Israele è alle prese con il suo “momento Suez”

di MK BHADRAKUMAR (*)
L’iniziativa diplomatica degli Stati Uniti di rilasciare una dichiarazione congiunta in cui condannava l’Iran per il suo “attacco allo Stato di Israele” si è conclusa con un fiasco, poiché non vi è stato quasi nessuno degli altri paesi che abbia accettato l’iniziativa al di fuori del blocco occidentale.

Questo è un duro colpo per l’autostima americana. La cosa più crudele di tutte è che la Turchia, un’importante potenza della NATO e dell’Asia occidentale, che il presidente Biden sta personalmente corteggiando ultimamente, si è rifiutata di sottoscrivere la dichiarazione congiunta.

Gli 8 disertori della maggioranza globale che hanno rispettato il diktat degli Stati Uniti sono due anticonformisti provenienti ciascuno dall’America Latina, dalla regione eurasiatica, dalla Corea del Sud e da tre nazioni insulari del Pacifico.

L’intera Africa, l’Asia occidentale, l’Asia centrale, l’Asia meridionale e la regione dell’ASEAN hanno rifiutato di associarsi all’iniziativa statunitense! Naturalmente, nessun paese musulmano toccherebbe la dichiarazione congiunta con un palo di chiatta.

Questo racconta una storia umiliante dell’isolamento degli Stati Uniti nelle Nazioni Unite. La comunità internazionale comprende perfettamente l’ipocrisia e il famigerato linguaggio ambiguo che caratterizza la diplomazia americana. Nel mondo multipolare emergente, questa consapevolezza si tradurrà inevitabilmente in una propensione della maggioranza globale alla scelta selettiva.

La verità è che l’Iran non ha attaccato Israele. L’Iran, invece, ha reagito con un palese attacco da parte di Israele contro la sua sovranità in violazione del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite, il che equivale ad un atto di guerra.

Ancora più importante, la ritorsione dell’Iran è stata limitata agli obiettivi militari israeliani coinvolti nell’attacco di Damasco del 1 aprile ed era palesemente mirata a dimostrare in futuro la sua capacità deterrente per scoraggiare Israele dal salire ulteriormente sulla scala dell’escalation – e, tutto questo prestando attenzione per evitare vittime civili.

Teheran ha pubblicizzato la ragion d’essere della sua mossa contro Israele e ha tenuto informate le potenze mondiali con largo anticipo, inclusa, ironicamente, l’amministrazione Biden con la piena consapevolezza che gli Stati Uniti avrebbero allertato Israele.

Pertanto, la spiegazione più caritatevole che si può dare a questa mossa idiota dell’amministrazione Biden per incitare la condanna internazionale dell’Iran è che la coda del presidente Biden è in fiamme nel circuito della campagna negli Stati Uniti e non si vede da nessuna parte l’Iran che perfora gli ebrei nell’aura di invincibilità dello stato ancorata al valore militare americano.

La grande domanda è come il Primo Ministro Benjamin Netanyahu considererà l’iniziativa di Biden – e, cosa ancora più importante, il disperato tentativo degli Stati Uniti di bloccare la candidatura alla creazione di uno Stato palestinese al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite senza porre il veto. Infatti, ignorando la dichiarazione congiunta rilasciata a New York, ha proclamato da Tel Aviv che Israele ha una mente propria e prenderà le proprie decisioni nel proprio interesse, qualunque cosa i suoi alleati o amici possano consigliare. Si tratta di una frecciatina appena mascherata, anche se i rappresentanti delle nazioni cristiane dall’Europa si stanno recando in Israele negli ultimi giorni per sostenere i tentativi degli Stati Uniti di ammorbidire Netanyahu.

A quanto pare, alla presenza a Tel Aviv del ministro degli Esteri britannico David Cameron e del ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock, Netanyahu ha affermato che Israele salirà davvero la scala dell’escalation, mostrando il dito medio ai due politici in visita che, dall’altro lato, si chinavano indietro per mostrare solidarietà con Israele mentre affronta il momento della verità. Qual è il segreto dietro tanta sconsiderata audacia da parte di Netanyahu?

Chiaramente, Netanyahu, un combattente esperto nella giungla oscura e feroce della politica israeliana, sta ballando su diverse melodie. Innanzitutto, sta facendo il gioco del paese per placare i sentimenti aggressivi dell’opinione pubblica, in particolare degli ultranazionalisti della sua coalizione.

Sia Cameron che Baerbock avrebbero esortato Netanyahu a mostrare moderazione, avvertendo che eventuali ulteriori ostilità dirette contro l’Iran potrebbero innescare una guerra regionale. Entrambi i dignitari in visita hanno riconosciuto pubblicamente il diritto di Israele di prendere le proprie decisioni. Da parte sua, Netanyahu ha anche espresso la speranza che qualsiasi rappresaglia israeliana alla rappresaglia di Teheran del 13 aprile venga eseguita “in un modo che sia intelligente e duro e che faccia il meno possibile per intensificare questo conflitto”.

Ministri dell’Europa in pellegrinaggio a Israele

Un simile gioco di parole viene facilmente percepito dal veterano politico britannico, ma ciò che conferisce intensità alle parole di Cameron è che anche la Gran Bretagna si renderebbe conto che quello potrebbe anche essere il “momento Suez” di Israele nella politica dell’Asia occidentale.

Nel 1956, durante la cosiddetta crisi di Suez, quando il Regno Unito insieme a Francia e Israele invase l’Egitto per prendere il controllo del Canale di Suez, Washington, sconvolto dal fatto che le operazioni militari fossero iniziate a sua insaputa, fece pressione sul Fondo monetario internazionale affinché negasse alla Gran Bretagna qualsiasi assistenza finanziaria, che a sua volta costrinse Londra ad accettare con riluttanza il cessate il fuoco proposto dalle Nazioni Unite e a ritirarsi.

In effetti, gli storici in seguito stimarono che la disavventura britannica di superare il suo peso non fece altro che evidenziare il declino dello status del Regno Unito e confermarlo come potenza mondiale di secondo livello.

Ovviamente Biden non è Dwight Eisenhower. Ma il viaggio di Cameron in Asia occidentale in questo momento rinfresca la memoria. E il suo avvertimento non suonerà vuoto alle orecchie di Netanyahu.

Ad ogni modo, il Times of Israel ha riferito oggi , citando la televisione israeliana, che “Netanyahu ha accantonato i piani di ritorsione preparati in anticipo contro il bombardamento iraniano del fine settimana”, dopo aver parlato con Biden. L’emittente pubblica Kan ha citato una fonte autorevole: “La risposta non sarà più quella prevista, la sensibilità diplomatica ha avuto la meglio. Una risposta ci sarà, ma sembra che sarà diversa da quanto previsto”. La TV ha osservato che il commento probabilmente indicava una risposta israeliana più debole di quella approvata.

Il nocciolo della questione è che Teheran ha dato un forte messaggio dicendo che ha una formidabile capacità strategica di riserva per attaccare direttamente Israele. In realtà, la propaganda occidentale/israeliana secondo cui quasi tutti i proiettili sparati contro Israele sarebbero stati intervenuti e “ci sarebbero stati pochi danni”, blah, blah, è irrilevante.

I decisori israeliani sono realisti testardi che sanno che affrontare l’Iran con le proprie forze è ben oltre le capacità del loro paese, a meno che Biden non ordini l’intervento diretto degli Stati Uniti nella guerra che ne seguirà. Questo è davvero il “momento Suez” di Israele.

Israele ha un urgente bisogno di un nuovo pensiero per spegnere gli “anelli di fuoco” accesi dal defunto generale iraniano Qassem Soleimani che si stanno avvicinando a lui, che sono endemici della nuova era di guerre ibride. L’Ucraina sta per imparare quell’amara lezione quando sembra troppo tardi.

Non è un caso che il presidente iraniano Ebrahim Raisi abbia chiamato ieri il presidente russo Vladimir Putin per comunicargli, secondo i dati del Cremlino , che le “azioni di Teheran sono state forzate e limitate. Allo stesso tempo, ha sottolineato che Teheran non è interessata ad un’ulteriore escalation delle tensioni”.

Missili iraniani

La lettura sottolineava che “il conflitto irrisolto israelo-palestinese è stato la causa principale degli attuali sviluppi in Medio Oriente. I presidenti hanno confermato la posizione di principio della Russia e dell’Iran a favore del cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza, dell’alleviamento della grave situazione umanitaria e della creazione delle condizioni per una soluzione politica e diplomatica della crisi”.

Qui risiedono i semi pertinenti di un nuovo modo di pensare, se solo ci fossero degli acquirenti nella leadership israeliana. La Russia può essere d’aiuto se si vogliono tenere in considerazione i segnali provenienti da Mosca negli ultimi giorni.

In breve, la chiamata di Raisi a Putin di mercoledì ha fatto seguito a una conversazione telefonica tra il ministro degli Esteri Sergey Lavrov e il ministro iraniano Hossein Amir-Abdollahian (su iniziativa della parte iraniana) domenica precedente , preceduta a sua volta proprio il giorno prima da una discussione sul tema per telefono tra il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolay Patrushev e il capo del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano Tzachi Hanegbi.

Da allora il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha attirato l’attenzione su questi scambi “costruttivi” in corso sulle crescenti tensioni nella situazione dell’Asia occidentale.

  • MK BHADRAKUMAR, ex diplomatico. Scrittore ed analista indiano

Fonte: Indian Punchline

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Israele è alle prese con il suo “momento Suez”

  1. Giusto così. Nell’ indole inconscia umana c’ è provare ribrezzo e nausea per tutto ciò che fa schifo. Per tutto ciò che è rivoltante. E non c’ è niente di più aberrante e laido del suo Usa-Israele. Isolarli una pulsione ovviamente e naturale.

    1. A leggere l’ intervento della ereditiera Rotschild mi viene la convinzione che Mussolini sulle leggi razziali che limitavano le proprietà degli ebrei avesse ragione. In fin dei conti voleva solo limitarne il potere, mica derubarli e ammazzarli come fanno gli israeliani nei confronti dei palestinesi da più di 100 anni. Nelle università certi argomenti si dovrebbero studiare con serenità invece sono considerati dei tabù.

  2. Siamo obbiettivi, Israele è una nazione creata in un contesto ambiquo, un po’ come una metastasi di un tumore. Creata solo per fini geopolitica da personaggi arroganti e colonialistici. Cosa ci si aspetta se un tumore avanza??? O si cura o si estirpare, questa è la realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM