Israele ossessionato dall’Iran: guerra inevitabile ?

di Alfredo Jalife Rahme

L’esistenza di un Iran indipendente e sovrano in Medio Oriente è diventata la fissazione psicologica di Israele.
Dopo l’iconico attacco di Hamas, l’ex ambasciatore israeliano negli Stati Uniti, Itamar Rabinovich, ha proclamato che era in corso la prima guerra iraniano -israeliano , a causa degli sforzi dell’Iran di sfidare Israele su diversi fronti .
Dopo il delirante editoriale del Primo Ministro Netanyahu al WSJ sui suoi “Tre prerequisiti per la pace: dobbiamo distruggere Hamas, smilitarizzare Gaza e deradicalizzare l’intera società palestinese ( https://on.wsj.com/3NM4vwZ ), suo ex alleato e oggi un il fedele rivale interno, l’ex premier Naftali Bennett (NB), sostiene l’annientamento dell’Iran con il sostegno degli Stati Uniti ( https://on.wsj.com/3NKhlMi ).

Nel mondo multimediale degli Stati Uniti, il WSJ è diventato il più fanatico nell’ insabbiamento dell’infanticidio e delle esazioni di Israele a Gaza.

Sia Netanyahu, sia NB: entrambi costituiscono due facce della stessa medaglia di insostenibile israelocentrismo come l’ombelico paleo-biblico del mondo e la Via Lattea, quando Israele è diventato un paese paria/apartheid.

La mia ipotesi è che dietro la spessa cortina di fumo del 7 ottobre si celi l’obiettivo finale di Israele, e di ciascuno dei suoi primi ministri: annientare l’Iran per emergere come l’unica potenza militare nucleare, dotata di più di 300 bombe e impongono così la loro volontà razzista onnicomprensiva al Medio Oriente e all’Africa .

Da Seymour Hersh, passando per il tenente generale Michael Flynn (ex consigliere per la sicurezza nazionale di Trump), fino al ministro degli Esteri russo Lavrov, sottolineano che si è trattato di un’interruzione deliberata di sette ore dei famosi servizi di intelligence israeliani quella con cui hanno lasciato passare gli estremisti di Hamas; Hanno permesso che gli attacchi della guerriglia palestinese sunnita di Hamas venissero compiuti per avere la giustificazione di spopolare i palestinesi di Gaza, in una prima fase, e della Cisgiordania, in una seconda fase.

Netanyahu e la corte di governo

NB, premier israeliano dal 2021 al 2022, confessa che Israele ha distrutto una base di droni sul suolo iraniano e propone diversi modi per indebolire l’Iran: potenziare l’opposizione interna, garantire la continuità di Internet durante le rivolte contro il regime, rafforzare i suoi nemici e aumentare sanzioni e pressioni economiche – tutto ciò che Israele fa da molto tempo e anche con la serie di propaganda “Teheran ( https://apple.co/48ccKuv )”, con l’aiuto dei Cazari ( https://bit.ly /3QqemJr) ) che controllano l’asse Hollywood/Wall Street/multimedia.

NB scommette sull’implosione dell’Iran che sarebbe simile a quella dell’URSS e si vanta di aver smantellato diversi attacchi dell’Unità Quds in Turchia e della ritorsione di Israele che ha ucciso uno dei suoi comandanti nel centro di Teheran (Nota: si tratta di Sayyad Khodaei, https://bit.ly/3RAhIKi ).

In modo lineare, semplicistico e anacronistico, NB giudica che sia in corso una nuova guerra fredda (megasica!) in Medio Oriente tra la “Repubblica Islamica dell’Iran – simile all’URSS degli anni ’80 (e), dall’altro, un prospero democrazia (megasica!) forte e libera – Israele e i suoi alleati”. Non elenca chi siano i suoi alleati a questo punto della catastrofe umanitaria a Gaza, quando Israele è diventato un paese paria su scala globale.

Il quotidiano Al Mayadeen – bandito da Israele e molto vicino agli sciiti libanesi di Hezbollah – denuncia il disprezzo di Israele per la sovranità dei paesi, nel caso specifico dell’Iran, quando Israele ha la licenza di uccidere bambini a destra e a sinistra e donne, come sta accadendo ora a Gaza con la tacita benedizione degli Stati Uniti e dell’Unione Europea.

Nonostante le imprecazioni di Netanyahu, Rabinovich e NB, l’amministrazione Biden non ha coinvolto direttamente l’Iran nell’attacco di Hamas del 7 ottobre, mentre il paese persiano si avvicina alla Russia: dopo la sua spettacolare ammissione ai BRICS+ e la sua reciproca de-dollarizzazione delle valute nazionali di Mosca e Teheran ( https://bit.ly/3NMrYOy ).

Quanto sarà facile rovesciare o sconfiggere l’Iran oggi?

Fonte: La Jornada

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “Israele ossessionato dall’Iran: guerra inevitabile ?

  1. Se Israele vuole la guerra contro l’Iran la dichiari e ci prenderà tante noi diciamo agli ebrei “a cuccia” e non provate a rompere ve le daremo di brutto e richiamate il vostro esercito assassino nelle caserme. Schifosi razzisti criminali.

  2. In realtà sta già avvenendo lo scontro tra Isreaele e Iran; in maniera indiretta ovviamente.
    Come accaduto con la Nato contro la Russia, per procura, anche lo scontro in Medio Oriente finirà a favore dell’Iran.
    Chissà se assisteremo ad un’ altro grosso fronte nel mar meridionale Cinese??

  3. La élite israeliana è tracotante, e molto spesso crede che la realtà si adegui ai propri desideri.
    Le élite del male – anglosassoni e c. – fanno i conti come se fossero le prime della classe …………………
    nei fatti, sono tra le ultime della classe, superate dall’Est che ha vere élite sane, serie e più
    intelligenti.

  4. Purtroppo per i sionisti i suoi due principali sudditi, USA e UK, hanno ridicoli eserciti di terra rispettivamente di 400000 e 80000 unità, male armati, peggio equipaggiati e per nulla addestrati, e quindi non possono intervenire in operazioni di terra nemmeno in Libano, figuriamoci nello Yemen o addirittura in Iran.
    Se i sionisti dovessero attaccare il Libano da soli sarebbe un’ecatombe, già adesso pare che il numero di perdite sul campo o addirittura per suicidio dei soldati sionisti sia molto elevato.
    Del resto l’unico esercito al mondo che manda i suoi psicotici soldati in battaglia con il pannolone non poteva che finire così.

  5. I tumori vanno eradicati altrimenti condizionano in eterno la vita dei popoli, se il nucleare é il problema, bisogna fargli esplodere le bombe nei loro depositi, prima di usarle. Ogni sistema di sicurezza ha i suoi punti deboli.

    1. I tre Imperi non sono chiassosi come l’occidente dozzinale e burino, ma ordinati e disciplinati, quindi
      destinati a grandi imprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM