Israele in mano agli psicopatici ?

di Laurent Guyenot

Introduzione

In questi giorni si parla molto degli psicopatici che governano il mondo. Uno studio tra alti dirigenti di grandi aziende, pubblicato con il titolo Snakes in Suits , mostra che i tratti psicopatici sono molto diffusi tra loro. [1] Questo si riflette naturalmente in forme collettive di psicopatia: in The Corporation: The Pathological Pursuit of Profit and Power , Joel Bakan ha osservato che “il comportamento aziendale è molto simile a quello di uno psicopatico”. [2]
Alcuni stati si comportano come psicopatici tra le nazioni. Gli Stati Uniti sono un tale stato, con una “patologia di potere” (il titolo del libro di Norman Cousins ​​del 1987) probabilmente correlato al grado di psicopatia degli uomini in carica. Dietro la maschera della sanità mentale e della moralità mostrata dagli Stati Uniti sul palcoscenico del mondo, c’è uno “stato profondo” mosso da un’insaziabile sete di potere e disinibito da ogni coscienza morale o empatia; questo profondo stato patologico è oggi in controllo quasi completo della politica estera degli Stati Uniti.

Israele è un altro stato psicopatico. Il rapporto tra Stati Uniti e Israele è peculiare e ci sono opinioni divergenti sulla sua natura. Chi, tra i due, è la forza trainante? Le talpe americane si sono infiltrate e dirottato la politica estera di Israele, o il contrario? Ritengo che la questione sia stata risolta dai professori Mearsheimer e Walt nel loro libro del 2008 The Israel Lobby e Foreign Policy degli Stati Uniti (e prima ancora di Pat Buchanan nel suo articolo del 2003 “Whose War?” [3]): è Israele che ha trascinato gli Stati Uniti in guerre che non erano nel loro interesse strategico e che, di fatto, mettono a repentaglio la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Era vero per l’Iraq, ed è vero per la Siria. I neoconservatori, la forza schiacciante dominante nello stato profondo degli Stati Uniti dal 2001, sono cripto-sionisti. L’America non sta controllando la politica estera e coloniale di Israele; non è riuscito a farlo ogni volta che ha provato, e ora ha smesso di provare. Invece, come disse Ariel Sharon un mese dopo l’11 settembre: “Noi, gli ebrei, controlliamo l’America e gli americani lo sappiamo”. [4] Il fatto stesso che questa affermazione oltraggiosa sia stata rapidamente sotterrata rende evidente il suo punto: poiché, come ha detto anche famoso Gilad Atzmon, “il potere ebraico è la capacità di convincere i non ebrei a smettere di parlare del potere ebraico”.

Il famoso critico ebreo-americano di Israel Norman Finklestein nel 2012 parla del comportamento psicopatico di Israele in “HardTalk” della BBC.  Vedi: Youtube.com/Watch

Il controllo israeliano della mente e del cuore del popolo americano, basato sul controllo quasi totale dei media mainstream e su operazioni psicologiche su larga scala come l’11 settembre, è davvero sconcertante (chi dubita che Israele abbia architettato l’11 settembre con la sua rete di super- sayanim dovrebbe leggere il mio articolo “Inside Job o Mossad Job?” ) [5] . Ma diventa comprensibile alla luce di ciò che gli psichiatri chiamano il “legame psicopatico”. Non intendo negare che gli Stati Uniti siano patologici di per sé, anche geneticamente. Ma qui mi concentrerò sull’unica nazione che credo sia la psicopatica più pericolosa tra le nazioni: Israele. Il giornalista israeliano Gideon Levy ha scritto su Haaretz nel 2010 che “Solo gli psichiatri possono spiegare il comportamento di Israele” verso i palestinesi, suggerendo “paranoia, schizofrenia e megalomania”. [6] Suggerisco la psicopatia come diagnosi più accurata.

Anche se gli specialisti discutono sulla differenza tra psicopatia e sociopatia, userò entrambi i termini in modo intercambiabile. L’ultimo manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali ha optato per il “disturbo antisociale di personalità”, che ha il vantaggio, come la sociopatia, di indicare che si tratta di una disfunzione della capacità di socializzare.

Ebreità come sociopatia tribale

Gli psicopatici sono narcisisti con un enorme appetito per il potere e senza coscienza morale. Incapaci di empatia emotiva, non provano alcun rimorso per la sofferenza che infliggono agli altri. I criteri diagnostici per la psicopatia, elencati da Robert Hare, includono mentalità patologica, astuzia e comportamento manipolativo. [7] Lo psicopatico non ha sensibilità per nessuno, ma ha sviluppato una grande capacità di simulazione, a volte con una tendenza all’istrionismo. Può essere affascinante e carismatico. Sebbene lui stesso sia immune dal senso di colpa, impara l’arte di indurre e sfruttare la colpa degli altri.

La menzogna è così profondamente radicata nella sua natura che la questione della sua sincerità è quasi irrilevante. La verità non ha valore nei suoi occhi, o è confusa con la versione degli eventi che gli serve; può battere un rilevatore di bugie. Lo psicopatico non è in grado di mettersi nei panni di qualcun altro, e quindi di considerarsi critico. Non sbaglia mai, e i suoi fallimenti sono sempre colpa degli altri. Fiducioso in ogni circostanza di essere giusto, innocente e superiore, considera il risentimento delle sue vittime come “odio” senza senso.

Sebbene coloro che hanno pagato il prezzo per vedere attraverso la sua maschera possano giudicarlo pazzo, lo psicopatico non è malato nel senso tradizionale. Data la sua competitività sociale, non può essere considerato come disadattato dal punto di vista cognitivo o comportamentale. Tuttavia, dal punto di vista della psicologia del profondo, si può sostenere che lo psicopatico reprime una profonda angoscia esistenziale, una paura della propria disumanità. Sentendosi fondamentalmente non amabile, sa che la sua unica possibilità risiede nelle bugie, e che, se gli altri potessero vedere attraverso di lui, si troverebbe di fronte alla sua stessa vacuità. Perché presume che gli altri siano così spietati come lui, che teme di essere distrutto se esposto. E quindi, deve continuare a mentire sempre meglio. La sua ossessione per il dominio è la controparte della sua profonda paura di annientamento. [8]

In The Future of a Illusion (1928), Sigmund Freud descrisse la religione, in particolare il cristianesimo, come una nevrosi collettiva. In questa linea di ragionamento, sosterrò che il giudaismo è piuttosto una forma di sociopatia collettiva. Questo non significa che “gli ebrei” sono sociopatici, ma piuttosto che sono vittime di una mentalità sociopatica collettiva. La differenza tra la sociopatia collettiva e la sociopatia individuale è la stessa che esiste tra la nevrosi collettiva e la nevrosi individuale secondo Freud: la partecipazione a una mentalità sociopatica collettiva consente ai membri della comunità di canalizzare tendenze sociopatiche verso l’esterno della comunità e di mantenere all’interno di essa un alto grado di socialità. [9]

L’idea è facile da illustrare: l’individuo che si sente superiore a tutti è un megalomane; ma Maurice Samuel è semplicemente un ebreo comunitario quando, nel suo libro You Gentiles (1924), esprime la sua convinzione
“Che noi ebrei siamo distanti da voi gentili, che una dualità primitiva rompe l’umanità che conosco in due parti distinte; che questa dualità è fondamentale e che tutte le differenze tra voi gentili sono banalità rispetto a quelle che vi hanno diviso tutti noi “. [10]

L’individuo che si sente costantemente circondato dai nemici è un paranoico; ma Leo Pinsker è un rispettato precursore del sionismo per aver scritto che la giudeofobia è una “malattia trasmessa per duemila anni” ereditaria e incurabile, “una varietà di demonopatia, con la differenza che non è peculiare di razze particolari ma è comune alla tutta l’umanità. ” [11] Allo stesso modo, Josué Jehouda non ha alcuna malattia mentale, ma solo una teoria etnocentrica della storia, quando scrive:

“Colui che scandaglia le profondità della storia universale, per ottenere una visione d’insieme, scopre che dai tempi antichi fino ad oggi due correnti opposte stanno combattendo la storia, penetrandola e plasmandola costantemente: la corrente messianica e la corrente antisemita.” [12 ]

In altre parole, è solo quando gli ebrei pensano, parlano e agiscono come rappresentanti degli ebrei e nel nome degli ebrei, quando dicono “noi ebrei”. . . “- che il loro comportamento verso i non ebrei e la loro concezione delle relazioni con i non ebrei tradiscono un modello sociopatico.

Ma quando qualcuno dice “noi ebrei”, generalmente riproduce una categoria elaborata dall’élite culturale ebraica, i leviti del passato e del presente. L’ideologia dominante è l’ideologia del dominante. E così la psicopatia collettiva degli ebrei è un paradigma cognitivo imposto loro da una minoranza di influenti ebrei machiavellici per tenerli sotto controllo. “I mali di Israele sono i mali della leadership”, scrisse l’editore ebreo Samuel Roth in “Gli ebrei devono vivere”: un resoconto della persecuzione del mondo di Israele su tutte le frontiere della civiltà (1934). Ha incolpato tutte le sofferenze degli ebrei su “la stupenda ipocrisia e crudeltà imposta su di noi dalla nostra fatale leadership”.
“Cominciando dal Signore Dio di Israele Stesso, furono i successivi leader di Israele che uno per uno rinunciarono e guidarono  la tragica carriera degli ebrei – tragica per gli ebrei e non meno tragica per le nazioni vicine che li hanno subiti. […] nonostante i nostri difetti, non avremmo mai causato così tanti danni al mondo se non fosse stato per il nostro genio per la cattiva leadership “. [13]

Il complesso transgenerazionale del dominio della persecuzione

Cos’è l’ebraicità? La maggior parte degli ebrei sarebbe d’accordo con l’etno-storico ebreo Raphael Patai ( The Jewish Mind, 1977), che è, prima di ogni altra cosa, “coscienza di appartenenza”. [14] Ciò equivale a dire che l’ebraicità è un modo di pensare tribale. Ora, il tribalismo non è patologico in sé. Ma il tribalismo ebraico ha la particolarità di essere combinato con una forte rivendicazione di universalismo. Non c’è dissonanza cognitiva tra tribalismo e universalismo all’interno dell’ebraicità: gli ebrei sentono gli universalisti non nonostante siano ebrei, ma in virtù dell’essere ebrei. Ad esempio, è enfaticamente “come un ebreo americano” il rabbino Joachim Prinz, presidente del Congresso ebraico americano (ed ex sostenitore delle leggi razziali naziste) [15], ha sostenuto il movimento per i diritti civili degli afroamericani. [16] L’universalismo degli ebrei è sempre, implicitamente o esplicitamente, un universalismo ebraico, cioè un universalismo tribale – una contraddizione in termini. Come auto-illusione, è l’espressione di una convinzione irrazionale che la Judeità sia l’essenza dell’umanità. Come messaggio ai non ebrei, è una falsità di grandiosa empatia: “noi ti amiamo, l’umanità, più di chiunque altro; fidati di noi, sappiamo ciò che è bene per te. “E ciò che è bene per l’umanità è sempre, in ultima analisi, ciò che è buono per gli ebrei.

Universalismo ebraico significa che gli ebrei sono al centro dell’universo per diritto di nascita. E così, è, più o meno inconsciamente o cripticamente, una fantasia e una strategia di dominio. Come maschera di una forma estremamente aggressiva di etnocentrismo, l’universalismo ebraico nasconde la paura della potenziale pericolosità del resto dell’umanità, se la frode fosse scoperta. Questo è il secondo paradosso dell’ebraicità: gli ebrei proclamano apertamente il loro amore universale, mentre allo stesso tempo lamentano di essere “il popolo scelto per l’odio universale”. [17] Questa curiosa formula di Leo Pinsker è il credo del sionismo secolare e riflette abbastanza bene un sentimento diffuso tra ebrei e israeliani, come documentato nell’eccellente film di Yoav Shamir Defamation (2009). “La gente pensa che la Shoah [l’Olocausto] sia finita ma non lo è. Continua in continuazione, “in genere proclamò Benzion Netanyahu, padre del primo ministro israeliano, prima dell’elezione del figlio nel 2009. [18] La vittimizzazione è diventata l’essenza dell’identità nazionale israeliana, secondo Idith Zertal, professore all’Università Ebraica a Gerusalemme. Israele è stato trasformato

“In una zona crepuscolare astorica e apolitica, dove Auschwitz non è un evento passato ma un presente minaccioso e un’opzione costante. Per mezzo di Auschwitz – che negli anni è diventato il riferimento principale di Israele nei suoi rapporti con un mondo definito ripetutamente come antisemita e perennemente ostile – Israele si è reso immune alla critica, e impermeabile a un dialogo razionale con il mondo che la circonda. ” [19]
Domina, per paura di essere sterminato. E dominare sempre di più per proteggersi dal risentimento suscitato dalla propria dominazione. Tale è il circolo vizioso psicopatico in cui gli ebrei sono intrappolati dalla paranoia comunitaria. L’unica scelta che viene offerta dalla loro élite cognitiva è: Gerusalemme come capitale del mondo, o ritorno all’Olocausto. Un sondaggio del Pew Research del 2013 ha mostrato che, alla domanda “Cosa è essenziale essere ebrei?” “Ricordare l’Olocausto” viene prima per il 73% degli intervistati. Segue “Prendersi cura di Israele”. [20] Michael Walzer ricorda: “Mi è stata insegnata la storia ebraica come una lunga storia di esilio e persecuzione: la storia dell’Olocausto ha letto all’indietro”. [21] La persecuzione è così essenziale per l’identità ebraica che, quando non esiste, c’è un bisogno urgente di farla esistere. Una paura ossessiva dell’antisemitismo deve essere mantenuta nella mente degli ebrei, poiché è il collante che tiene insieme la comunità, l’unica cosa in grado di resistere all’effetto dissolvente dell’assimilazione. [22]

Yosef Hayim Yerushalmi ha mostrato in Zakhor: Jewish History and Jewish Memory (1982) che il comando di “ricordare” e “non dimenticare” è al centro del giudaismo. Questo, dice, rende gli ebrei un popolo fondamentalmente astorico: scelgono il mito sulla storia. [23] L’urgenza di ricordare è tale che “il trauma dell’Olocausto viene trasmesso geneticamente” da “eredità epigenetica”, secondo un gruppo di ricercatori guidati da Rachel Yehuda al Mount Sinai Hospital di New York. [24] Il fenomeno è forse comprensibile alla luce della teoria sociologica della memoria di Maurice Halbwachs, autore di On Collective Memory: “La maggior parte delle volte, quando ricordo, sono altri a spronarmi; la loro memoria viene in aiuto del mio e il mio dipende dal loro. ” [25] Alcune intuizioni possono anche essere tratte dalla psicologia transgenerazionale, lo sviluppo più interessante della psicoanalisi. Ivan Boszormenyi-Nagy parla di “lealtà invisibili” che inconsciamente ci connettono con i nostri antenati. Tali lealtà, che modellano il nostro destino in gran parte inconsciamente, sono basate su sistemi di valori che variano da una cultura all’altra. [26] Vincent de Gaulejac crede nell ‘”esistenza di un passato genealogico che si impone sul soggetto e struttura il suo funzionamento psichico” [27]. Tali considerazioni ci aiutano a capire le tensioni psicologiche che affliggono ogni ebreo che lotta per rompere con l’ebraicità; nessuna comunità coltiva un senso più potente di lealtà ancestrale. Le idee non fluiscono nel sangue, ma ogni persona porta in sé i suoi antenati, in un modo misterioso e in gran parte inconsapevole.

Consiglio dei ministri di Netanyahu sulla zona del Golan

Il paradigma dell’Olocausto, che oggi sostiene l’identità ebraica, è costruito attorno a un senso irremovibile di innocenza e ipocrisia, un’incapacità di auto-esame caratteristica dei più gravi disturbi della personalità. Ai loro occhi, gli ebrei non hanno alcuna responsabilità per l’ostilità dei gentili nei loro confronti. Sono costantemente ricordati a questa innocenza dalla loro élite rappresentativa. [28] Per essere sicuri, ci sono delle eccezioni, come Samuel Roth, già citato, [29] o il giornalista francese Bernard Lazare, nel suo Antisemitismo, la sua storia e le sue cause (1894). [30]

Oggi alcuni lucidi israeliani sono preoccupati per il crollo del loro paese nella patologia collettiva. Yehoshafat Harkabi, vice direttore dell’intelligence militare, ha scritto nel 2009:

“Abbagliato dalla sua auto-giustizia, Israele non può vedere il caso dell’altro lato. L’ipocrisia incoraggia le nazioni non meno che le persone ad assolvere se stessi da ogni fallimento ea scrollarsi di dosso la colpa di ogni incidente. Quando tutti sono colpevoli tranne loro, la possibilità stessa di autocritica e di auto-miglioramento svanisce … ” [31]
La proiezione psicologica, o lo spostamento della colpa, è un processo mediante il quale uno nega i propri impulsi negativi mentre li attribuisce agli altri. Siamo tutti inclini a farlo in tempi di crisi personale. Ma solo le persone con una profonda malattia mentale lo fanno sempre.

Questo è il caso di Israele, un paese con centinaia di testate nucleari puntate sull’Iran, i cui leader hanno sempre negato di avere un qualsiasi arsenale nucleare, mentre invitava il mondo a fare qualcosa per il presunto programma militare nucleare dell’Iran volto a cancellare Israele dal mappe. Sarebbe ridicolo se Israele fosse solo paranoico. Ma Israele è lo psicopatico tra le nazioni, e ciò significa una tremenda capacità di manipolare, intimidire, corrompere moralmente, ottenere quello che vogliono e lasciare dietro di sé una scia di sofferenza.

Fonte: The Saker

Traduzione: Sergei Leonov

 

10 Commenti

  • redfifer
    13 maggio 2018

    In Israele si salverà si e no il 10 % della popolazione, il resto è mera paccottiglia che vive e respira all’unisono, sul resto del mondo e alle spalle dell’America che per primi hanno invaso cacciati dal tutta Europa, molto tempo prima che lo facesse la Germania ormai esasperata!

  • Farouq
    13 maggio 2018

    Una gabbia di matti criminali

  • geometrio ellittico
    13 maggio 2018

    Sono l immagine del loro dio giavel. Bruciamo tutti i talmud della terra e vedrete che sti decerebrati di ebrei nn si sentiranno più i figli unici della terra.

  • STREICHER
    13 maggio 2018

    I papi e I governanti fino a poco tempo fa ne facevano un Falo ‘ , tutti I Talmud trovati venivano bruciati in pubblica piazza ,mentre Silvio ha speso piu di 6 milioni di euro per tradurre I’ll Talmud dire che e’ un lecchino e’ dir poco ,ormai I nostri politici fanno a gara chi striscia di piu ,renzi e Salvini sono le nuove leve I nuovi lombrichi da gara

    • geometrio ellittico
      13 maggio 2018

      , basta guardare al passato, è così semplice la soluzione? Berlusconi ….. egli è ricattabile , proprio come trump , e ha una azienda familiare da salvare. Ha fatto, fa e farà di tutto per questo. Non ci si può fidare di lui e quelli come lui. Lui è peggio dei m5s. Addirittura c sono foto di berlusconi con la cheppia in testa.

    • Woland
      13 maggio 2018

      Non sono sicuro che sia stato silvio, mi pareva che il progetto fosse stato approvato dal governo letta.

  • Renè
    13 maggio 2018

    il Saker, come al solito, fa una sottile propaganda FILO EBRAICA, che ha come “TARGET” chi legge i siti di controinformazione, il succo di tale scritto è:”GLI EBREI SONO (comunque) VITTIME”
    Poverini, sono vittime della PROPAGANDA dei loro GOVERNI… ma poveri cuccioli indifesi… vittime, vengono ingannati… i cuccioli innocenti vanno sulle colline sopra a Gaza ad ammirare il bombardamento di una città indifesa, tra balli, canti e bevute… ma sono VITTIME… sono dei cuccioli così IDIOTI DA FESTEGGIARE un massacro di civili… poverini: non se ne rendono conto, sono solo dei poveri idioti, stupidi… dovete compatirli, non odiarli… anche se la totalità del popolo israeliano è a favore del genocidio dei palestinesi… gli ebrei sono VITTIME non si rendono conto di cosa voglia dire OMICIDIO…
    Non capiscono che le bombe al fosforo che vedono sganciare sui quartieri di Gaza, bruciano vivi i residenti…
    …non lo capiscono, gli ebrei sono così idioti da non capirlo, anzi… poi votano Netanjau, l’artefice del massacro, che temeva di perdere le elezioni, ma ha offerto in sacrificio 1.500 palestinesi bruciati vivi al suo popolo, che CONSAPEVOLMENTE l’ha rieletto, perchè per farsi rieleggere dal popolo EBRAICO bisogna perpetrare dei SACRIFICI UMANI, pardon: noi goym, non siamo umani.
    Ciò che vogliono gli ebrei dai loro capi è il SACRIFICIO DI NON UMANI, ciò li fa sentire, “eletti” “speciali”… UMANI, anzi: gli unici esseri umani.
    In Europa i popoli stanno votando chi li rappresenta e vuole la pace, la civiltà… nonostante la propaganda ebraica, in Israele gli ebrei votano chi li rappresenta: gli assassini…. propaganda o meno.
    Dunque finissimo Saker tieniti la tua propaganda da quattro soldi, perchè noi europei sappiamo che esiste il male, esistono i malvagi ed esistono le vittime, le vere vittime che solo gl’idioti o i traditori in malafede, li confondono con gl’assassini.

  • Max Tuanton
    13 maggio 2018

    Saker fa parte degli altri controinformatori pagati dal Ghetto e’ l’arte inculatoria del dire e non dire , come fa il buon Blondet che avendolo visto in video io non ci credo sia lui a scrivere tutti I pezzi ,tra Un po non sta in piedi e comunque anche fosse lui nei suoi articoli fa delle gran analisi scoglionanti cavillose niente che possa sollevare gli spiriti Dare fidicia ai giovani infondere negli animi di chi lo legge un arietta Nuova di Sana Rivolta ,leggerlo fa piu male che bene non da rimedi al flagello alla peste Ebraica che impesta tutti morale Religions economic Costumi tradizioni ecc ,meglio allora gli altri che parlano degli alieni dei vaccini Della Luna delle emorroidi delPapa Di trump gay Della Boldrini impestata ecc ecc

  • STREICHER
    13 maggio 2018

    Digitate:” berlusconi fa tradurre il talmud” E’ stato il Berlusca ,Letta una cippa ,il berlusca e’ un devoto del Ghetto LA sua fortuna e’ dovuta al Ghetto alle Blanche Ebree e alla massoneria massoni e ebrei sono LA stessa cosa lo scriveva anche I’ll Duce piu di 100 anni fa difatti ha fatto una brutta fine digitate:” il rabbino di segni in visita al GOI video” GOI sta per grande oriente italiano ,io non so come si possa dare palazzi e auditorium per gente da Forca Simile

  • Eugenio Orso
    13 maggio 2018

    Uno sto-canaglia con armi nucleari (e qui “la comunità internazionale” non ha niente da dire!) in mano a psicopatici?
    Mi sembra il minimo per il letamaio ebreo/popolo eletto … Sì, eletto … ma dai demoni del fondo buio della natura umana!

    Cari saluti antisemiti e ultra-populisti

Inserisci un Commento

*

code