Israele-Palestina: le forze israeliane assediano e attaccano l’ospedale Al-Shifa

I bambini e i pazienti in supporto vitale iniziano a morire quando viene interrotta la corrente
DiMaha Husseininella Striscia di Gaza, nella Palestina occupata e Huthifa Fayya
Le forze israeliane stanno attaccando e assediando l’ospedale Al-Shifa nella città di Gaza, mettendo a rischio la vita di circa 15.000 pazienti palestinesi e civili che vi si rifugiano, hanno detto sabato funzionari sanitari.

Aerei da combattimento e carri armati israeliani hanno bombardato l’area fuori dall’ospedale dalle 21 circa, ora locale, di venerdì e fino a sabato mattina.

Gli attacchi “non si sono fermati per un momento”, ha detto a Middle East Eye Abu Mouth, un giornalista che ha riferito dall’interno dell’ospedale.

Alcuni reparti e il cortile del complesso medico, il più grande di Gaza, sono stati colpiti direttamente e ciò ha provocato un incendio, ha detto Abu Mouth.

L’ambulatorio, così come i reparti di terapia intensiva e pediatrica, hanno smesso di funzionare, secondo Ashraf Al-Qudra, portavoce del ministero della Sanità palestinese.

“Siamo assediati all’interno del complesso medico di Al-Shifa”, ha detto Qudra in una nota. “Possiamo dire che il complesso medico di Al-Shifa ha smesso di funzionare ed è fuori servizio.”

Intorno alle 6 del mattino ora locale (4:00 GMT), la corrente elettrica è stata completamente interrotta dall’ospedale, lasciando i pazienti in supporto vitale ad alto rischio di morte in qualsiasi momento. Inoltre non c’è acqua, cibo e internet all’interno dell’ospedale.
“Abbiamo provato in ogni modo a riavviare il generatore senza alcun risultato”, ha detto Abu Mouth a MEE.

Il ministero della Sanità palestinese ha affermato che un bambino prematuro attaccato alle incubatrici è già morto. Un totale di altri 39 bambini affronteranno la stessa sorte nelle prossime ore se la corrente non verrà immediatamente ripristinata, hanno avvertito i medici dell’ospedale.

“Siamo a poche ore dalla morte e il mondo ci guarda morire”

  • Muhammad Abu Salima, direttore dell’ospedale Al-Shifa

La mancanza di energia colpisce anche decine di pazienti in terapia intensiva.
Almeno una persona è già morta perché i ventilatori hanno smesso di funzionare.
“Migliaia di persone sono intrappolate all’interno del complesso, inclusi pazienti, personale medico, soccorritori e personale della protezione civile”, ha detto ad Al Jazeera Muhammad Abu Salima, direttore dell’ospedale Al-Shifa.

“Siamo a poche ore dalla morte e il mondo ci guarda morire, ma non siamo numeri”, ha detto Abu Salima.

Nel frattempo, cecchini e droni armati israeliani hanno preso di mira chiunque si muovesse tra i diversi edifici ospedalieri.

Abu Mouth ha detto a MEE che una donna di 26 anni ha cercato di lasciare l’ospedale durante l’assedio ed è stata presa di mira da un cecchino israeliano.

“Siamo completamente circondati e gli intensi bombardamenti sono in corso”, ha detto Abu Mouth.

“C’è panico e paura tra i feriti, i malati e gli sfollati all’interno dell’ospedale. Stanno attaccando ovunque e non possiamo uscire a causa dei cecchini stazionati intorno all’ospedale”, ha aggiunto.

Incitamento contro Al-Shifa
Da giorni ufficiali militari israeliani incitano contro l’ospedale Al-Shifa, sostenendo che viene utilizzato per scopi militari senza fornire prove concrete.

Funzionari e fazioni palestinesi hanno negato l’accusa. Human Rights Watch ha affermato di non aver trovato prove per corroborare le affermazioni israeliane.

Mads Gilbert, un medico norvegese che ha lavorato per 16 anni all’ospedale Al-Shifa, ha detto di non aver mai incontrato alcun segno di un “centro di comando militare” lì.

La ONG Physicians for Human Rights – Israel, con sede a Giaffa, ha affermato che anche se gli ospedali vengono utilizzati da gruppi armati, Israele “ha comunque l’obbligo di evitare di far loro del male”.

Tuttavia, le forze israeliane hanno continuato ad attaccare ospedali, cliniche, personale medico e ambulanze in tutta Gaza, bombardando diverse strutture sanitarie e negando loro carburante e altri rifornimenti.

“Stanno attaccando ovunque e non possiamo uscire a causa dei cecchini stazionati intorno all’ospedale”

  • Abu Bocca, testimone oculare

Da quando è iniziato l’attacco contro Gaza, più di un mese fa, gli attacchi aerei israeliani hanno ucciso almeno 11.000 palestinesi, tra cui più di 4.500 bambini, 3.000 donne e 200 operatori sanitari.

In Israele, secondo funzionari israeliani citati dai media israeliani, gli attacchi guidati dai palestinesi hanno provocato la morte di circa 1.200 persone, tra cui almeno 31 bambini.
Gli attacchi israeliani contro Al-Shifa si sono intensificati nelle prime ore di venerdì. Secondo quanto riferito, l’esercito ha preso di mira il reparto maternità e l’ambulatorio dell’ospedale mentre le persone dormivano, lasciando diverse persone uccise e ferite.

Molti di coloro che si erano rifugiati o lavoravano nell’ospedale sono stati costretti a fuggire verso sud nel pomeriggio.

I bombardamenti sono ripresi venerdì sera mentre le forze di terra israeliane sembravano avanzare lentamente verso l’ospedale.

Secondo testimoni oculari, i suoni del fuoco dell’artiglieria e degli attacchi aerei nella zona vicino all’ospedale non sono cessati per tutta la notte.

Allo stesso tempo, è risuonato il rumore di pesanti scontri, presumibilmente tra i combattenti palestinesi che resistevano all’avanzata delle truppe e dei carri armati israeliani.

Sabato mattina le Brigate Izz al-Din al-Qassam, il braccio armato di Hamas, hanno dichiarato che i loro combattenti stavano ingaggiando le forze israeliane in “feroci scontri” e attaccando i loro veicoli militari in diversi punti di Gaza.

Peter Lerner, portavoce militare israeliano, ha affermato che le truppe sono “nel bel mezzo di intensi combattimenti contro Hamas nelle vicinanze dell’area in questione”, senza fornire ulteriori dettagli, secondo il Times of Israel.

Fonte: MiddleEasteye

Traduzione: Fadi Haddad

3 commenti su “Israele-Palestina: le forze israeliane assediano e attaccano l’ospedale Al-Shifa

  1. La Meloni ha preso a cuore il tragico caso della neonata inglese affetta da una gravissima malattia, mentre e’ impassibile di fronte al massacro di migliaia di bambini (anche neonati) a Gaza. Per il governo italiano (e non solo), la morte di migliaia di bambini non occidentali non equivale neanche lontanamente alla morte di un solo bambino occidentale. Questo e’ razzismo all’apoteosi.

  2. Gli israeliani non hanno bisogno di consigli ironici : i palestinesi li ammazzano da piccoli così non possono diventare terroristi da grandi , si portano avanti col lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM