“Israele cerca vendetta nei confronti dell’ONU dopo la sentenza della Corte internazionale di giustizia contro lo Stato sionista”

Israele sta cercando di vendicarsi nei confronti dell’ONU esercitando pressioni contro l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA), dopo la sentenza della Corte internazionale di giustizia, ha detto un politologo

“ L’entità sionista di Israele dimostra la sua potenza anche contro l’ONU. Si sta vendicando delle Nazioni Unite ”, ha dichiarato la direttrice della rivista La Comuna, Carmen Parejo Rendón, in un’intervista a HispanTV.

Israele ha annunciato sabato l’intenzione di porre fine alla presenza dell’UNRWA a Gaza, considerata una fonte essenziale di sostegno per la popolazione di Gaza, a causa di presunte accuse di sostegno al Movimento di Resistenza Islamica Palestinese (HAMAS).

Corte di Giustizia

Stati Uniti, Australia, Canada, Italia, Regno Unito, Finlandia, Paesi Bassi e Germania hanno invece sospeso i finanziamenti all’agenzia.
L’ONU chiede a Israele di rispettare la sentenza “vincolante” della Corte dell’Aja

Questo avviene dopo che la Corte internazionale di giustizia (ICJ), il principale organo giudiziario delle Nazioni Unite, ha emesso venerdì una sentenza che ordina a Israele di adottare tutte le misure in suo potere per prevenire atti di genocidio nella Striscia di Gaza.
Il FM del Sud Africa chiede solidarietà con la Palestina nel Sud del mondo.
In un’intervista esclusiva con Al Mayadeen , il ministro degli Affari esteri del Sud Africa, Naledi Pandor, ha affermato che i dettagli della decisione della Corte internazionale di giustizia e le misure temporanee che “Israele” è stato incaricato di rispettare sono indicativi della serietà con cui la comunità internazionale La Corte di Giustizia si sta occupando della causa intentata dal suo Paese.

Ha aggiunto che con questa decisione la corte ha avviato la prima disposizione, che è un’indicazione del passaggio alla parte operativa, mentre la corte esamina le prove presentate dal Sudafrica.
Attraverso Al Mayadeen , il ministro ha lanciato un appello ai paesi africani e mediorientali e a tutti i paesi del Sud del mondo affinché siano solidali con la Palestina nel dare seguito al caso giudiziario.

“Vogliamo che la società civile e i governi di tutta l’Africa, del Medio Oriente e del resto dei paesi del sud, in particolare, garantiscano che tutti noi stiamo insieme al popolo palestinese e garantiamo il perseguimento collettivo di questo caso”.
L’Impunità che è stata sempre assicurata a Israele per i suoi crimini, deve essere cancellata.

Fonte: HispanTV – Al Mayadeen
Traduzione: Luciano Lago

12 commenti su ““Israele cerca vendetta nei confronti dell’ONU dopo la sentenza della Corte internazionale di giustizia contro lo Stato sionista”

  1. spero tanto nell’effetto “sabbie mobili”, più ti agiti più sprofondi nella melma.
    qualsiasi reazione sionista non farà altro che scoperchiare i piani occulti delle elite per la presa totalitaria dell’umanità, si scopriranno tutte le infiltrazioni ovunque esse siano, nei media, nelle università, nei luoghi di potere amministrativo e bancario, le nazioni non potranno che ribellarsi.
    non siamo tonni e neanche pecore.

  2. Vergogna sull’italietta della collaborazionista merdoni e del suo “draghi 2 senza draghi”!

    Chi ha tolto il sostegno umanitario ai palestinesi sono gli statunitoidi (controllati dagli ebrei) + perfida albione sempre complice + colonie europoidi (ma non tutte), fra cui l’italietta zombificata e retta da collaborazionisti/ atlantisti.

    In più, il cosiddetto tribunale internazionale dell’aja (con sede nei paesi bassi che hanno tolto il sostegno all’UNRWA) non ha espresso una chiara condanna contro l’entità sionista e i suoi vertici genocidi, ma una cosa volutamente edulcorata …

    Bene fa il Sud Africa, rappresentante dei BRICS, a insistere e a chiedere solidarietà alla maggioranza del mondo, ma ormai è chiaro che chi ha tolto il sostegno all’UNRWA approva e sostiene il genocidio della popolazione di Gaza operato dai maledetti nasi adunchi … e fra questi la colonia italiota-italiettante dell’impero del male.

    Cari saluti

      1. Una cosa mi preoccupa … Anche oggi ho sentito qualche beota affermare “che è tutta colpa di Hamas”, al punto che non mi sono trattenuto e gli ho urlato contro, ma trattandosi di una donna non sono venuto alle mani e mi sono calmato …

        Quanto precede significa che la miserabile proganda delle puttanelle mediatiche italiote-occidentaloidi funziona alla grande, nei confronti un populume ormai zombificato e completamente destituito del bene dell’intelletto e ciò che diffonde l’informazione alternativa (come questo sito) è confinato a una ristretta cerchia (credo sempre più ristretta) di pensanti, in conclusione è questo il nostro vero dramma.

        Cari saluti

  3. come dicevo le nazioni non potranno far altro che ribellarsi ad un destino improprio, spunterà l’istinto di conservazione dei popoli che finalmente dovranno unirsi vicendevolmente, rispettandosi, uniti contro un nemico comune che li vuole cancellati.
    tutti stanno capendo che mentre oggi tocca ai palestinesi, domani sarà per tutti gli altri e il trattamento sarà lo stesso,,,,, ormai è storia.
    paradossalmente sembra l’effetto dell’ “attacco alieno” blue beam, ma ora i popoli sanno che l’alieno ce l’hanno dentro casa.

  4. Vergogna alla Meloni e al governo italiano per aver annullato il sostegno all’UNRWA, unica fonte di sussistenza per una popolazione crudelmente imprigionata, affamata, assetata e criminalmente bombardata. Con il semplice pretesto di credere ad un’ affermazione non supportata da prove, secondo cui alcuni membri dell’UNRWA (12 dipendenti su ben 13.000 operatori) abbiano contatti con HAMAS, l’Italietta serva si e’ nuovamente inchinata alla volontà dei suoi padroni. Eppure il nostro governo non annulla il sostegno all’Ucraina, pur essendoci prove lampanti di come il regime di Kiev rivenda ad organizzazioni criminali o terroristiche di mezzo mondo gli armamenti ricevuti ed intaschi i finanziamenti in denaro.

  5. Chi ha votato la meloni e company è complice di questo genocidio .. quindi se nel caso in futuro ci fossero delle conseguenze il popolo pecorone dovrà assumersi le proprie responsabilità.. come gli ucraini in quali non dovrebbero lamentarsi della guerra … hanno voluto la bicicletta e allora iniziassero a pedalare con tutte le conseguenze.

  6. Si sta combattendo per avere un mondo privo di ingiustizie e popoli uguali tra di loro, se si vuole raggiungere questo obiettivo, l’arroganza sionista non deve passare e bisogna andare fino in fondo, ora bisogna ripristinare la giustizia mondiale dove tutti sono uguali di frante alle leggi. Diversamente si é combattuto per nulla!

  7. Chi ci governa oggi in Italia è completamente sottomesso ed ha sicuramente il suo buon tornaconto a servire.
    Spero che chi ha votato questo governo si renda finalmente conto di chi ha sostenuto e finalmente si ribelli.
    Purtroppo siamo ridotti ad una massa di succubi caproni che non hanno le palle per rivoltarsi e quindi tutto andrà avanti come il solito.

  8. Se qualcuno ha votato per questa maggioranza “pseudo sovranista” alle elezioni del 2022, per punire giustamente i servi atlantisti ed europeisti del PD che ci avevano portato Draghi al governo, spero che si renda conto della grande ca……a che ha fatto e possa rinsavire ! Cosi come il governo D’Alema bombardò la Serbia, le due coalizioni fintamente contrapposte attuano la stessa politica : zerbini di USA-UK-Sionisti !

  9. L’Italia con le cosche mafiose, con la dilagante corruzione, solo con il servaggio può salvare gli interessi degli intrallazzatori di governo e, forse, il paese dalla bancarotta. Come si diceva in tempi di altrettanto servaggio: “Francia o Spagna pur che se magna”. E Francia e Spagna pare che non si siano (ancora) prostituite a togliere il sostegno alle organizzazioni ONU a Gaza.

  10. L’Italietta, come la chiamate, è anch’essa governata dagli ebrei, se ancora non lo aveste capito. Pensate che Draghi sia italiano? Che lo sia Speranza? Dai su…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM