Jeffrey Sachs: espansione della NATO e distruzione dell’Ucraina

L’Ucraina viene distrutta dall’arroganza degli Stati Uniti, dimostrando ancora una volta il detto di Henry Kissinger secondo cui essere nemico dell’America è pericoloso, mentre esserne amico è fatale.
Di Jeffrey D. Sachs (*)
Sogni comuni
Durante la disastrosa guerra del Vietnam, si diceva che il governo americano trattasse il pubblico come una fattoria di funghi: tenendolo all’oscuro e nutrendolo con letame. L’eroico Daniel Ellsberg fece trapelare i “Pentagon Papers” che documentano l’implacabile governo degli Stati Uniti che mente sulla guerra al fine di proteggere i politici che sarebbero rimasti imbarazzati dalla verità. Mezzo secolo dopo, durante la guerra in Ucraina, il letame è ancora più alto.

Secondo il governo degli Stati Uniti e il sempre ossequioso New York Times , la guerra in Ucraina è stata “non provocata”, l’aggettivo preferito del Times per descrivere la guerra. Putin, presumibilmente scambiandosi per Pietro il Grande, invase l’Ucraina per ricreare l’impero russo. Eppure, la settimana scorsa, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha commesso una gaffe a Washington, nel senso che ha accidentalmente spifferato la verità.
[Correlato: Capo della NATO: l’espansione della NATO ha causato l’invasione russa ]

Nella sua testimonianza al Parlamento dell’Unione Europea , Stoltenberg ha chiarito che è stata l’instancabile spinta dell’America ad allargare la NATO all’Ucraina la vera causa della guerra e il motivo per cui continua ancora oggi. Ecco le parole rivelatrici di Stoltenberg:

“Il contesto era che nell’autunno del 2021 il presidente Putin aveva dichiarato, e di fatto inviato, una bozza di trattato che voleva far sottoscrivere dalla NATO, per promettere di non più allargare la NATO verso Est. Questo è ciò che ci ha inviato. Ed era una precondizione quella di non invadere l’Ucraina. Ovviamente la NATO non l’ha firmata.

È successo il contrario. Voleva che firmassimo quella promessa, cioè di non allargare mai la NATO. Voleva che rimuovessimo le nostre infrastrutture militari in tutti gli alleati che hanno aderito alla NATO dal 1997, vale a dire metà della NATO, tutta l’Europa centrale e orientale, dovremmo rimuovere la NATO da quella parte della nostra Alleanza, introducendo una sorta di ruolo B, o seconda- appartenenza di classe B all’Alleanza. L’abbiamo rifiutato.

Quindi, è andato in guerra per impedire che la NATO, ancora la NATO, si avvicinasse ai suoi confini. Ha ottenuto l’esatto contrario”.

Per ripetere, [Putin] è andato in guerra per impedire che la NATO, ancora la NATO, si avvicinasse ai suoi confini.

Quando il Prof. John Mearsheimer, io e altri abbiamo detto la stessa cosa, siamo stati attaccati come apologeti di Putin. Gli stessi critici scelgono anche di nascondere o ignorare categoricamente i terribili avvertimenti contro l’allargamento della NATO all’Ucraina, a lungo articolati da molti dei principali diplomatici americani, tra cui il grande studioso-statista George Kennan, e gli ex ambasciatori statunitensi in Russia Jack Matlock e William Burns.

[Correlato: la crisi ucraina avrebbe dovuto essere evitata ]

Burns, ora direttore della CIA, è stato ambasciatore degli Stati Uniti in Russia nel 2008 e autore di un promemoria intitolato “ Nyet significa Ny et ”. In quella nota, Burns spiegava al Segretario di Stato Condoleeza Rice che l’intera classe politica russa, non solo Putin, era assolutamente contraria all’allargamento della NATO. Conosciamo il promemoria solo perché è trapelato. Altrimenti ne rimarremmo all’oscuro.
Perché la Russia si oppone all’allargamento della NATO? Per il semplice motivo che la Russia non accetta l’esercito statunitense lungo i 2.300 km del confine con l’Ucraina nella regione del Mar Nero. La Russia non apprezza il posizionamento statunitense dei missili Aegis in Polonia e Romania dopo che gli Stati Uniti hanno abbandonato unilateralmente il Trattato sui missili anti-balistici (ABM).

Le ragioni della Russia

La Russia inoltre non accoglie con favore il fatto che gli Stati Uniti si siano impegnati in non meno di 70 operazioni di cambio di regime durante la Guerra Fredda (1947-1989), e innumerevoli altre da allora, tra cui in Serbia, Afghanistan, Georgia, Iraq, Siria, Libia, Venezuela, e Ucraina. Né alla Russia piace il fatto che molti importanti politici statunitensi sostengano attivamente la distruzione della Russia sotto la bandiera della “decolonizzazione della Russia”. Sarebbe come se la Russia chiedesse la rimozione del Texas, della California, delle Hawaii, delle terre indiane conquistate e di molto altro ancora dagli Stati Uniti.

[Correlato: Perché agli americani non viene mai detto perché ]

Persino la squadra di Zelenskyj sapeva che la ricerca dell’allargamento della NATO significava una guerra imminente con la Russia. Oleksiy Arestovych, ex consigliere dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina sotto Zelenskyj, ha dichiarato che “con una probabilità del 99,9%, il nostro prezzo per l’adesione alla NATO è una grande guerra con la Russia”.
Arestovych sosteneva che anche senza l’allargamento della NATO, la Russia alla fine avrebbe tentato di conquistare l’Ucraina, solo molti anni dopo. Eppure la storia lo smentisce. La Russia ha rispettato la neutralità di Finlandia e Austria per decenni, senza minacce terribili e tanto meno invasioni. Inoltre, dall’indipendenza dell’Ucraina nel 1991 fino al rovesciamento del governo eletto ucraino nel 2014, sostenuto dagli Stati Uniti, la Russia non ha mostrato alcun interesse a conquistare il territorio ucraino.

Fu solo quando gli Stati Uniti instaurarono un regime fermamente anti-russo e filo-NATO nel febbraio 2014 che la Russia si riprese la Crimea, preoccupata che la sua base navale sul Mar Nero in Crimea (dal 1783) cadesse nelle mani della NATO.

Anche allora, la Russia non ha chiesto altri territori all’Ucraina, ma solo l’adempimento dell’accordo di Minsk II sostenuto dalle Nazioni Unite, che richiedeva l’autonomia del Donbass etnico-russo, non una rivendicazione russa sul territorio. Eppure, anziché ricorrere alla diplomazia, gli Stati Uniti hanno armato, addestrato e contribuito a organizzare un enorme esercito ucraino per rendere l’allargamento della NATO un fatto compiuto.

Putin ha fatto un ultimo tentativo diplomatico alla fine del 2021, presentando una bozza di accordo di sicurezza USA-NATO per prevenire la guerra. Il nocciolo della bozza di accordo era la fine dell’allargamento della NATO e la rimozione dei missili statunitensi vicino alla Russia. Le preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza erano valide e costituivano la base per i negoziati. Eppure Biden ha rifiutato categoricamente i negoziati per una combinazione di arroganza, aggressività e profondo errore di calcolo.
La NATO ha mantenuto la sua posizione secondo cui la NATO non avrebbe negoziato con la Russia riguardo all’allargamento della NATO, che in effetti l’allargamento della NATO non era affare della Russia.

La continua ossessione degli Stati Uniti per l’allargamento della NATO è profondamente irresponsabile e ipocrita. Gli Stati Uniti si opporrebbero – attraverso la guerra, se necessario – all’essere circondati da basi militari russe o cinesi nell’emisfero occidentale, un punto che gli Stati Uniti hanno sottolineato fin dalla Dottrina Monroe del 1823. Eppure gli Stati Uniti sono ciechi e sordi alle legittime preoccupazioni per la sicurezza di altri paesi.

Quindi sì, Putin è entrato in guerra per impedire che la NATO, ancora la NATO, si avvicinasse al confine russo. L’Ucraina viene distrutta dall’arroganza degli Stati Uniti, dimostrando ancora una volta il detto di Henry Kissinger secondo cui essere nemico dell’America è pericoloso, mentre esserne amico è fatale.

La guerra in Ucraina finirà quando gli Stati Uniti riconosceranno una semplice verità: l’allargamento della NATO all’Ucraina significa guerra perpetua e distruzione dell’Ucraina. La neutralità dell’Ucraina avrebbe potuto evitare la guerra e rimane la chiave per la pace. La verità più profonda è che la sicurezza europea dipende dalla sicurezza collettiva, come richiesto dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), e non dalle richieste unilaterali della NATO.

*Jeffrey D. Sachs è professore universitario e direttore del Centro per lo sviluppo sostenibile della Columbia University, dove ha diretto l’Earth Institute dal 2002 al 2016. È anche presidente del Sustainable Development Solutions Network delle Nazioni Unite e commissario della Commissione per la banda larga delle Nazioni Unite. per lo sviluppo. È stato consigliere di tre segretari generali delle Nazioni Unite e attualmente ricopre il ruolo di sostenitore degli SDG sotto il segretario generale Antonio Guterres. Sachs è l’autore, più recentemente, di A New Foreign Policy: Beyond American Exceptionalism (2020). Altri libri includono: Building the New American Economy: Smart, Fair, and Sustainable (2017) e The Age of Sustainable Development , (2015) con Ban Ki-moon.

Questo articolo è tratto da Common Dreams .

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Jeffrey Sachs: espansione della NATO e distruzione dell’Ucraina

  1. A me sembra un mare di chiacchere. Gli U$A han voluto strafare e ora devono pagare. Se non sono coglioni i russi si prenderanno tutta l’ Ucraina eccetto un piccolo Banderastan da regalare alla Polonia … come POLPETTA AVVELENATA.

  2. Mi domando come siano messi oltre Atlantico. Poveri americani! Avevo sospettato che non fosse ssero informati, che non sapessero molto su questa guerra in Ucraina se non le balle della stampa mainstream asservita ai satanisti al potere nel deep state e a quello fantoccio della Casa Bianca e del Pentagono. Perfino noi europei abbiamo sempre saputo che mentre la Russia ammassava le sue truppe a 100 km dal confine con l’Ucraina per far capire che non stava affatto scherzando, era decisa ad ottenere un trattato con l’occidente, vincolante e verificabile che prevedesse la fine dell’allargamento della nato verso est, e una rivisitazione sul dispiegamento di armi missilistiche in terrotorio di paesi ex Patto di Varsavia, la neutralità e la smilitarizzazione dell’Ucraina sempre più armata oltre misura dalla Nato. Non è che i russi si fossero alzati una mattina dinnovembre del 1922 e avessero deciso di porre quel trattato come un ultimatum perché erano tutti quanti impazziti. Abhe la Russia ha i suoi servizi e anche la Russia sapeva che l’obiettivo finale era quello dinuna Ucraina nella Nato, cosa asso-lu-ta-mente irri-ce-vi-bi-le e ritenuta giustificatamete un casus belli. Cioè noi in Europa, colonia degli Usa, lo sapevamo perché la nostra stampa, pur con tutti gli asservimenti genuflessivi verso i padroni anglo-americani ne sveva parlato abbastanza ampiamente (salvo poi mettere la sordina a conflitto scoppiato) mentre in America no? Forse mi sbaglio ma a me pare di capire proprio questo, cioè che gli americani erano e sono fino ad oggi alla rivelazione di questo, da parte, prima di Stoltemberg e ora di professore, all’oscuro delle ragioni all’origine di questa guerra e di conseguenza che “il malefico Putin” ha ragione e ragione da vendere. Si svegli il popolo americano che non è diverso da quello russo e sono persone come noi. Personalmente credo che la verità oggi sta venendo fuori in America un po’ alla volta per preparare la gente a riceverla senza incazzarsi troppo per avergliela taciuta dato che la guerra in Ucraina è perduta per sempre.

  3. Cosa avranno da dire i complici degli USA come Mario Draghi e gli scribacchini strapagati per torturarci il cervello ? ! La Russia con Putin ha vinto la terza guerra patriottica : gloria alla Russia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2023 · controinformazione.info · site by madidus