John Mearsheimer aveva avvisato del disastro dell’Ucraina e delle complicità occidentali

John Mearsheimer, l’eminente politologo americano e professore di scienze politiche che ha avvertito per anni che la politica ucraina della NATO avrebbe portato al disastro, si unisce ad Aaron Mattei per valutare lo stato della guerra per procura dell’Ucraina e i rischi futuri.

La guerra in Ucraina è un disastro multidimensionale, che probabilmente peggiorerà molto nel prossimo futuro. Quando una guerra ha successo, si presta poca attenzione alle sue cause, ma quando l’esito è disastroso, capire come è successo diventa fondamentale. La gente vuole sapere: come siamo finiti in questa terribile situazione?

Qualunque persona avesse la minima conoscenza di tattiche e strategie militari, avrebbe dovuto capire che non c’era quasi alcuna possibilità che il contrattacco ucraino avesse successo”, ha detto il politologo americano John Marsheimer.

In un’intervista condotta da The Grey Zone , con Mearsheimer, un eminente professore di scienze politiche che ha avvertito per anni che la politica della NATO nei confronti dell’Ucraina avrebbe portato al disastro, Mearsheimer ha aggiunto: “C’erano così tanti fattori mobilitati contro gli ucraini che era impossibile per loro loro ottenere quasi alcun progresso significativo.”

Mearsheimer è rimasto sorpreso dall’incoraggiamento occidentale degli ucraini, che li ha spinti con forza, a lanciare questo attacco, fatto che ha paragonato a un attacco suicida che porta a risultati del tutto controproducenti.

Non aveva senso che gli ucraini rimanessero sulla difensiva, ha chiesto Mearsheimer, almeno per il momento?

Mearsheimer ha suggerito che la ragione della spinta a questo incoraggiamento è che l’Occidente ha molta paura di finire il tempo, quindi se gli ucraini non otterranno un notevole successo sul campo di battaglia entro il 2023, il sostegno popolare alla guerra si prosciugherà, e così gli ucraini perderanno la guerra, e anche l’Occidente perderà la sfida con la Russia.

Mearsheimer ha concluso che quanto è accaduto durante il contrattacco ucraino è stato il fatto che le stesse potenze occidentali hanno fatto grandi pressioni per lanciare questa controffensiva, pur sapendo che le possibilità di successo erano, nella migliore delle ipotesi, scarse.

Mearsheimer aveva predetto che questa guerra sarebbe continuata per molto tempo, anche se fosse stata concordata una pace, che sarebbe stata comunque temporanea e non definitiva e che ci sarebbe stato il pericolo permanente di una guerra calda.

Mearsheimer ha sottolineato che trova difficile immaginare che gli Stati Uniti, o qualsiasi paese dell’Europa occidentale, accettino di includere l’Ucraina nella NATO, dal momento che portare l’Ucraina nella NATO nel bel mezzo di una guerra gli richiede di difendere l’Ucraina con la forza militare, cosa che non vogliono fare in l’Occidente per non rischiare una guerra diretta con la Russia.

La controffensiva, di cui le autorità ucraine avevano parlato a lungo, è iniziata il 4 giugno, su ampi assi a sud di Donetsk, Zaporozhye e Artyomovsk, e l’attacco principale delle forze armate ucraine si è concentrato sul settore Zaporozhye a sud verso la Crimea.

Una settimana fa, il presidente russo, Vladimir Putin, ha annunciato il fallimento del contrattacco ucraino e Putin ha indicato che l’esercito russo aveva distrutto un numero record di equipaggiamento occidentale e che le forze ucraine non erano ancora riuscite a realizzare alcun reale progresso su qualsiasi asse, e avevano subito pesanti perdite nelle loro forze.

All’inizio di luglio, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha rivelato che ” dall’inizio del contrattacco (dal 4 giugno), le perdite dell’Ucraina ammontavano a oltre 26.000 militari e 3.000 blindati di varie armi”, inclusi 1.244 veicoli corazzati, inclusi 17 carri armati Leopard. Carri armati AMX francesi e 12 veicoli Bradley americani.

Ministro difesa russo Shoigu con Putin

In precedenza, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky aveva descritto come difficile il contrattacco lanciato dalle sue forze contro le forze russe, dopo essersi preparato per mesi, aggiungendo che ” il tempo non era favorevole “.

Inoltre, alla fine dello scorso giugno, il consigliere del presidente ucraino ha affermato che il contrattacco non dovrebbe essere paragonato ai “film di Hollywood o alla nuova stagione della serie Netflix” e ha chiesto di “non aspettare l’azione e comprare popcorn”.

Il New York Times ha riferito in precedenza nelle interviste con comandanti e soldati ucraini che combattono lungo il fronte che le forze ucraine sono state lente a causa di un grosso problema, le mine antiuomo. Le forze ucraine dovranno farsi strada attraverso una varietà e densità di mine antiuomo russe che non avrebbero mai potuto immaginare”.

Cosa farà la NATO? Accetteremo la situazione in cui l’Ucraina viene sconfitta in modo serio sul campo di battaglia dai russi? Non sono così sicuro. E potrebbe essere possibile in tali circostanze che la NATO entri in battaglia. Forse saranno i polacchi ad entrare sul campo in un modo molto importante, questo potrebbe portare noi (americani) a combattere, e allora si avrà una grande guerra di potere che coinvolgerà gli Stati Uniti da una parte e i russi dall’altra.

Quello che stiamo facendo qui è creare scenari plausibili su come questa guerra possa svolgersi nel tempo. E quasi tutti gli scenari che si presentano hanno un finale infelice. Ancora una volta, questo mostra solo quale enorme errore abbiamo commesso non cercando di risolvere questo conflitto prima del 24 febbraio 2022.

Giovanni Marchmer

Fonte: Thegrayzone

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

3 commenti su “John Mearsheimer aveva avvisato del disastro dell’Ucraina e delle complicità occidentali

  1. Gli americani erano sicuri di rinvigorirsi rapinando le risorse della Russia per poi andare all’attacco della Cina, e invece si sono impantanati e vieppiù indeboliti in Ucraina. Quando e come escono dal guaio ucraino che si sono procurato ?

  2. la colpa è dei burattinai uk-nato che dicono che stanno avanzando quando tutti sottolineo tutti dicono che la controffensiva è stata per ora fallimentare devastante , l ‘ambiasciatore russo in england ha detto che non è vero che gli ukros stanno avanzando anzi i russi hanno riconquistato precedenti perdite…

  3. All’inizio di luglio, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha rivelato che ” dall’inizio del contrattacco (dal 4 giugno), le perdite dell’Ucraina ammontavano a oltre 26.000 militari e 3.000 blindati di varie armi”, inclusi 1.244 veicoli corazzati, inclusi 17 carri armati Leopard. Carri armati AMX francesi e 12 veicoli Bradley americani.
    NEL LEGGERE QUESTE CIFRE INORRIDISCO, SONO CIFRE SOLO PARZIALI E CI DICONO COME LA DIRIGENZA UCRAINA, NEL RIFIUTARE IL NEGOZIATO E PROSEGUIRE LA GUERRA, SI STIA MACCHIANDO DEL DELITTO PIU GRANDE: L’ASSASSINIO, IL GENOCIDIO DEL PROPRIO POPOLO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM