Israele sta affrontando uno stato di guerra simile alla guerra di ottobre del 1973: ex capo dell’intelligence

BEIRUT, LIBANO (22:10) – Il generale Amos Yadlin, ex capo dell’intelligence militare israeliana “Aman”, ha dichiarato che il suo paese è in uno stato di guerra che non vede dalla guerra dell’ottobre 1973.

Secondo Israel Channel 7, Yadlin vede che il suo paese vive in uno stato di guerra su più di un livello.

Yadlin ha affermato che l’attuale pandemia di coronavirus, unita al clima economico e sociale in Israele, ha creato una situazione simile alla guerra di ottobre del 1973 nel paese.

Ha sottolineato che all’esercito dovrebbe essere consentito di assumere la gestione del coronavirus, con i militari che lavorano in pieno coordinamento con altri ministeri, sostenendo che Israele è attualmente impantanato in politica.

Yadlin ha chiesto la nomina immediata del “Capo di stato maggiore del Coronavirus”, con l’obiettivo di coordinare gli sforzi interni per eliminare la seconda ondata del virus.

Ha detto che questo passo è stato ritardato, finora, per motivi politici piuttosto che strategici, con il pretesto che “la politica ci sta uccidendo”.

Amos Yadlin

È interessante notare che ci sono disaccordi interni nei corridoi israeliani sull’entità del trattamento della pandemia di coronavirus da parte del Ministero della Salute, dopo aver criticato il Ministero, in particolare con il suo rifiuto di trasferire alcune responsabilità al Ministero della Difesa.

È interessante notare che il primo ministro Benjamin Netanyahu si è incontrato martedì scorso con i suoi ministri, esperti medici e altri funzionari per discutere di altri passi per ridurre la diffusione del virus, ma non sono state prese decisioni.

Fonte: Al Masdar News

Traduzione: Gerard Trousson

1 commento

  • Idea3online
    19 Luglio 2020

    Israele è in guerra dai tempi di Melchisedek. Alla fine di questa sceneggiata, chiamata vita, ci renderemo conto, o quelli che vedranno l’apertura del 6° sigillo, che tutto quello che l’Elite ed il Popolo hanno desiderato è stata la loro condonna a morte. Certo Israele è dentro la Profezia, Italia e Grecia, Cipro altrettanto. In questi Tempi, non è la Fine, ma sono i Tempi della Fine, Israele, Italia Grecia e Cipro, hanno una funzione nella Geopolitica Celeste superiore alle Russia ed agli USA, se non altro come arbitri. La Geopolitica Terrestre è come un seme bagnato da Dio. Quello che Dio desidera si compirà. Ecco perché noi esseri umani siamo dei grandi fessi e idioti, vogliamo combattere contro il Creatore, adorando Satana Sua creatura. Ma Dio tra l’Elite aveva posizionato Giuseppe figlio di Giacobbe, Mosè, Daniele, Ester……di controllo da parte di Dio la Storia è piena. Ed oggi tra l’Elite ci saranno quelli che lavorano per il Dio di Abramo, nel senso che Satana ha il controllo relativo. Certamente l’Apocalisse spiega che il Male sarà capillare, ma di nuovi Giuseppe di Arimatea e Nicodemo, ci saranno ancora.

Inserisci un Commento

*

code