi sono miei amici. Ogni volta che li vedo, sono ottimista. “Mi fai il tifo”, dico a Julian mentre alza il pugno con aria di sfida alla fine del nostro periodo di visita. “Mi fai sentire orgoglioso”, dico a David nel nostro bar preferito a Sydney.

Il loro coraggio ha permesso a molti di noi, che potrebbero disperarsi, di comprendere il vero significato di una resistenza che tutti condividiamo se vogliamo impedire la conquista di noi stessi, della nostra coscienza, del nostro rispetto per noi stessi, se preferiamo la libertà e la decenza alla condiscendenza e alla collusione. . In questo siamo tutti Spartacus.

Spartacus era il leader ribelle degli schiavi di Roma nel 71-73 aC C’è un momento emozionante nel film Spartacus di Kirk Douglas in cui i romani chiedono agli uomini di Spartacus di identificare il loro leader e quindi essere perdonati. Invece centinaia di suoi compagni si alzano e alzano i pugni in segno di solidarietà e gridano: “Io sono Spartaco!” La ribellione è in corso.

Julian e David sono Spartacus. I palestinesi sono Spartacus. Le persone che riempiono le strade di bandiere, principi e solidarietà sono Spartacus. Siamo tutti Spartacus se vogliamo esserlo.

°John Pilger ha vinto due volte il più alto riconoscimento britannico per il giornalismo ed è stato reporter internazionale dell’anno, reporter dell’anno e scrittore descrittivo dell’anno. Ha realizzato 61 film documentari e ha vinto un Emmy, un BAFTA e il premio della Royal Television Society. Il suo Cambogia Anno Zero è considerato uno dei dieci film più importanti del XX secolo. È il vincitore del Gary Webb Award 2023 di Consortium News. Può essere contattato su www.johnpilger.com e su X @johnpilger.

Fonte: Consortium News

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “JOHN PILGER: Siamo Spartacus

  1. Il caso più eclatante di crimini di guerra in Afghanistan è quello del “principe” Harry, ma di questo i nostri media non ne parlano, meglio il gossip sulle liti e i dispetti della famiglia reale, appassionano di più il pubblico televisivo italiano … naturalmente non rischia certo l’arresto o un processo al tribunale penale internazionale, mentre invece, chi i crimini li porta a conoscenza dell’opinione pubblica (Assange) langue in carcere da un pezzo e rischia di non uscirne più !
    https://www.notiziegeopolitiche.net/harry-si-vanta-ho-ucciso-25-talebani-haqqani-non-erano-pezzi-degli-scacchi-avevano-famiglie-che-li-aspettavano/
    Attenzione, qualche cellula “dormiente” può svegliarsi all’improvviso e fare giustizia, vedi Salman Rushdie !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM