Jared Kushner si reca segretamente dai suoi referenti in Arabia Saudita. Imbarazzo negli USA


Si era capito che il genero di Trump, Jard Kushner aveva un “rapporto speciale” con il principe ereditario Bin Salman e si vociferava di una serie di affari immobiliari che Kushner intratteneva con i sauditi, con grande profitto della sua società immobiliare.
Questo spiega la copertura fornita al principe quando questi era sospettato come mandante del barbaro omicidio Kashoggi, meglio deviare le attenzioni e dare credito alla tesi del suo non coinvolgimento nell’assassinio, visti i troppi e troppo importanti rapporti d’affari e di alleanza fra la casa dei Saud e l’elite di potere di Washington.
Al momento c’è una grande riservatezza, per non dire segreto, sul motivo che ha spinto Kushner a questo suo viaggio a Riyad, dal momento che era da poche settimane che lo stesso Kushner aveva avuto il suo ultimo incontro con il principe Bin Salman e con i monarchi sauditi. Secondo la Casa Bianca il viaggio sarebbe motivato dalla necessità di promuovere il denominato “accordo del secolo” che riguarda il conflitto Israele-palestinese.
Secondo il giornale “Daily Beast”, durante il viaggio Kushner ha avuto conversazioni segrete a porta chiusa di cui il personale diplomatico dell’Ambasciata USA non era informato.
“Chi parla a nome del Governo degli Stati Uniti, le Istituzioni o la famiglia Trump” ? Ha domandato l’ex ufficiale dell’Intelligence del Dipartimento dell Difesa , Naveed Jamali, nel corso di una intervista con il giornale britannico The Independent.
Tutti sanno a Washington degli stretti rapporti intercorrenti fra Jared e il principe Bin Salman, quasi due compari di merende, legati in affari fra loro. Questo ha suscitato molte critiche anche perchè si era saputo che Jared si era speso molto con il suocero per coprire le responsabilità del principe sull’assassinio di Kashoggi, e questo nonostante la contrarietà di molti ambienti del Congresso USA.
Sembra che i due, Jared e Bin Salman, stiano tramando qualcosa e vogliano proporre soluzioni semplicistiche di situazioni estremamenete complesse e radicate, come sono quelle del conflitto israeliano palestinese. Fino ad oggi i due hanno provocato soltanto disastri, dallo Yemen allo spostamento dell’Ambasciata a Gerusalemme, passando per il quasi conflitto con il Qatar.
Questo preoccupa molto i funzionari di Washington e gli ambienti del Pentagono che avevano suggerito al presidente di tenere sotto controllo il genero, prima che questi dovesse combinare qualche altro grosso guaio.

di Luciano Lago

2 Commenti

  • Max Dewa
    9 Marzo 2019

    Digitate:” cosi va il mondo … Federica tapparello” questa Donna e’ coraggiosissima ! Spero che sia in un posto al sicuro dagli ebrei altrimenti Ho paura che questi scappellati LA vadano a trovare …

  • Max Tuanton
    9 Marzo 2019

    Digitate ” il sionismo ha creato fiumi di sangue”qualche Ebreo onesto c’e’ ancora anche se c’e”‘ sempre da diffidare di quella razza scellerata

Inserisci un Commento

*

code