Israele si sta preparando per un confronto con l’Iran. Russia e Cina organizzano esercitazioni navali con Teheran

Il capo di stato maggiore israeliano, Aviv Kochavi, ha avvertito che Israele deve affrontare un “confronto limitato” con l’Iran e le forze di difesa israeliane (IDF) si stanno preparando per questo scenario. Il funzionario della difesa ha ammesso che era improbabile che gli israeliani avessero l’aiuto del loro principale alleato, gli Stati Uniti o i loro partner tattici arabi.

Gli esperti hanno confermato queste preoccupazioni, scrive Nezavisimaya Gazeta.

L’Istituto di strategia e sicurezza di Gerusalemme avverte che un conflitto su vasta scala tra Iran e Israele potrebbe scoppiare nel 2020 nel caso in cui Teheran continui le sue attività di arricchimento dell’uranio. Gli esperti hanno informato che Israele dovrebbe essere pronto ad attaccare l’Iran da solo. Israele deve anche prepararsi a riprendere i colloqui tra gli Stati Uniti e l’Iran e adoperarsi per garantire il pieno coordinamento con Washington per presentare richieste contro l’Iran.

Gli esperti dell’Istituto di strategia e sicurezza di Gerusalemme dipingono anche un “quadro desolante” sulla Russia. Predicono che Israele non sarà in grado di soddisfare le aspettative della leadership russa, dal momento che Tel Aviv non può convincere Washington ad ammorbidire la sua posizione sulla politica russa attraverso la mediazione diplomatica.
Inoltre, non vi è alcuna garanzia che la Russia consentirà a Israele di dominare i cieli siriani per attaccare obiettivi iraniani e, dato ciò, l’IDF dovrebbe sviluppare i propri piani di manovra.
Gli esperti sottolineano che Israele deve continuare il dialogo con la Russia mantenendo un equilibrio tra Mosca e Washington.

Unità navali russe e iraniane nel Golfo Persico


Nel frattempo : Russia, Iran e Cina lanciano esercitazioni navali congiunte

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato venerdì di aver inviato tre navi dalla sua flotta baltica – la fregata Yaroslav Mudry, la petroliera Yevgeniy Khorov e il rimorchiatore di salvataggio Yel’nya – per prendere parte alle esercitazioni, secondo quanto riferito da Red Star, il giornale ufficiale delle forze armate russe .
Il ministero è stato citato dicendo che era la prima volta che tali esercitazioni si svolgevano in un tale formato.
Giovedì, il portavoce del Ministero della Difesa cinese Wu Qian ha annunciato che il cacciatorpediniere missilistico guidato Xining di Pechino prenderà parte alle esercitazioni insieme ad altre unità della Marina cinese, non specificate.

Nave cinese si dirige verso il Golfo Persico

L’Iran non può essere isolato”

Parlando venerdì, il comandante della Marina iraniana, ammiraglio Gholamreza Tahani, ha affermato che uno dei risultati più importanti delle esercitazioni è il messaggio secondo cui l’Iran “non può essere isolato”.
Le esercitazioni congiunte, ha affermato, segnalano che le relazioni tra Teheran, Mosca e Pechino hanno raggiunto un livello “significativo” e che tale tendenza continuerà in futuro.
“Questa è la prima volta dopo la rivoluzione islamica che l’Iran ha tenuto una manovra congiunta con due grandi potenze navali mondiali su questa scala”, ha detto.
“Sicuramente i paesi più vicini tra loro nei settori economico, politico, sociale, della difesa e della sicurezza cooperano insieme per garantire la loro sicurezza collettiva”, ha aggiunto.

Sempre venerdì, Mojtaba Zolnour, capo del comitato per la sicurezza nazionale e la politica estera del parlamento iraniano, ha salutato le esercitazioni come un’indicazione del successo dell’Iran nella cooperazione militare multilaterale nonostante i tentativi degli Stati Uniti di isolare il paese.

Zolnour ha aggiunto che Washington ha fallito nella sua “diplomazia militare” e che si indebolirà in futuro.

“Fare una esercitazione congiunta tra Iran, Cina e Russia è una misura molto terrificante per gli Stati Uniti e l’Occidente che cercano di creare una coalizione militare contro la Repubblica islamica dell’Iran”, ha detto.

Le esercitazioni congiunte dell’Iran con le forze cinesi e russe provengono dai continui sforzi degli Stati Uniti per fare pressione e isolare Teheran abbinando forti sanzioni e dispiegamenti militari regionali come parte di una campagna di “massima pressione”.

All’inizio di quest’anno, Washington ha annunciato che stava cercando di formare una coalizione marittima che pattugliava il Golfo Persico dopo aver incolpato l’Iran per una serie di attacchi sospetti al passaggio di navi cisterna nel canale navigabile, che Teheran ha descritto come operazioni a “bandiera falsa” (false flags).

Gli Stati Uniti hanno usato gli attacchi come pretesto per inviare truppe e navi da guerra nel Golfo Persico, citando minacce iraniane non specificate.
La coalizione, tuttavia, ha ricevuto un’accoglienza tiepida dai suoi alleati e solo pochi alleati statunitensi si sono uniti ad essa, tra cui Arabia Saudita e Bahrein.
Tra gli schieramenti regionali rafforzati e le provocazioni militari di Washington contro Teheran, l’Iran ha abbattuto un drone spia americano per aver violato il suo spazio aereo vicino allo stretto di Hormuz a giugno. Le esercitazioni integrate tra Iran, Russia e Cina costituiscono indubbiamente un messaggio forte per gli USA, Israele e per l’Arabia Saudita.

https://tass.com/pressreview/1104179

Fonti: Tass – Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code