“Israele” ha organizzato il suo coordinamento con gli stati del Golfo … ma l’Iran ha sviluppato capacità sorprendenti


Fonte: Al-Mayadeen

Gli esperti, più recentemente l’ex capo del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano, Giora Eiland, hanno messo in dubbio la possibilità di un attacco israeliano all’Iran e la difficoltà di questo scenario a causa dello sviluppo di quest’ultimo paese nelle sue capacità difensive e offensive.

Nonostante le preoccupazioni interne israeliane, soprattutto i temi delle elezioni generali per la Knesset e la pandemia di Corona, il dossier nucleare iraniano è rimasto saldamente nell’agenda israeliana, da più angolazioni e, a tal fine è stato annunciato in “Israele” che la sessione di gabinetto per gli affari politici e di sicurezza, che era programmato per mercoledì, è stata rinviata a domenica prossima. All’ordine del giorno di questa risulta quella che si definisce “la minaccia nucleare”, e la politica della nuova amministrazione statunitense sul fascicolo nucleare iraniano, alla luce dei rapporti dell’Iran alzando il tetto sull’arricchimento dell’uranio, rilevando che questa sessione sarà la sua prima, circa due mesi fa.

Netanyahu con emiri EAU e Barhain e Trump


Netanyahu è negli Emirati per coordinarsi contro l’Iran

Il quotidiano Israel Hayom, che è vicino al Primo Ministro Benjamin Netanyahu, ha riferito che c’è grande preoccupazione in “Israele” per le “provocazioni” iraniane aumentando il tetto all’arricchimento dell’uranio, ma anche per i crescenti messaggi dell’amministrazione Biden sulla sua intenzione di revocare le sanzioni all’Iran e tornare all’accordo sul nucleare e le stime, secondo il quotidiano, sono che la riunione di gabinetto di domenica prossima affronterà questi problemi come primo dossier.

Nel frattempo, Netanyahu ha confermato che intende visitare Abu Dhabi e il Bahrain la prossima settimana, in una breve visita che durerà per ore. Si stima, secondo “Israel Hayom”, che negli incontri Netanyahu incontrerà il principe ereditario di Abu Dhabi, Mohammed bin Zayed, e il re del Bahrain, Hamad bin Isa Al Khalif, e che Netanyahu si coordinerà con le loro posizioni sulla questione iraniana per presentare una linea comune nei confronti dell’amministrazione americana.

In un contesto correlato, il ministro dell’Energia israeliano Yuval Steinitz ha affermato martedì che l’Iran ha circa 6 mesi per produrre abbastanza materiale fissile necessario per una singola arma nucleare.

Ha aggiunto durante un’intervista a Kan Radio: “Per quanto riguarda l’arricchimento, possono raggiungere la quantità sufficiente entro sei mesi se fanno tutto ciò che è necessario, e per quanto riguarda le armi nucleari la durata è di circa un anno o due”, osservando che l’amministrazione Trump “ha gravemente danneggiato il progetto Iran”. Nucleare “.

L’ironia delle stime israeliane citate da Steinitz, personaggio che è vicino a Netanyahu e che in precedenza aveva preso in mano il seguito del dossier sul nucleare iraniano commissionato dallo stesso Netanyahu, non è solo che questo contraddice le stime americane annunciate dal nuovo segretario degli Esteri Anthony Blinken , ma che allunga questo periodo, nonostante il fatto che la politica israeliana da tempo adottata cerchi di esagerare per un po ‘le intimidazioni contro il programma nucleare iraniano, e di impiegare questo su più pressioni americane in particolare, sull’Iran, per imporre maggiori sanzioni.

Forse la spiegazione di questo paradosso sta nel fatto che il breve calendario per il programma nucleare iraniano, nelle sue varie fasi, è nell’interesse della tendenza che chiede di affrettare un ritorno all’accordo nucleare con l’Iran, che è quanto Israele desidera, mentre l’allungamento dei tempi favorisce qualsiasi spinta americana verso un’opzione, negoziare e tornare rapidamente all’accordo, piuttosto che attaccare l’Iran.

Missili iraniani in bunker sotterranei

Gli iraniani negli ultimi anni hanno sviluppato capacità sorprendenti
Altri esperti, più recentemente l’ex capo del Consiglio di sicurezza nazionale, Major Generale della Riserva, Giora Eiland, hanno messo in dubbio la possibilità di un attacco israeliano all’Iran e la difficoltà di questo scenario a causa dello sviluppo dell’Iran delle sue capacità difensive e offensive.

Eiland ha detto in un’intervista al canale “Kan” che leggere la realtà oggi indica che non sembra che un attacco israeliano in Iran sia una possibilità, come è anche improbabile che l’Iran attaccherà direttamente Israele con un attacco massiccio che trascinerebbe i due paesi in uno scontro diretto, perché anche gli iraniani e gli americani vogliono riprendere i negoziati, e questo approccio ai negoziati naturalmente, secondo Eiland, “limita Israele da un lato e gli iraniani dall’altro”.

Eiland ha fatto riferimento a quanto viene detto sull’opzione militare israeliana contro l’Iran, e ha riconosciuto che la questione potrebbe essere sollevata di nuovo, come è stata proposta nel 2012, ma ha sottolineato che la proposta “rientra nella visione strategica”, osservando che di regola, “l’esercito israeliano dovrebbe essere sempre pronto ad affrontare qualsiasi scenario, ma c’è una differenza tra la disponibilità ad attivare lo scontro entro 24 ore e la prontezza generale che può essere attivata dopo due mesi”.

In questo contesto, Eiland ha avvertito che “se” Israele “vuole una prontezza molto elevata che può essere attivata entro due o tre giorni, ed è in grado di far fronte a necessità più complesse di quanto non fosse 8 anni fa, allora deve tener conto che le installazioni iraniane sono più protette e fortificate che mai. E i loro sistemi di difesa sono buoni, e questo richiede una vasta preparazione, e sembra che questa faccenda abbia un costo diretto, e parte del costo non è per l’attacco ma per la difesa.

Gli iraniani si sono sviluppati negli ultimi tempi anni capacità sorprendenti, compresa la capacità di attaccare, e coprire “Israele” con missili alati è molto difficile. Fonte:

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

1 Commento
  • antonio
    Inserito alle 23:15h, 03 Febbraio Rispondi

    la menano da una vita da vittime e scassano il mondo con crimini, bombe ed attentati, king David, ambasciata di Roma e di Vienna per prime ?