Israele l’Ultima Colonia Europea

di Daniel Vanhove.

La Palestina storica è stata brutalmente aggredita nel suo cuore: Gerusalemme. Città dichiarata “tre volte santa” dai credenti delle tre religioni monoteiste: giudaismo, cristianesimo e islam, che come tale gode di prestigio mondiale per miliardi di individui, credenti o no di altri paesi. Toccare Gerusalemme, un luogo simbolico se mai ce ne è stato uno, è stato un punto di non ritorno, e ogni politico dovrebbe saperlo.

Terzo luogo più sacro dell’Islam, la moschea al-Aqsa situata nella parte orientale della città vecchia (1km²) è un luogo dove la minima profanazione rischia in ogni momento di provocare il risveglio della resistenza palestinese pronta a combattere. Tutti i sacrifici per difendere la sua sacralità e inviolabilità. Tutti i credenti nel mondo dovrebbero essere grati ai palestinesi. E non osiamo immaginare il clamore dei nostri media europei che tali barbari attacchi contro una milizia al servizio dei coloni avrebbero provocato nell’ultima sinagoga di un villaggio sperduto.

Non è la prima volta che i locali sono stati invasi e che la Spianata delle Moschee è stata sottoposta a brutalità dai governi di questo odioso regime e dalle sue forze armate: questo era già il caso quando A. Sharon, circondato da centinaia di soldati, ha invaso la Spianata nel 2000, portando alla seconda Intifada. Inoltre, per anni, questo regime coloniale ha revocato il “diritto di soggiorno” a quasi 15.000 palestinesi, rendendoli nuovi rifugiati oltre ai milioni già presi dalla Nakba del 1948.
Allo stesso modo, vengono effettuati scavi pseudo-archeologici là fuori indebolendo gli edifici musulmani; da qui la proliferazione di demolizioni di case palestinesi sotto la copertura di decreti xenofobi. L’obiettivo ossessivo della elite di potere sionista è quello di giudaizzare la città.

L’inarrestabile aumento delle provocazioni contro gli abitanti palestinesi di Gerusalemme per scacciarli a beneficio dei coloni ebrei è stato portato avanti in modo tanto più aggressivo e sicuro come le decisioni dell’amministrazione Trump di confermare la città “capitale dello Stato di Israele”, trasferendo lì l’Ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv, azione che ha solo liberato gli impulsi razzisti coloniali, e in cambio ha esacerbato le tensioni sempre crescenti tra l’occupante e gli occupati.

Tank Israeliani contro la resistenza i Gaza

Ultimamente l’espulsione manu militari delle famiglie arabe che la Nakba del 1948 aveva già spogliato di tutto, dal vecchio quartiere “Sheikh Jarrah” adiacente ai luoghi santi e dove legalmente vivono, in cambio dell’abbandono del loro status di “profughi” per quello ebraico, per insediare coloni animati da un odio malaticcio che vogliono risiedere colà, ed è stato questo l’episodio di troppo di questa “pulizia etnica” iniziata decenni fa.
La resistenza a tanta violenza e arroganza coloniale è stata mobilitata ed è stata tale da incendiare la Palestina occupata fino a Gaza. Si è diffusa una rivolta senza precedenti e la potenza occupante, così orgogliosa dei suoi cosiddetti metodi di “sicurezza” e con cui ha svolto i suoi sanguinosi affari in tutto il pianeta, è completamente sopraffatta dalle dimensioni della rivolta e dalla determinazione dei palestinesi.

Impigliato nei suoi numerosi fascicoli legali, il calcolo di B. Netanyahu di mantenersi a tutti i costi al potere optando per il confronto si rivela errato, perché alla fine è riuscito a unificare le fazioni di una resistenza spesso divisa, ad eccezione di Mr. Abbas il quale non ha trovato di meglio che vietare qualsiasi manifestazione contro l’occupante! Va detto che in termini di “resistenza” è passato molto tempo da quando quest’ultima non fa più parte dell’equazione e in questa fase non ha più importanza. I conti verranno regolati successivamente, internamente.

Bambino palestinese contro i carri armati

In ogni caso, le conseguenze di questa unità indeboliscono un regime fondato fin dall’inizio su un errore storico e che recentemente, dopo quattro elezioni in 2 anni, non riesce più a coesistere, rivelando profonde fratture a tutti i livelli. A livello nazionale, ecco alcuni esempi:

“Il deputato israeliano Zvi Howitzer, ha affermato sul canale israeliano Canal13 , che” Hamas ha realizzato un’impresa militare strategica in pochi giorni “e che” la deterrenza israeliana, tanto apprezzata, è stata ridotta in cenere agli occhi del pubblico israeliano ” . Riferendosi ad Hamas, ha aggiunto che “invece di controllare l’istituzione palestinese attraverso le elezioni, l’ha controllata in una sola battaglia e in pochi giorni”, ritenendo che “questa organizzazione rappresenti anche la Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme est, e anche il palestinesi occupati dell’interno “…

Inoltre, ha sottolineato che l’entità sionista “crede in una visione distorta della realtà che i coloni possono vivere per sempre combattendo (…). Un paese occidentale sano non può coesistere con le rivolte (…) e non può sopravvivere e crescere i suoi figli sotto la costante minaccia dei missili “, ha osservato. E per aggiungere: “Nel 2009 la nostra visione era sbagliata. Oggi siamo nel 2021. È tempo di riadattare la nostra visione in una visione operativa ”, osservando che“ non c’è discussione strategica all’interno dell’entità di occupazione ”.

Fonte: Al Manar

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • Eugenio Orso
    Inserito alle 19:22h, 22 Maggio Rispondi

    Nego che il cosiddetto israele sia “l’ultima colonia europea”, perché si parla di ebrei occupatori e non di popolazioni europee là trapiantate.
    Un ebreo,anche se viene dall’Europa anziché dallo Yemen o al Magreb, resta un ebreo e su questo, mi pare, la stessa storia non lascia spazio a dubbi.

    Cari saluti

    • atlas
      Inserito alle 17:05h, 23 Maggio Rispondi

      l’articolista quì si chiama Daniel, poi più avanti c’è Rachel, poi ancora ‘lo stato d’israele’ …… ma che è diventato, un sito ebraico questo quì ? L’Adriano Tilgher, più volte ospite si starà mordendo le mani. Oppure a furia di frequentare iraniani si diventa farsi

  • Teoclimeno
    Inserito alle 19:35h, 22 Maggio Rispondi

    “ISRAELE L’ULTIMA COLONIA EUROPEA”. Meglio sarebbe dire: Europa l’ultima colonia giudaica.

Inserisci un Commento