Israele prima di tutto, gli USA complici della carneficina Gaza

Israele prende di mira i media in modo che il mondo non possa vedere i crimini di guerra israeliani
Gli Stati Uniti tacciono di fronte al deliberato attacco di Israele a un edificio con uffici dei media inclusa una agenzia stampa statunitense a Gaza.

Sabato le forze israeliane hanno bombardato la torre Al-Yala a Gaza, provocando il crollo dell’edificio dove si trovavano gli uffici dell’agenzia americana The Associated Press (AP) e della catena qatariota Al Jazeera e altri media.

Secondo fonti del regime israeliano, l’edificio “conteneva mezzi militari appartenenti all’intelligence militare” del Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS), con il quale gli israeliani sono coinvolti da alcuni giorni in un sanguinoso confronto.

Dopo l’attacco israeliano, un tentativo palese di mettere a tacere i media che coprivano i bombardamenti israeliani virulenti sulla Striscia di Gaza, l’addetto stampa della Casa Bianca, Jen Psaki, in un tweet si limita a scrivere
che la sicurezza dei giornalisti è “prioritaria”ma non ha denunciato l’offensiva del regime israeliano.

“Abbiamo comunicato direttamente agli israeliani che garantire la sicurezza dei giornalisti e dei media indipendenti è una responsabilità primaria”, ha scritto conciso Psaki. (abbattere gli edifici dei media sarebbe un modo di “garantire la sicurezza”, secondo la Psaki, n.d.r.).

Gli Stati Uniti sostengono le azioni di Israele a tutti i costi
Sulla stessa linea, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin, in una conversazione telefonica tenuta lo stesso giorno con il suo omologo israeliano, Benny Gantz, ha espresso il sostegno dell’amministrazione statunitense, presieduta da Joe Biden, “al diritto di Israele di difendersi” (diritto invece negato ai palestinesi n.d.r.) contro gli attacchi di ritorsione dei gruppi della Resistenza Palestinese.

Impatto del bombardamento di Israele su Gaza

Mentre i massimi funzionari dell’esecutivo statunitense, incluso lo stesso Biden, prendono possesso della parte israeliana nella loro operazione sproporzionata e violenta contro il popolo di Gaza, Rashida Tlaib, rappresentante democratico del 13 ° distretto del Congresso del Michigan nella Camera bassa americana, non ha esitato a criticare l’attacco aereo. sull’edificio ormai fatiscente.


“Israele prende di mira i media in modo che il mondo non possa vedere i crimini di guerra israeliani guidati dal capo del sistema dell’apartheid [il primo ministro israeliano] Benjamin Netanyahu. È così che il mondo non può vedere il massacro di neonati, bambini e dei loro genitori. È così che il mondo non può vedere i palestinesi massacrati ”, ha twittato.

I media condannano l’attacco israeliano al quartier generale di Gaza
Al Jazeera ha condannato l’attacco e ha invitato “tutti i media e le organizzazioni per i diritti umani a unire le forze” per denunciare i bombardamenti e chiedere a Israele “di rendere conto”.

” Al Jazeera condanna con la massima fermezza il bombardamento e la distruzione dei suoi uffici da parte dell’esercito israeliano a Gaza e vede come un atto chiaro per impedire ai giornalisti di svolgere il loro sacro dovere di informare il mondo e riferire gli eventi sulla terreno”, ha letto una dichiarazione rilasciata dalla rete del Qatar.

Il presidente e amministratore delegato dell’AP Gary Pruitt ha sottolineato in un’altra nota che i media erano “scioccati e inorriditi” dal fatto che le forze israeliane stessero prendendo di mira l’edificio .

“Questo è un evento incredibilmente inquietante. Abbiamo evitato per un pelo una terribile perdita di vite umane “, ha detto Pruitt, aggiungendo poi che” una dozzina di giornalisti e personale freelance dell’AP erano all’interno dell’edificio e fortunatamente siamo stati in grado di evacuarli in tempo.


Rapporto: un aereo statunitense ha consegnato una spedizione segreta a Israele. Si sospetta la fornitura dagli USA di apparecchiature speciali per individuare obiettivi d colpire. Evidente il sostegno militare e logistico di Washington a Israele in questa come in ogni altra campagna bellica condotta dalle autorità israeliane.

Fonte: Hispan Tv (https://www.hispantv.com/noticias/ee-uu-/492562/ataque-israel-medios-gaza)

traduzione e note: Luciano Lago

2 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 09:04h, 16 Maggio Rispondi

    Questo è il modo con il quale gli anglo sionisti si ergono a paladini della libertà di stampa …….
    Se non puoi falsificare la realtà pilotando i media, come abitualmente accade ogni giorno, ….. allora li distruggi ……

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 09:59h, 16 Maggio Rispondi

    Manifestazioni anti-israeliane, contro netanyauh e a favore dei palestinesi in molte città usa e in canada?

    Cari saluti

Inserisci un Commento