Israele teme le mosse di Hezbollah in Libano

placeholder


Il movimento Hezbollah ha allestito due tende a giugno nelle fattorie di Shebaa, annesse da Israele dopo averle occupate durante la Guerra dei Sei Giorni nel 1967.

L’installazione di queste tende pone il regime israeliano di fronte a una nuova sfida da parte del Movimento di resistenza islamica del Libano (Hezbollah). Queste tende sono state installate a 30 metri all’interno delle aree di confine della Palestina occupate da Israele, dove Hezbollah ha dispiegato un’unità d’élite, chiamata “Radwan”.

L’uso di generatori elettrici per fornire elettricità ai negozi indica che i combattenti dell’unità Radwan sono disposti a rimanere a lungo.

Questi negozi, uno dei quali è già stato rimosso, hanno creato notevoli preoccupazioni, soprattutto tra i coloni israeliani. In questo senso, i parlamentari israeliani sostengono che Hezbollah abbia varcato la “linea blu” (la linea di confine tracciata dalle Nazioni Unite tra il Libano e la Palestina occupata).

Nel frattempo, alcuni media regionali hanno riferito che Israele ha inviato un messaggio al Libano attraverso le Nazioni Unite in cui minacciava di usare la forza per smantellare i negozi di Hezbollah.

Reparto Hezbollah

Tuttavia, l’installazione di queste tende nella delicata area di confine da parte di Hezbollah, considerando l’inerzia del regime di Tel Aviv a questo riguardo, porta con sé tre messaggi rilevanti.

Messaggi a Israele

  1. Il gabinetto del primo ministro Benjamin Netanyahu non ha osato attaccare le tende di Hezbollah, perché questo regime ritiene di non essere preparato per una guerra su larga scala con il movimento libanese nella situazione attuale.

Durante i suoi scontri con le fazioni palestinesi, il regime di Tel Aviv è stato preso di mira da più di migliaia di razzi lanciati dalla Striscia di Gaza assediata. E se volesse entrare in una grande guerra con Hezbollah, che ha capacità militari, missilistiche e di droni molto più avanzate rispetto ai gruppi della Resistenza palestinese, è chiaro che avrebbe un conto molto più salato da pagare.

Inoltre, questo regime deve attualmente affrontare gravi sfide politiche, militari e di sicurezza interne, causate, tra gli altri fattori, dalle riforme giudiziarie di Netanyahu.

  1. Il dispiegamento delle sue forze in una zona di confine sensibile con Israele, compreso l’uso di generatori di elettricità per fornire illuminazione a queste forze, indica una maggiore fiducia in se stessi tra le forze di Hezbollah. Un problema che potrebbe scioccare di più gli israeliani.

Naturalmente questa mossa di Hezbollah non deve essere considerata una mossa isolata, anzi. Prima, ad esempio, nel caso della presenza di tre droni di questo gruppo sugli impianti di gas contesi tra il Libano ei territori occupati da Israele nel Mediterraneo, erano visibili le tracce della fiducia in se stessi di Hezbollah.

Nel frattempo, anche l’analisi di Hezbollah della debole posizione del gabinetto di Netanyahu in termini di politica guerrafondaia lo ha portato a prendere una tale mossa per proteggere i diritti del popolo libanese.

Le tende di Hezbollah portano un doppio vantaggio per questo movimento e per il Libano. Da un lato, considerando le crescenti debolezze di Israele nella situazione attuale, compiere tali passi potrebbe aprire la strada alla liberazione di alcuni territori libanesi occupati da Israele.

E, d’altra parte, se Israele vuole lanciare una risposta militare contro Hezbollah, questo gruppo ha la capacità di imporre costi molto più alti a Israele.

  1. La recente azione di Hezbollah ha creato una seria sfida sia per Israele che per le Nazioni Unite. Israele ha protestato con una lettera alle Nazioni Unite contro le azioni di Hezbollah, mentre il regime stesso occupa illegalmente le fattorie di Shebaa e Kafr Shebaa.

Così, generando una nuova sfida contro Israele, Hezbollah ha in qualche modo messo Tel Aviv in una posizione speciale e ha prodotto una nuova leva per porre fine all’occupazione delle terre libanesi. Una leva alla quale il gabinetto di Netanyahu non può restare indifferente di fronte alle crescenti pressioni dell’opinione pubblica e dei coloni israeliani e, senza dubbio, a un certo punto, dovrà mostrare una reazione in tal senso. Se la reazione israeliana è coercitiva, non c’è dubbio che il livello di problemi per Netanyahu, il suo gabinetto e l’intero regime israeliano si moltiplicheranno.

Fonte: Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “Israele teme le mosse di Hezbollah in Libano

  1. Ogni tanto penso che bisognerebbe imparare almeno i rudimenti della lingua araba (oltrechè russa e cinese) per mandare messaggi di sostegno e solidarietà al popolo palestinese, al movimento Hezbollah, alla repubblica Iraniana, a quella Siriana e a tutti coloro che lottano contro il genocidio continuo perpetrato da sionisti e anglo americani.
    In occidente non siamo tutti asserviti al dominio imperialista e in tanti proviamo a contrastare il dominio di USA-UK-NATO-UE-SIONISTI !
    I pochi che si oppongono non possono fare molto e non fanno abbastanza ? Il sistema è troppo potente ? I media, il denaro, le droghe corrompono quasi tutti ?
    Ricordiamo che anche le gocce d’acqua riescono, lentamente ma inesorabilmente, a erodere rocce enormi fino a sfaldarle !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM