"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Israele e America: una relazione speciale nata nell’inferno

di Philip M. Giraldi

“Lasciatemi parlare chiaramente: nonostante l’esistenza di molti buoni israeliani che si oppongono alle politiche del proprio governo, l’attuale Israele è un posto malvagio che gli americani dovrebbero condannare, non lodare.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu non dovrebbe ricevere 29 standing ovation dal Congresso “.
Se vuoi capire cosa significhi davvero la “relazione speciale” tra Israele e Stati Uniti, devi considerare il fatto che i cecchini dell’esercito israeliano hanno ucciso diciassette manifestanti di Gaza senza armi e in gran parte pacifici il Venerdì Santo senza uno squittio proveniente dalla Casa Bianca o dal Dipartimento di Stato .

Alcuni dei manifestanti sono stati colpiti alle spalle mentre correvano via, mentre altri 1.000 palestinesi sono stati feriti, circa 750 da armi da fuoco, il resto feriti da proiettili di gomma e gas lacrimogeni.

Il reato commesso dai manifestanti di Gaza che ha ottenuto per loro una condanna a morte è quello che si stavano avvicinando troppo al recinto di contenimento israeliano che ha trasformato la striscia di Gaza nella più grande prigione all’aperto del mondo.
Il capo negoziatore del Medio Oriente del presidente Donald Trump, David Greenblatt, ha descritto la protesta come “una marcia ostile al confine tra Israele e Gaza … incitando alla violenza contro Israele”. E Nikki Haley all’ONU ha anche usato il veto degli Stati Uniti per bloccare qualsiasi inchiesta indipendente sulla violenza , dimostrando ancora una volta che il team della Casa Bianca è poco più che la camera di eco di Israele.
L’abilitazione dell’America alla realtà brutale che è oggi l’Israele rende pienamente complice i crimini di guerra compiuti contro gli indifesi e sfortunati palestinesi.

Quindi dov’era l’indignazione nei media americani riguardo al massacro di civili?

Tipicamente, Israele si presenta come una vittima in qualche modo e i media statunitensi, quando si preoccupano di denunciare i palestinesi morti, riprendono questa linea. Lo stato ebraico è ritratto come sempre in pericolo e lotta per sopravvivere anche se è la superpotenza regionale munita di armi nucleari che è minacciata solo a causa del suo stesso comportamento criminale.
E anche quando commette quelli che sono indiscutibili crimini di guerra come l’uso della forza letale contro una popolazione civile disarmata, la Lobby ebraica ei suoi complici dei media sono pronti a riprendere il ritornello di Israele sempre vittima.

Carri armati di Israele contro i palestinesi

La scorsa settimana, il governo israeliano ha descritto le proteste come “un’operazione terroristica organizzata” mentre gli abitanti di Gaza sono disumanizzati affermando che agiscono sotto la direzione del malvagio Hamas per scavare gallerie e far cadere razzi su sfortunati civili israeliani. La realtà è, tuttavia, abbastanza diversa. Sono gli abitanti di Gaza che sono stati sottoposti a periodiche incursioni omicide da parte dell’esercito israeliano, una procedura che Israele definisce “falciare l’erba”, un esercizio brutale destinato a mantenere i palestinesi terrorizzati e docili.

La storia di quello che è successo a Gaza venerdì era in gran parte scomparsa dai media statunitensi di domenica. Sabato, il New York Times ha riportato le più recenti violenze in questo modo : “… alcuni hanno iniziato a lanciare sassi, lanciare bombe molotov e rotolare gomme bruciate al recinto, gli israeliani hanno risposto con lacrimogeni e spari”. I palestinesi hanno dato il via a tutto, secondo le fonti israeliane, gettando le cose alla recinzione e costringendo i poveri soldati israeliani vittime a dover rispondere con armi da fuoco, presumibilmente come autodifesa. Il Times ha anche ripetuto le affermazioni non confermate di Israele secondo cui vi erano uomini armati attivi sul lato di Gaza, ma data la disparità di numeri uccisi e feriti – zero sul lato israeliano della recinzione – i tiratori palestinesi devono aver usato spazi vuoti. O non sono mai esistiti.

Secondo quanto riferito, gli israeliani hanno risposto a “figure sospettose” sul lato di Gaza con colpi di carri armati, uccidendo, tra gli altri, un contadino lontano dalle manifestazioni che stavano lavorando nel suo campo. Anche aerei da guerra ed elicotteri israeliani si sono uniti al divertimento, attaccando obiettivi da parte palestinese. I droni hanno sorvolato i manifestanti, spruzzando lacrimogeni su di loro.

Si ricorda che il principale assalto israeliano a Gaza nel 2014 includeva vignette di famiglie israeliane che facevano il picnic sugli altopiani che dominavano l’assalto, godendosi lo spettacolo mentre osservavano lo spettacolo di luci e suoni che accompagnava la carneficina. A quel tempo, più di 2.000 abitanti di Gaza furono uccisi e quasi 11.000 furono feriti, compresi 3.374 bambini, di cui oltre 1.000 erano permanentemente disabili. . Se l’attuale massacro a Gaza continua, sarebbe un peccato rinunciare al valore di intrattenimento di un buon massacro a portata di mano.

Il Washington Post, affidabile giornale neocon, ha anche inquadrato il conflitto come se Israele si fosse comportato in maniera contenuta, portando avanti la sua copertura con “I militari israeliani che hanno avvertito sabato che intensificheranno la loro risposta alla violenza sul confine di Gaza se continua …” Vedete, sono i palestinesi disarmati che stanno creando la “violenza”. Israele è la vittima che agisce per autodifesa.

La copertura dei giornali è stata integrata dai resoconti televisivi di ciò che era accaduto. L’ABC News ha descritto gli “scontri violenti”, sottintendendo che due parti in qualche modo uguali erano impegnate nei combattimenti, anche se la forza letale era impiegata solo da Israele contro una popolazione civile disarmata.

Il retroscena dell’omicidio è ciò che dovrebbe turbare ogni cittadino americano. Quando si tratta di ignorare la sovranità e gli interessi nazionali degli Stati Uniti, gli israeliani e il loro coro amenista a Washington hanno scavato un buco profondo e oscuro e il Congresso degli Stati Uniti e la Casa Bianca hanno fatto un salto obbligato. Dall’8 giugno 1967, quando gli israeliani massacrato l’equipaggio della USS Liberty, Israele ha capito che poteva fare tutto ciò che voleva, quando voleva, ovunque, in qualunque momento lo desiderasse, a chiunque … compresi i militari americani, e gli Stati Uniti non avrebbero fatto nulla.

Lasciami parlare chiaramente. Nonostante l’esistenza di molti buoni israeliani a cui si oppongono le politiche del proprio governo, l’attuale Israele è un luogo malvagio che gli americani dovrebbero condannare, non lodare. Il primo ministro Benjamin Netanyahu non dovrebbe ricevere 29 standing ovation dal Congresso. Dovrebbe marcire in prigione. La politica israeliana di sparare per uccidere e disumanizzare il popolo palestinese non è nulla di cui essere orgogliosi. Che gli Stati Uniti stiano dando miliardi di dollari a questa banda di criminali di guerra razzisti ogni anno è una parodia. Che la reputazione dell’americano sia stata infangata in tutto il mondo a causa del suo supporto acritico a tutto ciò che questo regime canaglia compie è una vergogna nazionale.

Gli abitanti di Gaza stanno dimostrando in parte perché stanno morendo di fame. Non hanno acqua potabile pulita perché Israele ha distrutto le piante di depurazione come parte di una politica deliberata per rendere la vita nella Striscia così miserabile che tutti lasceranno o moriranno sul posto. E anche partire è problematico dal momento che Israele controlla il confine e non permetterà ai palestinesi di entrare o di partire. Controlla anche l’accesso al Mar Mediterraneo a Gaza. Il pescatore esce a poca distanza dalla riva per catturare una magra presa. Se vanno più lontano vengono uccisi dalla marina israeliana.

Ospedali, scuole e centrali elettriche a Gaza vengono regolarmente bombardati nelle frequenti azioni di rappresaglia da parte di Israele contro ciò che Netanyahu sceglie di descrivere come azioni aggressive di Hamas. Tali affermazioni sono false perché Israele gode di un monopolio della forza e non esita mai a usarlo.

Nell’altra enclave palestinese, la Cisgiordania, o ciò che ne rimane, la storia è la stessa. Furono armati i brutali coloni israeliani armati pesantemente, avvelenando l’acqua palestinese, mutilando e uccidendo il loro bestiame e persino uccidendo residenti locali. I bambini lanciano pietre o schiaffeggiano un soldato e finiscono nelle prigioni israeliane. I coloni sono sostenuti dall’esercito e dalla polizia paramilitare che anche sparano per primi. I tribunali militari israeliani, che hanno giurisdizione sulla West Bank occupata, raramente condannano un ebreo quando un arabo viene ucciso o picchiato.

E qui in America un Congresso comprato e pagato per continuare a fare la sua parte. La scorsa settimana il presidente Trump ha firmato il cosiddetto Taylor Force Act, parte del disegno di legge della spesa, che taglierà gli aiuti all’Autorità palestinese e aumenterà anche i soldi destinati ad Israele. Già a gennaio, il Congresso aveva anche tagliato i fondi destinati a sostenere i palestinesi che vivono ancora nei campi profughi gestiti dall’ONU nonostante le risoluzioni che chiedono di poter tornare alle loro case, ora occupate da ebrei israeliani. Durante il dibattito superficiale sulla misura, i membri del Congresso sono stati smentiti da lobbisti filo-israeliani che hanno sostenuto che gli arabi sono sostenitori del terrorismo e usano i soldi per attaccare gli israeliani.

Potrei andare avanti, ma il messaggio dovrebbe essere chiaro ad ogni americano. Non c’è guadagno netto per gli Stati Uniti nel continuare il rapporto sbilenco ed essenzialmente immorale con il sedicente Stato ebraico. Non c’è alcun rafforzamento della sicurezza nazionale americana, al contrario, e rimane solo la triste consapevolezza che il sangue di molte persone innocenti è, in larga misura, nelle nostre mani. Questo orrore deve finire.

*Philip M. Giraldi, Ph.D., è direttore esecutivo del Consiglio per l’interesse nazionale, una fondazione educativa deducibile dalle tasse 501 (c) 3 che cerca una politica estera degli Stati Uniti più basata sugli interessi in Medio Oriente. Il sito Web è www.councilforthenationalinterest.org, l’indirizzo è PO Box 2157, Purcellville VA 20134 e la sua email è inform@cnionline.org .

Fonte: The Unz Review
Traduzione: Sergei Leonov

*

code

  1. atlas 4 mesi fa

    anche qui, nelle Due Sicilie, siamo in una prigione a cielo aperto;
    è una guerra dichiarata alla libertà di locomozione: le milizie poliziesche filoameri cane democratico capitaliste di regime militarizzano i civili, controllano, tassano, multano, denunciano, incarcerano, sequestrano, provocano e confiscano solo ai popoli nativi invasi da illegali stranieri che vengono invece lasciati liberi di vivere alle loro s palle

    e così penso sia anche nel resto delle regioni italiche

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. geometrio ellittico 4 mesi fa

      Hahaha il pensoso muslim che ci fa sorridere nelle notti di plenilunio, sei forte sai

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mardunolbo 3 mesi fa

        …”pensoso muslim” ma apostata indegno della religione degli avi e dei genitori…tutto per usufruire meglio delle godurie offerte al suo .azzo ! infatti e’ religione inventata per offrire godurie del .azzo a persone del .azzo.
        meno responsabili quelli che sono nati e cresciuti in paesi islamici, quando non hanno potuto avere paragoni con il cristianesimo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mardunolbo 3 mesi fa

          Riguardo all’articolista, e’ da dire che parla molto apertamente e forse troppo !Dando dei cretini agli ameri-cani che servono come idioti i loro padroni giudei.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. atlas 3 mesi fa

          pensate per voi cristiani, fra preti che cercano soddisfazioni sessuali dai bambini e ‘matrimoni’ omosessuali hahaha

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Walter 3 mesi fa

            Per i musulmani invece è diverso? Ah si, per i cristiani la pedofilia è un reato, per i musulmani è un fatto culturale (quanti anni aveva la moglie più giovane di Maometo?).

            Mi piace Non mi piace
          2. atlas 3 mesi fa

            altri tempi, si viveva di più, si dimostravano più anni in confronto ad adesso. Aisha a 9 anni sicuramente aveva avuto le mestruazioni, quindi poteva figliare, quindi poteva sposarsi. E’ Legge naturale del Creatore quando far sì che una da bambina diventi donna, c’è chi a 9, c’è chi a 11, c’è chi a 13 anni. Sono Leggi di Dio, immutabili, scolpite nel tempo, non regole di berluxcohen

            confermo invece le punizioni corporali previste per gli omosessuali; che sei omosessuale te Walter ?

            Mi piace Non mi piace
          3. Walter 3 mesi fa

            Devo deluderti: sono strettamente eterosessuale. Ma non disperare, se ne cerchi, ne trovi quanti ne vuoi. Ti prude qualcosa, ufo robot?

            Mi piace Non mi piace
  2. kison 4 mesi fa

    l’articolista chiama crimini di guerra(ed è già un grande sforzo per un giornalista uscire dal racconto standard della stampa internazionale)
    ma per essere definito crimine di guerra deve essere in atto una guerra dichiarata fra le due fazioni;
    cosa che non mi risulta sia ;
    quindi sono “crimini contro l’umanità” nè più nè meno che la famosa shoà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace