Israele costruirà oltre 1.250 nuove unità di coloni a Gerusalemme est (al-Quds)

Ignorando la protesta internazionale contro le sue politiche di espansione degli insediamenti, il regime israeliano sta progettando di costruire più di 1.250 unità di coloni nella Gerusalemme est occupata al-Quds.

Domenica le autorità israeliane hanno invitato gli appaltatori a presentare offerte per la costruzione di 1.257 unità a Givat Hamatos, un’area di Gerusalemme est al-Quds vicino al quartiere principalmente palestinese di Beit Safafa.
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha già annunciato l’approvazione di altre 3.000 case nella zona.

Nabil Abu Rudeina, un portavoce del presidente palestinese Mahmoud Abbas, ha detto che le gare d’appalto Givat Hamatos equivalgono a un tentativo da parte di Israele di uccidere la soluzione sostenuta a livello internazionale per uno stato palestinese.

Ir Amim, un gruppo di controllo israeliano che segue gli insediamenti, ha espresso la preoccupazione che l’ultima costruzione sarebbe un colpo devastante ai negoziati di pace perché taglierebbe Gerusalemme est al-Quds dalla città di Betlemme in Cisgiordania, interrompendo la continuità territoriale di un futuro Stato palestinese.

Il gruppo ha anche avvertito che i prossimi due mesi in vista del cambiamento a Washington “saranno un periodo critico”.

“Crediamo che Israele tenterà di sfruttare questo tempo per avanzare azioni di fatto compiuto a cui l’amministrazione entrante si opporrà potenzialmente”, si legge nella dichiarazione.

Il presidente eletto Joe Biden ha affermato che la sua amministrazione ripristinerà l’opposizione degli Stati Uniti agli insediamenti considerati illegali dal diritto internazionale.

L’amministrazione Trump ha rotto con decenni di pratica bipartisan degli Stati Uniti non opponendosi agli insediamenti nella Gerusalemme est occupata da Israele al-Quds e nella Cisgiordania occupata.

Demolizione di case palestinesi

La scorsa settimana Israele ha approvato 96 nuove unità di coloni al-Quds di Gerusalemme Est nel quartiere di Ramat Shlomo. Le approvazioni per la costruzione di insediamenti a Ramat Shlomo nel 2010 hanno causato una profonda spaccatura tra Netanyahu e l’ex presidente Barack Obama e poi il vicepresidente Biden.

I funzionari israeliani stanno accelerando l’approvazione di più unità di coloni tra i timori che la prossima amministrazione americana possa congelare tali piani.
Il primo ministro palestinese Mohammed Shtayyeh e il movimento di resistenza di Hamas hanno recentemente denunciato una visita programmata del segretario di Stato americano Mike Pompeo a un insediamento israeliano nella Cisgiordania occupata.

Pompeo dovrebbe visitare l’insediamento di Psagot la prossima settimana, diventando il primo segretario di stato americano a visitare uno degli insediamenti, illegali secondo il diritto internazionale.

L’amministrazione del presidente Donald Trump, che ha perso le elezioni presidenziali del 2020, ha affermato che gli Stati Uniti non considerano più gli insediamenti israeliani nella Cisgiordania occupata “incoerenti” con il diritto internazionale.

Lo stesso Trump ha descritto lo schema come “l’accordo del secolo”. L’accordo prevede Gerusalemme al-Quds come “la capitale indivisa di Israele” e consente al regime di Tel Aviv di annettere gli insediamenti nella Cisgiordania occupata e nella Valle del Giordano.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha condannato in diverse risoluzioni le attività di insediamento di Israele nei territori occupati.

Da quando Trump è entrato in carica nel dicembre 2016, Israele ha intensificato le sue attività di costruzione di insediamenti in barba alla risoluzione 2334 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che ha dichiarato gli insediamenti in Cisgiordania e al-Quds a Gerusalemme Est “una flagrante violazione del diritto internazionale”.

Nuovi insediamenti di coloni ebrei in Palestina

Più di 600.000 israeliani vivono in oltre 230 insediamenti costruiti dall’occupazione israeliana del 1967 dei territori palestinesi della Cisgiordania e di Gerusalemme est al-Quds.
Israele ha intensifica la demolizione delle case palestinesi nella Cisgiordania occupata in barba al diritto internazionale, scatenando un’ondata di condanna da tutto il mondo.
I palestinesi vogliono la Cisgiordania come parte di un futuro stato palestinese indipendente con al-Quds a Gerusalemme est come capitale.

L’ultimo ciclo di colloqui israelo-palestinesi è fallito nel 2014. Tra i principali punti critici in quei negoziati c’era la continua espansione degli insediamenti di Israele nei territori palestinesi.

I palestinesi, che sono sempre subito violazioni sistematiche dei loro diritti da parte degli israeliani, hanno avvertito che le azioni di Tel Aviv peggioreranno solo dopo la normalizzazione dei legami con gli Emirati Arabi Uniti (EAU) e il Bahrein, in quanto visto dai palestinesi un tradimento della loro causa.

Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Sudan hanno normalizzato le relazioni con il regime di Tel Aviv. Gli Emirati hanno affermato ad agosto che il loro patto di normalizzazione avrebbe messo in pausa i piani di Israele di annettere il territorio palestinese. Questo non è successo.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • MADRE NATURA
    Inserito alle 14:24h, 17 Novembre Rispondi

    Consiglio anche di costruire tanti cimiteri

  • Teoclimeno
    Inserito alle 09:46h, 18 Novembre Rispondi

    Gli ebreo-sionisti fanno parte del “popolo eletto”, e quindi hanno il diritto divino di sfrattare con tutti i mezzi quei poveracci di palestinesi dal loro territorio. Territorio, non c’è bisogno di dirlo, che occupano da sempre.

    • atlas
      Inserito alle 11:28h, 18 Novembre Rispondi

      non sono più popolo eletto. Furono maledetti dalla bocca di Gesù, Il Messia Figlio di Maria, ricordi ? Dalla mia poi …

  • giulio
    Inserito alle 14:44h, 18 Novembre Rispondi

    Quelli che qua sopra tifano per trump e fingono di parlare contro gli ebrei sionisti farebbero bene a guardarsi le foto dell’articolo che sono la migliore prova della sua connivenza con le peggiori porcherie dei criminali ebrei sionisti !

  • Teoclimeno
    Inserito alle 15:48h, 18 Novembre Rispondi

    Egregio Signor GIULIO, ha fatto bene a farmi notare lo svarione! Nella fretta mi sono dimenticato di virgolettare “diritto divino”, che avrebbe reso inequivocabilmente evidente l’ironia di quanto andavo scrivendo. Tuttavia devo dire, a mia parziale discolpa, che da sempre nei miei commenti traspare molto chiaramente come la penso non solo sugli ebreo-sionisti, ma anche su Trump, e in generale sulle malversazioni che nostro malgrado siamo costretti a sopportare a causa loro. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

Inserisci un Commento