Israele ha perso la mano

di Maria Poumier.

Quest’anno sono stati inferti molti colpi duri al cupo e sprezzante Israele:

  • La Corte internazionale dei diritti umani accetta di perseguire questo paese per i suoi crimini commessi dal 2014 nei territori occupati e Gaza . Come pubblica il blog di Mediapart , “affrontiamo la realtà: per la prima volta dallo smembramento dell’Impero Ottomano, i palestinesi potranno far sentire la loro voce davanti a un tribunale penale”.
  • La campagna BDS continua con un certo successo, almeno sui media. I grandi bersagli sono Carterpillar e JCB, che forniscono i bulldozer usati per radere al suolo le case palestinesi. E i cementieri francesi Lafarge hanno ampiamente contribuito al terrorismo applaudito da Israele in Siria, è stato riconosciuto dal 2018 . È una campagna popolare , che sta rimbalzando davanti al Consiglio d’Europa, anche se il signor Macron, cameriere del potere sionista, se ce n’è uno, fa del suo meglio per porvi fine giudizialmente, con l’aiuto del suo ministro della Giustizia. .
  • apartheid israeliano” è diventato un termine comune nello stesso Israele, convalidato dall’autorità del giornalista senior Gideon Levy. E il quotidiano Haaretz , nella sua versione digitale e nel suo blog, sorprende per il vigore crescente del suo revisionismo critico contro una parte dei dogmi israeliani.
  • Israele rimane l’unico paese al mondo ad aver legalizzato la tortura. E non ha esitato a massacrare i bambini palestinesi, come Saïd Youssef Oudeh, 16 anni, il “Pelé palestinese”, vicino a Nablus, il 5 maggio, un nuovo eroe che ricorda il piccolo martire Faris Odeh che lanciò una pietra contro un carro armato, nel 2000, immortalato dalla sua famosa foto, poi è stato colpito alla schiena l’8 novembre 2000. Aveva quattordici anni.
    Dopo il piano di pace Trumpiano e gli accordi abramitici, ogni speranza di uno stato palestinese indipendente è scomparsa, e mentre i razzi continuano a cadere sulle città israeliane, spesso lanciate da Gaza, è difficile vedere come i palestinesi potrebbero riprendere l’iniziativa per gli attacchi contro lo stato ebraico.

Ma l’effetto boomerang, dopo 73 anni di criminalità sistematica e abusi da parte di illegittimi invasori occidentali, è in atto e sta diventando molto visibile .

L’Europa scopre l’urgenza della difesa degli indigeni in patria, perché soggetta alle ondate migratorie: eppure i “palestinesi” del nostro Paese non sono gli arabi, né i musulmani, ma gli abitanti millenari delle nostre regioni. Questa Europa è consapevole che è l’Israele globalista che sta spingendo per l’indebolimento dei nostri paesi attraverso il caos sociale e la guerra civile latente. Nelle manifestazioni dei giubbotti gialli, le bandiere palestinesi hanno il loro posto. Il nazionalismo israeliano, che vorrebbe continuare a fare di qualsiasi ebreo un agente “sayan” del Mossad, e per deviare sia i cervelli europei che i segreti industriali dei nostri paesi, si ritrova così davanti a uno specchio che gli riflette l’immagine delle sue mani sporche, nel barattolo di marmellata mentre credeva di essere senza fondo di “fai quello che ti dico, non dire quello che faccio.

Il presidente Trump stava spingendo Israele nelle sue fantasie di onnipotenza, facendogli penzolare il sogno di una grande espulsione dei palestinesi dalla Giordania e l’annessione di tutti i territori fino al fiume Giordano, con il pieno appoggio degli Stati Uniti. E i paesi arabi avrebbero dovuto pagare 25 miliardi per mettere a tacere la popolazione palestinese dichiarata sciolta, il suo saccheggio completato, la questione del diritto al ritorno abolita, le leggi per estendere la proprietà terriera ebraica inasprite. Ma tutto questo ora è bloccato .

Rivolta palestinese

Il nuovo presidente Biden si trova obbligato, a livello interno e di propaganda, a prendere il piede opposto rispetto al suo predecessore, al punto che alcuni organismi ebraici lo dichiarano pronto a favorire segretamente, anche con le armi, una nuova intifada, in nome dei diritti umani. In ogni caso, sta promettendo ai palestinesi in aiuto di 235 milioni di dollari all’anno, che Trump aveva soppresso.

La trappola che si avvicina alla classe dirigente israeliana è una trappola ebraica: sono gli ebrei che costituiscono un’unica potenza mondiale che ora vedono lo stato ebraico come un ostacolo alla standardizzazione del mondo a beneficio della tecnocrazia statunitense. Sono le ONG finanziate da George Soros che stanno spingendo gli europei a trascinare Israele nella CEDU.

Netanyahu ei suoi successori si trovano nella posizione di candidati allo status di vassallo russo, alla ricerca di un protettore più affidabile degli Stati Uniti. Ma Putin ha bisogno di mantenere il controllo sulla Siria e rafforzare i suoi legami con l’Iran, di fronte all’aggressione degli Stati Uniti, una combinazione di sanzioni economiche e accerchiamento militare.
Così, la conquista di Israele lascia il posto a uno stato mendicante, circondato a sua volta, anche se si consente ancora operazioni aeree sulla Siria. I cinesi plaudono agli accordi di cooperazione costruiti dai pazienti diplomatici da almeno dieci anni con lo Stato ebraico. Ma la Cina ha ora firmato accordi militari con l’Iran. Le operazioni navali israeliane contro l’Iran sono pietose. E, ironia sardonica della storia, è stato il sabotaggio da parte di sommozzatori israeliani di una vecchia e grande nave mercantile libica che trasportava petrolio iraniano in Siria che ha causato l’allagamento della costa israeliana da parte di una donna di colore il 21 febbraio, e così via secondo il Wall Street Journal . E ci sono molti altri dettagli raccolti qui da Israel Shamir .

In Russia circola una voce: sono i laboratori israeliani che hanno sequestrato il Covid-19, quando devastò solo la Cina, e che lo hanno diffuso in Iran, prendendo di mira con un certo successo il management team. La biotecnologia israeliana coltiva tanto la produzione di bambini artificiali destinati a integrare la galoppante sterilità della popolazione ebraica, quanto la sperimentazione di armi bioterroristiche, già ampiamente utilizzate in Africa, dal lavoro del dottor Wouther Basson, negli anni ’80, e lo sviluppo di vaccini che non solo rivelano malattie dove non esistevano, ma riducono fortemente la fertilità delle donne. Ecco una traccia attualmente in fase di esplorazione:

Netanyahu premier israeliano

“In genere non è noto che Israele sia uno dei paesi leader nel campo della guerra batteriologica. Il Ness Ziona Biological Research Institute sviluppa batteri e virus mortali; in alcuni casi la loro efficacia è stata testata sui palestinesi. Non sappiamo come o dove sia apparso il Covid; ma il primo Paese colpito dal Covid (dopo l’epidemia di Wuhan, in Cina) è stato l’Iran, dove i membri del governo si sono ammalati contemporaneamente, con una tensione particolarmente dura e mortale ”.1

Al Qds Day è stato istituito dall’Imam Khomeini nel 1979. Ha impegnato l’Iran come primo paese nella difesa dei diritti palestinesi e del diritto internazionale a servire a proteggere tutti i popoli dalla mafia mania di Israele e la perversità acquisita nel mondo del crimine da i suoi fondatori. Nel 1982, il grande Israel Shahak rese noto il piano Oded Yinon, di indebolimento o addirittura distruzione di tutti i paesi vicini di Israele. La distruzione di Libano, Siria, Iraq, Yemen e Iran, obiettivo centrale, sembrava a portata di mano dopo la sconfitta araba del 1973. Tutto questo si è materializzato prima nella distruzione pianificata da Israele. La distruzione dell’Iraq, poi, è stata amplificata e finanziata dal Piano USA “. per un nuovo secolo “, finalmente secondo la dottrina Cebrowski, puntando anche oltre il Medio Oriente.

Ma tutto questo è messo in discussione. Israele rende possibile ogni provocazione per costringere gli Stati Uniti alla guerra con l’Iran, ma non lo fa, con il presidente Biden che spinge invece, come il suo predecessore Obama, per la normalizzazione delle relazioni con l’Iran, per paura che l’Iran si inclini ancora più apertamente verso la Russia e la Cina. Ma già l’asse della resistenza, se ha perso l’appoggio dei governi arabi, si basa sui colossi russo e cinese, molto più efficaci.

Gli israeliani continuano ad attaccare l’Iran, assassinando sistematicamente i suoi scienziati, distruggendo i suoi centri di ricerca nucleare: quest’anno Israele è stata felicissima per l’attacco in cui Mohsen Fakhrizadeh è morto il 27 novembre 2020, della petroliera Saviz silurata nel Mar Rosso il 7 aprile , esplosioni nel centro nucleare di Natanz il 12 aprile.

Ma quest’anno per la prima volta, era il 21 aprile, che non è riuscito a proteggersi da un missile sparato dalla Siria. Il sito della fabbrica di missili Tomer e il quartier generale del Mossad sono stati attaccati. E gli israeliani ora sanno che la loro cupola di ferro e altri sistemi di difesa aerea non li proteggono più, né le loro presunte strutture segrete, perché “il sistema di difesa missilistica Patriot di fabbricazione americana non è riuscito a fermare il missile in arrivo. Lo ha riferito l’ agenzia di stampa russa che i dispositivi elettronici russi con sede in Siria avevano interferito con il sistema di difesa missilistica israeliana in 12 distretti, consentendo al missile di raggiungere Dimona.
Questa è stata una risposta russa alle violazioni israeliane dei nostri accordi sulla Siria”, ha aggiunto l’agenzia. Mentre l’Iran, ora assicurato dallo scudo nucleare cinese, è pronto a tornare agli accordi JCPOA che gli consentono di sviluppare la sua industria nucleare civile senza rischiare di esaurire le sue risorse nella costruzione di bombe nucleari nell’immediato futuro.

Di fronte all’epidemia di Covid 19, l’Iran è avanti nella ricerca, nello sviluppo di proprie terapie e nell’acquisto di vaccini cinesi e russi. Allo stesso tempo, Israele, che ha scommesso tutto sugli accordi mafiosi con i laboratori Pfizer, già da tempo citato in giudizio per aver messo in pericolo la vita degli altri con i suoi pericolosi esperimenti, conosce statistiche catastrofiche sui cosiddetti effetti collaterali della sua politica di vaccinazione di massa. , in particolare con gli effetti sterilizzanti delle iniezioni di prodotti che comportano la modificazione dell’RNA: le donne danno alla luce bambini che muoiono immediatamente, i bambini e i giovani sono improvvisamente colpiti da infiammazioni del cuore. Ufficialmente, tutto va bene nel paese fiore all’occhiello dell’Occidente.

Si dice che gli indigeni d’America, sistematicamente sterminati dalla colonizzazione anglosassone puritana, si siano già vendicati, dall’oltretomba, offrendoci il tabacco che dà origine al cancro ai polmoni per tutti. E che i loro fratelli nell’America cattolica, decimati in proporzioni molto più piccole, perseguono la vendetta, non solo in termini di riconquista demografica, ma anche con la loro specifica arma biologica, la produzione e l’esportazione di cocaina, che fa perdere loro ogni lucidità ai potenti dell’ovest.

L’Estremo Oriente, e in particolare l’Afghanistan, si vendica a sua volta con l’esportazione di oppio, mentre per il Maghreb è l’hashish che crea dipendenza che rende stupidi i giovani occidentali e incatenati alla loro passione, consumo che li avvelena. Sì, il contraccolpo sulle spalle di tutte le civiltà usurpatrici colpisce duro e profondo.

Gli occidentali che hanno ammirato la politica estera di Donald Trump vedono di nuovo in azione il modello jacksoniano e si fidano di esso per pacificare il Medio Oriente. Tuttavia, il presidente Jackson aveva fatto grandi campagne per sterminare gli indiani. A questi una volta notevolmente indeboliti e ridotti di numero, sono stati riconosciuti alcuni diritti nel loro paese, ma sono ancora lontani dall’aver riacquistato la loro sovranità sul loro territorio, a meno che non si consideri che i messicani cattolici sono i legittimi eredi delle popolazioni indigene, il che non è senza significato.

Da quest’anno, lo Stato ebraico si sa condannato a superare il suo separatismo viscerale e il cinismo senza limiti dei suoi fondatori; i palestinesi, mantenendo la loro superiorità demografica, e non potendosi sottoporre alle armi biologiche israeliane, che generalmente non rispettano l’etnia dell’uno o dell’altro, e oltre ad aver ceduto ben poco al covidico ricatto vaccinale, come del resto poveri i paesi in generale quindi vedono aumentare la loro resistenza fisiologica e la loro capacità di riprodursi, fisicamente e spiritualmente, a differenza dei loro oppressori. Un giorno otterranno uguali diritti in un unico stato, una conseguenza inevitabile della fusione culturale che si sta lentamente ma inesorabilmente stabilendo, e delle pressioni combinate degli Stati Uniti e della Russia sulla leadership israeliana,

Israele sa di aver perso la sua capacità di iniziativa , nei confronti dei palestinesi, nei confronti dell’Iran, ma anche ben oltre. Lo stato degli ebrei è dilaniato dalla rivalità, impotente. È il turno delle grandi, grandissime (Bill Gates, Pierre Omidyar l’iraniano, Google ecc…) e delle medie potenze (Turchia?) A ricattarlo. E sono tutti i dogmi bugiardi del principale stato canaglia che vengono minati.

Abbiamo pochissime foto del sorridente Imam Khomeini. Abbiamo molto di più del suo grande discepolo, il generale al Qassem Soleimani: poteva mostrare la sua gioia nel sferrare colpi efficaci contro il sionismo predatore e l’imperialismo occidentale, il suo sorriso proclamava il trionfo dello spirito. Dopo il suo assassinio, i suoi sforzi per riconciliare l’Arabia Saudita con l’Iran vengono ripresi da altri. Il castello di carte di Israele crollerà da solo, dice il comandante di Hezbollah Hassan Nasrallah: Dal momento in cui gli Stati Uniti non supportano più la loro colonia sionista come un uomo, a distanza di un braccio, crolla da sola. E il generale Soleimani, che ha salvato il Libano nel 2006, ha consigliato il presidente Putin e il presidente Bashar al Assad, di cacciare il Daesh dall’Iraq, continua la sua marcia silenziosa, ascoltando la gente.

Maria Poumier

fonte: https://plumenclume.org

Traduzione: Gerard Trousson

6 Commenti
  • Jasper
    Inserito alle 23:25h, 10 Maggio Rispondi

    MI sconvolge ascoltare la sinistrissima rai3 schernire il comunismo alla cinese e passare l’informazione secondo cui ogni cinese è una potenziale “spia” del regime di Jiping. Prossima puntata, verterà sul fatto che ogni “ebreo” è una potenziale spia del mossad?

    • Nessuno
      Inserito alle 14:44h, 11 Maggio Rispondi

      Comunistissima RAI 3!?!….ma volesse la Madonna!!!

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 08:24h, 11 Maggio Rispondi

    Con la cosiddetta corte internazionale dei “diritti umani” e le sue decisioni possiamo pulirci direttamente il culo …
    Ciò che servirebbe sarebbe un robusto sostegno in termini di armamento leatle a tutte le milizie palestinesi, da Gerusalemme a Gaza, che combattono contro l’occupatore ebreo, per colpire con efficacia i territori di suo illegale insediamento, provocandogli perdite insostenibili.
    Non so se Iran, Cina e Russia sono disposti a fare questo passo, che però sarebbe decisivo.

    Cari saluti

  • Giorgio
    Inserito alle 09:46h, 11 Maggio Rispondi

    Ritengo utile e istruttivo riportare un passaggio significativo dell’articolo:

    ” Si dice che gli indigeni d’America, sistematicamente sterminati dalla colonizzazione anglosassone puritana, si siano già vendicati, dall’oltretomba, offrendoci il tabacco che dà origine al cancro ai polmoni per tutti. E che i loro fratelli nell’America cattolica, decimati in proporzioni molto più piccole, perseguono la vendetta, non solo in termini di riconquista demografica, ma anche con la loro specifica arma biologica, la produzione e l’esportazione di cocaina, che fa perdere loro ogni lucidità ai potenti dell’ovest.

    L’Estremo Oriente, e in particolare l’Afghanistan, si vendica a sua volta con l’esportazione di oppio, mentre per il Maghreb è l’hashish che crea dipendenza che rende stupidi i giovani occidentali e incatenati alla loro passione, consumo che li avvelena. Sì, il contraccolpo sulle spalle di tutte le civiltà usurpatrici colpisce duro e profondo ”

    Auspici più che condivisibili direi …… la vendetta postuma delle civiltà e dei paesi oppressi dalle èlite liberal globaliste di ogni epoca …..

  • Hannibal7
    Inserito alle 09:52h, 11 Maggio Rispondi

    Come ho scritto qualche giorno fa, Putin con Israele ha poco margine di manovra in quanto un terzo della popolazione israeliana è di origine russa…la terza lingua parlata in Israele è proprio il russo
    Un intervento,o un appoggio diretto contro Israele potrebbe avere delle ripercussioni politiche per Putin dato che,solo a Mosca,vivono circa 80mila ebrei…..
    Questo dimostra anche la riluttanza della Russia a procedere militarmente contro Israele in Siria
    I russi cercano in ogni modo di evtare uno scontro diretto
    Considerazione mia personale….
    Saluti né

  • antonio
    Inserito alle 15:04h, 11 Maggio Rispondi

    il Tempio dei Giusti, o il Tempio degli Orchi ?

Inserisci un Commento