“Israele si sente più vulnerabile che mai dopo l’attacco dell’Iran agli Stati Uniti”

L’attacco missilistico dell’Iran alle basi statunitensi fornisce una nota di avvertimento a Israele, i cui sistemi antiaerei si basano su modelli americani.

Un rapporto pubblicato venerdì dai media israeliani evidenzia che l’incapacità degli Stati Uniti di respingere l’attacco di rappresaglia dell’Iran espone anche la vulnerabilità del regime di Tel Aviv ai missili lanciati dal paese persiano.

Il Corpo Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) in Iran ha attaccato le basi Usa in Iraq lo scorso Mercoledì in rappresaglia per l’attentato da Washington contro il comandante della Forza Quds del dell’IRGC , il tenente generale Qasem Soleimani.

Sebbene Washington abbia messo i sistemi antiaerei al suo stato più vigile nelle sue basi in Iraq, fonti locali riferiscono che la difesa missilistica americana non è riuscita a intercettare neppure un missile iraniano . Decine di militari statunitensi sono rimasti morti o feriti in quell’operazione ( fatto nascosto dalle autorità USA).
Il suddetto rapporto, fatto da fonti vicine all’intelligence israeliana, ha considerato l’operazione di vendetta iraniana come il primo attacco missilistico che ha avuto un impatto sugli obiettivi militari statunitensi dalla guerra di Corea (1950-1953).

Inoltre, ha riconosciuto che la risposta iraniana dimostra chiaramente che la Repubblica islamica ha perfezionato i suoi missili, descrivendo questi risultati nel settore della difesa come una grande “svolta”.

Il movimento libanese di Hezbollah afferma la risposta dell’Iran agli Stati Uniti e l’omicidio di Soleimani è l’inizio della fine della supremazia degli Stati Uniti e di Israele nella regione.

Citando un esperto militare, il documento sottolinea che il contrattacco dell’Iran era abbastanza accurato da avere un impatto preciso sui singoli edifici.

“I missili iraniani hanno colpito con precisione le basi statunitensi in Iraq”.
Allo stesso modo, il rapporto presenta alcune immagini satellitari fornite dalla società americana Planet, che mostrano la distruzione causata da questo attacco alla base americana di Ain Al-Asad in Iraq, tra cui gli hangar e installazioni militari.

Dopo l’operazione lampo dell’Iran, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ritirato tutte le sue precedenti minacce militari contro il paese persiano , anche se ha affermato che non vi erano vittime nell’offensiva iraniana.

Il cambio di posizione di Trump avvenne anche dopo che le autorità iraniane avevano avvertito che “scenari più potenti” sarebbero stati messi in moto di fronte a qualsiasi nuova “stupidità” negli Stati Uniti e l’Iran avrebbe attaccato non solo tutte le sue basi nella regione, ma avrebbe anche posto fine alla posizione geografica del regime sionista israeliano.

Fonte: Hispan TV

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • Santini
    11 Gennaio 2020

    Digitate” occupation 101 sub ita” video imperdibile e “defamation sub ita” questa gente( gli Ebrei ) e’ imperdonabile cosi come lo sono pure i nostri governi formati da prostitute politiche lacche’ abominevoli vedi Salvini Di Maio ecc sempre pronti a srotolare la lingua quando si tratta di israele e america per non parlare dei sinistri ! per loro essere delle prostitute politiche e’ diventato un mestiere a tutti gli effetti ,LA Boldrini quella strega ci vedrebbe di buon occho solo nel momento in cui tutta l’italia fosse meticciata cosi’ finalmente non esisterebbero piu Italiani bianchi scocciatori e in vena di rivendicare ,tanto ai nuovi Negri italiani basta qualche casco di banane qualche calcio in culo e tutto va avanti alla perfezione, il Pensiero di lavorare a loro non e’ mai nemmeno Per un secondo passato per LA capa

  • Santini
    11 Gennaio 2020

    Digitate” Lino Linguetta e bossi ” Salvini doveva far striscia e’ uguale oppure vendere qualche materasso ! quando si parla di Ebrei America e Russia e’ uguale sempre con LA lingua turgida !

  • Santini
    12 Gennaio 2020

    Digitate “Davide benetello il terrore del capitalismo” video che vale un Peru’ all’estero si vede ,in Italia non so siete ormai in una prigione a cielo aperto censurano tutto cio ‘ che puo dare fastidio alla giudaglia adesso pure gli schiavi di colore vi fanno arrivare, non hanno remore di niente

Inserisci un Commento

*

code